Viaggiando con mia figlia - 4 -

Scritto da , il 2021-02-27, genere dominazione

Getto un'occhiata al pisello di papà: ehehe... “apprezzi quello che vedi eh, papino?” penso, ridendo.
Sento voci, getto un'occhiata di scorcio... Oh-oh! Adesso ridiamo: hanno trovato il dossier su di me nella borsa di papà: mi impegno ancora di più nel pompino!
Speriamo che decidano di sbattermi per bene!
Succhio e sento che il capo (Costantin?) chiede delle cose a mio padre e che lui farfuglia... Allora vengono da me, il capo scaccia quello che stavo succhiando e mi dice: «Quella mezzasega di tuo padre non sa rispondere, vediamo se sai rispondere tu... Allora: se ti portano a spasso al guinzaglio come un cane, se alzi la zampa per fare pipi contro un albero come un cane, se sei nel recinto dei cani... secondo te, cosa sei?»
Immagino grandi umiliazioni e mi si bagna ancora di più al fichetta. Gli sorrido, contenta:
«Sono... una cagna, signore! Una cagna senza dignità, fatta apposta per essere umiliata ed usata...»
Costantin mi guarda con un sorriso, poi scoppia a ridere ed anche gli altri
«Bene cagna! Se vuoi essere umiliata e usata, vedremo di accontentarti!»
Poi chiama due, che mi prendono di peso, mi posano senza delicatezza sul pianale del pickup, col culo sulla sponda abbassata e finalmente mi aprono le gambe; poi vedono i miei piercing e si bloccano; chiamano il capo che mi guarda e fa la solita battuta sui piercing e i metal detector. Papà lo guarda con gli occhi rotondi senza capire e quindi lui gli fa vedere e allora altroché se li sgrana, gli occhi!
Gli sorrido ma poi uno mi si siede sulle tette e comincia a scoparmi in gola, mentre qualcun altro -finalmente!- comincia a chiavarmi. Ora sì che si ragiona!
«Papino, vedo che ti piace vedere tua figlia chiavata!» Sento dire dal capo e poi: «Dai paparino, facci divertire: facci vedere che ti fai una sega mentre chiaviamo e inculiamo la tua bambina...»
nessuno che parla per qualche secondo, ma poi... «Ho detto di segarti! Voglio vederti sborrare su tua figlia!» Wowww!!! Eccitantissimo che mio padre si seghi guardandomi mentre mi sbattono e che magari mi sborri addosso.... Mmmhhh...
Sento i getti contro l'utero di quello che mi chiavava e poi subito si leva, arriva un altro che mi afferra le caviglie, se le appoggia sulle spalle e poi me lo mette dentro, abbastanza grosso. Uff... e io che speravo che mi inculasse...
Ma poi lo leva, lo appoggia sul culo e... Ohhh!!! Alla buon'ora, finalmente! Mi inculano! Mmmmmm, goduria!
Il capo che dice a Dragomir di andarci piano, che magari mi rompe... Maffiguraoci Ci vuole ben altro! Difatti ricomincia quasi con cattiveria.
Quello che mi scopava in gola sborra e si leva e nel tempo che arrivi un altro, riesco a vedere papà che mi guarda e, tutto concentrato -con la punta della lingua che spunta da un angolo della bocca- che si smanetta furiosamente mentre, poco più in là, c'è Costantin che sfoglia il mio dossier... Uhm, ho idea che tra un po' ne vedremo delle belle...
Dopo un po' sento il capo che chiede qualcosa a mio padre, tono gentile e lui dice qualcosa...
Mi sa che siamo arrivati all'altezza dell'appunto: papà, ben arrivato tra quelli che stasera saranno stati riempiti di sborra!
Ancora altre frasi tra i due ma poi sento il fruscio del dossier che cade in terra ed il capo, incazzato che urla: «Succhia!»
Occavolo! Cosa darei per veder papino fare un pompino, ma non vedo proprio, da qui...
Poi lo sento fare come un urlo strozzato (dal cazzo in bocca, immagino): questi stronzi devono averglielo messo in culo a secco! Sì, penso che sarà divertente essere usati da loro!
Dopo un po' sento Constantin che proibisce ai suoi di sborrarci in gola o addosso: solo in fica (a me) ed in culo a entrambi... Non oso sperare, ehehhe.
Spero solo che mi vogliano anche far scopare da mio padre, alla fine...

Alla fine sono venuti tutti, più volte e anche io mi sento un po' stanca, in effetti.
Constantin mi viene a ficcare due dita nella mia patatina dilatata e stillante e poi, schifato le leva e si gira verso papà: «Uh, ma che schifo, guarda come mi sono sporcato le dita di sborra... come faccio adesso a pulirmele? Uhm, idea: Papino, apri la bocca!» E gli mette le dita in bocca, che lui succhia da bravo sottomesso.
Poi il capo continua, vuole demolire la dignità di papà: avessi dei popcorn, mi siederei a guardare...
«Proprio brava, papino! Oh! Che distratto! Ti ho chiamata al femminile... Ma anche se qui c'è tua figlia, tu non sei un granché come maschio vero???»
Lui annuisce, docile... Bene!
«Uhmm... no, sei più una femmina, vero? Una femmina cagna e puttana come la tua dolce bimbetta, sbaglio???»
Wow! Papà lo ammette, che bello!!!
«Però, una femmina che si chiama Arturo non va mica bene... -Beh, giusto!- ...Meglio cambiarti il nome con uno che faccia pensare alle calze a rete, i riccioli biondi, le labbra rosse, le tettone... tipo... Cinzia! Sì, Cinzia è perfetto per te! Sei d'accordo Cinzia?»
Lui annuisce, ma a me Cinzia come nome sta sul cazzo: mi ricorda una mia prof a scuola... Ma va beh, se piace a loro...
«Allora adesso abbiamo qui due femmine! La giovane che si chiama Giulia e quella più vecchia ma più esperta che si chiama Cinzia! Bene! Bisogna festeggiare! E' un battesimo e serve lo spumante!!!
Oh, ma che distratti: ce lo siamo bevuto tutto noi, prima... Ma non vi preoccupate, ragazze: non vi lasciamo a gola asciutta! Dai, inginocchiatevi ed aprite bene la bocca!»
Wow, che bello! Ci pisciano!!! sì!!! Dio, quanta! Sono zuppa! Ed anche... ahahahahah: Cinzia!
Ci dice di alzarci, alla fine e... «Però, pensavo: Noi vi siamo venuti dentro e quindi voi adesso siete tutte sporche... Dovreste ripulirvi un po', non pensate? Ecco, facciamo così: prima Cinzia lappa e pulisce i buchi di Giulia... Mi raccomando Cinzia: un bel lavoro ben fatto ed accurato, eh!... E poi sarà la piccola Giulia a rendere la cortesia a Cinzia... che poi Giulia farà prima perché ha un solo buco da pulire invece dei due suoi» Ecco, lo sapevo! Benissimo!!!
E tutti loro ridono.
Papà mi lecca davvero bene e spingo, per farla uscire tutta e lui, buonobuono lecca ed ingoia.
E poi io, leccargli i coglioni, il perineo e poi allargargli il culo con le dita per leccarlo bene dentro... Lo hanno riempito per bene ed anche ben allargato e... mmmhhh... non era pulito, ovviamente...
Nessun problema, si manda giù tutto, come ha fatto lui con me!
Sto ancora assaporando il sapore del culo di papà... (Uhm, però dai: Cinzia in fondo gli sta bene, come nome! Ho idea che questi qui abbiano grandi progetti, su noi due, eheheeh... lo chiamerò Cinzia, d'ora in poi... anzi: LA chiamerò!) … che qualcuno da' un colpetto di clacson da fuori: aprono il portone ed entra un furgone sul quale, dopo ci fanno salire e poi ci imbavagliano e ci legano come due salame col nastro americano.
Fatto ciò, partiamo e facciamo un bel po' di strada.

Quando arriviamo, ci liberano le gambe, ci fanno alzare e scendere: strizzo l'occhio a papà... a Cinzia, volevo dire... e lui... lei mi risponde allo stesso modo.
Rifletto che, forse, per lui (uff! Per lei, volevo dire!) è stata una specie di liberazione, l'essere finite nelle mani di questa gente: almeno si è evitata tutta la penosa parte dove mi chiede “Ma è vero? Ma hai davvero fatto queste cose? Ma cosa hai fatto, quando, con chi?...” ed anche lui, ho idea,si sente sollevato (sollevata!) per non dover più fingere un'eterosessualità che evidentemente non gli appartiene più e non gli è mai appartenuta.
Magari, a differenza di me, ha tenuto... al guinzaglio la pulsione di farsi umiliare, degradare e adesso questa assurda situazione e il fatto che io sia quello che pensava (o forse “peggio”?) per cui mi aveva fatta seguire, lo... la fa sentire libera di svelarsi per ciò che intimamente è!
La banda ci ha seguito: sono tutti qui!
Sento che discutono: “Costa” evidentemente ha chiesto l'opinione degli altri e alla fine detta una raffica di ordini.
Ci predono per un braccio e ci fanno camminare, fino ad un cortile sul retro, chiuso da un alto muro tutto intorno e sento una fitta di piacere alla fichetta: là in fondo c'è un un'area chiusa da una rete con dentro cucce... e cani!!!
E stiamo andando proprio lì!
Ci fermiamo proprio davanti al cancello del recinto, mentre due grossi cani si avvicinano scodinzolanti e altri tre ci guardano pigramente dalle cucce.
Marius col coltello taglia gli abiti (o pezzi) che ancora avevamo addosso, per lasciarci completamente nude e infine ci libera le mani.
Arriva quello giovane (Savi?) con in mano una scatola da scarpe; Marius pesca dalla scatola due collari da cane (Woooow!!) che ci allaccia al collo e poi delle specie di... sacchette di cuoio, dove dobbiamo mettere le mani chiuse a pugno e poi, che chiude al polso con un lucchettino. Ci mette anche delle specie di ginocchiere, ricavate da pezzi di copertone d'auto e poi ci portano dentro al recinto, allontanando i cani con urlacci e pedate.
Ridendo, Drago -appena arrivato- dice che visto che siamo due cagne, tanto vale che stiamo nel canile e ci ordina di metterci a quattro zampe, Vedo che parallelo al lato lungo c'è un grosso fil di ferro teso a circa un metro da terra; ci fanno mettere vicino a questo fil di ferro e poi tirano fuori due catene piccole lunghe mezzometro con due moschettoni: uno ai collari e uno sul filo.
«Per adesso starete qui, visto che Costa ha detto che siete due cagne: i guanti servono perché non vi roviniate le mani e anche le ginocchiere... Ah! Con quei guanti non ce la farete a slacciarvi i collari o aprire i moschettoni... Vi toccherà proprio restare qui e potrete sgranchirvi i muscoli andando su e giù lungo il filo: i moschettoni scorrono liberamente, vedete?» E ride.
«Ovviamente, come tutti i cani che i rispettano, visto che non abbiamo il tempo di portarvi a fare la passeggiatina, farete tutti i vostri bisogni in terra e non vedo l'ora di vedere quando porteranno il cibo, vedervi combattere con loro per mangiare... Ah, il dogo argentino è il capobranco... se riuscirete a farvelo amico... magari con dei pompini, potrebbe anche lasciarvi mangiare qualcosa...
Ciao ciao, cagnette!»

per contattarmi zorrogattoge@yahoo.it

Questo racconto di è stato letto 3 5 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.