La notte

Scritto da , il 2020-11-30, genere etero

La notte, un mondo allo specchio, ci vorrebbe il Bianconiglio a farci da guida.
Ora nei mesi freddi poi con l'oscurità che cala presto, questo mondo al contrario arriva prima.
C'è come un lungo crepuscolo, che parte da quando la città accende le luci, fino all'ora canonica quando tutti coloro che vivono di giorno sono a casa.
Nella mia città quest'ora di trapasso arriva verso le 10 di sera, quando si esce dai ristoranti, dai cinema, dai bar, e c'è chi torna a casa e chi invece inizia a vivere.
È allora che inizio a percorrere questo mondo, il mio mondo.
Inizio arrivando sui viali intorno alla stazione, zona deputata al mondo malfamato, perché vi si spaccia, ci si prostituisce, qualcuno si apposta vicino alla stazione aspettando un treno per borseggiare i passeggeri, che stanchi tentano di arrivare a casa.
Questa è una delle mie zone preferite, è piena di vita in realtà; la strada che dalla stazione procede verso il centro cittadino, è piena di luce proveniente dai locali ancora aperti.
Sono locali etnici, gestiti perlopiù da stranieri, provenienti da tutto il mondo, è allegra e c'è sempre gente sui marciapiedi, che parla, ride e alle volte si azzuffa.
È un mondo variegato, difficile da gestire, e da comprendere; è come una grande nave piena di gente che deve condividere spazi ristretti.
È qui che solitamente mi fermo per uno spuntino; la mia cena delle 10.
Un kebab se ho fame, due chiacchiere con Hussein, o un pezzo di pizza al Jolly.
Al Jolly poi, incontro sempre il mio capo che è lì fisso, anzi, non so come faccia, ma lui è sempre lì seduto con una birra davanti, dalla mattina in poi.
Il mio capo mi dà qualche dritta sulla nottata che dovrò affrontare, mi dice chi evitare, quali zone è meglio frequentare; questa notte mi dà viale delle Ferriere nella zona tra i due benzinai, poi mi dice di evitare via Tullio che ci sono le ucraine e in questo periodo non è il caso di immischiarsi.
Va bene, tranquillo, dico io e prendo le chiavi della Skoda Fabia che mi porge il capo, mi alzo e sculetto un po' per il suo divertimento mentre vado verso la vettura.
Dentro cerco i preservativi, i fazzoletti, c'è pure un coltello ma a me non piace, se arriva la polizia e te lo trova si aprono automaticamente le porte di via Spalato.
Parto, meno di un chilometro e sono in zona, giro intorno al piazzale Cella e imbocco il viale, mi fermo proprio alla prima stazione di servizio, quella davanti al supermercato dell'Eurospin.
È un posto comodo perché puoi andare nel parcheggio dietro, coperto dal muro della stazione di servizio e stare ragionevolmente tranquilla.
Io scendo dall'auto, davanti c'è pure una fermata del bus, io mi fermo lì.
Stivaletti bianchi, leggings elasticizzati celesti e pelliccetta pure bianca, non possono non vedermi.
E infatti i fari che mi illuminano, riflettono la mia figura, aspetto i miei clienti fissi, la serata è fredda, speriamo che arrivino presto, che mi facciano raggiungere velocemente il minimo pattuito che voglio tornare a casa.

Questo racconto di è stato letto 1 3 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.