La giovane mammina inquieta. 1°Parte. "Il porco".

Scritto da , il 2021-10-16, genere dominazione


Casalinga per necessità, derivante dalla sua recente maternità, Nicole viveva un momento così bello della sua vita, ma c’era un vulnus, un cruccio che l’assillava. Aveva l’impressione che la sua sessualità rimanesse come sfocata, sullo sfondo, smarrita e ormai di importanza residuale a causa delle sue nuove responsabilità che la impegnavano. Persino l’atteggiamento di suo marito era si affettuoso, premuroso, ma privo di fuoco e a lei sembrava di attrarlo sempre meno e questo acuiva una certa disistima in se stessa. La tempesta ormonale gridava dentro di lei, tuttavia, una voglia potente, un desiderio insoddisfatto. Capitò a Nicole, in uno di quei giorni in cui si sentiva proprio giù, di scambiare quattro chiacchiere con Bruno un coinquilino che non perdeva occasione di esprimerle, fosse anche solo con gli sguardi, il suo apprezzamento e la sua ammirazione. La invitò al bar sotto casa per un apparentemente innocente aperitivo. Lui, cinquantacinquenne, puttaniere, feticista, bisex dal fisico imponente pur gravato da una iniziale pinguedine, da autentico marpione aveva colto la difficoltà e l’insoddisfazione in cui si dibatteva la ingenua e vulnerabile ragazza e partì all'attacco. In quell’occasione Bruno fece trasparire smaccatamente un lascivo interesse verso la giovane donna e Nicole, pur timorosa e strutturalmente timida ne fu intimamente gratificata. Finì per stare al gioco irretita dalle lusinghe veicolate da una facondia verbale straordinariamente efficace. Si scambiarono le mail ripromettendosi di continuare ad approfondire la discussione. Quell’appuntamento si rivelò ben presto per Nicole irrinunciabile, una importante valvola di sfogo per la sua frustrazione per la sua libidine repressa. Nicole creò un apposito account segreto per non correre rischi di essere scoperta e per poter dar sfogo ai suoi pensieri in libertà. Ben presto iniziarono a utilizzare collegamenti con la webcam. L’uomo aveva conquistata tutta la sua fiducia e lei finì per raccontargli ogni particolare sicura di trovare la comprensione di colui che considerava ormai un amico confidente.
Come quella volta che si lamentò di non aver potuto usufruire per mancanza di tempo dell’estetista e di sentirsi a disagio : lui ne approfittò chiedendole un’inquadratura tramite web - inaugurando una consuetudine - delle sue parti intime. Una volta ottenuta l’immagine, Bruno si profuse in una appassionato elogio della figa con quelle caratteristiche e della sua superiorità su quella depilata.
- È uno splendore! Vedere quella fessura rosa stagliarsi fra il pelo scuro e folto non ha eguali, è poesia pura.
Anzi - si, solleva le braccia per favore - mantieni quel bel ciuffo di pelo che ti è fiorito sotto le ascelle. A me piace molto, ti conferisce un fascino genuino, selvaggio.
Bruno la stimolava continuamente. Un giorno le chiese di mostrargli anche i piedi.
- Sono molto belli, vorrei tanto baciarteli.
Lei rise nervosamente.
- Mi imbarazzi sai? Talvolta dopo una lunga giornata di lavoro possono essere odorosi. Non credo lo gradiresti proprio.
- Ma cosa dici? Al contrario il profumo naturale di una donna è quanto di meglio esista per un buongustaio del sesso e quello dei tuoi piedini deve essere delizioso al pari di quello del tuo inguine odoroso, di quello pungente delle tue ascelle sudate per il caldo e il lavoro della giornata.
L’aveva persino convinta a fargli avere, lasciandolo davanti all’uscio di casa, un pacchettino contenente la sua biancheria e le calze usate.
- Così avrò modo di apprezzare i tuoi odori quando ti guarderò nel tuo splendore in video. Son certo che esiste fra noi anche una affinità chimica, olfattiva veramente speciale. Con questo omaggio che mi farai avrò la definitiva conferma.
Nicole si sentiva valorizzata anche in quelli che aveva considerato difetti o piccoli inconvenienti. Le piaceva tanto chattare con quell’uomo e, pur fra mille difficoltà, ogni giorno riusciva a ritagliarsi uno spazio. Bruno, con consumata perizia, la trascinava progressivamente su argomenti che lei trovava sempre più intriganti: le parlava di aspetti della sessualità che non aveva fino a quel momento considerato perché assolutamente sconosciuti: rapporti anali, a tre, doppia penetrazione, incontri orgiastici, fetish, pissing. A poco a poco in Nicole si era reso manifesto il suo lato torbido che la affascinò e finì con l’attrarla tanto da richiedere a Bruno di conoscere, morbosamente e fin nei dettagli, quelle pratiche per lei oggetto misterioso e proibito; lui con pervertito piacere si lanciava in lunghe e minuziose spiegazioni. Così capitava sovente che la giovane mamma si ritrovasse a sognare situazioni che la vedevano disinibita protagonista di tresche bollenti.
Lui, nei loro appuntamenti in rete, la incalzava con malizia:
- Ma non dirmi! Non hai mai fatto nemmeno una volta sesso anale? Non ci posso credere! Ma devi provarlo assolutamente.
- Ho paura…mi farà male.
- Ma no basta saperci fare. Io, ad esempio, potrei guidarti a questa nuova, irrinunciabile esperienza. E già si figurava di affondare la sua asta fra quelle candide natiche tornite, sfondare quel buchetto vergine, udire i gemiti e le urla di Nicole per il dolore e il piacere. Già la sua passione per la carne fresca.
L’uomo le fece recapitare un pacchetto che conteneva un dildo, un fallo doppio, per introdurla e prepararsi a quel piacere.
- L’ho provato ed è molto stimolante - riconobbe, vincendo l’ imbarazzo.
- Potremmo fare di meglio se ci vedessimo di persona.
Bruno tesseva la sua trama inesorabile pazientemente e, quando ritenne la situazione matura e la ragazza cotta a puntino, si accinse a stringere per coglierne i frutti. Pur traendo molto divertimento da quel rapporto virtuale, aveva necessità di nutrirsi di sostanza solida, vera.
- Che spreco regalare l’ opulenta avvenenza del tuo giovane corpo solo a tuo marito! Uomo privo di fantasia per di più e che ti da per scontata. - Bruno scuoteva la testa per manifestare il suo disappunto, come fosse costernato per questa manchevolezza.
- Ma non so se riuscirei a tradirlo, mi vergogno tanto solo a pensarci. - Tradirlo! Che parolona! Si tratta solo di fare una nuova esperienza per divertirsi dopo tante rinunce. E poi provare un po’ di vergogna è benzina al fuoco dell’eccitazione.
Vide il sollevarsi più frequente delle stupende mammelle, lievitate per la recente gravidanza e il puerperio. Nicole infatti che era nuda davanti allo schermo – come lui aveva preteso – e lui capì che le sue parole avevano colpito il bersaglio: lei si stava accendendo ed era pronta finalmente a cedere alle sue profferte. Mentre stava per affondare il colpo finale e stringere per l’appuntamento, notò alcune goccioline far capolino in corrispondenza dei capezzoli di Nicole e glielo fece notare.
- …Ma no, é che pur avendo ormai svezzato il bambino da qualche giorno, gocce di latte fuoriescono ancora, specie nei momenti in cui sono molto sollecitata, emozionata come sta accadendo ora.
Questo particolare rafforzò la sua determinazione nel voler incontrare al più presto la giovane nel timore che quel fenomeno che aveva così colpito la sua fantasia pervertita – lui era instancabile cacciatore di novità – si esaurisse.
- Quando potremo incontrarci? Ti chiedo di darmi una disponibilità al più presto.
- Domani, dal primo pomeriggio, terminato il mio turno di lavoro, avrò qualche ora di tempo visto che il bimbo starà dai nonni.
Si accordarono per ritrovarsi nel “pied a terre” di un amico di Bruno.
- Appena finito di lavorare vola da me.
- Passerei prima da casa per farmi una doccia… ne avrò bisogno e al lavoro non è possibile.
- No vieni subito! Quanto alla doccia scordatelo, vieni così come sei. Ti voglio ancora sudata, profumata di te.
Bruno, aveva intenzione di divertirsi con la ragazza consenziente e poi, magari ricattandola, costringerla a pratiche ben più perverse, crudeli ed estreme.
La notte trascorse agitata, quasi insonne: Nicole pensava all’incontro del giorno successivo e fu perfino sul punto di rinunciare, ma la la sua curiosità unita alla sua smania ebbero il sopravvento.
- In fondo è solo un po’ di divertimento che mi sono meritata e che compensa l’essere stata trascurata da tanto tempo. - cercò di giustificarsi.
Uscita dalla sua azienda filò veloce verso l’appuntamento seguendo le indicazioni che Bruno le aveva fornito. Giunse di fronte a un anonimo ma dignitoso caseggiato di periferia. Il piccolo appartamento situato a piano terra dove bruno la stava aspettando impaziente la colpì per l’arredamento molto particolare e in particolare la stanza da letto verso cui tutto sembrava far capo dotata di un soffitto costituito interamente da uno specchio. Si intravvedeva, molto dissimulato un armadio a muro e, a parte il grande letto, null’altro.
Bruno, che più volte aveva usufruito della garçonniere apprezzava la sapiente illuminazione che consentiva la straordinaria visione dei corpi degli amanti nudi, intenti ai loro giochi erotici, nelle immagine restituite dallo specchio sul soffitto.
Nicole era assai emozionata nel trovarsi sola con un uomo che non era suo marito e un po’ turbata di aver ceduto a quel soggetto dalla moralità non certo specchiata le cui intenzioni erano chiare da principio.
Bruno cogliendo l’esitazione della ragazza e temendo un suo tardivo ripensamento la fece sedere sulla sponda del letto e prese l’iniziativa. La spogliò senza fretta iniziando dalle sneakers da lavoro e via via fino a denudarla interamente, trovandosi di fronte a un giovane corpo agile e flessuoso ma dotato di tette arroganti nel loro splendore.
Odorando, baciando, leccando svariati frammenti di epidermide potè apprezzarne la loro ricchezza di profumi e sapori inebrianti. Nicole da parte sua sudava moltissimo e percepiva essa stessa, con sottile disagio invero, il proprio pungente aroma. Brividi le percorrevano il corpo. Mai aveva provato una simile esperienza.
L’uomo non aveva certo dimenticato la sua fissazione per quelle mammelle procaci e gonfie e finalmente la poteva appagare. L’oggetto delle sue brame era a completa disposizione delle sue libidini e le sue mani lo afferrarono, palparono a fondo, le sue dita si strinsero con forza sui capezzoli spremendoli verso l’esterno. Lei strillò.
- Ahi, che fai? Mi fai male, basta ti prego!
- Ti mungo. Adesso sei la mia vacca da latte.
Nicole percepì un cambio della voce di Bruno: non più melliflua ma volitiva, autoritaria. Avvertendo il dominio esercitato su di sé, lasciva si abbandonò alla eccitazione che montava come una marea. Per questo - oltre che per l’azione della dita dell’uomo - i suoi capezzoli emisero dapprima goccioline e poi uno spruzzo di liquido traslucido che il suo amante ricevette voluttuosamente in bocca assaggiandone il sapore dolce.
L’uomo sentì scatenarsi incontenibile la sua voglia, si spogliò e sibilò:
- Adesso allarga le gambe che ti scopo, troietta in fregola.
- Ma…- Avrebbe preferito più dolcezza
- Sbrigati!
Bruno fu sopra di lei col suo corpo massiccio e villoso e senza più indugi la penetrò con foga crescente fugando dalla mente di Nicole rapidamente i timori per l’adulterio che stava consumando - che al contrario fungevano da detonatore al suo godimento - e colmando la sua bramosia da tempo insoddisfatta.
L'uomo volle cambiare spesso posizione ingordo di sesso, manteneva un'intensità ragguardevole - nonostante non fosse più un ragazzo - e la stupì. Percepiva il cazzo muoversi da padrone dentro di lei, spingendola a gemere fino a urlare. Finalmente l'utilizzo della posizione a "fior di loto" consentì a Bruno di avere il pieno controllo delle tette di Nicole che lei agitandosi spingeva in avanti flettendo la schiena e dandogli modo di succhiare avidamente quei capezzoli gocciolanti. Lei di suo, arrapata, si impalò sulla verga di carne dell'amante offrendosi e cercando di rendere più profonda la penetrazione danzandovi sopra.Non aveva mai goduto tante volte di seguito e così intensamente. L'uomo sembrava spinto da un'energia inesauribile, ma quanto avrebbe retto a una giovane donna scatenata che sembrava insaziabile? Certo le sue prestazioni, per poter tener dietro alla sua voglia smisurata di incallito libidinoso e soddisfare la giovane sfrenata Nicole, erano rese possibili dalle sostanze assunte, ma esisteva un limite.
- Forza chiavami, sbattimi senza pietà. Ne voglio ancora, ancora - Nicole lo spronava, frustava un cavallo ormai sfinito.
Finalmente anche Bruno venne urlando. Avrebbe voluto anche prendersi il culo inviolato di Nicole da vero gourmet del sesso, ma si sentiva spossato e non stava troppo bene.
- Sarà per la prossima volta. - Pensò rassegnato.
Quando la donna se ne andò felice e soddisfatta, lui rimase steso sul letto sfatto. Guardandosi allo specchio del soffitto constatò che aveva proprio una brutta cera.
- Forse ho esagerato con il Viagra e la coca. Sudava freddo e avvertiva una stretta al petto, che cresceva d’intensità pari passo con il senso d’angoscia che l’attanagliava. Prese il telefonino, schiacciò a fatica alcuni tasti e, appena fu in linea, disse tremando con un filo di voce ansimante:
- Aiuto...

Questo racconto di è stato letto 8 3 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.