Il corto circuito di Winnie the Pooh - Il mio culo per una borsa?

Scritto da , il 2020-03-08, genere etero


***********************
***** 22 DICEMBRE *****

- Cazzo, che sei… cazzo, che sei… lo sai, sì? lo sai?

- …mmm… mmm…

- Porco Giuda mi fai impazzire… che bocchinara… che bocchinara!

Accolgo le sue spinte sulla nuca e i suoi schizzi in bocca così come accolgo i suoi insulti. Mi piacciono le spinte e mi piacciono gli schizzi, mi piace lo sperma e mi piace essere costretta e soffocata, obbligata a bere. Mi è sempre piaciuto. Così come mi sono sempre piaciuti gli insulti. Pompinara, succhiacazzi, lucidanerchie, bocchinara... “Che bocchinara!”, grida Luca mentre mi svuota le palle in gola.

Stavolta invece mi piace meno, stavolta no. Non so dire perché. No, non mi piace. Chissà che gli è preso, chissà perché proprio oggi. Non me l’ha mai detto prima. Lui è il tipo che grida “mi fai impazzire!” ma non va oltre. E’ il tipo che gode a sentirmi parlare sporco. Ma “troia” non mi ci ha mai chiamata, per dire, e “bocchinara” nemmeno. E sì che mi sarebbe piaciuto, e sì che sono stata tante volte a un passo dal chiederglielo io stessa.

Mentre lui si agita sul divano, io ingoio. Alzo lo sguardo verso di lui tenendomi la cappella a due millimetri dalle labbra.

- Romantico oggi, eh?

- Scusa…

Alzo le spalle, come a dire che non fa nulla. Mi dice ancora “scusa”, io lo imbocco e lo ripulisco. Preferisco ripulirgli il cazzo che sentire lui che mi chiede scusa. Mi dispiace Luca, sensi di colpa zero.



***********************
***** 24 DICEMBRE *****

Appuntamento allo scannatoio, alle tre e mezza. Ma stavolta non è per quello. Non c’è tanto tempo e poi io non ho nemmeno tanta voglia. E’ la vigilia di Natale, giusto un modo per scambiarsi i regali tra di noi, senza nessuno intorno. Poi però a casa presto, ché mamma mi ha chiesto di aiutarla con il cenone.

Arrivo con dieci minuti di ritardo. Cerco trafelata le chiavi. Scusa, il lavoro... Gli porgo la mia busta infiocchettata. E’ un completo da palestra della Under Armour, tuta compresa, che non mi è nemmeno costato tanto poco. Luca mi bacia ringraziandomi. Immagino che abbia capito cosa è, ma mi domanda se mi dispiace se lo mette sotto l’albero per aprirlo a mezzanotte. A casa sua hanno questa tradizione. Gli dico che va bene, le tradizioni si rispettano. Tra me e me invece penso ma che cazzo, nemmeno la soddisfazione di scartarlo davanti a me...

Mi prende per mano e mi porta fuori dal salotto. Vedo che si dirige verso la camera da letto e un po’ mi irrigidisco. Non avevamo detto che non eravamo qui per quello? Con un tono sospettoso gli chiedo “che vuoi fare?”. Risponde “vieni, vieni”. In mezzo al lettone troneggia, nuda e senza incarti, una borsa. Azzurra, bellissima. Non vi dico la marca, ma voi pensate a una borsa di Prada e poi andate su con il prezzo. Parecchio su. Mi prende letteralmente un colpo.

- Sei pazzo... – è l’unica cosa che per qualche secondo riesco a dire.

- Non ti piace? – domanda lui ironico.

Si, certo, mi piace da morire. Riesco a dirglielo solo dopo qualche secondo. Afferro la borsa, la guardo, la accarezzo, ho quasi paura di rovinarla. Scuoto la testa come se pensassi qualcosa, in realtà non riesco a pensare a nulla.

- Tu sei pazzo... hai speso un follia... – sussurro come se non sapessi che per lui i soldi non sono l’ultimo dei problemi, non sono proprio un problema.

- Buon Natale amore – sussurra prendendomi tra le braccia e baciandomi.

Riemergo dal mio stato catatonico solo quando il suo bacio si fa più appassionato, quando la sua stretta si fa più forte. “Mi sa proprio che gliela devo dare”, penso. Sarà arido, come pensiero, ma giuro: è la prima cosa che mi viene in mente. Non mi va per nulla. Non vorrei essere qui. O meglio vorrei pure essere qui ma non con lui. Vorrei essere con Stefano, spogliarmi completamente e distendermi sul letto, aprire le gambe e dirgli “vieni, fammi gli auguri”.

Devo essere malata. Codifico in una scopata ciò che davvero vorrei sopra ogni altra cosa, ovvero che lui mi facesse gli auguri di Natale. Ieri non me li ha fatti e oggi al lavoro non c’era. Non so dove sia, ma lo immagino. A Natale si sta in famiglia e le amanti si rodono nella loro solitudine. Mi dico che già lo status di amante sarebbe un passo avanti. Dopo quella sera in albergo non è mai stato particolarmente espansivo quando ci siamo visti. Ma eravamo sempre davanti a un sacco di colleghi, forse sono io che pretendo troppo. In realtà ciò che mi mangia dentro è non sapere se mi cercherà più.

Mentre questi pensieri mi attraversano velocemente il cervello, Luca invece mi bacia i capelli e il collo, mi bisbiglia “ti amo”, mi stringe il culo. E so perfettamente che è sincero, non c’è nessuna meschinità da parte sua, il regalo costoso non c’entra un cazzo, per essere chiare. E’ solo un ragazzo che vuole fare l’amore con la sua ragazza. Oggi, alla vigilia della festa più bella. Intimità, sentimento, desiderio.

Lo allontano un po’ e cerco di organizzare uno sguardo tanto furbetto e compiaciuto quanto fasullo. Ho un’idea che, cosa vi posso dire?, dovrei tagliarmi le vene per la vergogna. Gli sorrido un “lo vuoi un anticipo di paradiso?”. Non so da dove abbia recuperato sta stronzata, ma gli dico proprio così. Lo faccio sedere sul bordo del letto e mi inginocchio tra le sue gambe. Forse me la cavo con un altro pompino, forse basterà. L’altro giorno è bastato.

Coinvolgimento prossimo allo zero ma, tecnicamente parlando, credo che sia uno dei migliori che abbia fatto in vita mia. E guardate che io sono proprio brava, non mi vanto. Lento, estenuante. Lingua sul taglietto, sulla cappella, sullo scalino sotto la cappella, sulla mazza, sui coglioni. Poi saliva, una cascata di saliva, labbra semiaperte che scorrono su tutta l’asta e poi ancora lingua, lingua dappertutto. Luca trema e crolla all’indietro, mi stacco un attimo per dirgli ridacchiando “non mi rovinare la borsa”, faccio la fidanzatina simpatica che gioca e scherza mentre gli succhia il cazzo. Poi di colpo affondo e me lo infilo in gola. Lui rantola di piacere, trema ancora, mi tiene una mano leggera sulla testa. Dopo il “bocchinara” dell’altro giorno non ha il coraggio di dirmi nulla, ma un insulto adesso ci starebbe proprio bene. Un bel “troia” strozzato dal piacere. Una volta tanto, non per gratificarmi, ma per definire ciò che sono e ciò che sto facendo adesso.

Mi si scarica in bocca sussultando e mormorando “dio... dio...”. Scatta ancora mentre lo ripulisco con cura dopo avere ingoiato. Protende le braccia verso di me e mi trascina sopra di lui. Mi abbraccia e mi bacia. Se c’è una cosa che devo riconoscergli, è quella di non avere avuto nessuna remora, mai, nel baciarmi dopo avermi inondato la bocca di sperma. Guardate che non è poco, io almeno la penso così.

Le sue mani corrono sul mio corpo. Dice “ti voglio, voglio farti godere”, prova a sganciarmi il reggiseno infilando le mani sotto il cardigan e la camicetta. Lo stratagemma del pompino non ha funzionato. E non funziona nemmeno dirgli “no, dai, si fa tardi” con un tono un po’ scherzoso. Non so cosa lo ecciti tanto, sarà l’aria della festa, che cazzo posso dirvi? Però, davvero, è come impazzito. Come se fosse folle di desiderio e di amore. Inestricabilmente intrecciati, lo percepisco benissimo. Se non fosse che proprio non è aria, mi dovrei commuovere e concedere con lo stesso suo entusiasmo, con la sua stessa voglia. Dovrei dirgli “sono tua, tua, tua!”, dovrei gridarglielo.

- Ti voglio, ti voglio tutta, tutta! Oggi me lo dai il culo? – chiede mettendoci le mani sopra, come fosse suo.

Per qualche secondo l’intero scannatoio sembra piombato nell’era glaciale.

- Il mio culo per una borsa? – gli dico rialzandomi lentamente.

Sul suo viso si disegna il terrore. La manifestazione plastica del terrore. Lo so benissimo che non intendeva quello, lo so. Non mi sfiora nemmeno lontanamente il cervello l’idea che lui sia capace di una tale bassezza. E’ ovvio che stava solamente dando libero sfogo alle sue voglie, alla sua immaginazione. Ma sono stronza e voglio ferirlo, voglio annullarlo, lo voglio sfregiare dicendogli “se è così te la puoi pure riprendere”. Lui non se ne capacita, pensa che io abbia capito il più volgare dei due più due, pensa di avere fatto una gaffe irrimediabile, di essere precipitato all’inferno.

Sì, ok, una gaffe un po’ l’ha fatta, un po’ maldestro lo è stato. E sì, ok, lo vuole. Mica è la prima volta che me lo chiede, che c’è di strano? Lo so che i ragazzi lo vogliono. Non tutti, ma tanti. Anche lui. “Ho provato, non mi è piaciuto”, gli ho risposto una volta chiudendola lì. Mentivo, è ovvio. Ma che vi devo dire? Boh, non lo so. Non mi va Luca, proprio non mi va.

Chiaramente non glielo dico, ma se è per questo direi di no anche a Stefano. Nel suo caso, per paura. No, non quella paura. No, ho paura di darmi a lui, questa è la verità. Ho voglia e al tempo stesso ho paura. Perché so perfettamente che non finiremo mai da nessuna parte, io e lui. Non sono mica cretina. E tuttavia vorrei che adesso qui ci fosse lui, Stefano.

Mentre penso a questo lascio che Luca si scusi, a lungo, che chieda perdono, che mi dica un centinaio di volte che lui, beh, non intendeva minimamente... E io so che è vero ma lo lascio andare avanti quasi fino alle lacrime, faccio quella che non ci crede, faccio l’offesa, alzo un muro di diffidenza e poi lo riabbasso. Ma lo riabbasso molto lentamente, lasciandolo friggere nella paura di non essere creduto. Lo torturo.

Alla fine è “dai, va bene, ma andiamo che si è fatto tardi” sussurrato un po’ freddamente guardandolo negli occhi e accompagnando le parole con una carezza sul viso. Con l’atteggiamento di chi dice “mi hai convinta, ma solo al novanta per cento”. Prima di aprire la porta di casa e uscire mi ripete per l’ennesima volta “ti amo, amore, ti amo tanto”. Gli rispondo in automatico “lo so tesoro” e intanto penso ancora una volta che ho voglia di vedere Stefano, che mi è intollerabile che se ne stia da un’altra parte. Abbasso la maniglia tenendo la mia borsa nuova sottobraccio. Sono una miserabile.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 9 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.