Libido

Scritto da , il 2021-02-02, genere pulp

I-Esperimento-

Al tavolino del bar c'è seduta una ragazza dall'aspetto piuttosto ordinario ed insipido. L'osservatore la osserva a debita distanza
La ragazza ha capelli tagliati a caschetto, neri e lisci e due grossi occhiali dalla montatura metallica, troppo grandi, parrebbe, per un naso piccolo all'insù. Dietro quelle lenti, occhi color nocciola e un viso coperto di efelidi. In testa porta una cuffietta, a metà tra una papalina e un berretto da sciatore. Indossa una camicetta bianca con i bottoni allacciati fino al collo e, sopra di essa, una giacchetta rossa, come quella dei fantini. Poi ha una gonna lunga fin sotto il ginocchio e delle scarpe da tennis che stridono un po' con il resto dell'abbigliamento
Ha ordinato un caffè come tutte le mattine a quell’ora. Niente brioche, niente pasticcini. Puntuale come un orologio, si siede al tavolino più esterno, quello che da verso la fontana con i pesci di pietra che sputano acqua. Il cameriere arriva subito, prende l’ordinazione e se ne va. Nel frattempo, la ragazza, che dimostra 25 o 30 anni (l’osservatore ancora non lo ha appurato), tira fuori un libro dalla copertina vissuta e si mette a leggere. La gente che le passa intorno non la degna di uno sguardo. Lei è anonima e non attira sguardi di interesse da parte dei maschi che circolano lì.
L’Osservatore sa di avere trovato il bersaglio perfetto per il suo esperimento. Esperimento che inizierà di lì a poco..
Il cameriere ritorna con il caffè. Lei chiude il libro e lo ripone nella borsetta. Sorseggia senza sapere che c’è un’aggiunta particolare alla bevanda.
Finisce, si guarda un po’ in giro. Richiama l’attenzione del cameriere, paga, si alza e se ne va. L’Osservatore, da distante, si alza e la segue.

Amelia sente la testa girare. Pensa ad un mal di testa. Si ferma, fruga nella borsetta. No, niente aspirina. L’avrà lasciata in ufficio. Uh, sarà influenza? Covid? Si spaventa “Calma, niente panico. Sarà un malessere”. Si siede un attimo. Fa caldo. Molto caldo. Si slaccia i primi due bottoni della camicetta =Ecco, adesso mi metto a fare lo strip=
“Ehi, ciao, stai bene?” la voce di qualcuno che conosce
“Ehi, Terry” fa lei . Terry è l’unico, uno dei pochi, che sembra accorgersi della sua presenza. Anche lui, come lei, è un nessuno che si mescola alla massa. Ha 30 anni, occhialuto, capello castano chiaro, faccia da bravo ragazzo “No, non è niente. Un po’ di giramento di testa”
“Allora, magari è meglio che tu prenda un’aspirina”
“Credo di avercene una in ufficio”
“Allora, lascia che ti aiuti” le porge la mano, l’aiuta ad alzarsi “Ti faccio da cavaliere” sorride lui
Le mani si afferrano e si stringono. Lei avverte una strana sensazione, un aumento di colore. Si ferma a guardare intensamente gli occhi di Terry. Una strana luce le brilla negli occhi. Cos’è quella strana sensazione che l’assale, che le fa solleticare la nuca, la pancia e.. uh, anche lì, in quel punto cui ha sempre detto di non fare la volgare perché la fa vergognare troppo “Lo sai, non vorrei fare una frase fatta ma, anche io sento qualcosa”
“Sarà contagiosa?” guarda verso Terry “Dobbiamo rivolgerci ad un dottore”
“Saliamo in ufficio e parliamo con il responsabile” si dirigono verso il palazzo dove ha sede l’ufficio ove lavorano.
Poco distante, l’Osservatore sorride. E’ stato facile coinvolgere anche Terry. Ora, la fese due del progetto sta per mettersi in atto

Ascensori. Amelia si sente pervasa da uno strano fuoco. Ha caldo, le gira la testa e sente un insistente formicolio che le pervade il corpo. Anche Terry non sembra messo troppo bene. Si è tolto il golfino e slacciato i primi bottoni della camicia “Qualunque cosa sia, mi sta facendo venire le caldane” commenta lui “Amelia, cosa..?”
Amelia si è slacciata la camicia fino all’altezza della cintura, mettendo in evidenza la sua pelle e l’ombelico “Io.. Io non so cosa mi sta succedendo ma, ho una caldana anomala”
L’ascensore si blocca “Ma cosa?” Terry schiaccia i bottoni di sblocco ma, l’ascensore non da segni di vita “Maledizione” la comunicazione con l’interfono sembra guasto.
Ci riprova mentre, alle sue spalle, Amelia sembra colta da improvvise caldane che le fanno togliere la camicetta e la giacca, rimanendo in reggiseno “Portineria, dite pure” una voce metallica
“Siamo bloccati in ascensori. Torre 1, lato B. Potete fare qualcosa?”
“C’è stato uno sbalzo di corrente. Stiamo lavorando per il ripristino” risponde la voce metallica
“Quanto ci vuole per il ripristino?”
“Forse mezz’ora”
“Mezz’ora? Qui dentro?”
Amelia lo afferra da dietro, le mani scendono verso il pacco. Lui si gira di colpo, se la trova in mutandine, con i seni che rimbalzano nella calura ristretta dell’ascensore, fremente. E..
Quella sensazione strana che lo fa spogliare e abbracciare a lei. Ora nudi, avvinghiati, passionali. Lui che non sa spiegare quella sensazione improvvisa. Lei che ormai ha la mente ottenebrata dalla libido fino ad allora repressa. Lui che entra dentro di lei, schiacciandola contro la parete e cominciando a pomparla di brutto. Lei che affonda le unghie nella pelle delle spalle, mentre il cazzo di lui entra nella fica di lei. Loro che raggiungono l’orgasmo…

Le porte dell’ascensore si aprono sul piano degli uffici.
Una O di stupore da parte degli impiegati che attendevano per scendere. Amelia e Terry, nudi, lui ancora dentro di lei. Loro, con occhi febbricitanti, come due indemoniati, sudati e coperti di sudore e sperma.

“Non so. Non lo so” Terry sembra riprendersi. Ha il fiato corto e la testa sembra si stia schiarendo un po’. Lui è seduto sul lettino dell’infermeria, con il medico che lo sta controllando. Dopo l’apertura delle porte, sia lui che Amelia sono svenuti
Il capufficio, venuto a sapere della storia, era su tutte le furie e sbraitò contro di loro che li avrebbe licenziati “Mi dica che erano drogati, ubriachi, giusto per giustificare il loro indegno comportamento”
Il dottore, dopo i primi prelievi, disse(ma questo solo giorni dopo) che le analisi del sangue avevano rivelato la presenza di una sostanza anomala nel loro sangue, determinata da una derivanza di una particolare endorfina “In pratica, per una ragione sconosciuto, c’è stato un aumento incontrollato della loro libido che li ha fatti sbandare senza controllo”
“Saranno licenziati”
“Non è stata colpa loro, signor direttore. Qualcuno ha fatto in modo che ciò accadesse”
“E chi?”
Il dottore si è limitato a stringersi nelle spalle “Qualcuno che si è divertito a creare una situazione del genere”
“Un demente” sbottò il capufficio

Amelia apre la porta del suo appartamento. Gli avvenimenti dei giorni scorsi l’hanno scombussolata a tal punto da farla rinchiudere in un eremitaggio forzato. Aveva messo sulla scrivania le sue dimissioni e poi se n’era andata. Nonostante le suppliche del capufficio, la rassicurazione del medico che le aveva detto di non avere avuto responsabilità, lei, comunque, aveva scelto di dileguarsi. Come avrebbe potuto affrontare i colleghi di lavoro, dopo avere visto lei e Terry, completamente nudi, come due indemoniati del sesso? Come poteva mostrare la sua faccia anonima, senza sortire l’effetto di derisioni e prese in giro e compatimenti…
No. Sarebbe rimasta in casa per un po’, poi avrebbe cercato lavoro da un’altra parte della città “Dio che vergogna” Suonano alla porta. Fa finta di non ascoltare. Continua a rimanere seduta sul divano, raggomitolata, a fissare il vuoto. Suona ancora, insistente. Una voce ovattata “Amelia, apri per favore, sono io”
Terry. Che vergogna. Come ho potuto fare quelle cose.. Le sue mani che stringono le sue tette. I denti che le mordono i capezzoli.. Lei che afferra il cazzo di lui e comincia a masturbarlo.. Lui che entra nella sua fica e la spinge contro le pareti..
“Amelia, ti prego” quasi un lamento
Lei si alza. Davanti alla porta ha un’esitazione. Allunga una mano, ma si blocca = E se mi venisse ancora voglia? = Poi, ancora la sua voce, quasi una supplica, che le chiede di farlo entrare
Apre decisa. Lui è lì, ha un bicchiere di caffè stretto tra le mani e un colore di visibile imbarazzo dipinto in volta “Io.. Mi spiace per quello che è successo”
Lei lo afferra delicatamente per un braccio e lo trascina dentro
“Tu hai idea di chi possa essere stato a farci questo tiro?”
“No. Non siamo il genere di persone che attira nemici”
Amelia gli afferra la tazza del caffè e lo appoggia su un tavolino. Chiude la porta a doppia mandata e ritorna da Terry “Lo sai. Ci ho pensato e ripensato e, almeno una conclusione ce l’ho” si toglie la tuta da ginnastica lasciando libere le tette “Qualunque cosa ci abbiano dato, ha smosso in noi qualcosa che aspettava solo di essere liberata”
Terry, arrossendo un poco, si sofferma a guardare il corpo seminudo di Amelia, allunga una mano verso il suo viso e l’accarezza “Penso che non sapremo chi o perché” dice lui incominciando a spogliarsi “Ma, in parte, forse, dovremmo ringraziarlo per averci tolto quei tabù che ci tenevano legati”
“Vieni” lo prende per mano”E’ più comodo farlo su un letto”

II
“Quindi, è questo il suo nuovo passatempo” dice il dottor Carfax alle spalle dell’Osservatore “Gli ibernati non le davano più lo stimolo giusto?”
“Nel mio lavoro, dottor Carfax, la noia è un’opzione che non deve appartenermi”
“E ora, cos’è questa novità?”
“Libido indotta. Geniale, non trova?”
“A che scopo?”
“Per dimostrare che, il sesso appartiene un po’ a tutti. Lei sa chi era William MAsters?”
“Non mi sovviene”
“Lui e Viriginia Johnson furono i pionieri dello studio sulla sessualità umana negli anni 60 . Assecondati nel progetto da Betty, una prostituta, e dai dottori Austin Langham ed Ethan Haas, questi pionieri insegnano a se stessi e all'America come godersi il sesso e scoprire senza sensi di colpa le meraviglie dell'intimità. I pazienti venivano monitorati costantemente grazie a sensori, le reazioni del loro corpo nell’attimo stesso in cui svolgevano un’attività sessuale. Dovrebbe provare a guardarsi la serie TV con Michael Sheen nel ruolo del protagonista. Molto istruttivo”
“Quindi cos’ha fatto? Ha usato quei due come cavie e ha registrato i loro bioritmi mentre scopavano nell’ascensore?”
“Beh, viviamo in tempi in cui la tecnologia ha fatto passi da giganti, mio caro dottor Carfax. Come per il dottor Masters, ho creato anche io dei dispositivi ma, a differenza dell’insigne predecessore, io sono andato oltre. Ho creato delle nano macchine che ho introdotto nei corpi di soggetti..”
“Inconsapevoli”
“Soggetti.. Ed ho fatto in modo di stimolare la loro libido”
“Quindi, ha creato questo teatrino per il solo scopo di studiare l’effetto di un orgasmo tra due individui, senza che madre Natura ci mettesse mano?”
“Se vuole metterla così”
“Le piace giocare a fare Dio, a quanto pare”
“E’ passato da me per farmi la morale, dottor Carfax?”
“Sono passato per un suggerimento, dottor Samael. Questo continuo a giocare a fare Dio, prima o poi, le si rivolterà contro” e, detto questo, gli volse le spalle e se ne andò
L’Osservatore si limitò a sorridere fissando lo schermo dati sul suo PC..


FINE


1) Scusa Samael. Non ho saputo resistere a rimetterti ancora qui

Questo racconto di è stato letto 8 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.