I sopravvissuti

Scritto da , il 2021-01-23, genere pulp

I-Sopravvissuti

Eccoci qua, chiusi in casa come al solito a contemplare le nude pareti, a cercare di far passare le giornate tra divano, sala da pranzo e camera da letto.
Eccoci qui, soli nei nostri pensieri a ripensare alle nostre giornate vuote, sempre uguali, sempre ripetitive
Sveglia alle 7.00, dieci minuti per riprendersi, alzarsi e caracollare verso il bagno: cesso, lavarsi i denti, vestirsi. Tornare in camera da letto, poi in sala da pranzo. Vai di caffè, fette biscottate, marmellata alla fragola o ciliegia. Come piace a te. Io cappuccio e brioche.
Tu che ti svegli dieci minuti dopo di me, che stai in bagno più di me. Arrivi e ti installi su uno sgabello. Indossi una canottiera nera e un paio di mutandine così strette che ti si vede tutto. I tuoi capelli corvini spettinati, lo sguardo infossato dal sonno, il mezzo sorriso che cela il prossimo sbadiglio.
Routine. Piccoli gesti quotidiani. Ormai da qualche mese, sempre la stessa storia, chiusi in due cubicoli più bagno, segregati senza poter uscire. E fuori, oltre i vetri che danno sul balcone, i tetti delle case che si addossano una sulle altre. E le strade deserte sotto la luce incerta del sole del mattino.
Un cane solitario che avanza tra le auto riposte alla rinfusa. Ha il pelo ispido, la carcassa dimagrita. Si ferma ad annusare qualcosa per terra, la azzanna, ritrae il collo, mastica. Lui ha trovato qualcosa là fuori che gli permetterà di sopravvivere ancora un altro giorno. Almeno, fino a che non calerà nuovamente la notte “Uscirai?” mi chiedi
“Devo. Le scorte sono quasi finite. Forse il market ha ancora qualcosa”
“Stai attento”
“Fino a che sono alla luce, nessuno mi può toccare” sorrido in maniera rassicurante. Ma sono preoccupato. Cazzo, sì, sono preoccupato. Perché là fuori, ci sono molte zone d’ombra
“Prima che tu vada..” dice lei
Sì, so cosa vuoi “Va bene”
Calo i pantaloni e i boxer, mi avvicino a lei che si sta togliendo la canottiera. I suoi seni rimbalzano fuori, morbidi e grossi, che afferro prontamente, che spremo, che lecco. Le sfilo le mutandine e lascio che lei afferri il mio cazzo e lo guidi tra le sue labbra. Lei vuole, lei brama. Umida di piacere si aggrappa a me, io la sollevo sul tavolo e comincio a martellarla per bene. Ogni mattina inizia sempre così mentre il Mondo, là fuori, sta morendo.

La lascio distesa sul tavolo, umida dei nostri umori. Rimango in corridoio aspettando che lei chiuda tutte le mandate. Ho la mia mimetica nera, gli anfibi, il fucile a pompa riposto sulla schiena, due colt 45 sotto la giacca e un sacco di caricatori.
Scendo le scale, la puzza è insopportabile. La portinaia è ancora al suo posto, una massa grassa di colore verdastro, immobile come una statua di cera. Lei è stata una delle prime ad essere colpita dalle spore. Maledette spore.
Erano in ogni luogo, le abbiamo respirate, molti sono morti, altri sono riusciti a sopravvivere. Maledette spore che si sono rivoltate contro. Alla fine, non sono state le testate nucleari ad estinguerci, ne l’inquinamento, ne’ gli alieni. Alla fine, Madre Natura ha posto rimedio liberando nel Mondo le sue spore del giorno del giudizio.
In città c’era 6700 abitanti. In meno di una settimana, la popolazione si era dimezzata e, alla fine del mese, gli abitanti si contavano sulle dita della mano.
Siamo rimasti in dieci. Io e Katy viviamo nel nostro vecchio condominio, isolato dagli altri, lontani dagli altri sopravvissuti e dalle zone d’ombra.
Gli altri 8 erano rimasti al Market Hall, un piccolo centro commerciale in fondo alla via. Ecco Gregor, alto e largo quanto un frigorifero, di guardia sul tetto del Mall. Mi vede, mi fa un cenno, poi parla in un walkie talkie. Di lì a poco la saracinesca si alza e io posso entrare. Ghala, una nera dalla lucida pelle d’ebano, armata di un fucile di caccia grossa, mi saluta con un cenno. Indossa dei pantaloni marroni con bretelle che le tengono schiacciate le grosse tette e da cui si intravedono grossi capezzoli scuri “un altro giorno di libertà” commenta lei
“Si spera” dico passando oltre “Josh e gli altri?”
“primo piano, reparto materassi. Stanotte c’è stata gran festa”
“Dormienti?”
“Ma che. Josh ha scopato come un infoiato con Tracy e MAggie” sbuffa “E io qui a controllare che i Dormienti non si avvicinassero troppo”

Josh sta inculando di brutto la bionda Tracy la quale, sta godendo come un animale da monta “Eccolo qui, l’eremita” ride Josh continuando ad inculare Tracy “Come sta la signora?”
“Meglio” mi guardo in giro “Robert, Kal e Zero?”
“In giro a perlustrare”
“Ci sono stati problemi?”
“No, quando c’è luce, i Dormienti si tengono alla larga” ride “Scommetto che sei qui per le scorte”
“Eccoli” dice Tracy ripigliandosi dall’inculata. Arrivano i tre esploratori: un bianco, un cinese, un indiano. Sembra l’inizio di una barzelletta. Ci abbracciamo, pacche virili sulle spalle, frasi convenevoli. Il loro giro ha dato esiti negativi.
Maggie da un lato, si accende una sigaretta “Stiamo finendo le scorte. Tra poco dovremmo spostarci” dice
“E le case?”
“Dove abbiamo potuto” dice Josh “Ma, molte hanno zone d’ombra”
“Maledette zone d’ombra” commenta Zero
“Finirà?” chiede Kal “Voglio dire, prima del gran casino, ci avevano detto che non sarebbe durata a lungo”
“Avevano parlato di un paio di mesi” annuisce Tracy
“Invece è passato un anno” commento
“non sappiamo neanche se ci sono altri sopravvissuti” commenta Josh riapparendo con una scatola e porgendomela
“Sono stati loro” digrigna i denti Ghala “I maledetti del Governo ci hanno usato come cavie”
“Non sono stati loro. E’ madre Terra che ci punisce per i nostri peccati” dice con voce lugubre Zero “Per secoli abbiamo violato la Terra, inquinato mari, sparso sangue innocente. Ora, la Natura, si riprende il suo spazio. Noi siamo gli ultimi”
“Così mi spaventi” piagnucola MAggie
“E’ così, Mac. Noi siamo gli ultimi sopravvissuti su quest’isola. Credi che, se ci fosse stato qualcun altro, non si sarebbe fatto vedere? Te lo dico io, là fuori è il Nulla” dice Josh
“Forse è come dici” carico in auto, una vecchia mustang a cui manca un parafango “O forse le spore di Madre Natura non c’entrano nulla e noi siamo vittima di un qualcosa di diverso”
“Dobbiamo andarcene” dice Ghala rimettendosi nella sua posizione “La luce non durerà in eterno”

Mi accogli nuda al mio rientro. Giusto il tempo di chiudere la porta e gettarmi su di te. Il cazzo già umido e fremente. Ti posseggo lì, sul nudo pavimento, con forza, con rabbia, con frustrazione.
“Credo che gli altri vogliono andarsene” dico dopo un po’
“Sono pazzi?”
“Le scorte stanno finendo e, nelle case, è pericoloso entrarci”
“Ma, là fuori, saranno più esposti. Loro si risveglieranno e li uccideranno”
“Non posso impedirgli di rischiare”
“Andrai con loro?”
“Non senza di te”
“Io non voglio andare”
“Allora rimarrò. Rimarrò con te, nella solita routine a dormire, mangiare e scopare”
“Tanto scopare” dice lei

La giornata volge al termine. Il buio scende sulla città. La nostra casa resta accesa. In fondo, le luci del mall brillano. Ti sento dietro che mi abbracci “Tu credi.. Tu credi che siamo rimasti solo noi?”
“Non lo so”
“Mi ricordo un vecchio film. Di un tizio che sopravviveva ad una pandemia che aveva trasformato l’umanità in vampiri. Non finiva bene”
“L’ho visto anche io quel film”
“Io ho paura”
“Finche rimarremo alla luce”
In fondo alla strada, il mall si spegne “Cazzo”
Rumori di spari “MAc” tu che mi stringi la mano. Nonostante la drammaticità della situazione, sento l’erezione crescere. Brutto momento per scegliere di scopare quando sai che i tuoi compari stanno combattendo per la vita
Mi giro verso di te “non possiamo farci nulla”
Poi, le luci si spengono anche qui….

II
L’uomo osserva le capsule allineate nella stanza. Cinque da una parte, cinque dall’altra. Dentro le capsule, immerse in un liquido trasparente, il corpo di 6 maschi e quattro femmine. Dalle capsule un tubo che scompare verso il soffitto “Dottor Samael?” la voce incerta del dottor Morr che si schiarisce la voce
“I pazienti reagiscono bene all’induzione di pensieri” dice con aria quasi assorta il dottore Samael fissando i dati sul display “Almeno, lo facevano fino a che non ho creato un programma di pericolo”
“Li danneggerà?”
“Non credo. I loro parametri vitali sono tenuti sotto controllo”
“Perché è passato al livello successivo?”
“E’ solo un gioco, un test. Non è d’accordo?”
“Credo che faremmo meglio a svegliarli”
“Proprio sul più bello?” ride il dottor Samael “Poi, sono loro che hanno pagato per vivere l’esperienza. Non avevano nulla da perdere. Sono lì dentro da talmente tanto tempo che, non hanno più la consapevolezza di essere in un sogno collettivo”
“Un sogno, non un incubo”
“ Dimensione ignota e indecifrabile il sogno che noi abitiamo ogni notte ma nella quale siamo stranieri come povere creature smarrite, privati di volontà e di ragione; un paese contiguo dove continuiamo a essere noi senza esserlo più e dove parliamo una lingua che conosciamo ma che non capiamo, una lingua che non è più la nostra. Ho dato a loro un’essenza, uno spessore, una storia da vivere. Non ho negato loro nulla: ho dato loro da mangiare, da parlare, da scopare. Loro vivono nel sogno e sono parte di esso, fino a che io vorrò”
“Si sveglieranno?”
“Chi può dirlo” picchietta con l’indice sullo schermo “Il soggetto numero tre è interessante. Dovrò tenerlo d’occhio. Credo mi riserverà delle sorprese” sorride “Era passato per dirmi qualcosa, dottor Morr?”
“No, niente di particolare” e, detto questo, volse le spalle e uscì dalla stanza
Il dottor Samael tornò a guardare la consolle e disse a fior di labbra “bene soggetto numero 3: dimostrami quello che sai fare”


=Fine=

1) Senza offesa, ho omaggiato Herman e Samael con questa storiella senza pretesa. Chiedo venia.
2) 2) la citazione sui sogni è presa da wikiquote ed è di Antonio Tabucchi(che fu uno scrittore italiano)
3) 3)Il film citato dall’amica di Mac è Io sono Leggenda, tratto dall’omonimo romanzo di Matheson che, ha avuto altre trasposizioni filmiche, tipo “Occhi bianchi sul pianeta terra”
4) la citazione delle spore è presa, in parte da "E venne il giorno"

Questo racconto di è stato letto 1 0 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.