Mistress Anastasia e Sally - di Miss Serena e Sally_xdress - cap. 1

Scritto da , il 2019-10-30, genere trans

Questa piccola serie di racconti non è solo opera mia, ma è stata scritta a quattro mani con Sally_xdress che ringrazio non solo per la collaborazione, ma anche e soprattutto per il sopportarmi da anni. I racconti sono ovviamente di fantasia, o per meglio dire di nostre fantasie mai realizzate, e detto ciò buona lettura a tutti.

Da quando avevo dato alle stampe la mia autobiografia “Anastasia una vita da dominatrice”, ero stata letteralmente bombardata di e-mail allucinanti. Di fatto le si poteva dividere in due categoria, quelle scritta da chi si proponeva di vivere come mio schiavo ogni secondo della sua vita, e quelli che invece mi ‘rimproveravano’ di essere una dominatrice perché non avevo provato i loro ‘mostruosi cazzi’. Con calma le segnavo tutte come ‘spam’, con la speranza di non essere più seccata da quei mentecatti, salvando alla fine una decina scarse di missive, dove non al contrario non mancava il buonsenso, ma soprattutto la buona educazione.
Mi colpirono in particolar modo quelle di Manuel, un uomo che si dichiarava etero convinto, ma che allo stesso tempo aveva una passione segreta per il crossdressing, e tutto ciò che era inerente al travestirsi da donna. Mi aveva confessato che questa sua passione era nata come semplice attrazione per le collant e che poi via via si era estesa all'intimo, arrivando infine all'abbigliamento completo ed al desiderio di provare trucco e parrucca. Questo ragazzo, che pure non aveva alcuna pulsione gay ne verso uomini, ne verso trans, desiderava però non solo poter dare alle sue fantasie, ma anche provare la sodomia, avendo però come parte attiva solo una donna dotata di strap-on.
Man mano che la nostra corrispondenza andava avanti, la mia curiosità verso di lui cresceva sempre più, ma non pensai neanche un attimo ad inviargli quello che avevo ribattezzato il “Questionario dello slave”, visto che in lui non c’era nessuna traccia di uomo sottomesso, o che desiderasse diventare uno schiavo.
Quello che però mi rese impossibile resistere a lui fu la scoperta che era ancora vergine, almeno a livello anale, non avendo mai trovato una donna in grado di soddisfare la sua passione verso il crossdressing. Anche se fantasticava di essere penetrato da una donna con lo strap on, quando il discorso diventava un po' più concreto, notavo dei passi indietro da parte sua, come se fosse frenato dalla paura di provare. La sua resistenza, però, non faceva altro che ingolosirmi ancora di più.
“Potresti venire un week end da me.” gli scrissi un giorno, sperando in una sua risposta positiva, ma anche dopo aver visto che in fondo ci dividevano solo tre ore di volo e una di macchina.
All’inizio lui tentennò, trovando le solite scuse del lavoro, ma anche della mancanza dei soldi per il viaggio, ma con calma riuscii a convincerlo, usando principalmente l’arma della curiosità, oltre a caricarmi ogni spesa.
Mi ritrovai così all’aeroporto in attesa del mio giovane aspirante crossdresser, dopo avergli dato poche ma chiare disposizioni su come presentarsi e cosa portare.
“Punto primo depilati il più possibile, e secondo porta un paio di vestiti da donna e almeno un paio di scarpe.”
Lui protestò un po’ per la depilazione, ma poi si rese conto che una donna pelosa come una scimmia era non solo brutta, ma in primis poco credibile.
Nonostante ci fossimo scambiati alcune fotografie, il vederlo dal vivo fu una piacevole sorpresa. Non solo era più che piacente, ma dotato di un bel portamento che lo faceva quasi sembra più alto di quel che era, e anche il vestito che indossava lo rendeva molto elegante.
“Miss Anastasia ?” mi domandò allungando timidamente la mano.
“Sì sono io, ma per piacere elimina subito il miss, riserviamo i titoli per altri momenti.”
Il viaggio verso casa fu molto piacevole, fra le sue domande su come fosse vivere in un altro paese, e le mie sulle sue conquiste femminili. Scherzosamente gli chiesi di scoprire la gamba, per vedere se davvero aveva avuto il coraggio di depilarsi; alzò la gamba del pantalone di quel tanto che bastava per mostrarmi il risultato dell’operazione ed arrossendo mi confessò che, nonostante fosse stato molto faticoso per lui, quando ora si guardava allo specchio nei momenti en femme vedeva sicuramente una figura più aggraziata e femminile.
Una volta arrivati a casa, gli feci posare le sue cose nella stanza degli ospiti, per poi dargli la prima direttiva.
“Voglio che ti trucchi e ti vesta come meglio credi, senza alcuna indicazione da parte mia, o se vuoi in altre parole, che mi faccia vedere cosa vuol dire per te essere una crossdresser. Impiega pure il tempo che reputi necessario, io t’aspetterò in salotto va bene ?”
“Sì anche se m’aspettavo un inizio diverso.” mi rispose preso in contropiede.
“Lo so ma tu non sei il solito aspirante slave che vuol diventare una sissy o qualcosa del genere. Tu hai una personalità e voglio che la tiri fuori, quindi ora fammi vedere di cosa sei capace.”
Lo osservai mentre si dirigeva verso la stanza degli ospiti e lo bloccai prima che chiudesse la porta alle sue spalle.
“Quella lasciala pure aperta”, gli dissi
“Mah, mah non vuoi vedere direttamente il risultato finale?” mi chiese un po’ perplesso.
“Si, si non ti preoccupare che ho certo l’intenzione di stare tutto il tempo lì a fissarti!”
Lo lasciai solo per andarmi a versare un buon cognac, e riprendere la lettura dell’ultimo libro di Forsyth, lanciando di tanto in tanto lo sguardo alla stanza degli ospiti per vedere Manuel all’opera. Lo vidi partire dal trucco, utilizzando tutto l’occorrente per il make up che gli avevo lasciato in camera; la sua inesperienza e la sua goffagine nell’arte del maquillage mi strappò ben più di un sorriso. Quando mi rigirai per osservare a che punto era lo vidi intento ad ammirarsi allo specchio il fondoschiena e le gambe inguainate dai collant, con un’aria evidentemente soddisfatta.
Restai immersa nella lettura per quasi un’ora prima che Manuel si presentasse nella sua versione come Sally.
Nonostante la mia esperienza, che ben comprendeva il fatto che gli uomini quando si travestono da donna tendono sempre ad esagerare, e ancor di più se sono alle prime armi, riuscii a stento a non mettermi a ridere, davanti a quella che sembrava più un incrocio fra la caricatura di una travestita e una maschera di carnevale.
Non solo il trucco era troppo carico e fatto usando colori a dir poco vivaci, senza alcun rispetto per l’estetica, ma il top era troppo corto, così come la mini, per di più plissettata, che non lasciava alcuno spazio all’immaginazione, ma a delle poco sensuali collant nere a rete larga.
“Non vuoi vedere direttamente il risultato finale ?” mi chiese un po’ perplesso.
La mancanza della parrucca, poi, rendeva ancora meno armonioso il suo viso, dove il taglio decisamente maschile contrastava non poco con la maschera che aveva creato con il trucco. Le uniche due note positive erano l’uso di un reggiseno imbottito che simulava una buona seconda, e le decolté dal tacco basso.
Il senso di eleganza che mi aveva trasmesso quando l’avevo visto scendere dall’aereo sembrava dissolto in questa sua nuova figura.
“Allora come sto ?” mi chiese facendo un giro su se stessa.
“Una schifezza fatta a donna.” le risposi togliendole il sorriso dalle labbra.
“Ma… come… ” farfugliò incredula per la mia risposta.
“Va bene che siamo in periodo di Halloween, ma credo che tu sia eccessiva anche per un club gay di second’ordine.”
Rimanendo fredda le elencai tutti i difetti in cui era caduta, eccedendo in ogni aspetto del suo travestimento, ma la fine del mio discorso le tolse definitivamente ogni traccia di sorriso.
“Io una così non me la scopo neanche se mi paga.”
“Ma io ho aspettato tanto per questo momento !” protestò con un certo vigore.
“Vorrà dire che aspetterai sino a domani, ma stai tranquilla che non te ne starai con le mani in mano, anzi togliti top e mini che sono del tutto inutili se non a renderti ancor più ridicola.”
Una volta rimasta col solo intimo, potei notare il suo bel fisico, non troppo mascolino ma allo stesso tempo neanche simile a quello di una donna, se non altro per i fianchi dritti. In compenso aveva un gran bel culo, ben messo in risalto da un tanga molto sgambato e di buona fattura.
“I miei piedi hanno bisogno d’attenzioni.” le dissi accavallando le gambe, ed indicandole al contempo il pavimento con un dito.
Sally s’accovacciò per terra per poi togliermi le scarpe ed iniziare un piacevole massaggio ai piedi, ben sapendo che non si sarebbe potuta fermare all’uso delle sole mani. Con un po’ di timore reverenziale mi sfilò le calze, e subito dopo prese in bocca il mio piede destro, che iniziò a leccare quasi con disgusto, facendomi arrabbiare per il suo scarso impegno.
“Alzati tanto così fa solo schifo.”
Come fu in piedi le strappai i collant all’altezza del pube, per poi abbassargli il tanga e far uscire il pene ancora molliccio.
“Lezione numero uno, una vera donna non porta i collant.” le dissi facendo passare velocemente le dita sul pene che non tardò a dare i primi segni d’eccitazione.
“Non li usa perché non sono in alcun modo sensuali, quindi d’ora in poi potrai scegliere fra calze col reggicalze, o le autoreggenti, hai capito Sally ?”
“Sii.” mi rispose con la voce tremolante per l’eccitazione.
“Lezione numero due ogni parte del corpo di una donna merita le sue attenzioni, senza nessuna esclusione piedi compresi. Ed infine lezione numero tre, devi imparare a controllare il tuo arrapamento, perché hai già il cazzo duro e non ho neanche iniziato.”
Passai dietro di lei per poi infilarle una mano dentro il reggiseno e poter giocare col capezzolo, mentre coll’altra mano continuavo a farle sentire i polpastrelli sul membro ormai duro. Sally aveva un pene leggermente superiore alla media come dimensioni, ma ciò che lo rendeva per certi aspetti affascinante, era il fatto che fosse quasi perfettamente liscio.
Sadicamente evitai di prenderglielo nella mano, e solo dopo essermi seduta, e lei inginocchiata davanti a me, inizia a masturbarla usando i piedi, portandola alla soglia dell’orgasmo, e solo dopo averla fatta soffrire un po’ decisi che era giunto il momento di farla venire.
“Sdraiati e apri bene le gambe.” le dissi non senza malizia.
Sally non mi rispose, ma si sdraiò davanti a me come le avevo chiesto, e subito dopo m’inginocchiai al suo fianco. Non seppi resistere alla tentazione di penetrare almeno con un dito il suo ano; quando entrai la sentii irrigidirsi, ma bastò simulare una lenta penetrazione con il dito che si sciolse ed aprì ancor di più le gambe. Quando aumentai leggermente il ritmo ed il suo respiro si fece leggermente affannoso, fu il segno che la sua eccitazione era arrivata al picco massimo, così decisi di prenderle il membro in mano e segarla quel tanto che bastava per farle avere un fin troppo meritato orgasmo.
Il frutto del suo piacere uscì incontrollato ed alcune gocce finirono sul mio piede, così non resistetti alla tentazione di prendermi una piccola rivincita.
“Guarda, cosa hai combinato!” gli dissi porgendogli il piede.
Lei abbassò lo sguardo, assumendo un’aria colpevole, non appena capì quello che aveva fatto.
“Penso che dovresti pulire…”
“Si, hai ragione”, mi rispose quasi mortificato, mentre si alzava in cerca di un fazzoletto.
Lo bloccai con una mano sulla spalla, guardandolo fisso negli occhi, e con un gesto gentile ma fermo lo feci inginocchiare di nuovo.
“Con la bocca..” gli dissi con un tono che non ammetteva repliche, mentre vedevo lo sconcerto dipingersi sul suo volto.
Cercò di dire qualcosa, aprì la bocca un paio di volte senza proferire parola ed alla fine si convinse.
“Questa volta non mi deludere”, rincarai la dose.
Iniziò a leccare lentamente il dorso del piede, rallentando leggermente prima di arrivare alle gocce di sperma, che poi pulì tutto senza esitazioni; stavolta non si fermò, ma arrivò fino alla caviglia con la lingua, che iniziò a mordicchiare. Ridiscese lentamente, baciando ogni singolo punto e fermandosi sulle dita, che succhiò avidamente una ad una, prima di infilare la lingua nelle intersezioni.
Lasciai che si dedicasse al mio piede per qualche minuto, prima di congedarla per andarmene in camera mia.
“Ma tu non vuoi godere ?” mi chiese con un certo stupore.
“Lo farò domani e credimi il mio piacere sarà maggiore del tuo.”


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/

Questo racconto di è stato letto 2 8 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.