Le conseguenze di una masturbatina 4 - Final end -

Scritto da , il 2021-02-26, genere pulp



II
“ho fatto una ricerca” mi dice Priscilla
Siamo seduti in cucina davanti una tazza di caffè “Che tipo di ricerca?”
“Una ricerca su questa casa e sui suoi occupanti precedenti”
“Ad ognuno il suo passatempo”
Lei si stringe nelle spalle. E’ nuda tranne che per le sue mutandine. Io mi sono rimesso i boxer e ora sono lì, con la voglia di scoparla ancora ma, in religiosa attesa che lei finisca quello che ha da dirmi “Ci sono stati altri due inquilini prima di te. Tutti con problemi come i tuoi”
“Problemi in che senso?”
“Arresti domiciliari di natura sessuale”
“Ah” bevo un sorso di caffè
“il primo inquilino lavora in quella tavola calda che c’è per andare al porticciolo, hai presente?”
“Gamberi e congli?”
“Sì. Rientra nella fase del mio giro di controllo. Tranquillo, solo controllo” si affretta a dire non appena mi vede aggrottare le sopracciglia “Beh, sta di fatto che vado a trovarlo sul posto di lavoro e mi assicuro che stia andando tutto per il meglio. Il padrone della tavola calda è contento, non si lamenta. Vedo che, sul registro del suo curriculum, come prima residenza c’era questo appartamento. Ora, parlando con lui, le solite domande di routine, gli chiedo come mai si è fatto cambiare appartamento. Lui ha detto che era colpa dei vicini rumorosi ma, di fatto, di vicini rumorosi non ce n’erano. Diciamo che non c’erano neanche vicini. I vecchietti dello stabile sono arrivati solo negli ultimi mesi. Allora io gli chiedo e insisto di dirmi quale fosse il vero motivo e lui mi risponde..”

“Mi prenderebbe per pazzo” ha ammesso dopo un po’. Premetto con il dire che non è un brutto uomo, sui quarant’anni circa, virile nell’aspetto e nel portamento. Si vedeva che fosse a disagio per la mia insistenza ma, ancora di più, per quello che non voleva dirmi
“Faccia uno sforzo. Prometto che non dirò nulla al giudice. O al suo datore di lavoro”
Lui mi ha guardato per un po’, ha sospirato, si è messo pure a giocare con uno stuzzicadenti. Poi ha detto “Vicine di casa insistenti”
“Insistenti in che modo?”
“Tre donne: una nonna super sexy, una ragazza e una milf niente male”
E lì mi sono bloccata dallo stupore.
Sono diventata più colloquiale e mi sono sporta verso di lui chiedendogli “Fammi indovinare. Ti stavi masturbando e loro si sono fatte vive con te?”
Lui è arrossito di colpo e da lì ho capito che anche lui aveva avuto lo stesso incontro

“Vuoi farmi credere che io non ho sognato e che qualcun altro ha incontrato quelle tre?” faccio sgomento “Ma no, dai, non può essere”
“Croce sul cuore” si tocca una tetta “Lo giuro, ha detto così”
“Ma, andiamo: se fosse così, allora vuol dire che, abbiamo un cazzo come la lampada di Aladino. Ci masturbiamo e loro appaiono?”
“Ti ho detto che ce n’erano due prima di te. Sono andata a cercare l’altro inquilino. Sai dove si trova? In ospedale, reparto psichiatria”
“Ok” il caffè ormai freddo non mi attira più. E, la voglia di scopare si è affievolita “Due indizi non fanno una prova. O sì?”
“Vuoi sentire il resto della storia?”
“Ok. Ma poi dovrai ricaricarmi le batterie baby. Ne ho bisogno”
Lei sorride “Ok..”

“Si chiama Giacomo Salis e ha 40 anni. Lui era relegato in questo appartamento per reati sessuali. Aveva scopato una minorenne ma se l’era cavata con una pena lieve da scontare ai domiciliari. Due mesi prima che arrivassi tu, lui era qui. Anche lui aveva l’abitudine di masturbarsi con la finestra aperta.
Per prima è arrivata la ragazza, Jenny. Se l’è trovata sulla poltrona a succhiarsi un lollipop. E lei gli ha chiesto di menarselo con lei che lo guardava. Ti ricorda qualcosa? Quella sera, dopo una visita della nonna supersexy, con conseguente scopata, l’invito a cena. Hanno parlato, si sono confidati un po’. Loro erano nudi.
Ed è andata avanti così, per qualche mese. Loro lo invitavano, poi si facevano una bella orgia e lui tornava a casa felice. Solo che, più passavano i giorni, più lui si sentiva strano, debole, floscio. Fino a che.. Fino a che qualcuno non chiamò un’ambulanza e se lo portarono via. Delirava sul fatto che dei demoni gli stessero succhiando la vita attraverso orge e cose varie. Questo è ciò che ho saputo dalla ricostruzione avuta con dottori e infermieri”
“Storia interessante” mi sento inquieto. Possibile che simili figure esistano davvero? “Succubi”
“Conosci la mitologia?”
“Un po’” ammetto a disagio “Ho fatto sesso con tre succubi” scuoto la testa. Difficile da assimilare “Sto sognando ancora?”
“Ti sembro finta?” si tocca le tette, strizza i capezzoli
“No ma, anche loro sembravano vere”
“Lo sono. E, credo siano ancora qui”
“Sì” ammetto “Ho colto un movimento alla finestra mentre ci masturbavamo”
“Devi andartene da qui. Prima che loro ti riducano come quel Giacomo”
“Io credo che, fino a che tu stai qui con me, loro non possano fare nulla”
“Non lo so. Credi si possano scacciare?”
“Tipo sfratto? O come esorcismo?”
“Beh, sono demoni. Esorcismo è più appropriato”
“Cosa possiamo fare?”
“Evochiamole” dico d’istinto
“MA, se le evochiamo poi.. E’ troppo pericoloso”
“Allora cosa? Mi farai cambiare casa come è successo agli altri? Che scusa si dà al giudice?”
“E cosa vuoi fare con un’evocazione? Ci fai un’orgia?”
“Beh, era la mia idea iniziale”
“Ma dai!”
“Eh, va beh dai. Tanto, credo che non ci succederà nulla se facciamo quello che facciamo”
Ma l’idea di evocarle con la mia classica masturbatina non mi ha lasciato per tutta la notte. Nonostante la presenza di Priscilla, del sesso sano e selvaggio che ci avvolgeva, l’idea di fare la pazzia c’era

La mattina. Priscilla è appena uscita; io davanti al water con il cazzo in mano, indeciso. Ok, le evoco e poi che faccio?
Provare per credere diceva una vecchia pubblicità. Incomincio a masturbarmi. Prima piano, poi aumentando l’andatura. Su e giù, su e giù. Lo sento duro tra le mie dita. Aumento vigorosamente e lascio che lo sperma esploda fuori da me. Mi svuoto, la mano poggiata alle piastrelle.
Con la coda dell’occhio percepisco una presenza fuori dalla finestra. E’ fatta, non posso più tirarmi indietro. Scrollo e mi volto verso l’esterno. Ma Jenny non c’è. Sospiro deluso. Ci avevo quasi creduto.
Torno in camera, poi in cucina. Caffè e brioche pronti. Percepisco che non sono solo nella stanza “bella perfomance” dice Jenny. Ha l’immancabile lollipop in bocca e lo succhia con malizia “Non mi aspettavo che lo facessi”
“Era quello che hai sempre aspettato” rispondo facendo bollire il caffè
“Sì ma, ora le cose sono cambiate” dice lei alzandosi e andando verso la porta “Ti aspettiamo a pranzo da noi. E porta pure Priscilla con te”
“Perché?”
“Perché no” si stringe nelle splle e se ne va
Cinque minuti dopo rientra Priscilla “Mi sono persa qualcosa?” chiede notando la mia faccia
“Jenny è stata qui”
“Jenny..cosa? Ti sei masturbato? Nonostante quello che..”
“Lo so, lo so, è stata un’azione avventata”
“Cazzo Alex.. Che voleva?”
“Invitarci a pranzo”
“Invitarci? Noi?”
“Noi” annuisco
“Cosa pensi che vorranno?”
“Mangiarci?”
“Le succubi non mangiano carne umana. Si limitano a nutrirsi di sesso”
“Una morte onorevole, non trovi?”
“Non scherzare. Come credi di uscire da questa situazione?”
“Non lo so. Come si uccidono le succubi?”

Sono già nude, Layla e Aliss, con i loro corpi ben scolpiti e i loro sessi che mi attirano. Jenny seduta sulla poltrona, il lollipop, nuda e invitante. Ci atteniamo al protocollo e ci mettiamo a nudo, senza inibizioni. Loro tutte sorrisi, vengono verso di noi, incominciano a sedurci. Priscilla oppone resistenza ma non troppa. Sento il loro sessi sfregarmi sui fianchi. Priscilla viene trascinata via e lasciata cadere sul divano. Jenny la osserva con curiosità, si abbassa su di lei, le tocca i capezzoli. Layla e Aliss strusciano le loro tette contro di me, l’uccello mi diventa duro come il marmo.
Sento le loro mani dappertutto, le loro bocche disegnano cerchi sul mio corpo, i loro sessi mi bramano.
La prima è Layla, mi cavalca e mi possiede selvaggiamente. Poi scivola lontano da me, con lo sperma che sgocciola copioso ed Aliss che si abbassa verso di esso e comincia a leccare. Poi mi ritrovo la fica di Jenny sulla faccia e non posso fare a meno di leccargliela.
Un’orgia, come avevo sognato, come avevo sperato. Io, ormai senza più freni, la nebbia che mi offusca il cervello. Io che inculo Priscilla in stato di trance. Io violentato, io masturbato, io scopato. Tutto insieme, separato, luci psichedeliche. Non capisco più un cazzo. La testa mi esplode

Overdrive.


III
“Tirateli fuori” urla una voce “C’è un sovraccarico”
“per la miseria. A momenti ce li giocavamo”
“Rischi collaterali calcolati” dice una seconda voce
“Un omicidio non è un rischio collaterale calcolato”
“Inezia di fronte alla scienza”
“Dottor VAndal, questa volta ha esagerato”
“Abbiamo, dottor Karson. Abbiamo fatto grandi progressi con l’induzione onirica”
“Sì e abbiamo rischiato di mandare in pappa i loro cervelli”
“Sono sveglie” una terza voce
“Alex?”
“Si sta svegliando”
“bene. Ripristinate i sistemi, voglio tornare operativo quanto prima”

Freddo, viscido. Apro gli occhi: una marea di luci. Annaspo, inspiro aria. Un liquido denso che mi entra nelle narici e in gola.
Sono dentro una specie di cilindro, una capsula, inclinata a 45°. Di fronte a me una identica e il corpo di Priscilla che emerge da una sostanza biancastra simile a sperma. Sento tossire, bestemmiare. Al mio fianco altre capsule: Layla, Aliss, Jennifer. Tutte nude, tutte immerse in quella strana sostanza
“Ma che diavolo è? Dove siamo?” faccio guardandomi attorno
“Un po’ di pazienza, Alex. Non si agiti o subirà gli effetti della decompressione”
“Chi diavolo è lei? Si faccia vedere? Che posto è questo?”
“Stia tranquillo, Alex. Le ricordo che è stato lei a volere questo”
“Io?”
“Ora ha la mente alterata e i collegamenti con il cervello sono ancora incerti. Ma, mi creda, tra poco le torneranno i ricordi. A lei e ai suoi compagni di viaggio”
“Che schifo di roba è” scivolo fuori dalla capsula. Anche le mie compagne sono smarrite quanto me
“Alex?” è Jenny che mi apostrofo “Ma come siamo arrivate qui?”
“Non lo so ma, la voce misteriosa ce lo dirà. Vero?”
“Voi siete parte di una ricerca che sto conducendo da anni, Alex. Induzione onirica. In pratica, noi immettiamo immagine e parole dentro la vostra mente e vi guidiamo in una storia. Una storia che voi approvate ancora prima di entrare nelle nostre capsule”
“MA che cazzo sta dicendo questo?” chiede Aliss
In fondo, alla nostra destra, una porta si apre “Prego, oltre quella porta troverete delle docce per darvi una ripulita”
“Ci dobbiamo fidare?” chiede Jenny
“Non lo so ma, ho come la sensazione di avere vissuto questa esperienza” rispondo
“Anch’io ricordo qualcosa” annuisce Priscilla “Ma ho la testa in modalità flipper e non saprei che dire”
“Oh, vi prego, se avessi voluto farvi del male, lo avrei già fatto da tempo” commenta la voce
“Andiamo” dico avviandomi verso la porta

La doccia è stata ristoratrice. Pochi secondi sotto il getto di quell’acqua sono bastati a farmi riaffiorare qualche ricordo. Sì, ora ricordo.. Noi siamo parte di un esperimento: sesso e sogni.
Esco nudo dalla doccia. Priscilla e le altre si stanno asciugando. Mi fa strano realizzare che, quello vissuto poco tempo prima, fosse una colossale illusione indotta da delle macchine. Abbiamo accettato di sottoporci a questo esperimento, dietro lauto compenso, per il bene della scienza e del progresso. Anche se, io sospetto, che sia stato solo un colossale capriccio del dottor Vandal. Sì, ora ricordo che c’è dietro la voce “Vi dirò, quasi mi dispiace che non sia stato vero” commento
“Quasi?” chiede Layla
“Beh, avrei voluto che fosse vero” spiego “Tranne la parte delle succubi”
“Ma perché le succubi?” chiede Jenny “Voglio dire: c’era bisogno di deviare una storia già abbastanza strana?”
“Chi ha scritto la sceneggiatura?” chiede Aliss
“Credo sia una mia fantasia” interviene Priscilla “Giocavo a D&D”
“Anche io” dico “Mi piaceva la parte dello stregone legale malvagio”
“Però, anche se finto, non deve necessariamente rimanere tale” dice Layla allargando le braccia e mostrando meglio il suo corpo “Voglio dire, ho un corpo invidiabile e la stessa voglia di usarlo. Perché non rendere realtà quello che è stato illusione fino ad ora?”
“Direi che non è un’idea malvagia” convengo
“Tutto sommato, questa storia ci ha giovato” dice Priscilla avvicinandosi e abbracciandomi “Abbiamo preso parte ad uno strano esperimento, ci siamo creati le nostre storie, abbiamo fatto sesso”
“Virtuale” dico
“A me sembrava vero” dice Layla
“Perché, in un certo senso, lo è stato” dice la voce del dottor Vandal . Ecco che ci ha raggiunto, il genio pazzo che ci ha fatto condividere una storia stramba di mistero e sesso. Sui cinquanta, un po’ sovrappeso, la faccia sorniona di un gatto che si è appena pappato il pesce prelibato “Quello che avete vissuto là dentro è ciò che vivreste in una situazione analoga qui fuori. Gli stessi stimoli, i sentimenti, la carica sessuale: era tutto vero. Anche se non materialmente, le storie vissute, il sesso consumato, lo avete realmente vissuto”
“Quindi, adesso che succede?” chiede Priscilla
“Nulla. Il vostro ciclo è finito e voi siete liberi di tornare nel Mondo reale” sorride bonario “Troverete i vostri abiti in alcuni armadietti accanto a questa stanza. All’uscita parlate con miss Yuko e fatevi pagare per il disturbo”
“Finisce qui?” chiede Jenny
“Con voi sì” sorride il dottor Vandal
“Altre cavie?” chiedo
“Volontari, sì” sorride “Grazie per il tempo che ci avete dedicato” ci congeda
“Che tipo strano” commenta Priscilla
Troviamo i nostri vestiti dove ci aveva detto. Vestizione veloce e ritorno alla realtà “Sarà così?” si chiede Priscilla
“Cosa?”
“Stiamo tornando alla realtà o stiamo vivendo un’altra illusione?”
“Diavolo, non fatemi venire il mal di testa” dice Layla
All’uscita, una bella giapponesina ci accoglie con un sorriso. Bella e sexy, di età indefinita, mi fa venire sangue. Lei ci porge delle buste e ci congeda con un grazie. Dentro la busta una cifra a sei zeri “porco cazzo!” esclama Jenni
“Bisogna festeggiare” decido “Cena da Mario e poi..”
“E poi a casa di chi ha un bel letto grande per cinque persone” si entusiasma Priscilla
“Direi che è un programma niente male” dico prendendo sottobraccio sia Priscilla che Layla “Mi sento fortunato”
“Ho la fica che prude” commenta Jenni. Dalla tasca estrae un lollipop che prende subito a succhiare. In quel momento mi viene da pensare alla scena di un film, dove alcuni personaggi vivono in un mondo onirico e, per capire se stanno sognando oppure no, fanno girare una trottola su un tavolo. Se la trottola non smette di girare, vuol dire che il sogno è ancora in atto. Qui niente trottole ma, quel lollipop mi fa venire i brividi “Che c’è?” mi scuote Priscilla “Hai visto un fantasma?”
Scuoto la testa “No, nulla” sorrido “Andiamo a cenare, ho una fame da lupi”

“E ora, dottor Vandal?” chiede la giapponese alzandosi dalla scrivania
“Ora aspettiamo e vediamo”
“Faranno sesso”
“Lo scopo è quello. Raccoglieremo più dati possibili e poi passeremo alle prossime cavie”
“Impiantare quei chip nei loro cervelli è stata un’idea diabolica”
“Ringrazia madame Lucretia per questo. Si è data un gran da fare a procurarmeli. Non sono propriamente legali”
“Ma funzioneranno?”
“Chi li ha progettati è un genio per l’elettronica bio molecolare. Sfortunatamente, gli esperimenti che conduceva sugli esseri umani, gli hanno fruttato un esilio forzato su un’isola dei Caraibi”
“E come ha fatto madame Lucretia a raggiungerlo?”
“Ha i suoi metodi” sorride il dottor Vandal “E poi, ha conosciuto il dottor Morr tempo fa. Avrà usato validi argomenti”
“Ok, mi ci vuole una bella doccia bollente prima di ricominciare” dice lei ancheggiando e allontanandosi. Si ferma e guarda verso il dottor Vandal, gli strizza l’occhio e si allontana
Il dottor Vandal sospira e la segue…

=Fine?=

P.s.:
• sorry Samael, ma stavolta ti ho lasciato fuori
• chiedo scusa a Lucretia per averla trasformata in una procacciatrice di materiale illegale
• ad Herman per averlo trasformato in uno scienziato pazzo
• a Yuko in una segretaria maliziosa
• Il tema Matrix ritorna anche se, sono più verso ‘Il sogno degli ibernati’ episodio di Other limits
• Commentate e siate spietati.

Questo racconto di è stato letto 9 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.