Due vecchi calzini

Scritto da , il 2017-04-13, genere dominazione

La ragazza decise di seguirci, senza esitazione. Gli sfioramenti, gli strusciamenti e la promessa di quello che le avremmo fatto la convinse ad uscire dal locale per raggiungere la casa di Carla.
Appena entrate nel locale Io e Carla notammo subito Giada, sola al bancone del bar, sembrava smarrita. Ci avvicinammo e dopo le presentazioni iniziammo a parlare. L’argomento era il suo ex ragazzo che l’aveva appena lasciata.
Bionda, capelli lunghi sulle spalle, alta un metro e sessantacinue era veramente bella. Entrammo in confidenza e cercammo di consolarla.
Ci seguì nella pista da ballo, dove, complice la musica ad alto volume ci scatenammo in balli molto sensuali.
Io e Carla facevamo coppia fissa ormai da tre anni, ma quando capitava, non ci lasciavamo scappare l’occasione di fare nuove conoscenze e giochetti a tre.
Vedere ballare Giada mi aveva eccitata alla follia, dovevo possederla, dovevo scoparla insieme a Carla.
Mi avvicinavo e strusciandomi contro di lei le facevo sentire i miei seni, sembrava gradire, così anche Carla iniziò qualche timido approccio. Vedendo che la ragazza non si dimostrava ostile alle nostre attenzioni esplicite, mi convinsi di sussurarle all’orecchio:
-Viene via con me e Carla ?-
Giada mi guardò, ed i suoi occhi dicevano tutto.
Forse voleva solo dimenticare il suo ex, lei non era lesbica ma decise comunque di venire via con noi.
Io e Carla abitiamo all’ultimo piano di un palazzo in un quartiere molto rinomato della nostra città, così prendemmo l’ascensore.
Era pieno inverno e Giada indossava un cappotto. Sotto portava un vestito blu, molto bello che le arrivava fino alle ginocchia.
Eravamo eccitatissime, non capitava spesso di avere una così bella ragazza nei nostri giochini.
Fermai l’ascensore, Giada mi guardò ma non ebbe il tempo di capire. Le presi il viso fra le mani ed iniziai a baciarla. Cercai subito di aprirle la bocca con la mia lingua.
Dopo un primo momento di sorpresa, la ragazza iniziò ricambiare il bacio. Carla si mise dietro Giada ed iniziò a baciarla sul collo.
-Sei una bella figa, Giada- Le disse piano nell’orecchio.
La sentii reagire a quelle parole, doveva essere molto eccitata anche lei.
-Non sono mai stata con una ragazza, prima d’ora- Mi disse.
-Non ti preoccupare, sarà bellissimo, ti faremo godere tutta la notte- Lo dissi guardandola negli occhi mentre schiacciavo il bottone per riprendere la salita.
Carla fece voltare la ragazza ed anche lei iniziò a baciarla.
L’ascensore raggiunse l’ultimo piano che ancora si stavano baciando.
-Basta, siamo arrivate-
Entrammo nel nostro attico e ci godemmo lo stupore di Giada mentre guardava casa nostra. La presi per mano e la portai alla grande vetrata dalla quale si godeva il panorama sulla città e dopo alcuni secondi, ripresi a baciarla.
Ci raggiunse anche Carla e limonammo tutte e tre.
-Non avevi mai baciato una ragazza prima di questa sera ?-
-No, è la prima volta-
Le lascia solo il tempo di rispondere, poi ripresi a baciarla.
La presi per mano e la portai vicino al divano, Carla le tolse il cappotto. Il vestito blu, metteva in evidenza le sue forme. Era molto bella e desiderabile.
Mentre Carla iniziò a baciarla, mi portai dietro di lei iniziando a palparle le cosce. Lentamente salivo e scendevo con le mani, evitando di raggiungere le sue parti intime. Volevo stuzzicarla, senza arrivare subito alla sua fichetta. Dopo alcuni minuti di limonata con Carla, la feci voltare e guardandola dritta negli occhi, le misi la mano sotto alla gonna del vestito, sulla fichetta. Aveva le mutandine completamente bagnate. Spinsi la mano aperta contro le sue parti intime facendola sussultare. Carla iniziò a palparle i seni, infilando le mani dentro al vestito. La stavamo stringendo in mezzo a noi.
La ragazza afferrò il mio polso ed iniziò ad usare la mia mano per darsi piacere. La lasciai fare, era bello vederla e sentirla godere. In pochi secondi raggiunse il suo primo orgasmo saffico sorprendendo me e Carla per come si era sciolta in così poco tempo. Raggiunse l’orgasmo che ancora non l’avevamo spogliata !!!
La lasciai sfogare, e quando le convulsioni dell’orgasmo cessarono le dissi:
-Ti avevamo promesso tanti orgasmi, questo era solo il primo-
Mi sedetti sul divano facendo segno a Giada di sedersi davanti a me. Avevo la sua schiena contro di me mentre io stavo appoggiata alla sponda del divano. Carla si mise davanti alla ragazza ed iniziò a sollevarle la gonna mettendo allo scoperto le sue parti intime. Le mutandine ormai bagnatissime, vennero tolte.
Da dietro, iniziai a baciarla sul collo.
-Ora vedrai come lecca bene Carla, ti succhierà la fichetta e ti farà venire una seconda volta-
-Si !! vi prego-
Mentre iniziai a palparle il seno, Carla le stava già passando la lingua sulla fichetta.
La ragazza iniziò subito ad assecondare le leccate di Carla mugugnando di piacere.
-Perchè mi stai tenendo le braccia ?- Mi chiese mentre le tenevo la braccia bloccate dietro alla sua schiena.
Le sussurrai che così era più bello, di fidarsi di noi e di lasciarsi andare.
Carla continuava a leccare la fichetta che negli spasmi pre orgasmo continuava a mugugnare cercando di spingere le sue parti intime sempre più a contatto di Carla. Le liberai le braccia prendendole in mano i seni, palpandoli nonostante indossasse ancora il vestito.
Carla iniziò ad aiutarsi con le dita, e mentre continuava a succhiarle il clitoride, iniziò anche a penetrarla con due dita.
-SIIII- La sentii urlare mentre Carla affondava le dita nelle sue parti intime, era sul punto di scoppiare un’altra volta. Le strinsi forte i seni proprio nel momento in cui raggiungeva il secondo orgasmo.
Fu un orgasmo potentissimo, che la fece urlare per almeno trenta secondi.
La lasciammo riprendersi, accarezzandola e baciandola teneramente.
-Non avevo mai goduto così tanto- riuscì a dire appena si fu ripresa.
Ci alzammo, ci spogliammo e ci spostammo in camera da letto.
La nostra camera da letto era composta da un grande letto matrimoniale e da una grossa cabina armadio, dove non trovavano posto solo i nostri vestiti, ma anche i nostri giochini…
Questa volta fu Carla a mettersi seduta contro la sponda del letto, facendo segno a Giada di sedersi in mezzo alle sue gambe con la schiena contro di Lei.
-Ora tocca a me, assaggiare la tua fichetta-
Salii anch’io sul letto ed allargandole le gambe iniziai a leccarla ancora in mezzo alle gambe. Iniziai a leccarla piano piano, usando le dita per mettere bene in evidenza il suo clitoride poi preseguii ciucciandole il clitoride. Era già pronta per godere una terza volta.
Carla le prese i capezzoli fra le dita ed iniziò a strofinarli, in pochi secondi erano già diventati duri.
-Non mi sembra vero, non ci posso credere, mi state facendo godere ancora-
Mentre lo disse, sentii le sue mani prendere la mia testa e spingerla contro la sua fichetta.
La cosa mi irritò parecchio, ma feci finta di niente e continuai a leccarla. Carla si accorse di quello che la ragazza stava facendo ed intervenne subito, prendendole le mani delicatamente ma bloccandole dietro alla schiena.
-Lascia fare a Marika, ci penserà lei a farti godere come si deve-
Giada scosse la testa in segno di assenso.
Senza le mani della ragazza sulla testa, ripresi a leccare con più vigore aiutandomi anche con le dita che facevo scorrere delicatamente dentro e fuori.
Giada stava godendo in modo convulso, inarcava la schiena ad ogni affondo delle mie dita nella sua fichetta. Venne per la terza volta sottolineando con un lungo gemito il raggiungimento dell’orgasmo. Alla fine si lasciò andare completamente esausta.
Ci alzammo dal letto mentre Giada rimase stesa a pancia in sù. Guardandoci, rise di felicità.
-Non avevo mai provato una cosa del genere, siete fantastiche-
Anch’io risi e gli replicai:
-Grazie Giada, perchè adesso non provi tu a farci godere?-
Così dicendo mi stesi nel letto accanto a lei e prendedole la mano la portai sulla mia fica invitandola a toccarmi.
La ragazza sembrava stanca e non accennava minimamente a restituire il favore.
-Non ce la faccio, sono stanchissima, è ora che torni a casa-
-E ci lasci così - Intervenne Carla che subito riprese:
-Marika, noi ci siamo date da fare per farla venire, per ben tre volte, e lei cosa fà ? Ci lascia sul più bello perchè è stanca-
-Non mi sembra giusto, Carla !- Le risposi, guardandola con espressione di finta sorpresa.
Giada, si era già alzata
- Le mutandine ve le regalo, così vi ricorderete di me -
Sempre con sguardo incredulo io e Carla fingemmo stupore, ma eravamo talmente in sintonia che già sapevamo come sarebbe proseguita quella storia !
Mi alzai dal letto e la seguii nell’altro locale, la vidi indossare il cappotto e svanire nell’ascensore. Si mise a schiacciare il bottone del pian terreno, ma l’ascensore non partiva.
Carla, al mio fianco le disse:
-Giada, non può partire l’ascensore se non lo sblocchiamo-
La vidi fulminarci con lo sguardo
-Sbloccate questo cazzo di ascensore che voglio andare a casa !-
Presi il telecomando e salutandola con la mano, le sbloccai la discesa.
-Ciao, ciao ci vediamo presto-
Per tutta risposta ricevetti il dito medio alzato, mentre le porte dell’ascensore si richiudevano.
-Che caratterino, l’avresti mai detto Marika ?-
-No, è stato sorprendente il repentino cambio d’umore. Una volta ottenuto quello che voleva ci ha liquidate come se fossimo dei vecchi calzini -
Giada non sapeva che tutta la casa era monitorata da telecamere che una volta accese potevano riprendere ogni stanza da più angolazioni !
-Cosa ne pensi, Carla. Questa tipetta promette bene ?-
-Direi di si ! Scopriamo come si chiama, dove lavora e poi…. divertiamoci-
Il fragore delle nostre risate si fece più intenso, quando entrambe notammo le mutandine abbandonate vicino al divano.

Questo racconto di è stato letto 4 1 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.