Dispersi nello spazio

Scritto da , il 2020-11-06, genere saffico

(prosecuzione di: "Attratti dal buco nero")

Respiro a fatica dietro alla maschera FFP3.
Mi allontano dai pazienti COVID, devo respirare!
Prima il mal di testa, ed ora anche la nausea, non ho abbastanza ossigeno. Mi sposto in studio medici, mi siedo davanti al PC e alzo la mano per togliermi questa maledetta maschera.
Ma il braccio è bloccato, non si muove. Provo con l'altro, ma niente, bloccate tutte e due le braccia.
La nausea aumenta, mi manca il fiato, maledizione, non respiro, cerco di urlare, ma i miei polmoni sono vuoti, non...!!!
Mi ritrovo sdraiata su un materassino. La nausea è ancora forte, come pure il mal di testa, ma almeno respiro.
Dove sono? Luci soffuse, il 'bip bip' monotono di un monitor, led verdi e rossi che pulsano intorno a me.
'Buongiorno Yuko, ti trovi sulla navicella Phenix, in viaggio verso Proxima Centauri...'
una voce di donna, dolce e suadente, ma registrata.
Respiro profondamente. Almeno sono viva. L'ossigeno c'è, altrimenti non mi sarei neanche svegliata.
Faccio per slegarmi le cinture che mi trattengono al lettino quando scorgo un viso nella penombra.
Caccio un urlo e cerco di alzarmi, ma le cinghie mi trattengono.
“Calma Yuko, sono Mustang!”
Lo guardo meglio e lo riconosco, ora che si avvicina al mio bacello, tenuemente illuminato da luci blu. Di colpo mi ricordo che sono completamente nuda. Mustang scorre il suo sguardo sul mio corpo.
“Mustang, che ci fai qui? Dovresti essere nel tuo bacello!”
“Volevo assistere al tuo risveglio.”
“Ma che diavolo.... da programma mi sarei dovuta svegliare un'ora prima, per seguirvi 'io' nel vostro risveglio.”
Intanto cerco di sganciarmi le cinture di sicurezza.
“Si vede che eri molto assonnata. Dai, ti aiuto!” e allunga le mani verso il mio petto.
“Aspetta, faccio da sola.”
Ma lui non si ferma e mi tocca il seno.
“Cazzo, Mustang, faccio io!”
Quello mi strizza le tette, mi si butta addosso e cerca di baciarmi.
Mi divincolo, giro la testa per sfuggirgli, ma le cinghie mi bloccano e lui continua a palparmi.
“Porca miseria, Mustang! Levati di dosso, cazzo!”
“Urla, urla pure, qui non ci sente nessuno. Il tuo Hermann Morr non può intervenire.”
Mi divincolo, ma quello si sdraia sopra di me. Gli sferro un pugno in pancia, lui sembra non sentirlo neanche e con una mano mi stringe la gola.
“Non farmi incazzare, muso giallo, stattene buona e cerca di godertela!”
Con un braccio riesco a spostarlo quel tanto per raggiungere una fibbia e sganciarmi una cintura.
Lui continua a sbavarmi addosso, mi allunga una mano fra le cosce e cerca di entrarmi dentro.
“Mollami, stronzo, fuori dal cazzo!”
Lui si solleva e mi molla un ceffone col rovescio della mano che mi fa partire due otturazioni. Mi ha spaccato un labbro e gocce di sangue si levano nell'aria, volteggiando nell'ambiente privo di gravità.
Resto stordita, la nausea ora è fortissima.
Mustang armeggia sulle mie cinghie, mi slega le gambe e subito gli mollo una ginocchiata nei coglioni. Urla e si contorce, piegato in due.
“Puttana, te la faccio pagare!”
Mi tira per i capelli fuori dal bacello, ormai slegata dalle cinghie. Per la violenza della presa vado a sbattere contro il soffitto. Volteggiamo entrambi in questo spazio stretto in cui l'assenza di gravità ingigantisce ogni movimento.
La botta sulla testa mi stordisce ancora di più.
“Mustang, ti ammazzo!”
Ma lui armeggia sul portellone di sgancio, sento una sirena d'allarme, si accendono luci rosse lampeggianti, un rumore di risucchio.
“Troia, crepa tu!”
Prima di capire qualunque cosa mi trovo sbalzata fuori dalla navicella.
Un gelo mortale, trattengo d'impulso il respiro in quest'ambiente in cui regna il vuoto assoluto.
Ho pochi secondi di vita, cerco di attaccarmi al portellone della Phenix, ma davanti a me la voragine di un enorme buco nero mi paralizza lo sguardo.
Giusto il tempo per sentire i motori della Phenix accendersi e deviare dall'orbita per accorgermi che il buco nero mi sta risucchiando verso il suo 'orizzonte degli eventi'
Frazioni di secondi che sembrano anni. Il freddo mi paralizza, ma sono ancora viva.
La Phenix si allontana.
Il buco nero mi storce, mi tira le caviglie, cercando di allungarmi.
Urlo, ma nel vuoto non si diffonde alcun rumore.
In centesimi di secondo, il buco nero mi strappa i piedi risucchiando il sangue che ne esce.
Non avverto neanche il dolore, perchè la mostruosa gravità mi ha già strappato le gambe dalle ginocchia. Pochi attimi e sarò morta, eppure riesco ancora a pensare, mentre vedo le cosce strapparsi dal bacino, poi il bacino, poi....
“Aaaaaaaaaaaaahhhhhhhhh!!!!!!!!!!”
Buio. Solo il mio respiro affannoso, che non riesce a sedarsi.
Sono sola. Di nuovo la luce dei led.
'Buongiorno Yuko, ti trovi sulla navicella Phenix, in viaggio verso Proxima Centauri...'
di nuovo la voce registrata. Ma ora sono sola e sono davvero sveglia.
Aspetto che il mio respiro si regolarizza. Certo che se ad ogni risveglio dopo l'ibernazione devo fare questi incubi, mamma mia, meglio spararsi davvero!
“... Sulla terra è il primo novembre 2025, mentre qui sulla Phenix siamo all'incirca al giorno uno marzo 2022...” continua la voce elettronica.
Fra poco sarà primavera. Chissà se c'è qualche primula qui sulla navicella.
Mi tolgo le cannule dell'ossigeno, mi slego dai lacci, mi stacco la cannula della flebo, gli elettrodi dell'elettrocardiogramma ed il catetere vescicale. Guardo questo corpo, rimasto ibernato per mesi e riscaldato lentamente per tornare alla vita. Hermann sarà contento di sapere che si sopravvive all'ibernazione.
Solo un po' dimagrita.
Mi stacco dal bacello e comincio ad aleggiare nell'aria. Chissà le mie povere ossa, completamente decalcificate se potrebbero ancora reggermi in piedi in un pianeta dotato di gravità.
Ho un sapore orrendo in bocca. Mi sembra di aver mangiato un topo marcio.
Mi sono ricresciuti i peli sotto le ascelle, unico indizio del tempo passato. Qui non ci sono estetisti, nel caso dovrò fare da sola.
Raggiungo il PC e lo accendo. Per questo risveglio, chiedo agli Weather Report di riportarmi sulla Terra con le note di Birdland.
Mi lavo i denti, finalmente un gesto umano, ripetuto migliaia di volte con noncuranza quando noi tutti eravamo sul nostro pianeta.
Mi vesto. La tutina è ancora abbastanza aderente e, con questo pezzo di abbigliamento così attillato, faccio ancora bella figura, ma si vede che ho perso peso.
È stato programmato che io, come medico, venga svegliata prima, per controllare il risveglio degli altri, perchè sia più dolce e delicato. Probabilmente per evitare loro di avere gli spiacevoli incubi che ho avuto io.
Bevo qualcosa. Devo riabituare il mio stomaco a ricevere cibi, anche se sarà solo per poco tempo.
Sento la presenza del buco nero molto vicina, ma forse è solo una sensazione.
Posso dire di sicuro solamente che non siamo stati inglobati dal Sole, né inceneriti.
Se poi stiamo andando verso il buco nero e se esista davvero un buco nero, questo per ora nessuno potrà dirlo.
Esco dalla mia micro-stanza per entrare nell'ambiente comune.
Una luce lampeggiante, luminosa e rossa, mi ferisce gli occhi, da tempo disasuefatti alla visione.
Quel grosso allarme non promette nulla di buono.
Mi avvicino per leggere le specifiche.
“Nooo, cazzo!”
Mi prendo la testa fra le mani.
Cazzo cazzo cazzo cazzo......
Urto con la schiena contro qualcosa di duro. Non mi sono accorta che lasciando le prese per le mani mi sono messa a volteggiare nella navicella.
Stringo forte le palpebre per spremervi le lacrime.
Hermann non sarà più contentissimo, ma forse la notizia gli è già arrivata. O forse è nell'etere e sta viaggiando verso la Terra, e lui non sa nulla.
Spalanco il 'gate' della stanzetta e... non c'è nulla.
Dovrei rimandare i drammi e le analisi delle cause a dopo aver risvegliato gli altri due, ma proprio non ce la faccio.
Ricaccio in gola alcuni singhiozzi ed apro i portelloni della sala comando.
Da una parte non vedo nulla.
Dall'altra... una bara viaggiante ci accompagna. Fredda e silenziosa.
Mi appoggio ai cristalli e mi concedo solo qualche attimo per ricordare la sua voce, il suo sguardo, quei pochi pensieri che ci siamo scambiati.
Ma, sembra strano a dirlo, il tempo scorre, anche qui. Devo rimandare pensieri e riflessioni e procedere con i miei compiti.
Entro in un'altra stanzetta e controllo i parametri. Pressione arteriosa, frequenza cardiaca e respiratoria. Tutto a posto. Aumento manualmente la temperatura fino a 40 gradi.
Lo stesso faccio nell'ultimo ambiente che mi resta.
Quindici minuti, programmati come in un forno a microonde.
Ritorno nella prima stanza, accendo una luce molto debole. Applico una maschera con lenti affumicate. Slaccio le cinture sul corpo che ancora dorme.
Sfioro delicatamente la fronte che ha ripreso un bel colore roseo.
“Tesoro”
Le palpebre si socchiudono. Un profondo sospiro, poi due occhi azzurri si intravedono attraverso le lenti inscurite.
“Yuko” sussurra Annalisa, risvegliata ad oltre un anno luce di distanza dal letto di casa sua, se ancora, dopo 5 anni, esiste un posto che si possa considerare suo, sulla Terra.
Parte il messaggio della voce registrata, ma lo blocco subito.
“Dove siamo?”
“Nello spazio. Siamo sopravvissute all'orbita intorno al Sole ed ora siamo da qualche parte nella galassia.”
Mi guarda senza capire, leggo lo sforzo del pensiero corrugarle la fronte. Poi il rilassamento.
“Ora ricordo. Ma perchè siamo qua?”
“Questo ci metteremo più tempo a ricordarlo.”
“Perchè piangi?”
“Gwyn.”
Mi guarda con un'espressione che nasconde una domanda inespressa. O forse molte più domande.
I circuiti cerebrali, assopiti per mesi, si rimettono in funzione. Sembra quasi di percepire il rumore delle rotelle che girano.
Poi si porta una mano al volto. Le dita le strizzano i bulbi oculari fino a convergere alla radice del naso. Poi la mano scende a coprire le labbra.
“Che ne sarà di noi?”
Le accarezzo il volto. Il coniglietto, libero dall'abbraccio inn cui era vincolato nel sonno della ragazza, sta già sollevandosi galleggiando nell'aria. Le orecchie al vento.
“Patachou!”
Sorrido. Briciole di umanità, residui di sentimenti in rapida fuga dalla Terra, diretti verso un buco nero che ci aspetta a 900 miliardi di chilometri da qui.
“Mangia qualcosa, biondina.”
“Uno shampoo, il mio regno per uno shampoo!”
Non più trattenuti dalla cuffietta, i capelli biondi aleggiano nel vuoto, come i tentacoli di anemoni marini.
Già. Che ne è del mare?
Vado a svegliare Mustang.
“Hey, guerriero!”
Mi guarda incuriosito. Anche lui ci mette un poco a riconnettere i pensieri. Purtroppo li riconnette esattamente come prima di addormentarsi.
Scorge il suo corpo nudo. Tutto sommato sarebbe anche un bel corpo. Certo, la sua virilità ha risentito delle temperature molto basse e prolungate.
Ciononostante appena mi riconosce, con un cenno del capo mi porge un invito non troppo velato.
“No, grazie. Non voglio approfittare.” Una risposta gelida dopo oltre un anno di ibernazione. Il danno e la beffa. Ma sono ancora contrariata per via del brutto sogno, anche se in verità lui non ne è responsabile.
Sorride.
“Come va?”
“Maluccio. Vestiti, mangia qualcosa e ci raggiungi.”
Noi siamo già nel modulo di comando quando si presenta.
“Gwyn?” si guarda in giro.
Nessuna risposta vale una tremenda risposta.
“Che fine ha fatto?”
Gli indico, oltre il finestrone, la bara che, macabra, ci accompagna da chissà quanto tempo.
“Puttana Eva! Ma cazzo, ci hanno mandato qui a crepare per i loro cazzo di esperimenti?”
Nessuna di noi se la sente di rispondere. Annalisa fa un sospiro profondo e scoppia in un pianto sommesso, racchiuso nelle dita di una mano.
“Lo sai, Mustang, che moriremo tutti, no? Non credo che ti abbiano raccontato che torneremo vivi sulla Terra, spero. Lo avevi capito?”
Fa un gesto con la mano come per scacciare un pensiero. Scuote il capo. Forse non aveva bene realizzato, ed ora si trova di fronte a questioni che ha scotomizzato imprudentemente.
“Mi dispiace, dico... per Gwyn, davvero.”
Mi avvicino a lui volteggiando incerta, lo abbraccio.
“Cosa gli è successo?”
“Non so. I dati sono tutti trasmessi alla Terra, ma credo di poter avere accesso alla sua cartella clinica. Poi provo a capirci qualcosa.”
“Ed ora? Che facciamo?”
“La prima parte dell'esperimento è finita. Possiamo dire che il 75% sopravvive ad un'ibernazione di oltre un anno. Sulla seconda parte, sul funzionamento dei motori atomici ad ioni, non saprei.”
“Dove siamo?”
Tenendomi con una mano, mi allungo verso Annalisa. Ha finito di piangere e tira su col naso. Il coniglietto stretto al petto con un braccio. La prendo e la tiro verso di me. Che bella la sensazione di volteggiare nel vuoto. Me la porto in braccio e me la stringo vicina.
“Eeh?”
“Non lo so, Mustang. Guarda,” ci avviciniamo ad uno dei portelloni che permettono di vedere verso la parte posteriore della Phenix, “quella stella molto luminosa è il Sole. I pianeti non si vedono più.”
“Come brilla.” Annalisa resta rapita dalla visione.
“Siamo oltre mille volte più lontani dal Sole rispetto a Plutone. Questa stella non ci illumina più.”
“E Proxima Centauri? Dov'è?”
“Non so, Annalisa. Dovrebbe essere una stellina rossa, piccola e poco luminosa, ma non so se la rotta è giusta. In teoria dovremmo essere diretti verso un buco nero e poi deviare dall'orbita ed essere sparati verso la nana rossa.”
“In teoria.” Sottolinea Mustang.
Tiro un respiro profondo. Questo primo risveglio, funestato dalla scomparsa di Gwyn, è stato molto spiacevole e questo clima lugubre toglie ogni voglia di vivere. Se ha ancora senso chiamare ancora vita ciò che stiamo passando.
“E lui?” Mustang accenna all'oggetto che viaggia a qualche metro da noi.
“Vicini al buco nero si accenderanno i motori a ioni, per scappare alla sua forza gravitazionale. Gwyn ci finirà dentro. Una tomba esclusiva ed inusuale.”
“Cazzo, finirà dentro al buco nero?”
“Beh, dai! Un eccentrico mausoleo.” Si inserisce Annalisa.
“Ma... che gli succederà dentro al buco nero?”
“E che ne sappiamo noi, Mustang. Lì il tempo è completamente distorto, forse fermo. Per male che gli vada potrebbe anche tornare indietro nel tempo.”
“E tu come fai a sapere tutte queste cose? Te le insegnano in Giappone?”
“Mustang. Nessuno sa cosa succede dentro ad un buco nero, e tu, mi sembra che non abbia fatto molte domande al dottor Morr.”
“Sai, per me...!”
“Allora”, concludo, “prendiamoci un paio di ore, guardatevi la posta, datevi una lavata, mangiate, fate quello che vi pare. Io devo farvi una visita medica, ma, date le circostanze, credo che non ci sia una gran fretta.”
“E dove c'è scritto che sei tu a comandare?”
“Da nessuna parte, Mustang. Non c'è nessun comandante. Abbiamo tutti un programma di cose da fare. Io devo farvi solo le visite. Abbiamo una ventina di ore in cui farci gli affari nostri e ascoltare le info che ci vengono da Hermann, poi si torna a nanna, che non abbiamo ossigeno da consumare.”
“E se io non ne avessi molta voglia?”
“Mister Muscolo, fai quello che ti pare, ma non finirci l'ossigeno.” Annalisa non ha nessuna intenzione di buttare via il tempo, e si allontana nella sua stanzetta.
“Dai, Mustang, che bisogno c'è di creare tensione? Già siamo uno in meno e stiamo per finire dritti in un buco nero. Oppure dispersi nello spazio. Prenditi un po' di tempo per te, poi vi visito, cerchiamo di capire dove siamo e cosa ci dicono dalla Terra, e infine ci salutiamo e ci rivediamo tra un anno e passa.”
Sembra convinto. Con qualche capriola nell'aria, si avvia verso la sua tana.
Resto da sola in sala comando.
Fuori dalla finestra lancio un'occhiata a Gwyn, che ci accompagna ad una velocità impressionante nel silenzio totale.
Mi ancoro alla parete e analizzo i dati clinici del romano.
Guardo la tabella dei parametri vitali. Il poveretto è venuto a mancare poche settimane dopo l'ibernazione, che gli sarà successo?
I dati dei pochi esami del sangue effettuati sono normali.
La traccia dell'elettrocardiogramma... Un infarto. Un infarto a circa tre settimane. In pieno sonno da ibernazione. Come è potuto succedere?
Un'emozione eccessiva, la cosiddetta 'sindrome dei cuori infranti'?
Chi potrà mai saperlo veramente?
Cercava il pianeta Uru, cercava là la sua Lamù, e quando ha scoperto che forse Lamù non era alla fine del viaggio, ma durante, quando ha capito che Lamù non era nella presunta meta, ma era il viaggio, il cuore non ha retto. O forse aveva raggiunto il suo scopo.
Lo scopo non è la meta, ma il percorso. Non è la cima della montagna, ma tutto l'itinerario di salita.
Povero Gwyn. Abbiamo avuto troppo poco tempo per conoscerci. Non ho avuto modo di apprezzarti. Lo guardo, là fuori nello spazio, e penso che anche noi tre siamo su una bara viaggiante. È solo questione di tempo. Stesso gelo, stesso silenzio, stesso destino in un certo modo incerto, eppure segnato fin dall'inizio.
Vado nel mio pertugio ad ascoltare un po' di Bach, a vedere qualche foto del mondo. La posta elettronica... Boh? E chi vuoi che mi abbia scritto?

La “toccata e fuga in re minore” si espande coraggiosa tra le pareti metalliche della Phenix. Il grande musicista esportato fuori dal sistema solare. Mi do una bella spugnata per tirarmi via la puzza stagnante dell'ibernazione. Qualche goccia di profumo, sbiaditi ricordi delle usanze terrestri.
Alla fine ho sbirciato le mail. Qualche raccomandazione di Hermann, una bella lettera di Luthien, a sorpresa uno scritto di Senzaidentità. Due o tre amici che salutano e mi raccontano di cosa capita sul pianeta, una mail di un partecipante alla spedizione in Antartide, che ha saputo del mio viaggio.
Sulla Terra nessuno ufficialmente sa di questa missione. Solo pochi altri oltre al personale dell'ESA e della NASA.
“È permesso?”
“Annalisa! Che sorpresa!”
“Sai... ero da queste parti e mi sono detta: sarà in casa Yuko?”
“E chi si aspettava mai di vederti, proprio qui, ad oltre un anno luce da Roma!”
La bionda sorride. Un piccolo tocco e mi vola incontro. Ormai anche lei è diventata un'esperta dei movimenti in assenza di peso.
Distendo le braccia e la accolgo stringendomela al petto.
Lei si rannicchia nel mio abbraccio. “Mi sentivo un po' sola.”
“E Patachou?”
“Sta dormendo.”
“Capisco.”
“Yuko... mi annoiavo. Sembra assurdo. Abbiamo dormito per 5 anni, ed ora che sono sveglia trovo di non avere nulla da fare, nulla che mi interessi. Come si fa ad avere una vita così vuota, così spenta?”
“Non hai guardato le mail?”
“Sì, ma...”
“Niente di interessante.”
“Già. Anche tu ti annoi?”
“Ho guardato anch'io la posta, ma hai ragione. Tutto sembra così assurdo, distante. Tutto così irreale, senza senso. Pensa che se scrivessimo una risposta di ritorno, questa arriverebbe al destinatario più o meno al nostro prossimo risveglio, e se dovessero riscrivere dalla Terra, non leggeremmo mai più la posta di ritorno.”
“Mi dispiace per Gwyn. Hai poi capito cosa gli è successo?”
“Sembra un infarto. Ma a questo punto, che importa? Mi manca. Anche se non sapevo nulla di lui, mi manca.”
“Anche a me manca. Era una persona tranquilla e posata, avrei voluto conoscerlo.”
“Guarda cosa mi ha lasciato” e le mostro un sigaro che mi aveva regalato quando sono andata ad addormentarlo.
“Un sigaro?”
Sorrido.
“E quando pensava che l'avrebbe fumato?”
“Qui dentro no di sicuro, saremmo esplosi tutti.”
“Voleva fumarselo su Proxima b?”
“Chissà. Credo che fosse solo un compagno di viaggio, che mi ha affidato da conservare, per lasciarmi qualcosa di suo.”
“Dici che presagiva che non si sarebbe più svegliato?”
“Non so, Annalisa. È un'ipotesi suggestiva.”
Mentre la ragazza si studia il sigaro, le accarezzo i capelli. Con un elastico glieli raccolgo in una coda, per evitare che vadano da tutte le parti.
Lei lascia il sigaro, che resta sospeso a mezz'aria. Mi guarda con quei suoi occhi azzurri come il cielo che non rivedremo mai più, come il mare di cui stiamo quasi per perdere la memoria.
Mi butta le braccia al collo, chiude gli occhi e muove appena le labbra in cerca della mia bocca.
La stringo nel mio abbraccio mentre, senza più trattenerci, ci libriamo nel vuoto.
Ci baciamo con delicatezza, il primo contatto umano, il primo gesto di tenerezza dopo oltre un anno passato nel gelo dell'ibernazione. Un bacio lungo e dolce. La soffice consistenza delle sue labbra contro le mie. Il suo profumo che si diffonde in questo angolo remoto dell'universo dove due donne sole si amano. La sua lingua umida e calda entra dentro di me, mentre io entro dentro di lei, il suo sapore si mescola al mio. Io intorno a lei e lei intorno a me, le nostre lingue come spirali dei bracci delle galassie si avvitano e si cercano, si stringono e si esplorano.
Le mani scorrono sui nostri corpi.
Dal capo, le dita tra i capelli, scivolano sulla nuca per stringerci più vicine nel nostro bacio fuori dal tempo.
La sua mano si dirige al mio collo, ne scende in cerca della cerniera per slacciarmi la tuta, mentre io le accarezzo la schiena, scivolando fino a sentirmi le dita riempirsi della rotondità del suo sederotto ancora in carne.
La mia cerniera scorre sui seni, si apre, fino al ventre.
Le mie mani tra le sue cosce cercano il punto più caldo, più intimo.
E quel bacio che non si è ancora interrotto.
Ci stacchiamo solo per un attimo. Lei mi apre la tuta mentre stringo le spalle. Il seno ne esce, sospeso nel vuoto senza gravità. Mi abbassa l'indumento, sfilo le braccia. Più difficile è sfilarsi la tuta dal sedere, i fianchi fanno resistenza ed ogni movimento ci fa volteggiare come pesci rossi in un acquario.
“Lascia, faccio io.” Prendo l'iniziativa mentre lei osserva il mio corpo scoprirsi gradualmente sotto i suoi occhi.
“No”, mi interrompe lei, “voglio spogliarti io!”
Mi attacco con le braccia alle maniglie mentre lei mi sfila la tutina dal bacino.
Lentamente scopre i peli del pube, poi tira ancora il tessuto, mi gira, nel vuoto, per guardarmi il sedere che compare come un astro che sorge verso est. Poi le cosce ed infine sono tutta nuda sotto i suoi occhi.
Nello spazio si può rimanere sospesi per aria. Lei mi guarda e mi fa ruotare lentamente, come la Terra che ruota su sé stessa, sotto gli occhi curiosi del dio Sole.
Mi prende per le cosce e mi tira verso la sua bocca.
“Aspetta, anch'io voglio vederti.”
La prendo tra le mie braccia, la sua schiena contro i miei seni, con un braccio intorno alla vita me la tengo stretta mentre le abbasso la cerniera. I suoi seni mi compaiono sotto gli occhi, pieni e sodi, beata giovinezza. Li accarezzo tra le mani, mentre lei distende il capo indietro, sulla mia spalla.
La mia bocca le esplora il collo, la lingua ne percorre rotte ad alto contenuto erotico, mentre la mano le abbassa tutta la cerniera e si infila tra le gambe.
Mentre la trattengo, Annalisa si sfila la tuta; io con le dita posso già apprezzare la sua eccitazione.
Le scivolo dentro senza resistenza, la ragazza è bagnata al punto giusto. Mi geme nell'orecchio quando io, con le dita vischiose del suo piacere, le cerco il clitoride.
Si gira. La tengo stretta a me, ma lasciamo le maniglie.
Sospese nel vuoto, in un lento rimbalzare tra le pareti dello stretto stanzino le nostre dita affondano tra le cosce, l'una dell'altra, come le nostre lingua, ancora, si cercano nelle nostre bocche.
Proviamo la meraviglia di un sessantanove in cui nessuna è sopra e nessuna è sotto; ruotando nel vuoto le mie cosce si serrano intorno alla sua testa, la mia lingua le percorre la fessura che geme liquido che si stacca e volteggia intorno a noi. Le mani attorno alla sua schiena ed al sedere, un dito la penetra nel buco proibito.
Lei mi accarezza con le mani, mi succhia, mi cerca.
La sua lingua mi trova, mi esplora in ogni angolo. Si infila nella vulva, affonda in vagina, ritorna sul clito, lo lecca, lo succhia. Il pollice mi si infila da dietro.
I nostri gemiti affogano nei nostri fiori intimi, corolle di fronde destinate a non essere mai più colte.
Ci aspettiamo per abbandonarci nel sommo del piacere, insieme, disperate di amore, abbandonate dal mondo. Urla che sono quasi un pianto inconsolabile, mai più ascoltato da nessun uomo. Strette, avvolte l'una all'altra, come edere di rampicanti che ostinatamente implorano un barlume di vita, un raggio di sole, uno spicchio di cielo.
Dopo esserci donate il piacere, ci rigiriamo per abbracciarci, le mani sui seni, le dita che sfiorano i capezzoli, le nostre labbra a caccia di piccoli baci, una toccata di lingua sul naso, un sorriso.
Le strofino la punta del naso dietro l'orecchio, mi abbandono al suo profumo, mentre la sua lingua trova facile preda sotto il mio mento e, insinuandosi verso il collo, fa strage di sensazioni.
Ci lasciamo prendere dal torpore mentre l'organo continua a cullarci con le sequenze dei canoni di Bach.
Quando ci risvegliamo, sbirciamo sullo schermo del PC le immagini della Terra che scorrono senza sosta. La barriera corallina, le dolomiti, animali del Sahara, pinguini ed orsi polari, una bimba vietnamita che sorride, un quadro di Klimt, Montmartre di notte.
Riusciamo a passare due ore come mai ci sono capitate sulla Terra e ci sussurriamo frasi dolci.
Ma dovevamo incontrarci proprio in un viaggio senza ritorno fuori dal sistema solare?
Non era più facile trovarsi a metà strada, che so io, a Firenze?
“Sei come la Venere di Botticelli.”
“E tu sei come... Yuko!”
Ma anche qui il tempo finisce. Ci vestiamo dopo gli ultimi baci e torniamo nel modulo di comando.
Mustang è già lì e ci vede uscire insieme, natanti nell'etere, per mano, lo sguardo sorridente e colmo di tenerezza.
“Hey, ci siamo divertite?” ci accoglie con un'occhiata allusiva.
“Abbiamo guardato un po' di foto della Terra, insieme.” Si sente in dovere di rispondere Annalisa. Ma poi, perchè mai dovremmo dare delle spiegazioni?
“Sì, sì...” fa lui, poco convinto, “se chiamavate anche me ci divertivamo di più, vi facevo vedere io qualcosa di interessante.”
Noi ci scambiamo uno sguardo di compatimento, ma saggiamente non rispondiamo con frasi inutili.
“Senti, cinesina, perchè non ascoltiamo i messaggi di Hermann, prima delle visite?”
“Non sono cinese, ma, ok, sentiamo prima i messaggi dalla Terra.”
Il veneto armeggia su un registratore; il PC inizia a trasmettere le comunicazioni.
“Buongiorno, equipaggio, qui è Hermann Morr che vi parla. Buon risveglio.
Purtroppo saprete già che il povero Gwyn non ha retto. I ricercatori stanno indagando sulle cause del decesso, avvenuto dopo aver orbitato intorno al Sole per essere lanciati nella vostra attuale posizione.
Spero che voi sopravvissuti stiate bene. I vostri dati che ci sono giunti durante il periodo di ibernazione sono tutti regolari e speriamo che la prosecuzione del vostro viaggio si sia svolta senza sorprese. I dati più recenti che vi riguardano sono ancora in viaggio verso il centro di controllo e arriveranno alla spicciolata nei prossimi mesi. Aspettiamo i risultati delle visite della dottoressa Nikura. Questi ci metteranno quasi un anno e mezzo per raggiungerci. In base ai risultati che potremo analizzare, saremo in grado di fare importanti passi avanti nella progettazione del prossimo viaggio su Marte.
Le osservazioni e le rilevazioni che le strumentazioni di bordo ci hanno trasmesso, per ora sembrano confermare l'esistenza del buco nero che era stato ipotizzato alla vostra partenza ed i dati di rotta sono tranquillizzanti. Mentre dormivate abbiamo azionato i motori atomici ad ioni, che hanno funzionato perfettamente e questo, insieme ai vostri dati fisiologici, ci consentono di dire che gli scopi della vostra missione sono stati centrati in pieno. Certo, spiace molto che uno di voi non sia in questo momento in ascolto. Tuttavia la strumentazione sta funzionando alla perfezione e la morte del vostro compagno non sembra attribuibile a qualche anomalia.
Prima del vostro risveglio, i motori sono stati ridotti al minimo per evitare disturbi, rumori e vibrazioni, e saranno riaccesi dopo che vi sarete nuovamente immersi nel sonno freddo.
Secondo i dati orbitali dovreste arrivare al buco nero in tre mesi terrestri, ma per voi il tempo sarà molto di meno a causa del fortissimo campo gravitazionale e della velocità che aumenterà significativamente. Secondo i nuovi calcoli della massa della stella morta, sarete indirizzati esattamente verso la destinazione programmata.
Al vostro prossimo risveglio, sempre che tutto sia andato bene, sarete a 2/3 del vostro viaggio e vedrete Proxima Centauri molto vicina a voi e luminosa.
La grossa stella che vedete alle vostre spalle è il Sole. Se fate attenzione si dovrebbe riuscire ancora a scorgere un puntino luminoso sulla sinistra della stella, che è Giove, mentre gli altri pianeti, tra cui ovviamente la Terra, saranno invisibili.
Insieme allo staff qui al centro controllo missione, ci congratuliamo con voi per la riuscita quasi perfetta della spedizione. Le prossime vostre comunicazioni ci porteranno informazioni di straordinaria importanza sulla stella che state per raggiungere.
Dalla Terra è tutto. Buon viaggio.
Esattamente.”
Annalisa sorride per il saluto finale. Un piccolo affettuoso spunto umoristico, che però suona molto da commiato definitivo.
“Riuscita 'quasi perfetta'.” Fa notare Mustang, con una smorfia amara, e si avvicina a guardare al portellone posteriore l'oggetto metallico che contiene Gwyn, che ci segue fedelmente. Almeno fino alla prossima riaccensione dei motori a piena potenza.
“Sembra che ci abbia liquidato. Laggiù sono tutti contenti e soddisfatti. I dati li hanno ottenuti e la missione è finita, almeno per loro.” Commento io.
“Sì. Tanti saluti, grazie e buon viaggio.” Annalisa si guarda le unghie con un'espressione poco soddisfatta. Si diffonde una sensazione di abbandono.
“Dai, coraggio. Facciamo queste visite e la facciamo finita. Poi credo che ci potremo concedere un buon pranzetto liofilizzato, se, dopo un anno e mezzo, i viveri sono ancora mangiabili.” Cerco di sviare i cattivi pensieri che serpeggiano nelle nostre menti.
“Ci manca solo che ci abbiano lasciato delle schifezze da mettere in pancia.” Annalisa non nutre speranze rosee.
“Le facciamo qui, in mezzo a tutti, le tue visite?” Chiede Mustang iniziando ad aprirsi la tutina.
“No, mister. Manteniamo un poco di privacy. Vi visito uno alla volta e l'altro aspetta nel suo spazio.”
“Per me non ci sarebbero problemi.”
“Non ne dubitavo, ma forse per noi il discorso è un poco diverso. Annalisa, ci lasci un attimo soli, per favore?”
La bionda senza rispondere nulla, si avvia alla sua stanzetta, volteggiando come una sirena, mentre io e lo stallone ci spostiamo verso la strumentazione medica.
Eseguo tutte le mie misure. L'uomo è perfettamente in forma.
“Ci hai ripensato?” Mi chiede malizioso.
“A cosa?” rispondo sovrappensiero senza cogliere l'avance.
“Potremmo divertirci un po', io, te e la tua amichetta.”
Sbuffo.
“Personalmente, Mustang, in questo momento non ho molta voglia di quel tipo di divertimento.”
“E la biondina?”
“Non so, devi chiedere a lei. Dai, ora fila in camera che registro i tuoi risultati da inviare e visito Annalisa.”
“Non posso assistere alla visita?”
“Mustang, dai, fai il bravo.”
Alla fine riesco a convincerlo.
Chiamo Annalisa. La visita risulta nella norma. La ragazza è in forma.
“Sono un po' preoccupata per Mustang. Sta diventando insistente.” Mi confida alla fine delle misurazioni.
“Già. Speriamo che non faccia casini. Sarebbe difficile controllarlo.”
Non facciamo in tempo a scambiarci altri pensieri che lo stallone ricompare tutto arzillo.
“Allora, ragazze, si mangia?”
Passiamo un piacevole momento di distensione. Il pranzo si svolge bene, anche se mangiare liofilizzati in cannuccia non è esattamente una grande soddisfazione per chi non ingerisce un solo alimento da oltre un anno. Ma mangiare con la forchetta e su un piatto è proprio impossibile, per non vedere i propri spaghetti librarsi nell'aria, come i serpenti sul capo di Medusa, o rischiare di finire contro il soffitto, spingendo il coltello in una bistecca.
Ci sono anche bibite dolci. Bevande gasate sono vietate, per evitare esplosioni di coca-cola, come pure gli alcoolici, per ovvi motivi di sopravvivenza.
“Ragazze, ed ora”, ritorna alla carica mastro Lindo, “che ne dite di divertirci un po'?”
“Mustang, ti prego, non riesci a pensare ad altro?” Annalisa sembra un po' esasperata.
“Ma gioia! Come si fa a pensare ad altro? Io, da solo con due pezzi di figa come voi, nello spazio per 5 anni. Ma è un paradiso!”
“Dai, mister Muscolo”, intervengo io, “non è l'unica cosa che ci viene in mente per queste poche ore prima di ibernarci per un altro anno. Ma non hai proprio altro da fare? Io personalmente non mi sono imbarcata per scopare, scusa, eh?”
Lui si avvicina nell'aria, l'espressione del volto si fa un po' provocatoria.
“Però, prima, voi due qualche porcatina ve la siete concessa, o no? E perchè io dovrei essere escluso, me lo dici?”
“Saranno cazzi nostri quello che ci va di fare, va bene? E poi, tu che centri?” Annalisa sta perdendo la pazienza e riscaldare troppo l'ambiente non è la cosa più saggia, con questo arrapato.
Per fortuna Mustang assorbe il colpo e la butta sul ridere.
“Ma che sfiga! Da solo con due ragazze per 5 anni in un guscio di noce, e scoprire che sono due lesbiche! Ma checcazzo!” e scoppia a ridere.
Fingo una risata anch'io. Occorre alleggerire la tensione. “Mustang, ma quando testosterone ti hanno messo in quella flebo?”
Lui ride ancora, ma poi getta un'occhiata di astio ad Annalisa. Alza l'indice in segno di monito. “Tu, biondina, non tirare troppo la cinghia, che qui non c'è nessuno a difenderti!”
“Ma va a cagare, va!” risponde lei e, giratasi, si imbuca nel mio pertugio, lasciandolo lì col dito alzato.
“Dai, campione. Abbi pazienza”, cerco di venirgli incontro. “Qui abbiamo lasciato tutti il mondo, per i problemi più disparati che abbiamo avuto con il resto dell'Umanità. Cerchiamo di viverceli bene questi ultimi frammenti di vita comunitaria, questi ultimi ricordi del nostro pianeta.”
Lui tira un lungo sospiro e si abbandona a volteggiare sospeso nel vuoto.
“Voi non sapete, non potete immaginare che razza di problemi ho avuto io nel mondo, Yuko.”
“Lo so. Nessuno qui dentro potrà mai entrare nella testa degli altri e concepire cosa lo ha portato a questa missione suicida. Stai sereno, non covare rancori. Vivi bene quello che ti resta da vivere, Mustang.” Gli faccio un cenno di saluto e mi spingo verso la mia cameretta, dove Annalisa mi sta già aspettando. “Ci vediamo dopo, ho voglia di rilassarmi. Prenditi anche tu una pausa, ricrea la mente.”
“Vi invidio molto, voi due.”
Gli sorrido. Entro in stanza e mi chiudo dietro l'oblò.
La bionda sta armeggiando sul mio PC.
“Cosa cerchi, tesoro?”
“Che musica ti sei portata dietro?”
“Un po' di tutto, jazz, classica, rock, fusion...”
“Rap?”
“Ecco... questo no! Gravissima dimenticanza!”
“Zia, sei vecchia!”
“Uè, come ti permetti?”
“Dai, prendimi, stringimi, accarezzami.”
Mi ancoro al lettino e la prendo fra le braccia, leggera come una nuvola, giovane e bella.
Metto i concerti brandeburghesi di Bach come sottofondo, a volume basso; imposto una selezione di immagini della Terra ed inizio ad accarezzare la mia bambina.
“Ora ci raccontiamo, uno a testa, i più bei ricordi che abbiamo del pianeta Terra, prima tu, poi io e poi ancora tu. Solo cose belle, ok?”
“Ok!” Sorride con i suoi splendidi occhi azzurri. Si insinua tra le mie braccia come in un rifugio sicuro e comincia a pensare. Adoro questa sua espressione concentrata. Gli occhi si muovono con scatti improvvisi, come se realmente inseguissero immagini che riprendono vita dalla sua mente.
La guardo, mi riempio di lei, ne raccolgo ogni sentimento: gioia, paura, tristezza ed esaltazione.
In poche ore desidero inoltrarmi e passeggiare nei suoi 26 anni di vita, senza la pretesa di capirla o studiarla, ma solo per assaporarne ogni sfumatura dell'umore, ogni felicità ed ogni dolore, per diventare io stessa parte di lei.
Lei inizia a raccontare, mentre sullo schermo scorrono immagini che mi ritraggono in attività alpinistiche, mentre mi lascio scivolare in toboggan scavati nella roccia verso pozze di acqua cristallina, in Corsica e nelle Alpi, su distese sconfinate di neve nell'Oberland Bernese o in Groenlandia, appesa nel vuoto su vertiginose pareti dolomitiche o nelle grotte tropicali dell'Etiopia e del sud della Cina.
E mentre la osservo sembra quasi che la sua voce scompaia e che i suoi pensieri mi raggiungano il cuore attraverso i suoi occhi, le espressioni della sua bocca, del suo viso.
Le infilo le dita tra i capelli, sulla nuca ed inizio a baciarle il collo. Lei racconta, si diverte, rivive i momenti più significativi della sua esistenza, ma la sua mano è appoggiata al mio seno. Ogni tanto mi stuzzica il capezzolo che sporge come se volesse bucare l'indumento.
Poi tocca a me parlare. E lei mi si mette appiccicata al volto, mi studia vicinissima in ogni particolare, mi accarezza le palpebre, ne segue la curva orientale cui non è abituata, mi sfiora gli zigomi alti, ma non sposta più la mano che, ormai domiciliata sul mio seno, ne fa parte, ne è inglobata.
Poi socchiude gli occhi mentre mi ascolta sorridendo, si racchiude nelle mie braccia, come un bocciolo di rosa che alla sera si ritrae per proteggersi dalla rugiada.
Le mie mani seguono le cuciture della sua tutina, ma quando incontrano la cerniera vi si soffermano a giocherellare e lentamente la tirano, facendo scattare dentino per dentino; ed ogni volta compare un millimetro della pelle, del suo collo, del suo petto.
Ora tocca a lei, ma la concentrazione comincia a perdersi mentre, con più decisione, mi apre gli indumenti, sfilandomeli dal corpo. Mi prende i seni in mano, li unisce e li divide, ci gioca. Mi accarezza le areole con la punta delle dita, osservandole contrarsi e sollevare i capezzoli. Poi si zittisce mentre con la lingua me li tocca in punta. Prima uno e poi l'altro, per poi stringere i due seni uno contro l'altro e succhiarmi i capezzoli insieme.
“Hey, piccola, ma non toccava a te a raccontare?”
Colta in fallo, riprende il racconto. Le sue coccole sono molto delicate e piacevoli, ma non voglio rinunciare al suono della sua voce, a quell'accento romano che mi fa scompisciare, e soprattutto ad immergermi nei suoi momenti più belli, alle gioie che, racchiuse nello scrigno del suo cuore, si è portata qui, per scaldare questo gelo siderale.
Però non posso resistere neanche io e, senza perdermi neanche una sfumatura del suo sguardo, ogni increspatura delle sue labbra mentre parla, la mia mano le accarezza il corpo ormai nudo, le circonda i seni, accarezzandoli da sotto, fino alle ascelle, per poi sfiorarne i capezzoli, insinuarmi nell'insenatura che li divide per riprendere il tragitto, con piccole varianti ad ogni giro.
Mi viene un irresistibile desiderio di affondare nel suo profumo, come se scomparissi in sabbie mobili tra i suoi seni e scivolare dentro di lei, fondermi nella sua intimità più profonda e dissolvermi al suo interno, con lei, a condividere ogni sua molecola.
La voce mi ammalia trasportandomi nei più fini particolari delle sue esperienze più belle, mentre la mia mano le scivola sul ventre per fermarsi dove convergono le sue cosce.
Ne sento il bagnato che emerge dal suo interno mentre le premo le dita sulla morbida vulva.
Mi porto la mano al naso per sentirne l'aroma, alla lingua per lasciarmi rapire dal suo sapore.
“Yuko, così mi fai impazzire.”
Rimetto le mani a posto, avvolgendole le braccia sulla schiena. Lei riprende a raccontare, il suo sguardo fugge in memorie lontane, in immagini vive e vivide, volti, suoni, colori, situazioni.
E io mi sento lì, spettatrice attraverso i suoi occhi.
Ma la mano non può stare ferma e dalla schiena va alla deriva verso il suo sedere, ne accarezza la piega tra i glutei, vi si infila dentro. Sofficità morbida e tondeggiante. Pienezza rosa tenue, velluto delicato e sensibile. Poi più in profondità fino ad incontrare la possibilità di entrare dentro di lei.
Lei finisce il suo racconto, ed allora inizio io. E lei a tormentarmi con le sue dita tra i peli del pube, con la punta del naso e della lingua sui capezzoli, intorno ai seni; poi con lo sguardo si incolla alle mie pupille, ne segue i movimenti. Mi osserva le labbra che si spalancano sfuggendo il controllo della mia volontà quando con le dita mi penetra tra le cosce, quando con l'espressione da furbetta si succhia le dita e se le passa sui capezzoli. E poi di nuovo tra i miei petali, nella profondità del mio fiore, tra gli stami ed il pistillo, finchè la mia resistenza è vinta e sono completamente succube delle sue carezze.
Le prendo la nuca, le giro la bocca dai miei seni verso le mie labbra e mi ci tuffo. La mia lingua con voracità ed impeto a cercare la sua, sulla punta, sulle guance fino a dove riesco a spingermi, sentendo la sua che mi esplora la bocca, che sfugge la mia lingua e poi la insegue. Soffice e ruvida, umida e dolce. La risucchio riempendomi della sua saliva mentre tra le cosce mi sciolgo come un gelato al tocco profondo delle sue dita che in fondo, si spingono a cercarmi l'anima.
La penetro anch'io, così in fondo da accarezzarle il collo dell'utero, tutto intorno per poi uscire, dita larghe ad accarezzarle tutte le zone più sensibili che racchiude il suo paradiso, bagnato e profondo.
Giochi digitali leggeri, col pollice sul clito e le altre dita dentro, mentre ora è lei che mi pinza l'entrata in vagina arpionando il pollice sul grilletto. Lo sfrega forte, lo tocca, lo accarezza accogliendo i miei gemiti nella sua bocca, come io raccolgo i suoi sospiri tra le labbra.
Le immagini scorrono sul PC, ma i nostri occhi sono chiusi, le nostre menti profondamente compenetrate nel dono reciproco del piacere.
Quando sento il rantolo che trasforma il suo respiro, accelero le mie dita e la mia lingua e sento che lei fa lo stesso. Gemo dentro di lei, come se piangessi di desiderio del suo amore e del suo corpo, lei si spinge più dentro di me. Io le stringo le cosce sulla mano ed esplodo in un urlo che rimbomba dentro la sua bocca e subito dopo è lei ad urlarmi nei polmoni il suo amore e il suo piacere.
Sudate, avvinghiate, come due piovre incastonate, volteggiamo nell'aria senza gravità.
Due corpi nudi come un unico fiore, un ranuncolo di petali di donna, avvolte, abbracciate in una sola entità, i nostri respiri trovano quiete e ci addormentiamo ancora l'una dentro l'altra.

Il tempo scorre e terminati i nostri compiti di bordo ci fermiamo a rimirare lo spazio che ci circonda dai finestroni in sala comando.
Mustang è tornato docile e sembra addirittura piacevole.
Con alcune immagini al PC cerchiamo di riconoscere costellazioni ed oggetti del profondo cielo.
Chiacchieriamo raccontandoci aneddoti della nostra passata vita terrestre, ed alcuni sogni covati in vista di questo viaggio, ma presto la conversazione langue e ci racchiudiamo nei nostri pensieri ed in ricordi che non possiamo condividere.
Se quello di prima è stato considerato un pranzo, in seguito ci concediamo la cena.
Il menù non è particolarmente audace, ma nessuno di noi ha ormai troppe pretese.
E dopo qualche momento isolato ognuno con sé stesso, a leggere o pensare, prima di essere vinti dalla noia, il timer ci richiama al sonno freddo dell'ibernazione.
Il ronzio dei motori è aumentato e presto la potenza sarà portata al massimo.
Saluto per l'ultima volta Gwyn che si sta distaccando lentamente dalla nostra orbita per proseguire il suo viaggio verso il buco nero. Chiudiamo le protezioni dei grandi finestroni ed accompagno i miei due compagni per addormentarli nelle proprie stanze.
“Buon viaggio, Mustang.” Non riesco a trattenere un po' di commozione. “Ci rivediamo tra un anno e quattro mesi. Non farmi scherzi, ok?”
Mi fa un cenno sollevando il pollice.
“Sono in buone mani! Nikura, ti cura!”
“Wow, battutone!”
Mi avvicino a dargli un bacio in fronte. Lui mi accarezza i capelli.
“Ciao”
Chiudo il guscio, lo guardo per l'ultima volta attraverso il vetro, poi avvio l'infusione di farmaci ed il processo di ibernazione.
“Non farmi scherzi, biondina, cerca di esserci quando tornerò a trovarti.”
Annalisa mi sorride commossa, annuisce; gli occhi lucidi. Il coniglietto è già tra le sue braccia. Un bacino sul seno, un bacino a Patachou ed un lungo bacio sulle sue labbra.
“Svegliami tu, domattina, occhi a mandorla.”
Le sorrido.
“Troverai una carbonara!”
Sorride anche lei mentre il cofano del suo bacello si abbassa. Si spengono le luci di bordo, rimanendo solo quelle blu di servizio. Il monitor mi accompagna con il bip-bip dei battiti del suo cuore quando esco dal suo spazio. Un'occhiata alla silenziosa sala di comando, dove le macchine hanno ripreso a governare il nostro moto nella galassia e le nostre vite, poi mi ritiro nel mio guscio. Regolo le ultime operazioni e chiudo il coperchio. Attraverso il vetro scorgo il sigaro di Gwyn che ondeggia nel vuoto della mia stanza mentre mi addormento.

Questo racconto di è stato letto 2 1 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.