Villa Liberty

Scritto da , il 2021-01-27, genere pulp

I

Ho cercato di non farmi suggestionare. L’Atmosfera cupa e fatiscente della casa era così opprimente che ne sentivi il peso. Un’anima corrotta e oscura che striscia sulle pareti gonfie di umidità, sotto la vecchia carta da parati ormai ingiallita e consumata nel tempo. Scricchiola sotto le assi di legno gonfie. Qua e là, sono divelte e ricoperte di una strana polvere nerastra. I mobili, all’interno, sono frammentati, solo qualche tavolo e alcuni altri mobili sembrano resistere.
Osvaldo, il custode, ha preferito rimanere fuori, al sicuro dagli influssi maligni che quel posto emana “Lo fate a vostro rischio e pericolo” ci aveva detto prima che entrassimo nella casa

La casa dalla sinistra nomea, annidata nelle campagne della Lomellina, sulle rive del torrente fiume Po. Una villa stile Liberty che, pare, risalga agli inizi del 900. Ha una triste fama di casa maledetta. Si narra che, il padrone di casa avesse una bellissima moglie, che teneva sotto vetro, gelosissima di lei tanto che, non la faceva quasi mai uscire di casa. Una bellezza rara, sofisticata, come le dame di corte che si vedevano ritratte nei quadri dei maestri dell’800. Una donna aristocratica che proveniva da una famiglia medio borghese andata in sposa al ricco possidente Berry.
Vivevano in una villa gotica liberty, con tanto di torretta da cui si poteva ammirare le campagne circostanti. Molte volte, la signora, si arrampicava fino in cima ad essa ad ammirare il paesaggio esterno, con una certa malinconia; così vicino era quel paesaggio, così lontano. Si sentiva come un canarino chiuso in gabbia. Un canarino dalle piume colorate che non poteva spiccare il volo in completa libertà.
Il signor Berry era un uomo rude, di corporatura robusta, sui cinquant’anni. La sua famiglia era ricca da diverse generazioni. Molte delle terre che circondavano la villa, fino al paese più vicino, erano di proprietà dei Berry.
Il signor Berry era un cacciatore. Quando arrivava il periodo della caccia, usciva presto la mattina e tornava sul tardi alla sera, spesso con le prede della giornata che poi faceva preparare per cena dai suoi domestici. Un giorno d’Estate, in un’uscita non particolarmente fruttuosa, rientrò prima del previsto
Non trovò la moglie ad attenderlo sulla porta di casa, giusto perché l’orario di rientro era cambiato. Ma, c’era uno strano silenzio che regnava nella casa. I domestici avevano avuto la giornata libera, a parte il suo stalliere. Chiamò la moglie ma non ottenne risposta. La cercò in ogni stanza ma non ebbe successo. Poi, con la rabbia che gli montava dentro, si bloccò appena al di sotto delle scale che conducevano alla torretta. Aveva ancora in mano il fucile. Lo mise a tracolla e prese a salire. Sentiva mugolii, risa e versi di godimento. La rabbia gli annebbiò il cervello: quella cagna stava scopando con qualcuno? Pregò che, nella realtà, si stesse solo masturbando. Se così fosse stato, un paio di ceffoni e poi una bella scopata, giusto per farle passare le sue turbe.
Ma, quando giunse in cima alla torretta e vide lei completamente nuda, con le gambe aperte e, il suo stalliere lì in mezzo, la rabbia gli sciolse il cervello e imbracciò il fucile. Quando si rese conto di ciò che aveva fatto, distrutto dal dolore e dalla rabbia, rivolse il fucile a sé stesso e premette il grilletto.
Fine tragica. Per molti anni quella villa rimase disabitata fino a che, non si presentò un acquirente e disse di voler comprare la casa. Ma, non appena l’uomo varcò la soglia, qualcosa di invisibile e indefinito, gli afferrò il cuore e cominciò a stringerlo. L’uomo fuggi dalla villa e non si fece più vedere. Altri, negli anni successivi si avvicinarono alla villa. E tutti, irrimediabilmente, fuggivano a gambe levate da essa, in preda a terrore e angoscia.

“Quel posto è maledetto. E più gli state lontano, meglio è” l’Osvaldo, un tipo alto e segaligno, trangugiò di un fiato il bianchino che aveva davanti. Aveva 40 anni ma ne dimostrava almeno venti di più, con quella pelle lucida grigio topo e quel naso a becco pronunciato tanto da fargli appioppare il nomignolo di Sgulgion. (airone)
“Non siamo superstiziosi” dico “Il proprietario attuale ci ha detto che dovevamo rivolgerci a lei per entrare”
“Quel posto è maledetto” tremano le sue mani quando lo dice “Una volta, durante un ‘azione di restauro della parte nord della villa, un operaio è precipitato da una scala e si è spezzato la schiena. Il nipote del terzo proprietario, negli anni 70, è finito con la sua auto nel Po ed è annegato. Negli anni 80 bruciò una scuderia con venti cavalli e due operai. E poi contate: luci che si accendono dove non esiste energia elettrica da vent’anni. Ombre furtive dietro le imposte e poi.. “ scuote la testa “Chi passa davanti a quella casa, lo fa alla svelta. Avete visto la torretta? Quelle finestre sembrano dannati occhi che ti guardano”
“beh, se non vuole portarci, ci dia le chiavi e noi facciamo il resto” dice Magda la mia socia in quell’avventura
“Sbagliate. Voi sbagliate” si alza e cammina incerto verso l’uscita. Si ferma e ci guarda “Vi porterò là davanti, poi vi arrangiate”
E così ha fatto. Ci ha portato fino davanti alla villa, ci ha consegnato le chiavi ed è tornato in auto. “Tra un’ora tornerò qui” scuote la testa e se ne va

La villa maledetta. Davanti a noi in tutto il suo orrore gotico. Cerchiamo di non farci prendere dalla suggestione delle leggende che gravitano su di essa. Non ci sono fantasmi inquieti desiderosi di tormentare i poveri avventori “Certo che mette timore” dice Magda
“Non facciamoci suggestionare dalle storielle di paese” ribatto “E’ una casa abbandonata. E, come tale, ha la sua leggenda. Ogni casa ha la sua storia. Noi siamo qui per dimostrare che, questa è solo una delle tante storie che circolano in Lomellina. Come abbiamo fatto al campo del soldato Jones, o a villa Anna, o alla vecchia centrale Enel”
“Un’altra leggenda da sfatare” annuisce vigorosamente Magda
Sì, la casa fa suggestione = e allora chi chiamerai?= Mi viene da pensare
Lucchetto nuovo di zecca che chiude i battenti. La chiave entra perfettamente. Mi sembra di togliere i sigilli ad una cripta. Apro i battenti, un refolo di aria ci porta alle narici odore di chiuso e di marcio. Sembra quasi un sospiro. I fasci delle nostre torce illuminano un corridoio ingombro di macerie. Due sedie sfondate, una specchiera rotta, perfino un’armatura. In fondo si vede un passaggio coperto da tende strappate. Ogni passo uno scricchiolio “Brr, che freddo che fa qui” dice Magda stringendosi un po’
Oltre la tenda quello che sembra un palco rialzato, la statua di un angelo in pietra dalla faccia sbreccata ci accoglie a braccia aperte. Ovunque mobilia sfasciata, tende strappate, buchi nelle assi del pavimento. “La torre è di là”
“No” appena un sussurro
“Come no?” chiedo voltandomi verso Magda
“Io non ho parlato” dice lei
“Hai detto no”
“Non ho detto nulla”
Mi stringo nelle spalle, proseguo verso destra “Va beh, suggestione”
“Uh, caldo” fa Magda
“Prima freddo, poi caldo”
“Tu non senti nulla?”
“Sento solo puzza di chiuso e di muffa”
“Io…” si toglie la giacca e la poggia sullo schienale di una poltrona
“Vieni qui” mi giro verso Magda. La vedo che si sta togliendo il golfino e poi comincia a slacciarsi i bottoni della camicetta “Vieni da me” non è lei che parla ma, mi sento come stordito, trasognato
Mi tolgo anche io la giacca, incomincio a spogliarmi. Magda è un ragazza ne bella ne’ brutta, piccola, un po’ rotondetta, i capelli castano chiari un po’ vaporosi e grossi occhiali tondi. Non una bellezza ma un tipo. Belle tette. Libere e strette in un reggiseno color amaranto, tonde e morbide al tatto..
Sì, al tatto. Senza rendermene conto la sto toccando, le mani che stringono e cercano i capezzoli. Lei mugugna “Vieni dentro di me, fammi sentire il tuo cazzo” una voce bassa, sensuale, che mi entra nel cervello
Nuda non è male. Qualche rotolino sui fianchi ma una fica che leva ogni pensiero. Sono dentro di lei e comincio a pomparla per bene mentre, la voce nella mia testa continua ad incitarmi a scoparmela “Sì, dentro ancora di più. Prima che lui torni. Prima che lui torni” Sta per arrivare all’orgasmo, esco da lei e la giro veloce piegandola a novanta. Dentro, così in profondità da solleticarle l’ugola “Non fermarti! Non fermarti!”
“Cara? Sono tornato!”
“Uh, no, è lui, è qui!”
E via, ancora, colto da frenesia, riprendo Magda dal davanti e sono ancora tra la sua fica bollente e umida
“Continua”
“Ma sta arrivando”
“Continua”
“Lo sento che sale le scale”
“Continua, maledetto”
BANG!

Magda cade a terra, su un lenzuolo spiegazzato caduto da un mobile. Io al suo fianco, ansimante e gocciolante. Le voci sono sparite dalla mia testa “Cosa?”
“Uh, che imbarazzo” fa Magda “Abbiamo.. Abbiamo scopato per davvero?”
“Sì”
“Oh” fa lei tirandosi a sedere
“Le senti ancora le voci?”
“no. Tu?”
“No”
“Non sento più nemmeno freddo, o caldo. Per lo meno, non il caldo che si avvertiva prima” si gira verso di me. Apre la bocca per dire qualcosa, poi ci ripensa, sposta lo sguardo verso il mio basso, arrossisce “Ho immaginato più volte di fare sesso con te ma, non ho mai avuto il coraggio di chiederti..”
“Ci volevano due fantasmi per farci unire”
“Ecco, pensavo.. Una volta usciti di qui, ti va di prendere una pizza?”
“Sì. Dopo una doccia calda però”

Usciamo che il sole sta scendendo dietro l’orizzonte. L’Osvaldo sta parcheggiando il suo pick up nella piazzola d’ingresso alla villa. Quando ci vede arrivare con i vestiti un po’ stropicciati e la faccia stravolta, ci viene incontro, il volto tirato dalla preoccupazione “Li avete visti, vero?”
“Sentiti, più che altro” ammetto
“Dovevate uscire subito”
“Non abbiamo potuto” dice Magda arrossendo
“Cosa vi hanno fatto?”
Sospiro “E’ meglio che tu non lo sappia Osvaldo” saliamo sul pick up “Riportaci in paese. Abbiamo bisogno di una doccia calda”
Mentre l’Osvaldo fa manovra mi viene di alzare lo sguardo verso la torretta. Due figure, un uomo e una donna, se ne stanno abbracciate e ci osservano dietro i vetri impolverati per poi scomparire con l’avanzare delle tenebre…

=Fine=

1) La storia della casa qui narrata è ispirata ad una leggenda lomellina, identica. La solita storia di una lei che si congeda all’amante e il marito che rientra a casa, li sorprende e poi si uccide. Secondo le cronache, questa vicenda avvenne a Lomello(PV) nel 1912. Ma, una cartolina d’epoca ritrae la villa in costruzione negli anni 30 e il padrone di casa vivo e vegeto che sovrintende ai lavori. E, secondo fonti storiche, non c’è mai stato alcun delitto in quella casa. Fatto sta che, negli anni, le storielle hanno incominciato a girare e, come un fuoco di paglia che si trasforma in un incendio, la storiella è diventata leggenda. Se volete cercate su You tube “La villa degli amanti Maledetti”. E, come molte case in stato abbandono, la villa è spesso soggetto di foto da amanti della fotografia(tra cui il sottoscritto che l’ha fotografata in tutte le salse: tramonto, notturno, diurno, pioggia, sole, neve. Mi mancherebbe l’interno ma, i proprietari non sono contenti che qualcuno giri lì attorno

https://youtu.be/lOQMT6k0ETM

Questo racconto di è stato letto 1 0 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.