La chiave o La Casa della Chiave

Scritto da , il 2021-02-19, genere pulp

La casa delle chiavi

I

La chiave. Clelia la osserva a lungo senza decidersi cosa fare. Le sembra così assurdo, così irreale. Basta afferrarla e inserirla dentro di sé. “La chiave ti riconoscerà come sua padrona ed esaudirà il tuo desiderio” aveva detto quell’uomo misterioso
“Non sono venuta fino a qui per farmi prendere in giro” aveva ribattuto lei
“Sei venuta fino a me per far si che si smetta di prenderti in giro”
L’uomo, cappotto lungo nero, guanti gialli alle mani, la scrutava da sotto un largo cappello a larghe tese. I lineamenti in ombra, Clelia si ricordava un mento sottile, una bocca carnosa e un naso sporgente, diritto e perfetto. Ma più cercava di guardare meglio i lineamenti di quell’uomo, più la sua vista sembrava offuscarsi.
Così come lo era la casa, un ambiente buio rischiarato dalla luce filtrante da alcune persiane abbassate. Clelia non si ricordava di come fosse giunta fino a lì. Era uscita di casa presto, aveva seguito un sentiero che passa in mezzo al parco a nord della città e, poi, si era trovata davanti quella casa strana, con un cancello in ferro e i pilastri sormontati da due corvi. Oltre, la casa assomigliava ad una delle tante viste in qualche film dell’orrore, galleggiante in mezzo alla nebbia, con due torrette laterali, la vernice scrostata, le finestre strette, un paio di gradini che salgono fino al patio, di una porta dipinta di bianco. Di solito, in quel tipo di case, erano presenti delle fontane di pietra e degli alberi contorti. Le fontane non ce n’erano ma, di alberi contorti ce n’erano parecchi.
Con un brivido che nulla aveva a che fare con la temperatura, Clelia si strinse nel suo lungo cappotto grigio e si era fatta coraggio. Aveva salito i gradini fino alla porta e aveva schiacciato il pulsante del campanello. Dietro, un lontano scampanellio. Rimase in attesa a lungo. Quando vide che la porta rimaneva chiusa, sospirò, girò le spalle alla porta e fece per allontanarsi.
La porta si aprì…

II
Tre giorni prima.
Clelia piangeva raggomitolata a terra, le braccia che cingevano le gambe, la faccia nascosta tra le ginocchia.
La cozza. Così veniva chiamata a scuola da tutti. I ragazzi la snobbavano, le ragazze la deridevano. Lei era il rospo, il sorcio, il rudo. Lei che non era bella ma un cesso a pedali. Fisico magro e ossuto, niente forme, tutto piatto, la faccia coperta di efelidi, l’apparecchio ai denti, gli occhiali grandi con lenti spesse come fondi di bottiglia.
I compagni che l’avvicinavano solo per farsi fare i compiti. I compagni che la prendevano di mira e la deridevano. “Sorcio” ridevano “Sei uscita da un tombino?” e la indicavano “Non ti scoperei neanche al buio, bendato e con un legno da pollaio”
Il più accanito era Jimmy Calosi, il belloccio del liceo, nonché superstar della squadra del basket. Poi c’erano le bionde Jenny, Kally, Freda e..sì, tutta la scuola. L’unico che non la prendeva in giro era Chad, anche lui un emarginato e preso di mira dai bulli

“Ho sentito di un posto” aveva detto Chad un giorno, avvicinandola “Una villa in mezzo al parco Nord”
“Dove abitano spettri e vampiri?” aveva ribattuto Clelia
“E’ una casa abbandonata ma, le voci raccontano di un tizio che ci abita dentro. Un tipo misterioso”
“Quindi?”
“Circolano voci sul proprietario e su quello che può fare” Chad aveva assunto un atteggiamento da cospiratore, abbassando la voce e guardandosi intorno “Lui può aiutarti”
“In che modo?” s’indicò “Mi farebbe diventare una top model?”
“Credi nella magia?”
“E’ roba da Nerd”
“Io ci sono andato ma, non ho avuto il coraggio di entrare”
“E dovrei avercela io?”
“Se ci vai tu, vado anche io”
“come una Scobby Gang? Non so Chad”
“Ti prego” le afferrò la mano e lei si sorpresa di quel contatto. Lui arrossì e subito la tolse, non perché avesse vergogna ma, per timore che qualcuno si accanisse contro di loro ulteriormente “La casa nel parco, hai presente?”

III
Clelia non sapeva neanche come ci era arrivata davanti a quella casa lugubre. Chad non si era fatto vedere. Aveva cercato di contattarlo ma, nessuno sembrava sapere dove fosse. Tutti la ignoravano. Per telefono non dava segno di rispondere.
Poteva rimanere a casa ma, alla fine, la curiosità ebbe la meglio e…
Eccola lì, davanti a quella porta spalancata sul buio
Entrò. Odore di muffa e di chiuso “Ce nessuno?” avanzò in un largo corridoio “Ehilà” più avanti, il corridoio passava sotto un arco e sbucava su una grande sala illuminata dai raggi di sole che filtravano dalle persiane abbassate
“Prego Clelia, entra pura senza timore” una voce bassa, melodiosa, le scivolò addosso come un manto di seta
“Buongiorno.. Lei.. Come sa il mio nome? Ha parlato con Chad?”
Un’ombra si mosse. Seduta ad una grande scrivania, c’era un uomo, o Clelia credette fosse un uomo, vestito di scuro, un largo cappello calcato in testa, dai lineamenti in ombra. Seduto, le mani poggiate al tavolo “Siedi, Clelia, non avere paura” una voce così morbida, così calda.
Obbedì, si sedette davanti all’uomo e attese che dicesse qualcosa. Sul tavolo, tra le mani di quella figura, c’era un astuccio dorato, come quello degli occhiali, privo di fronzoli o simboli. L’uomo misterioso apre l’astuccio e dentro si intravede una chiave dorata, dalla testa elaborata e il fusto sagomato, lunga una dozzina di centimetri “Questa è la soluzione ai tuoi problemi, Clelia”
Lei fissò la chiave e rise “In che modo una chiave dovrebbe aiutarmi?”
“Tu credi nella magia, Clelia?”
“E’ roba da Harry Potter”
“Quindi, non ci credi”
“No” “e se ti dicessi che la magia esiste e, che questa chiave, è il mezzo per risolvere i tuoi problemi?”
“Dico che mi stai prendendo in giro e me ne vado” disse Clelia alzandosi
“Aspetta” l’ombra si alzò, mani in alto “Dammi modo di dimostrarti che, quello che ti sto dicendo non è uno scherzo”
Le incrociò le braccia al petto e lo sfidò con uno sguardo scettico “Sì, mostrarmi questa tua magia”
L’uomo in ombra si tolse il cappello largo e il cappotto nero. Poi passo al maglione e si slacciò i primi due bottoni della camicia. Clelia spalancò gli occhi e indietreggiò “Cosa?..”
“Aspetta” l’ombra ora mostrava il volto di un uomo affascinante, dalla chioma bionda e gli occhi più azzurri che avesse mai visto. Tenendo la chiave in alto come fosse una bacchetta, la puntò verso la base del collo e, la inserì nella pelle..
Clelia spalancò gli occhi. Non credeva a ciò che vedeva: la chiave che s’inseriva nella pelle come se fosse una toppa normale. Si udì un click, simile al rumore di una chiave che gira nella serratura. Il corpo dell’ombra si mosse, ondeggiò, i lineamenti cambiarono. L’uomo biondo e dagli intensi occhi azzurri mutò. Capelli corti e neri, occhi marroni, viso più sottile e un po’ paciocco. E il fisico, da ampio e muscoloso a basso e un pochino pienotto. I vestiti gli cadevano addosso. Clelia spalancò gli occhi incredula a quella trasformazione. Davanti a lei, il volto impacciato di Chad “Tu?”
“Scusa il sotterfugio ma, dovevi vedere con i tuoi occhi” disse lui
“Tu.. tu.. che trucco hai usato?”
“Nessun trucco. Sono io” alzò la chiave “Lei è la mia bacchetta magica”
“Non è possibile… Com’è possibile?”
“La magia esiste” si strinse nelle spalle “Tieni” le porse una seconda chiave “Usala”
“Ma, come devo fare?”
“Vai a casa, ti metti davanti allo specchio, la metti qui, al centro del petto, appena sotto il collo. Pensi intensamente a come vorresti essere e.. fa tutto lei. Entra e ti cambia”
“Cosa devo andare in cambio?”
“Nulla”
“Nessuno da nulla per nulla”
“Provala e, se non sarai soddisfatta, tornerai qui e me la restituirai”

IV
Jimmy Calosi stava limonando duro con Kelly. Incurante di essere in pubblico, le mani che le stringevano il culo.
Primo giorno di scuola, ultimo anno. Le ragazze i ragazzi nei soliti gruppetti che parlottavano tra loro e si raccontavano quello che avevano fatto durante l’Estate.
Poi, l’attenzione di un maschio si magnetizza verso l’ingresso del liceo, la bocca che si apre dallo stupore, la mano che si mosse e scuoteva il braccio dell’amico. L’amico che si voltava e guardava lui. E poi spostava lo sguardo seguendo la mano che indicava l’oggetto del suo stupore.
Ben presto, vari ‘O’ di meraviglia si sparpagliarono per i gruppi, maschi e femmine, fino a jimmy, ancora intento a baciare e palpare Kelly “MA che diavolo avete tutti?” disse guardandosi intorno
Poi, la vide. Una meravigliosa creatura che sfilava sul viale d’ingresso, alta, slanciata come una gazzella nella savana, circondata dagli occhi famelici dei maschi, guardata con invidia dalle femmine. Corpo sinuoso con gonna fino al ginocchio, camicetta beige con bottoni chiari, golfino azzurro, giacchetta marroncina. Capelli lunghi e castani, occhi di un azzurro intenso zaffiro. Jimmy sentì il suo sesso diventare duro come ferro. Chi era quella meravigliosa fica che stava avanzando tra loro? Chi era quella dea che era scesa tra gli umili mortali?
“Ehi, ciao” fece Jimmy da marpione con Kelly, infastidita dal suo atteggiamento “Sei nuova da queste parti? Che ne diresti se..?”
“Non sono interessato a te, Jimmy” disse lei tirando avanti
“Conosci quella?” fece sgarbata Kelly
“Mai vista prima”
“E come fa a conoscere il tuo nome?” gli tirò un pugno sul braccio “Confessa? Ti fai anche lei?”
“Ma fanculo, che cazzo mi picchi. Ti ho detto che non l’ho mai vista in vita mia”
L’apparizione si fermò davanti a Chad. I due si abbracciarono e si baciarono
“Ma che cazzo” fece Jimmy
“Ma che cazzo” si unirono gli altri maschi

V
“Come ti trovi in questa veste?” chiese Chad a Clelia nell’intervallo
“Per la prima volta in vita mia, mi sento figa”
“Scherzi? Altro che figa. Sei stra-figa”
“Ehi, sfigato” Jimmy arriva insieme a tre faccia da schiaffi. Uno di loro lo afferra per un braccio e lo allontana “Stai lontano. Tu non ti ci puoi nemmeno avvicinare a lei”
“Jimmy CAlosi. Quando la smetterai di fare il prepotente?” ribattè Clelia
“Conosci il mio nome ma, non conosco il tuo. Chi sei tu?”
“Sono una che è sempre stata beffata e insultata da te e dalla tua ganga. Coglione. Bello che, ora che sono figa, tu ti sia accorta di me. Coglione”
Lui la guardò attentamente. Non la riconobbe. Poi, qualcosa sembrò germogliare nel suo cervello e.. “Diavolo, assomigli a quel cesso di Clelia” e scoppiò a ridere insieme agli altri “Sei una sua parente? Certo che, la natura è stata triste con voi. Da una parte un cesso putrido e dall’altra, una magnifica creatura come te”
SCIAFF. Uno schiaffo, come un petardo, come un colpo di fucile. La guancia di Jimmy che diventava rossa e si formavano le cinque dita. Gli occhi che si riempivano di stupore e odio. I bulli attoniti che si misero in posizione di attacco “Sparisci, imbacille”

VI
“Sparisci imbecille” stava ridendo Chad. Non aveva smesso di ridere. Ora, nella grande casa a nord del parco, Clelia e Chad insieme, nella penombra di una sola dominata da un caminetto. Chad che rideva e non accennava a smettere “Fantastico. E pensare che..”
“Sì, pensare che bastava uno schiaffo a farlo stare zitto” disse lei
Erano tornati insieme in quella grande casa isolata nel parco. Erano stati molto insieme e si erano lasciati andare a confidenze. Si erano toccati, guardati a lungo “Tu mi piaci” aveva detto lui
E fu breve il passo di farsi scivolare di dosso i vestiti. Chad richiese di tornare come prima. Clelia aveva vergogna. Non voleva farsi vedere nuda come Clelia la sorcia. Ma Chad aveva insistito. L’aveva baciata, accarezzata, spogliata. Lei si era trasformata, era tornata ad essere la piatta Clelia.
Lui aveva dimostrato di poterla amare anche senza quel suo aspetto da fotomodella. La coprì di baci, le morse i capezzoli, scese fino alla sua fica. Mostrò alla ragazza le sue nudità, la virilità possente che premeva contro di lei e smaniava di possederla.
Lei che apriva le gambe e si faceva penetrare. Loro due che diventarono una cosa sola e si lasciavano andare sul morbido tappeto davanti al camino “Come giudichi questa esperienza?” aveva chiesto Chad
“E’ la prima volta che faccio sesso”
“Non il sesso ma, la soddisfazione di essersi presa quella rivincita con Jimmy”
“Soddisfacente, sì”
“Cosa farai con la chiave?”
“La userò ancora, l’anno scolastico è appena iniziato” lo bacia “Ma con te.. con te sarò io e basta”
“Non posso chiedere di meglio”
Si abbracciarono nuovamente e tornarono a fare sesso. Il giorno stava per declinare e la notte era ancora lunga.

=Fine=

P.S.-Non sono molto convinto ma, dopo tanta inattività, è l'unica cosa che sono riuscito a spremere fuori.. Farò meglio.

Questo racconto di è stato letto 5 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.