Erotici Racconti

La prima volta non si scorda mai

Scritto da , il 2018-01-10, genere etero

“ Mamma. Ho deciso di fare l’amore con Daniel.”

“ Ne sei proprio sicura? Ci hai pensato bene?.”

“ Chi ho pensato bene, e ho preso la mia decisione. E non intendo tornare indietro”

“ Allora… se ne sei sicura… fallo pure!”

“ Mamma. Ho una domanda da farti. Com’è la prima volta?”

“La prima volta: è la prima volta. È magica. Dicono che la prima volta non si scorda mai. Io penso che la prima volta dovrebbe essere, dolce, calda e sentimentale.”

“ Perché dici dovrebbe? Non è stata cosi anche per te?”

“ No. La mia, non è stata così.”

“ E com’è stata la tua prima volta?”

“ La mia prima volta è stata: amara, fredda e violenta.”

“ Vorrei che tu me ne parlassi...”

“ La prima volta è stata tanto tempo fa…

Avevo 14 anni, proprio come te. In quel periodo, la mia migliore amica Susi, era considerata da tutti una – navigata - . Noi ragazzi e ragazze del quartiere ci riunivamo tutti nello stesso posto. Occupavamo l’intera tribuna in cemento, di una campo da basket all’aperto, in disuso da anni e lasciato alla natura. Tutti i ragazzi vantavano un’esperienza con lei. Era stata proprio con tutti.

Io e lei vivevamo praticamente insieme. O io andavo da lei, o lei veniva da me. Mi raccontava tutto quello che faceva e con chi lo faceva. Non tralasciando mai i particolari più piccanti. Poi non smetteva di ripetere, di quanto fosse bello il sesso. E di quanto i ragazzi si complimentavano per la sua bravura nel fare certe cose.

Era stata praticamente con tutti. Solo un ragazzo Susi non riuscì a convincere. Il suo nome era Alex, che diceva – non infilo il mio cazzo dove ne sono entrati e usciti altri cento -. Se è vero che con lei ci vivevo, era anche vero che insieme a lui ci sono cresciuta.

I nostri genitori erano amici di vecchia data e le nostre famiglie abitavano nello stesso piano. Eravamo come fratello e sorella: dormivamo; mangiavamo: giocavamo e facevamo il bagno insieme. Consideravo più fratello lui che i miei veri fratelli. Eravamo inseparabili. Litigavamo un giorno si e l’altro pure e arrivando il più delle volte alle mani, e come sempre ad avere la meglio ero sempre io. Ero più alta e più pensate di lui. Era troppo buono di carattere e io troppo cattiva e mi approfittavo della sua bontà.

Poi eravamo cresciuti, avevamo compiuto quattordici anni, la gente cominciava a considerarci fidanzati. Aveva cominciato ad interessarsi alle ragazze e preferiva passere il tempo con i suoi amici stupidi che con me. Ero gelosa, perché lo conoscevo meglio di se stesso, sapevo che era troppo buono e le persone di cui si circondava si approfittavano di lui.

Ero arrivata a fare delle scene di gelosia ogni volta che, con i suoi nuovi amici stupidi e amiche stupide, si presentava stordito o per l’alcol e per qualunque altra roba nociva si faceva con loro per sballarsi.

Una volta si presentò Alex mano nella mano insieme ad una sciacquetta. Una da: profumo da vecchia meretrice, di quelli che odorano di Acqua di Colonia misto alla puzza tabacco, rubato di nascosto alla madre; capelli tinti di azzurro unti da ogni tipo di lozione; un mini top camouflage con una grossa stella rossa stampata; piercing all’ombelico; super mini gonna nera di pelle; zatteroni nero lucido; le labbra segnate da un rossetto rosso fuoco da quattro soldi; altro piercing sulla lingua e per finire, l’immancabile sigaretta in mano dalla quale aspirava lunghe e volgari boccate di fumo. Si chiamava Jessica. E stavano insieme da un mese.

Il mio migliore amico fraterno, si era fidanzato da un mese, e non mi aveva detto nulla. Andai su tutte le furie. E quella volta me ne andai via insultando sia lui che lei. Ci rimasi male. Non riuscivo a capire come potesse piacergli una come Katia: un ochetta con il cervello da gallina; che si veste, si trucca e si atteggia da puttana.

Andai davanti alla cabina armadio. Cercavo tra i miei vestiti qualcosa di sexy e di femminile. E per la prima volta, notai che il mio guardaroba era quello di una bambina.

Mi guardai allo specchio e vedevo una bambina. Tutta colpa delle lunghe trecce. Che facevano da contorno ad un volto dai lineamenti angelichi. Proprio come il mio nome: Angelica. Un angelo dai capelli biondo d’orato con occhi grandi e azzurri come il mare.

Il giorno dopo cambiai radicalmente il mio look: Tagliai i capelli a caschetto tingendoli di nero; feci un piercing al labro; rifeci da zero un nuovo guardaroba, che comprendeva: vari modelli di maglie nere; gonne e pantaloni di pelle neri; scarpe nere con le borchie; giacchetti di pelle neri.

Inizia a fumare atteggiandomi da grande con i ragazzi più grandi. Ero andata in simpatia al tipo che tutte le ragazze consideravano il più fico. Era tra i pochi ad avere una macchina. Da anni lavorava e si manteneva un appartamento da solo. Accettai la sua corte e cominciavamo a farci vedere insieme. Quando staccava da lavoro mi passava a prendere al campo da basket abbandonato dove sotto gli occhi di tutte le ragazze che vedendomi salire sulla sua macchina provavano un profondo senso d’invidia.

Nick era un gran figo. Era cresciuto molto in altezza, fin fa bambino giocava a basket, ed era una considerato dagli addetti ai lavori una promessa. Poi è cresciuto, imboccando una cattiva via: La Strada.

Quando c’era Alex, che come sempre se ne stava incollato alle labbra di Katia, e arrivava Nick, io mi alzavo e andando via, salutando tutti e venendo risalutata in coro, ma lui non si degnava a rispondere. Giravano voci e dicevano che, lui era geloso e non approvava la mia relazione con Nick. Ma lui aveva smesso di parlarmi. Infine arrivo a rispondere a qualcuno che gli chiese di me - peggio per lei se passa da una puttana che si scopa quelli molto più grandi di lei - .

Come osava parlare di me in quel modo, e poi, io, ancora non mi ero scopata mai nessuno. Ero schifata dalle sue parole, e se solo l’avessi avuto davanti agli occhi, gli avrei spaccato il muso. Volevo fargliela pagare. Nick muoveva continue e pressanti richieste a fare sesso, dopo molti rinvii, decisi di accettare e mi concessi a lui.

Da quando presi quella decisione, non passava tempo che non immaginavo il momento: mi sarebbe venuto a prendere con in mano un mazzo di rose rosse; poi saremmo andati a cena in un ristorante di pesce al porto; e avremmo dopo mangiato, passeggiato mano nella mano camminando a piedi nudi per il lungo mare sotto la luna e le stelle; infine avremmo consumato il sesso in una camera di un albergo a 4 stelle. Una serata indimenticabilmente romantica. Ma invece non andò così.

Non cenammo in un ristorante di pesce al porto, ma mangiammo un panino son la salciccia e broccoletti sullo spiazzale di un paninaro parcheggiato sulla tangenziale. Non proprio come mi sarei aspettata l’ultima cena da vergine. Speravo almeno che il sesso potesse essere come me lo ero immaginata. Non ci fu un letto morbido e caldo di un albergo 4 stelle, ma una freddo gradone gelido di un parco abbandonato. E lui non era dolce e romantico come mi sognavo che fosse, ma era rozzo e violento. Già dalla macchina allungava ossessionatamene le mani infilandomele da sotto il vestito, sbandando con l’auto e invadendo la carreggiata opposta. Non fu per niente delicato quando il suo sesso non entrava nel mio ancora vergine. Ero asciutta e chiusa. Si sputò sulla mano strusciandola sulla punta della cappella. A fatica si fece spazio. Alla deflorazione sentii come uno strappo di tessuto, seguito da una sensazione di bruciore interno, e il calore dei rivoli di sangue che scivolavano lungo la gamba. Accompagnava le spinte oscene con energici grugniti. Sentivo l’odore acre del suo sudore, mischiato alla puzza di bruciato dei vestiti impregnati dal fumo delle sigarette. Mi fece schifo e mi feci schifo prima di tutto io. Che mi ero concessa a un tale balordo. Finalmente finì. Uscì giusto in tempo e mi venne addosso sporcando mutande e gonna.

Io piangevo. Piangevo per il dolore, e per la delusione d’aver sprecato la mia prima volta solo per dimostrare di essere grande, con una persona che dopo aversi preso la mia rara verginità, si accese una sigaretta e mi lasciò li, a leccarmi le ferite. Da sola. In lacrime.”

“ Ma è una cosa triste.”

“ Appunto, voglio che tu sia prudente, e decidi di concederti solo alla persona che ritieni possa permettersi tale privilegio”.





Questo racconto di è stato letto 2 1 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.