Primo contatto - parte quarta

Scritto da , il 2021-02-22, genere pulp

Due ore dopo la sveltina storica, una Yuko finalmente distesa, sorridente e con l'uniforme perfettamente stirata, scendeva dalla monorotaia nei pressi della Tattica.
Rimase un attimo di troppo a guardarsi attorno chiedendosi se fosse il posto giusto o dovesse chiedere indicazioni alla I.A. quando da un 'altra direzione le si avvicinò un ufficiale, non possente quanto il suo marine, più scuro, ma dall'aria brillante.

" Lei è la dottoressa Niikura ? Ci avevano detto che si sarebbe aggiunta al comando, Sono Vincent Fleury, aiutante dell'ammiraglio. mi permetta di farle strada. "
Yuko presa di sorpresa si lasciò guidare. Quello intanto continuava.
" Dicono che avete fatto un bel lavoro voi della Kopis, non è passato un giorno intero e già l'equipaggio qua sta inventando leggende sulla vostra azione. Farà sicuramente lo stesso anche cn noi. "

" Io veramente, avevo detto anche al signor ammiraglio, non so se potrò essere all'altezza... "

" Ma certo che lo sarà !. Niikura, vale doppio no ? "

Entrati nella Sala Tattica dovettero interrompere il discorso, in presenza di Reinas nessuno poteva parlare senza permesso, e lui era già li, assieme all'altro aiutante.

" Signor Fleury.. Dottoressa.. avete fatto bene a presentarvi in anticipo, ci sono grosse novità da discutere subito. Abbiamo un contatto radio col Dodecaedro ! - disse l'ammiraglio dopo aver ricevuto il saluto militare - " Didima. Fai passare nuovamente la registrazione. "

In seguito a quell'ordine la sala si riempì prima di un silenzio carico di attesa, anche i tecnici alle consolles addossate alle pareti laterali interruppero il loro brusìo.
Poi arrivò ad alto volume la registrazione di una conversazione radio, si distinguevano con chiarezza le parole di un operatore, e in risposta suoni che a loro volta potevano essere parole, ma con troppe vocali per poter appartenere a un linguaggio conosciuto. Pareva un esercizio per scaldare la voce prima del canto.

" Basta così. " - disse ancora Reinas - " Continua col tuo rapporto, ora che siamo tutti presenti. "

" Rapporto.. " - ripetè la voce dell'intelligenza artificiale - " Non abbiamo modo al momento di tradurre il loro linguaggio vocale e comprendere cosa vogliano dirci. Allo stesso tempo ci siamo scambiati comunicazioni matematiche in linguaggio macchina.. sono quasi certa che anche la loro nave sia dotata di I.A. .. ma anche in questo caso il loro linguaggio è incomprensibile. Pare abbiano grosse difficoltà a processare la nostra matematica a base dieci, mentre le loro stringhe di dati sono a volte base otto e altre volte a base dodici, come se usassero con indifferenza due sistemi di numerazione diversi, è una cosa che mi manda a pallino i cicli di elaborazione. Infine sono riuscita a migliorare la definizione di questa immagine presa dalla fregata Kopis... "

Yuko non riuscì a trattenere un verso nel vedere ingrandita sullo schermo l'immagine che già conosceva, il caccia sconosciuto a forma di libellula, le due cupolette trasparenti come occhi. E poi il particolare di una delle cupole in cui avevano intravisto una figura umanoide. Anche nella nuova versione un improvvido riflesso di luce impediva di vedere con chiarezza il pilota, ma si capiva distintamente che aveva anche lui una testa e due braccia.
E a quel punto l'ammiraglio si rivolse a Yuko.

" Niikura ? Il suo parere ? "

" Signore ! Didima ha controllato se i loro suoni sono tutti nelle frequenze che possiamo udire noi ? "

" Ho controllato. " - rispose subito l'I.A. - " Non rilevo nulla di significativo nelle frequenze infra o ultrasoniche. "

" Allora è già un passo avanti, si esprimono a voce come noi, sembrano avere una struttura simile e dal suono si direbbe che anche loro respirino ossigeno. La barriera del linguaggio può essere facilmente superata da degli esperti con i softwares adatti. "

"... Che non abbiamo qui con noi. " - fece notare l'ammiraglio - " Ma non è strano che per ora sembrino così simili a noi ? Quante possibilità ci sarebbero ? "

" Non abbiamo precedenti di contatti con forme di vita intelligenti per poter fare delle statistiche, signore. Però nella Xenobiologia ci sono due scuole di pensiero. Secondo una la vita e l'intelligenza possono assumere qualunque forma e aspettarci degli alieni simili a noi sarebbe un pregiudizio specista. L'altra scuola invece ritiene che tutti gli esseri viventi nell'universo siano strutturati in base a proporzioni matematiche costanti, derivate dalla sequenza di Fibonacci e dalla sezione aurea, e quindi la vita avrebbe una scelta di forme limitata. Non si hanno ancora prove decisive per poter dire chi abbia ragione, però è un fatto che non siamo ancora riusciti a trovare una specie vivente che si sottragga alle proporzioni della sezione aurea. "

" Grazie ! Basta così. Signor Dalla Vedova, punto della situazione ! "

" Signore ! Il dodecaedro si avvicina con una traiettoria a spirale, non sappiamo se per esplorare o perchè non possano rivolgere il loro impulso gravitazionale direttamente verso la massa di un pianeta.
Comunque se non cambia la sua velocità sarà sulla nostra posizione in poco più di novanta minuti. Nel frattempo i capitani delle navi hanno ricevuto i loro ordini.. abbiamo tre squadriglie in volo.. ordine di non sparare per prim.. "

Yuko non era concentrata sui discorsi, ora che non aveva più l'attenzione degli altri aveva trovato da sedersi e lasciava vagare il suo sguardo sul grande schermo.
La stazione orbitante Astrid era stata scelta come punto centrale, la squadra navale era divisa in due gruppi per non offrire un bersaglio unico, entrambi a due secondi luce da Astrid, e quindi quattro secondi luce tra loro, un milione e duecentomila chilometri. Da una parte la Collinder con le sue due Scorte, dall'altra, puntino minuscolo e lontanissimo, quella che per alcuni mesi era stata la casa e la famiglia di Yuko, la fregata Kopis, in supporto ravvicinato all'incrociatore leggero Frank Elmore Ross.
Più lontano, il dodecaedro che si avvicinava senza fretta, scandendo il tempo come una lancetta di un orologio.
Quanto possono essere lunghi novanta minuti ? Il tempo si trascinava nell'incertezza di cosa sarebbe accaduto, a un certo punto fu portato del caffè con i biscotti della mensa, davanti all'evento che l'umanità aspettava da secoli, loro pocciavano i biscotti nel caffè e quel marpione di Fleury cercava ancora di attaccare discorso. Doveva anche lui trovare qualcosa per sopportare quell'attesa.

Sessanta minuti. Un'ora e dieci. Prima che battesse il quarto successe finalmente qualcosa.
Il dodecaedro si era fermato a 3,2 secondi luce da loro e aveva lanciato le sue navicelle, fino a sembrare un alveare circondato dallo sciame delle api.

" Ho contato novantasei lanci " - diceva intanto Didima - " Dodici per otto. Ancora quei numeri. "

Lo sciame si mosse, accelerando a velocità vertiginose per superare quel milione di chilometri che ancora li separava da Astrid e dalla squadra navale. Le squadriglie miletane si mossero a loro volta per proteggere le navi. Intanto arrivava una chiamata dal ponte comando.

" Signor Ammiraglio. Nonostante il silenzio radio l'oggetto sconosciuto ci ha trovato, siamo sotto i suoi sensori attivi, forse un dispositivo di puntamento.. "

" Gli ordini non cambiano, Capitano, tenere la posizione, non sparare per primi e farsi abbattere se necessario. E comunque vista la quantità di navicelle che hanno lanciato, confrontata con le dimensioni della loro nave, non possono avere spazio anche per delle armi pesanti. Mantenga la calma. "

" Signor Ammiraglio. Comunicazione dalla Ross via Astrid: anche loro rilevano radar di puntamento.... "

" Qui Squadra Gialla. Abbiamo un contatto visivo... navicelle nemiche in formazione... "

" Collinder qui Astrid. Vogliamo sapere cosa intendete fare per proteggere il personale civile a bordo.. E' vostro dovere.. "

Era bastato un attimo e la Tattica era passata dall'apatia al caos. Arrivavano chiamate da tutte le parti, gli operatori ai terminali parlavano tutti assieme, l'ammiraglio e gli aiutanti dovevano alzare la voce per distribuire risposte che non si sapeva più a chi fossero indirizzate. Yuko spaesata era ancora seduta con la tazzina in mano, con la speranza che nessuno si ricordasse della sua presenza.

" Ne ho uno in coda. Ce l'ho in coda ! "
" Pilota stai concentrato ! Non ci sono stati atti ostili.. "

Le navicelle aliene parevano intenzionate a esaminare da vicino la stazione orbitante e le navi miletane, mentre i piloti coloniali, come da addestramento, cercavano di assumere una posizione di vantaggio da cui abbattere gli alieni se avessero sparato per primi. Ma anche i piloti alieni a loro volta volevano posizioni di vantaggio e reagivano alle manovre. Il risultato era di fatto una battaglia aerea, per quanto nessuno avesse ancora aperto delle vere ostilità.
Non si trattava di una situazione nuova, capitavano anzi spesso queste battaglie simboliche negli attriti tra le colonie, però in quel caso tutti conoscevano le regole sottintese e sapevano fin dove potessero spingersi.
Gli alieni invece non conoscevano quelle regole, e l'ansia dell'ignoto ingigantiva la percezione del pericolo da parte degli umani, che stavano scivolando nel panico.

" Collinder, li avete addosso.. sono a tiro delle nostre torrette.. cosa dobbiamo fare. "

" Fleury. E' lei lo stratega. Cosa pensa che vogliano ottenere ? "

" Penso, spero, che vogliano solo capire le prestazioni dei nostri caccia. Da quel che sto vedendo sono inferiori ai loro, se si va a battaglia i nostri finiranno conciati male. Allora la sola via d'uscita sarebbe attaccare la loro nave per costringerli a tornare indietro e difenderla.. "

Quel primo incontro tra le stelle dell'Ammasso CR173 avrebbe probabilmente determinato i rapporti tra due speci intelligenti per molto tempo a venire, e il destino era nelle mani di qualche centinaio di persone, piloti, cannonieri, alieni, ognuno dei quali da un momento all'altro poteva avere un definitivo attacco di panico e mettersi a sparare.
Yuko tagliata fuori da tutta quella confusione ripensava a quel che aveva detto riguardo la possibilità che tutti gli esseri viventi rispondessero a determinate proporzioni matematiche, costanti.
Sarebbe stato possibile usarne qualcuna per capirsi anche senza vocabolario ? Un linguaggio universale basato sulle radici della vita.
Si rese conto che un simile linguaggio esiste, e gli esseri umani lo conoscono dall'inizio della loro storia.

" Signore ! Chiedo permesso di parlare. "

" Dica ! "

" Ho pensato a una maniera possibile per farci capire da loro. Potremmo provare con la musica, su tutte le frequenze radio. Sappiamo che ci ascoltano. "

Reinas rimase basito dalla proposta, non ci credeva tanto, ma si rendeva conto di non avere nulla in mano, anche un tentativo minimo era meglio che nulla.
E poi era stato lui a volerla come consulente.

" Che musica dovremmo mettergli ? "

" Qualcosa di pacificante. Vivaldi ? "

" Didima.. "

" Agli ordini. Vivaldi: Inverno. In trasmissione ora su tutte le frequenze di comunicazione. "

Senza dubbio fu una sorpresa per tutti, i contendenti di quel balletto mortale nel vuoto senza suono si trovarono all'improvviso gli auricolari pieni della musica di Vivaldi.
Prima il trillo degli archi, poi il violino solista di Katia Gliskiene. Il traffico radio dalle squadriglie diminuì subito, come minimo erano riusciti a calmare qualcuno dei loro.
L'esecuzione dell'Inverno dura pochi minuti, ma la paura cambia la percezione del tempo, sembrava non finire mai, come il tumulto delle navicelle là fuori.
Ma verso la fine del brano videro che le manovre si facevano più larghe e il centro dell'azione si allontanava.
Gli alieni si stavano disimpegnando. Tornavano indietro. Le squadriglie della Collinder li inseguirono per un tratto, poi capirono che l'ingaggio era finito e invertirono la rotta a loro volta.

" Ha funzionato ? O devono solo fare rifornimento. " - diceva pensoso Reinas. -

Attraverso il potente telescopio della stazione Astrid poterono osservare gi alieni mentre rientravano nel dodecaedro, dopo aver recuperato anche l'ultimo arrivò una comunicazione radio, poche parole nella loro lingua, che suonavano come un ringraziamento.
Poi il dodecaedro scivolò fluido verso l'esterno del sistema stellare, molto più rapidamente di quanto si fosse avvicinato.

" Se ne vanno ? " - disse Yuko.

" Vorranno riferire la scoperta alla loro gente, " - rispose l'ammiraglio - " Anche noi. Dobbiamo tornare a Mileto al più presto. Bisogna che tutte le colonie sappiano. "


Questo racconto di è stato letto 7 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.