Dubbi amletici

Scritto da , il 2020-12-01, genere comici

Fottere o non fottere, è questo il dilemma?
Se sia più nobile resistere e nella mente soffrire gli arditi colpi del rimorso, oppure cedere e aprendo le cosce, por fine ad essi?
Morirne, sditalinarmi in solitaria estasi, nient'altro e con una sana dormita, farsi passare gli arditi bollori.
È comunque una soluzione da desiderarsi devotamente.
Scopare, dormire.
Dormire, forse sognare di averlo fatto, ed è qui l'ostacolo, perché in quel groviglio mortale di gambe, la ragione si perde e bisogna tornare a riflettere, o fottere?
È questo l'ostacolo che da una vita così fottutamente allegra e lunga.
Perché chi sopporterebbe le frustate del tempo, se poi nessuno ci cerca più?
Il torto dell'oppressore, l'ingiuria dell'uomo superbo, gli spasimi dell'amore disprezzato, il ritardo alla fine del mese, l'insolenza delle vecchie megere, con il loro "te l'avevo detto".
Chi porterebbe fardelli, grugnendo e sudando sotto il peso di un uomo troppo pesante, se non fosse per il terrore di qualcosa dopo il nono mese, che venga a toglierci anche quel poco di apprezzamento di quei 5 o 6 minuti di grato piacere, ricordandoci la futilità stessa del piacere.
Così la coscienza ci rende tutti codardi, e così il colore naturale della risolutezza nel voler fottere è reso malsano dalla pallida cera del pensiero di errare, e imprese di grande altezza e momento per questa ragione deviano dal loro corso e perdono il nome di azione.
Non fotto più, me ne vado!
Amlet... cioè no, Lù

Questo racconto di è stato letto 4 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.