pulp Erotismo e sangue, contenuti forti di efferatezze e situazioni eccitanti

Le ultime storie per adulti del genere pulp

Il genere Pulp raccoglie quei racconti erotici che propongono vicende dai contenuti forti, abbondanti di crimini violenti, efferatezze e situazioni macabre. Storie di erotismo e sangue. Storie per adulti che contemplano sofferenze fisiche, mutilazioni e/o addirittura morte. Il connubio sesso e morte sfocia spesso nel mistero, in questa categoria invece troverete racconti erotici espliciti, che lasciano decisamente meno spazio all’immaginazione.

6 0 7 racconti erotici del genere pulp e sono stati letti 2 4 6 7 1 9 6 volte.

Übermensch pt.2
Edu era soddisfatto e in parte preoccupato ma certamente fiero di ciò che era riuscito a fare. Il suo discorso era risuonato nell'assamblea del Partito come un'orazione ciceroniana. Tutti erano soddisfatti e i voti venivano giù come le pere. All'assemblea aveva portato una copia del suo libro e la folla era andata in visibilio dopo le sue...
scritto il 2018-09-08 | da Semiramis
Übermensch
«La prima di color di cui novelle tu vuo’ saper», mi disse quelli allotta, «fu imperadrice di molte favelle. A vizio di lussuria fu sì rotta, che libito fé licito in sua legge, per torre il biasmo in che era condotta. Ell’è Semiramìs, di cui si legge che succedette a Nino e fu sua sposa: tenne la terra che ’l Soldan corregge....
scritto il 2018-09-07 | da Semiramis
Bounty Hunters
Premessa: tanti anni fa in un altro forum con altri argomenti, ci si mise a scrivere un lavoro condiviso tra diverse persone. Io avevo contribuito con alcuni pezzi, dove si poteva trovare un minimo di tensione emotiva, erotica, anche se nulla di pornazzo. E ora ho pensato che lavorandoci sopra e allargando qualche particolare, si potrebbe...
scritto il 2018-09-03 | da Hermann Morr
Una notte da leoni
Lloret de mar. Qualche anno fa, avevo ancora i capelli lunghi e un perenne sorriso idiota stampato in faccia. La compagnia di amici è pericolosa, tutti fuori controllo, imbottiti di alcool e droghe varie. Ridiamo, alziamo la voce, il mondo è nostro, esiste solo quella luna gigante che ci illumina, il mare, la nostra amicizia fraterna. Nessuna...
scritto il 2018-08-30 | da Sullivan
L'Elementalista ( 8 di 8 )
VIII “ E adesso cosa succede ? Mi viene l’illuminazione e ascendo al cielo in una colonna di gloria ? “ Era steso, in qualche modo ancora vestito, ma non avrebbe saputo dare i particolari. Forse in borsa aveva un pettine. “ Non succede proprio nulla, però hai tutte le chiavi e potresti farlo succedere volendo, se riesci per un quarto...
scritto il 2018-08-27 | da Hermann Morr
L'Elementalista ( 7 di 8 )
VII Uno che cammina da sveglio per il mondo dei sogni cosa può sognare quando poi dorme ? Nulla. Come ormai tante volte Milo aprì gli occhi nel letto della sua casa archetipa dopo un sonno profondo, ma privo di sogni. Diversamente dal solito però non era solo nel letto, Legno ancora dormiva di fianco a lui. Era incuriosito dal fatto che anche...
scritto il 2018-08-26 | da Hermann Morr
L'Elementalista ( 6 di 8 )
VI " .. Allora insomma non è che puoi darmi un passaggio e tirarmi fuori di qui.. " " Ti darei volentieri lo strappo, ma non è possibile, c'è qualcosa che ti trattiene qui nel Nagual e solo tu puoi liberarti. Potrei portare un tuo messaggio a casa, questo si, ma potrebbe anche intricare le cose. Il tuo problema non è solo tornare nel tuo...
scritto il 2018-08-26 | da Hermann Morr
The girl who sold the world. -pt2.
Do ut des. Una frase antica per descrivere qualcosa di estremamente attuale. È così che funziona. Qualsiasi cosa l'essere umano faccia, la fa seguendo questo principio. Ok, i valori e tutte le sovrastrutture sono delle cose bellissime, ma non è su quelli che si basa il nostro sistema. Si basa sullo scambio, più o meno alla pari. Proprietà,...
scritto il 2018-08-25 | da Sybelle.
L'Elementalista ( 5 di 8 )
V La Cittadella è una fortezza del tardo rinascimento, a pianta pentagonale, trasformata in un parco. Il camminamento delle mura è diventato pista da jogging e ciclismo, i cinque bastioni sono spiazzi alberati con le panchine, mentre all'interno c'è un anello asfaltato attorno a un campo da calcio e un baracchino delle bibite. Questo nel...
scritto il 2018-08-25 | da Hermann Morr
L'Elementalista ( 4 di 8 )
IV Circa un mese dopo l'incontro con l'Ondina, Milo Gladi uscì dal suo appartamento situato nell'equivalente di Borgo delle Grazie e scese le scale. Aveva una polo grigio chiaro, pantaloni corti nuovi, calzettoni bianchi di spugna e scarpe estive da montagna. Nella solita borsa erano custoditi occhiali scuri, un mangianastri anni settanta a...
scritto il 2018-08-24 | da Hermann Morr
Le disavventure giovanili di Gena. (La fine della prima parte!!!!)
Il rimedio "greco" di Fra Pietro contro le gravidanze - I due frati li lasciano - L'incontro con i terribili Lanzichenecchi - La rapina e il grave ferimento di Bernardo - Gena si prostituisce... Pesante l'atmosfera fra i componenti della piccola compagnia in marcia alla partenza della ulteriore tappa del loro cammino, Gena che ancora deve...
scritto il 2018-08-24 | da Tibet
L'Elementalista ( 3 di 8 )
III La strada che dalla provinciale sale verso Alzara è tutta tornanti, segue docilmente ogni piega del monte battuto dal sole, le reti anti frana sono appena visibili sotto i Rovi carichi di more e le Ginestre che protendono cascate di fiori gialli sull'asfalto consumato. Una sorgente con una vasca intagliata nella roccia annuncia la fine dei...
scritto il 2018-08-23 | da Hermann Morr
L'Elementalista ( 2 di 8 )
II Dormiva il sonno dei vincitori sotto il sole pomeridiano, dopo l'impresa che aveva compiuto gli sembrava che nulla potesse più andare male quel giorno, nessuno l'avrebbe disturbato mentre prendeva la tintarella integrale. Nessuno. " Tò guarda che bel fungo ho trovato ! " Il peso sulle gambe e un vocione da contralto gli fecero capire che...
scritto il 2018-08-23 | da Hermann Morr
Le disavventure giovanili di Gena. (8)
Gena e il convento di suore - La grande paura - Considerazioni di Fra Pietro sul mestruo. La giornata di viaggio è pesante, non per il percorso in sé ma per l'atmosfera carica di tensione che corre fra Gena e il padre, questi la insulta, la colpevolizza, la percuote ripetutamente. Gena sopporta, cammina a testa bassa ma solo per evitare di...
scritto il 2018-08-23 | da Tibet
L'Elementalista ( 1 di 8 )
I Faceva veramente caldo per essere i primi di luglio, e la macchia non deludeva, sapeva di resina e rosmarino. Di rosmarino c'era un cespuglio fiorito più alto di lui, dove la pineta si faceva scogliera, lo guardava ballare nel vento. Era seduto sul terreno polveroso tra pigne secche ed erba gialla, aveva delle braghette da pescatore piene di...
scritto il 2018-08-22 | da Hermann Morr
The girl who sold the world. -pt1.
Piccola, doverosa premessa (volevo usare digressione, che fa tanto cervellona, ma poi mi son resa conto che non è il caso): È un work in progress. Io per prima (tanto per cambiare) non so come o in che direzione si evolverà. Sono TUTTE situazioni frutto di fantasia. Malata, ma fantasia. È la rivisitazione di un racconto iniziato una vita fa,...
scritto il 2018-08-20 | da Sybelle.
InferNola
1. Se qualcuno avesse proposto a Vito Capece di barattare il suo impiego da bidello presso il Liceo classico Carducci di Nola, con un posto qualsiasi, anche con uno stipendio di gran lunga maggiore rispetto a quello spettante al personale ATA, sebbene di ruolo, potreste scommettere che questo qualcuno sarebbe stato dall’interessato mandato a...
scritto il 2018-08-19 | da renart
Mio padre, il mostro
- - - - - per ricordarci di cosa è veramente l'incesto... - - - - - Stavo lentamente riprendendo coscienza di me. Ormai sapevo cosa mi stava accadendo. Prima, lentamente ritorna l'udito, e sentivo il suono rauco di un uomo che sta facendo un qualche tipo di sforzo. Poi il senso del tatto, e mi sentivo schiacciare da un corpo pesante che mi...
scritto il 2018-08-12 | da mimma_goose
Compromesso familiare.
Compromesso familiare. Non che la mia famiglia l'avessi reputata normale fino a quel momento, macché! Anzi...! Aveva sempre affrontato la vita in un modo alquanto originale, anticonvenzionale, controcorrente e nulla mi stupiva più! I miei genitori, Lara... poco più che quarantenne e Luis di poco più vecchio di lei erano piuttosto di...
scritto il 2018-08-07 | da Tibet
Alice (parte 4)
La stanza fu invasa dal rumore dei passi. Avvertii che la porta veniva richiusa mentre, da sotto la stoffa del cappuccio, percepivo distintamente la luce delle torce. Venni sollevata e fatta stendere prona sul lettino. Sentii un laccio stringermi un braccio e quindi la punta dell'ago precedere l'iniezione del liquido nella vene. Sebbene non...
scritto il 2018-08-06 | da Dick1990
Alice (parte 3)
La bestia rimase sdraiata sulla mia schiena per un tempo che mi sembrò infinito mentre l'uomo, dopo aver estratto il suo organo dalla mia bocca, lo tenne davanti alla mia faccia affinché lo ripulissi. Il peso dell'animale e i graffi che doveva avermi provocato con le unghie mi torturavano. Con lenti movimenti della lingua tolsi dalla cappella...
scritto il 2018-08-05 | da Dick1990
Routine.
(Piccola nota, per dovere di cronaca. Non sapevo in che categoria inserirlo, così ho optato per questa, dato che credo sia quella che più s'avvicina. Chiedo scusa, inoltre, se la componente erotica potrebbe sembrare messa in secondo piano. Abbiate pazienza) Una mattina come tante, o così sarebbe dovuta essere, per lei e per altre sette...
scritto il 2018-08-04 | da Sybelle.
La strega
Anno del Signore 1350. Una città dell'Ile de France. Erano tempi bui. Tempo di carestie. Di tremende pestilenze che si succedevano una all’altra, intere famiglie scomparivano nel giro di pochi giorni, i villaggi si spopolavano… Ernaud e Margaretha erano gemelli e restarono soli, unici scampati della loro pur numerosa famiglia. Furono...
scritto il 2018-08-02 | da Tibet
Valentina, vittima perfetta
Valentina è la mia dolce fidanzata, una ricciolona mediterraneo con due splendidi occhioni marroni, una quarta abbondante di tette, un culo sodo e tondo, appena un po' troppo grosso. Una ragazza solare, sorridente... Ecco il tipo di ragazza che io e il mio amico Emanuele abbiamo considerato da un po' di tempo "la vittima ideale". Emanuele è un...
scritto il 2018-07-26 | da Cruel
Silvia Tornerà IV - Punire l'impura
Il grosso cane nero di Silvia pareva essere sulle loro tracce, i suoi rumorosi latrati davano l'impressione che potesse essere dappertutto. Suor Celeste e Caterina corsero sul terreno ancora molle e bagnato dalla pioggia della notte precedente finché non arrivarono alla fine del bosco dove trovarono un grosso acquitrino. Pur di proseguire si...
scritto il 2018-07-24 | da Orlando
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.