Mauro & Luigia: la dama in rosa

Scritto da , il 2021-01-17, genere pulp

I-La casa della Dama in Rosa

“Storia tragica, quella sua” la voce del signor Carmini mi fa quasi sussultare. Io fermo lì, le mani sprofondate nelle tasche, lo sguardo fisso sul quadro di una giovane donna. Bella, avvolta in un ampio vestito rosato stretto in vita, com’era di moda nell’800.. Bionda, occhi turchese, un viso acqua e sapone. Mi verrebbe da dire gnocca ma andrei fuori strada. Bella, graziosa, carina. Una bella ragazza “Arianna Dell’Orso, consorte del conte stregone Ariadano Lamberto Dell’Orso”
“Nome strano” commento
“Errore all’anagrafe. Volevano chiamarlo Ariano ma, sbagliarono e scrissero quel nome che si porto dietro a vita” il signor Carmini è un uomo sulla sessantina, appena brizzolato,dai folti baffoni scuri e una mascella da duro. Con le maniche della camicia arrotolate fino al gomito e i jeans sgualciti, sembra più un contadino appena sceso da un trattore che il proprietario di una sontuosa villa tra le montagne. E ci siamo finiti per via di una stupida buca e di un cerbiatto che si è materializzato in mezzo alla strada facendomi finire a fare l’erba in un boschetto.
Fortuna che il signor Carmini è stato gentile e comprensivo e ci ha ospitato in casa sua. E che casa. Una mega villa con ampio giardino d’ingresso e una fontana con un tripudio di putti e tritoni degni di una villa di Versailles, ampia scalinata affiancata da due grossi leoni in pietra, facciata su due piani e interni lussuosi dai grandi candelabri, lampadari.. mi sembra di essere entrato in uno di quei film in costume, a metà tra reggia Luigi XIV e piantagione di cotone della Luisiana.
Si è offerto di ospitarci e di chiamare i soccorsi l’indomani. Ora sono le due del pomeriggio di una domenica particolarmente fresca di primavera. Siamo in mezzo alle colline dell’Oltrepò. Io e Luigia abbiamo deciso di farci un giro tra i verdi colli, in cerca di qualche cantina e percorso gastronomico. Stavamo uscendo da una curva quando, il malefico Bambi, è sbucato in mezzo alla strada e ci ha fatto sbandare. L’avrei anche preso sotto ma, Luigia ci sarebbe rimasta male e io avrei guadagnato un’auto sfasciata irrimediabilmente. =Addio polenta= Ho pensato mentre l’auto sbandava in mezzo alla strada e colpiva una buca nell’asfalto. Bang e sbando e Luigia urla e via nel fitto bosco. Niente di rotto, tranne la mia Opel Corsa color mal di mare.
Per fortuna, poco più avanti, abbiamo incontrato il signor Carmini che ci ha invitato in casa sua “Ha una casa strepitosa, signor Carmini” aveva detto Luigia non appena abbiamo varcato il cancello
Nella grande villa vive lui e un paio di domestici. Un tizio alto e segaligno come un paletto da pollaio, il maggiordomo, rigido nella sua divisa , e gli occhi più stretti che abbia mai visto. E poi la cuoca, cameriera, Marzia, oversize, color caramellato, prosperosa ovunque la si guardi
“La casa è grande e noi siamo solo in tre. Purtroppo per voi, oggi è domenica e, il paese più vicino si trova a quindici chilometri di distanza” spiega il padrone di casa
“MA avete un telefono?”
“Sì” indica un apparecchio a muro un po’ datato ma perfettamente funzionante
Luigia arriva con il suo carico di valige “Uh, bella ragazza. Chi è?” chiede guardando il dipinto
“Arianna dell’Orso” risponde il signor Carmini “Fu moglie del precedente padrone di questa casa”
“Conte e stregone, mi ha detto?”
“Sì, alchimista, mesmerismo, mago, illusionista. Cose così”
“E lei? Mi ha detto storia tragica”
“Una bambola di porcellana. Questo quadro fu dipinto dallo stesso conte per omaggiare la sua bellezza”
“Beh, ha reso l’idea. Una bellezza d’altri tempi”
“Era molto geloso di lei. La faceva uscire di rado dalla villa e, quelle poche volte che lo faceva, la seguiva passo passo per impedire ad eventuali passanti, di avvicinarsi a lei. Geloso fino allo sfinimento. La storia narra che, nonostante le strette misure di sorveglianza da parte del padrone, lei riuscì ad intrattenersi con lo stalliere del signor Dell’Orso. Una storia breve ma intensa che durò lo spazio di un’estate” sospira pesantemente
“Mm, mi faccia indovinare: il signore del castello li scoprì e fece vendetta” commento
“Lei era incinta di pochi mesi. I due decisero di fuggire insieme, lontani dalla morsa di terrore del conte. In una notte buia e tempestosa, i due fuggirono su per il sentiero dietro la villa, che si arrampica fino alla cima Fata. Ma lui li seguì armato di fucile. Nonostante il vento e la pioggia, il conte alzò il fucile e sparò, colpendo il suo autista.
Lei, vedendolo cadere a terra, con il sangue che si allargava sulla schiena, ebbe un cedimento. Pianse, urlò ma non tornò indietro. Fu allora che prese una drastica decisione: si gettò dalla rupe del sentiero, finendo sulle rocce trenta metri più sotto”
“Tragica” commenta Luigia con il luccicore negli occhi
“Ma il traditore non morì per la fucilata. Lui sopravvisse. E lì, la crudeltà del padrone raggiunse livelli epici. Era uno stregone e così fece: lanciò una maledizione al traditore. Avrebbe trovato la giusta pace qualora la sua amante avrebbe avuto di nuovo un figlio”
“Che figlio di puttana” mi viene da dire
Un bicchiere cade spargendo cocci di vetro sul pavimento. Il maggiordomo, stizzito, guarda il bicchiere e poi noi, come se la colpa della sua disattenzione fosse colpa nostra. Il signor Carmini si limita a guardare verso di lui, aggrottando le sopracciglia. Un duello di sguardi che durò un intero minuto, prima che il maggiordomo abbassasse lo sguardo e sparisse in una porta laterale
“Dunque, come si concluse la storia?” chiede Luigia
“La leggenda dice che il giovane autista, legato alla maledizione,viva ancora senza pace, in un’eternità a cui non può sfuggire, a guardia di colei che aveva amato e mai potrà amarlo più”
“Wow, che tristezza” fa Luigia
“Vuol dire che i fantasmi inquieti si aggirano per il castello sferragliando catene e lucchetti?” ironizzo
“Ogni maniero che si rispetti ha il suo fantasma” replica il signor Carmini

Abbiamo una stanza da letto con tanto di baldacchino e broccati rossi in ogni dove “Sembra la stanza di un cardinale” commento
“Il bagno è super” dice Luigia “Ci facciamo una doccia?”
“Approfittiamo dell’ospitalità” dico inizio a spogliarmi “Fortuna ad avere trovato un signore così gentile, non trovi?”
“La gentilezza è così rara di questi tempi” rimane nuda, una piccola fata dei boschi dai riccioli biondi e forme ben proporzionate. Si mette a saltellare come una graziosa pin up stile Betty Boop “Oh” si blocca e mi guarda “Ma dai”
Indosso i miei boxer con le scimmiette “Sono le mie preferite”
“Toglitele immediatamente”
Obbedisco, rimanendo nudo di fronte a lei. La prendo per mano ed entriamo in bagno. Wow, sontuoso come la camera da letto. L’acqua fluisce calda quasi subito. Ci immettiamo sotto il getto, ci insaponiamo la schiena, scivoliamo uno contra l’altra e poi…
Luigia si aggrappa ai miei fianchi e mi accompagna ad ogni affondo. Io la sento tutta, l’assaporo mentre la bacio, mi godo i suoi gemiti, il suo orgasmo..

LA sera a cena. Il signor Carmini ci serve del salame di cervo come antipasto e del brasato. “Abbiamo la fortuna di avere una riserva di caccia di proprietà” spiega il signor Carmini
Il maggiordomo si aggira attorno al tavolo con una bottiglia di Pinot d’Oltrepò, non smettendo di guardarci con cipiglio corrucciato “Vi è di gradimento la vostra camera?”
“Sì, grazie” rispondo
“Allora, cosa vi ha portato così fuori strada?”
“Stavamo facendo un tour di degustazione. Queste zone dono ricche di tradizione vinicola e di prodotti D.O.P.. Volevamo farci un week end così, spensierati” rispondo
“Di cosa vi occupate?”
“Scrittore a tempo perso” rispondo “E giornalista”
“Io faccio la parrucchiera” dice Luigia
“E lei?”
“Produco vini. Questa è la zona giusta per il Pinot e il Sangue di Giuda”
“La storia che ci ha raccontato prima” interviene Luigia “Quanto c’è di vero?”
Il signor Carmini sorride “Ogni leggenda ha la sua verità”
“Criptico ed enigmatico”
“Questa è la storia più accreditata. La solita tresca famigliare, lui ama lei che ama un altro. Tragedia e sangue, fine. Per essere stringati”
“Che ne ‘è stato del corpo della sposa?”
Il maggiordomo picchia il bicchiere di vino più forte del necessario sul tavolo. Grugnisce e dice, per la prima volta da quando siamo arrivati lì “Ella giace dove si è gettata” ha una voce bassa e raschiosa “Troppo in profondità tra le rocce per poter essere recuperata” ci sfida con lo sguardo, lo sposta verso il signor Carmini, fa una smorfia di disgusto e poi si allontana
“Che caratterino ruvido” commenta Luigia
“Non andate molto d’accordo”
“Ci sopportiamo a vicenda da qualche anno”
“Strano che non se ne sia già andato” commenta Luigia
“E’ vincolato da un contratto. Se prova ad andarsene, perde tutto” sorride “Io non posso licenziarlo e lui non si può licenziare”
Finiamo di bere il pinot sulla veranda della villa. Sopra di noi, il cielo notturno è un manto unico di stelle. E la luna.. meravigliosa luna. Luigia si gira verso di me e mi bacia “Andiamo di sopra?”
Salutiamo il padrone di casa e saliamo alla nostra camera “Quel vinello mi ha dato un po’ alla testa” dice lei aprendo la porta ed entrando. Mi assale subito, mi abbraccia, mi bacia. Frenetica, le mani mi slacciano i pantaloni e frugano nelle mutande. Mi afferrano il sesso e cominciano a massaggiarlo. La sento inginocchiarsi. Poi, la sua bocca che me lo ingoia e comincia a lavorarci di lingua. Mi premo contro la parete e desidero che…
Nudi a letto, lei che si impala sopra di me, si dimena coi fianchi come una perfetta cowgirl ad un rodeo. Poi arriva l’orgasmo e lei che crolla al mio fianco, spossata e felice “Uh” fa lei “Che roba”
“Già, che roba” sorrido
“Vado a farmi un bagno caldo” dice alzandosi. Al buio, la luce della luna che scivola da una fenditura e la illumina avvolgendola e rendendola perlacea.
Io rimango lì, sorridente e felice. Magari dopo, il bagno me lo faccio anche io e poi… Poi, magari, ancora un altro po’ di sesso.
E sento un leggero abbiocco che mi afferra e mi trascina giù. La sento scivolare leggera sul mio corpo. La mia erezione si risveglia e brama la sua pelle, la sua vagina. I capezzoli strusciano sulla pelle, graffiano come grafite, il suo corpo aderisce in perfetta armonia. Manca poco e sono ancora dentro di lei. Questa volta meno selvaggia, ma solo dolcezza, un’onda del mare che si muove armoniosa.
Lento e armonioso amplesso che, alla fine, culmina nuovamente in un orgasmo “Fantastica” sussurro
Le sue dita mi sfiorano le labbra. Un sussurro appena percettibile come alito di vento “Grazie”

Mi sveglio piacevolmente, il sole che filtra tra le tende. Luigia mi sta praticando un respiro bocca cazzo “Ma buongiorno” sorrido entusiasta
Lei smette di succhiare e mi fissa sorridente “Stai perdendo colpi Mauro?”
“In che senso” sbadiglio
“Beh, di solito, almeno tre scopate per buttarti in letargo”
“Beh, sarà l’aria di montagna.. MA due su tre sono ok”
“Due?”
“Due scopate: una furia selvaggia e l’altra dolce e sensuale”
Le cammina carponi fino a una spanna dalla mia faccia e mi osserva corrugando la fronte “Hai bevuto troppo Pinot”
“In che senso?”
“Sono uscita dal bagno ieri sera e tu ronfavi come uno che aveva fatto la scalata del Pordoi con i freni tirati”
“Beh, come ho detto, due scopate intense..”
“Una”
“Due”
“Non insistere, me la ricorderei una scopata numero due, no?”
“Ma dai come se.. Oh, cazzo. Mi sa di dejavu” guardo Luigia “Un sogno che sembra vero che non è un sogno” scuoto la testa “Ho bisogno di un’aspirina”
“MA che?”
Caracollo in bagno, mi lavo, mi do’ una rinfrescata. Torno in camera da letto. Luigia è ancora lì, nuda, seduta sul letto “Vestiti” dico perentorio
Lei obbedisce. Usciamo e scendiamo da basso. Il signor Carmini non si vede da nessuna parte. Nemmeno il maggiordomo o la domestica “Svaniti nel nulla” con la coda dell’occhio percepisco qualcosa di stonato. Vado verso il quadro e.. “Porca zozza”
“Cosa c’è?” chiede Luigia
“Ricordi la storia raccontata ieri sera? Avrebbe trovato la giusta pace qualora la sua amante avrebbe avuto di nuovo un figlio” indico il quadro della signora in rosa. Luigia spalanca la bocca per la sorpresa: il quadro con la signora Arianna Dell’Orso era cambiato. Ora, in bella mostra sul dipinto, la giovane ragazza esibiva un bel pancione “Porca troia vacca” esclamiamo all’unisono

=Fine=

Questo racconto di è stato letto 5 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.