Una lama nella notte

Scritto da , il 2018-11-11, genere pulp

Ispirato da “Un delitto” di Ellie.

Tano l’aveva fatta franca. Nessuno aveva potuto sospettare di lui. Un alibi inattaccabile, un atteggiamento irreprensibile lo avevano elevato al di sopra di ogni sospetto.
Noemi era stata ammazzata brutalmente a coltellate nella sua casa, molto isolata per coltivare gelosamente la sua privacy a cui la donna tanto teneva. Nessuno aveva visto o sentito nulla.
Tano l’aveva fatta franca e si sentiva nel giusto. Quella donna l’aveva tradito e aveva pagato: non c’era in lui alcuna traccia di rimorso.
Il tempo cancella le cose, tutti si erano ormai dimenticati di Noemi.
Proprio tutti no.
Un uomo era stato colpito da quella vicenda fino ad esserne coinvolto profondamente. Le immagini, i filmati di Noemi, reperiti sulla rete, restituivano solo in parte la sua bellezza: le labbra piene come le sue forme, i bruni capelli inanellati che le incorniciavano un volto al tempo stesso dolce e provocante. La sua voce roca e sensuale, la risata che sembrava offrirti il mondo.
Il suo cuore si era raggelato nell’immaginare l’angoscia di Noemi mentre la morte incombeva su di lei, le sue implorazioni di pietà al suo assassino, il terrore, l’orrore, il dolore lacerante del metallo che le straziava le carni. Aveva percepito, sofferto il freddo che scendeva su di lei, mentre la vita l’abbandonava con il suo sangue che sgorgava, la sua rassegnazione, l’ultima preghiera, il buio.
L’uomo, con una indagine maniacale, ossessiva, era riuscito a fiutare la traccia e non si sarebbe fermato mai più.
Tano tornava a casa a piedi nella notte fredda verso la sua casa. Ai suoi piedi scricchiolavano, irrigidite dai primi freddi invernali, le foglie secche. La luna, ormai piena, regalava la sua argentea luce, con i rami, artigli senza foglie, protesi nel vano sforzo di catturarla. Un freddo frizzante gli frustava piacevolmente il viso. Ormai alcuni anni erano trascorsi da quella notte e il suo ricordo si attivò.
Noemi, quella notte, la sua ultima notte: lei aveva letto la folle gelosia di Tano e aveva cercato con le armi della seduzione di salvarsi: si era spogliata e aveva offerto le sue procaci forme, disposta a soddisfare qualunque suo capriccio. Lui aveva sguainato freddo il suo pugnale, spietato, sordo alle invocazioni di pietà, e iniziato a colpirla. Noemi aveva disperatamente cercato di opporsi con il solo risultato di fare infuriare maggiormente Tano. L’aveva tradito e questo le era dovuto.
Se l’era meritato quella troia!
Il suo piano preparato meticolosamente l’aveva lasciato fuori da ogni sospetto. Almeno lo credeva.
….C’era qualcuno in casa. Percepiva una presenza estranea, forse un ladro.
Cercò il suo pugnale, uno stupendo e micidiale Becker BK 5 Magnum, nel recesso segreto in cui era riposto proprio all’ingresso: non lo trovò. Quasi contemporaneamente una sagoma magra e agile si rivelò nella stanza illuminata dai raggi argentei che filtravano dalle finestre.
- Cerchi questo?
Tano prese al volo il suo coltello, contenuto in un robusto fodero di nylon, che gli veniva lanciato e lo sfoderò.
Era una sfida. “Chissà chi è, e cosa cerca? Glielo chiederò prima che esali gli ultimi respiri.”
Due figure, in silenzio, immerse nella stanza rischiarata solo dal chiarore lunare, si fronteggiavano per un duello che si preannunciava mortale.
Il volto del misterioso intruso, per il gioco di chiaroscuri dei raggi di luna e delle zone d’ombra, appariva patibolare: eretto, sicuro, teneva il manico del suo pugnale, un Doge 107, racchiuso tra anulare e medio, e da questa posizione faceva abilmente passare la presa da frontale a inversa in una frazione di secondo: la così detta presa Spetnaz, che presupponeva una tecnica magistrale e una presa d’acciaio. Non aveva di fronte un dilettante.
Tano, per nulla impressionato, sferrò il suo attacco, potente, irruente, ma i suoi affondi e fendenti furono agevolmente neutralizzati dal braccio di guardia e di
parata del pugnale del suo avversario, che fulmineamente sferrò un colpo di sguincio con la parte inferiore della sua affilatissima arma, seghettata a scalpello.
I tendini flessori del polso di Tano furono rescissi e il bellissimo Becker, cadde inesorabilmente a terra; lui non era certo un pavido e cercò di lottare, ma disarmato com’era subì gli affondi del pugnale del suo implacabile avversario e, indebolito dal sangue che perdeva, finì a terra. Non era uno stupido e capì che per lui era finita. Ma chi era quell’uomo misterioso che lo aveva sfidato e vinto e perché era lì?
- Chi sei?
- Il mio nome non conta nulla; se vuoi puoi chiamarmi Rorschach.
- Perché mi stai uccidendo? - La vista gli si stava annebbiando.
- Mi manda Noemi.
Tano udì quelle parole, le ultime per lui, e poi… il colpo di grazia.
Dopo, il nulla.
Rorschach ora camminava ramingo nella notte: nel suo cuore la soddisfazione per la giustizia fatta non riusciva a contenere la marea montante, incontenibile, del rimorso che si faceva strada nel suo animo.

Questo racconto di è stato letto 1 5 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.