Un attimo prima

Scritto da , il 2021-05-03, genere bisex

Sento la sua bocca che mi sfiora il collo, una carezza leggerissima che percepisco umida, le sue labbra finemente ruvide sulla mia pelle liscia.
Gli occhi socchiusi, alzo un po' le braccia incontro alla sua volontà che assecondo, le mani mi sfiorano le ascelle regalandomi un brivido.
Con un tocco leggero e preciso il reggiseno si slaccia e la tensione elastica scompare come di incanto dal mio petto.
D'istinto respiro profondamente, espando il petto per sentire l'aria fresca dilatarmi gli alveoli e il seno sporgere libero da costrizioni.
Con il movimento del respiro profondo l'indumento si muove ritraendosi e accarezzandomi le mammelle.
Dita pazienti, ad una, ad una scostano le spalline ed il tessuto lentamente si sposta mostrando la parte superiore del seno, nel mezzo prende forma l'ombra che si prosegue sotto la curvatura delle rotondità.
È un lento scoprirsi, un lento concedersi, carico di erotismo e di promesse.
Non c'è foga di scoprire il capezzolo, l'estremo apice della sensualità del seno, forse il vertice di tutto, che all'intero il seno dà significato e completezza.
Una volta scoperti saranno lì, impettiti e svettanti, gonfi di eccitazione, alti e orgogliosi come due alfieri sulla scacchiera dei pezzi ben disposti, ma ormai scoperti, ed il gioco dei sensi dovrà trovare il passo successivo, essendo stato, questo, ormai violato e svuotato del suo significato, compiuto e superato.
E allora meglio prolungare la promessa, riempire di senso e di erotismo ogni singolo lento gesto, al massimo delle proprie potenzialità senza quasi più raggiungerne il compimento, in un crescendo continuo, infinito, verso un asintoto irraggiungibile, ma costantemente sempre più vicino.
I millimetri della pelle del seno si scoprono, il tessuto scorre sul capezzolo, né è sollevato e, come in un'ombra cinese, ne evoca la forma aumentandone il desiderio di scoperta.
Sempre l'attesa da sabato del villaggio, il fermento che si respirava nella preparazione del primo sbarco sulla Luna che, con i festeggiamenti del successo, ha fatto perdere quel piacere impalpabile, quei mesi e quegli anni di lotte e di speranze; l'intervallo della cottura di un piatto complicato; la prospettiva che il corpo di una donna si scopra agli sguardi, facendo scivolare lascivamente gli indumenti, prolungando i tempi ed aumentando il desiderio e l'eccitazione man mano che la pelle si concede.

Il reggiseno indugia un attimo là dove il bordo rilevato dell'indumento intimo va in conflitto col bordo altrettanto rilevato della mia areola eccitata. Le cuciture si incastrano contro la sporgenza svettante del capezzolo, eccitato dalla continua setosa carezza.
Il fiato dell'osservatore si blocca poco prima dell'apparire della scura areola dei miei seni, momento carico di enfasi spasmodica come quello del primo raggio di sole dopo una fredda notte all'addiaccio.
Peccato rovinare questo ultimo secondo, che ineluttabilmente dovrà passare.
Una piccola trazione ed il reggiseno prosegue la sua caduta, lo sguardo viene catturato dalla prima avvisaglia scura che fa capolino dal tessuto bianco, il primo lembo, come una sottile falce di luna nel crepuscolo dopo il tramonto del sole. L'areola scura si delinea sulla pelle bianca, non più coperta, preda di voraci occhi che palpitano come le stelle della via lattea. La tonda macchia gonfia e sporgente di eccitazione, i piccoli tubercoli rilevati che fanno da vassalli a sua maestà, e subito il tessuto si solleva sulla sporgenza del capezzolo, lo accarezza, lo avvolge e lo svela, ombra scura nel mare eburneo della pelle del mio seno. In un silenzio contemplativo, fermo e carico di enfasi, il capezzolo gonfio e turgido si espone all'aria fresca e agli occhi cupidi di desiderio e di conquista, mentre lascio cadere a terra la gabbia che mi teneva costretta.
Inevitabilmente, lo sfioramento sui punti più sensibili mi intensifica l'eccitazione, me la rende palese ai sensi, al livello della coscienza.
Riapro gli occhi sul mio seno, illuminato dalla luce fioca; lo contemplo dall'alto chiedendomi ancora, come ogni volta, con un sentimento misto di preoccupazione e di sospensione, se lo troverà bello e di suo gradimento.
Alla luce radente ogni minimo particolare, ogni irregolarità della pelle, diventa evidente. Quella finissima peluria, i micropori.
L'areola che si era gonfiata, lentamente si detende sotto il mio sguardo indagatore, l'eccitazione si diluisce distolta mentre mi pongo ancora le solite domande sul mio aspetto fisico e sul piacere che ne trarrà chi ora mi è di fronte e mi sta spogliando, mi scruta minuziosamente, alla ricerca di dettagli e di particolari da fissare nella mente e per accrescere la sua propria brama.
Un dito, ora mi accarezza il volto con il dorso, dagli occhi mi scende sullo zigomo, si perde nell'incavo della guancia, ritrova la strada oltre la mandibola, contratta al passaggio del gesto lisciante, e si lascia suggestionare dalle linee del collo.
Il mio sguardo segue ora questa lenta carezza che, dopo un apparente indugio attraversando la clavicola, prende decisa la via del mio seno.
Quella lentezza che mi rapisce, che mi induce ad abbandonarmi senza riserve al tocco che mi esplora, che mi lascia sconfitta.
Succube e schiava delle sensazioni che il mio corpo sa evocare.
Seguo quel dito che impietoso mi tiene avvinta, mi paralizza, mentre piacevoli scariche elettriche mettono in comunicazione il mio seno con la corteccia cerebrale ed il livello della mia coscienza.
L'occhio vede, la pelle percepisce, il dito si muove lungo il mio seno, la sua meta si palesa.
La coscienza anticipa la sensazione che la pelle confermerà.
Progressivamente la sfumata stimolazione si avvicina al capezzolo e la mia mente si prefigura la tempesta di sensazione che si scatenerà.
La bocca si apre impercettibilmente e gli occhi si rammolliscono socchiudendo le palpebre nella preparazione al piacere, prima ancora che nella reale ed effettiva percezione del tatto.
L'attesa, la memoria di esperienze consolidate, ancora un piccolo sabato del villaggio che prende vita sul mio seno.
L'areola si gonfia nuovamente e sporge preparandosi al contatto, e il tempo si dilata.
Il seno sembra animato di vita, piccole vibrazioni che ne fanno sussultare la morbida consistenza mentre si concede alle impalpabili carezze.
Il frutto sporge, gonfio e scuro come un lampone maturo, e quel dito che si avvicina inesorabile ne governa il volume e l'espansione, ne condiziona l'attesa.
Mi cattura, mi costringe, mi tormenta e mi dà pace, mi annulla ogni altra sensazione oltre a quelle che danzano tra gli occhi e la pelle.
Il dito si avvicina alla polpa scura e io so già cosa succederà quando la toccherà, lo percepisco in anticipo.
La bocca aperta in un gemito inespresso, la coscienza di quanto la mia pelle sta per provare mi paralizza ogni volontà e cristallizza ogni decimo di secondo.
Solo tra le cosce sento dei formicolii significativi.
Lo sfioramento si avvicina, ma non arriva mai alla fine, come in un'estrapolazione del paradosso di Achille e della tartaruga, ed io so che è la mia mente che sta manovrando il tempo che non passa più, per prolungare questo indugio che già conosce la sua fine, questa scarica di adrenalina che esploderà quando il dito mi toccherà l'apice della tetta.
Il dito, dal dorso, ora mi accarezza con la punta di due polpastrelli. Anche chi sta manovrando il movimento vuole percepire al tatto la fine consistenza, il liscio della pelle asciutta che lascia il posto al rilievo irregolare e lievemente umido dell'areola per poi finire con la vellutata superficie del capezzolo, finemente rugoso, ma cedevole come un petalo di papavero.
Il dito si avvicina, lo sento nel suo lento ed inesorabile incedere, sta per toccarmi e la mia tensione, il mio piacere si impenna su una curva esponenziale. La bocca si apre e le palpebre cedono, ma resto ad osservare perchè sensazioni visiva e tattile dialoghino duettando come nel concerto per due violini di Bach, inseguendosi e potenziandosi.
Solo la voce cede, rompendo il silenzio con un leggero sospiro sfuggito al controllo dei mie polmoni.
Il dito è quasi giunto e la mia gola ora è contratta, pronta ad esplodere in un manifesto gemito, dopo un'aspettativa lunga quanto una gravidanza, gravida appunto di tensione e di piacere, di lenta crescita e controllo delle sensazioni in preparazione al compimento dell'estasi.
Ecco, il dito sta per toccare, la percezione di bagnato nelle mutandine si scioglie in una stilla che emerge all'esterno, colando sensibilmente sulle mucose esterne; ecco il polpastrello è giunto, manca un millesimo di secondo, forse solo quello necessario perchè dopo il contatto visivo, segua quello tattile, quelle frazioni di secondo in cui lo stimolo nervoso viaggia lungo i nervi sensitivi per raggiungere la mia coscienza e farmi percepire la sensazioni divorante che mi strapperà il suono di piacere palesando la mia resa incondizionata.


E già mi chiedo quale sarà la prossima battaglia, quale la seguente resa?
Dove si svolgerà il successivo tenzone e quanto rimarrà sospeso il prossimo livello di piacere?
Le mutandine che scendendo lentamente scopriranno le punte dei primi peli, o le prime avvisaglie della vulva?
La mani che mi apriranno le cosce per dare adito alle prime carezze sfiorate e convergenti?
Quell'attimo in cui le dita sposteranno le mucose che proteggono il clitoride per renderlo accessibile alla prima carezza con la lingua? Quella sensazione di fresco su una parte sempre celata, che verrà lenita dal primo contatto caldo e umido di una lingua pietosa?
O l'abbandono alla conclusiva sensazione di penetrazione profonda che mi espanderà dall'interno, sollevandomi il ventre e scatenando la tempesta dei gemiti finchè non verrà a compimento nella resa finale del mio corpo?

Questo racconto di è stato letto 2 9 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.