Erotici Racconti

Doccia al mare

Scritto da , il 2017-01-26, genere masturbazione

Gloria entrò nella cabina e si preparò a farsi una doccia, dopo tanti bagni di mare e di sole.
La struttura dello stabilimento balneare era piuttosto semplice: un gruppo di ombrelloni, per cambiarsi una fila di cabinotti di legno, uno dei quali adibito a locale doccia, un barettino dove ci si poteva ristorare sotto un pergolato di stuoie. I clienti erano costituiti da famiglie ed io, quindicenne, soffrivo per la mancanza di coetanei e soprattutto di coetanee.
Gloria, una bella signora emiliana, di poco più di trent’anni, era il bersaglio della mia tempesta ormonale, calamitava il mio interesse sessuale, purtroppo solo platonicamente. Non alta, 162 cm, ma procace, con le curve giuste, sorridente e solare.
I costumi castigati di quel fine anni 60’ non consentivano di vedere troppe cose, ma la fantasia e l’immaginazione sopperivano alla grande. Per noi una donna nuda era un mito, una conquista quasi impossibile. Me la studiavo dalla testa fino ai deliziosi piedini (avevo osservato, sotto l’ombrellone degli zoccoletti n.37), soffermandomi analiticamente sulle tette, sul culo e sulla zona vulvare: la spogliavo e la mangiavo con gli occhi. Non so cosa avrei dato, anche solo per denudarla e palpeggiarla.
La cabina che ci era stata assegnata era contigua al locale doccia e avevo notato a mezz’altezza un foro praticato nella parete divisoria, che subito catturò il mio interesse. Da quel meraviglioso pertugio si poteva dominare la cabina uso doccia. Facile capire che cosa auspicavo.
Finalmente l’occasione tanto desiderata si presentò. Gloria chiese cortesemente a mia zia se poteva dare un’occhiata al suo bambino di circa 5 anni, mentre lei si faceva una bella doccia. La zia accettò molto volentieri. Quando l’oggetto del mio desiderio chiuse a chiave la porta della doccia, io ero già in postazione. Gloria si sfilò il reggiseno e potei ammirare quelle stupende mammelle dall’ampia areola scura al cui centro svettavano bellissimi capezzoli che avrei voluto tanto succhiare. Si tolse poi gli slip e al vedere quel triangolo di pelo scuro, mi sembrò di impazzire. Lei si lavava, massaggiandosi le tette che ondeggiavano sensualmente. Faceva passare le mani sul monte di Venere, insinuava le mani nel solco gluteo allargandolo. Avevo la salivazione azzerata e temevo che il tumultuoso battito del mio cuore potesse essere udito al di là della sottile parete di legno, mentre mi lavoravo vigorosamente il pene con le sue vene congeste, il glande violaceo e ormai prossimo a scoppiare. . Quando Gloria si accovacciò, con espressione libidinosa del viso, ponendosi un dito in vagina e uno nel buchetto posteriore, ed iniziò un erotico ditalino; agitandosi faceva ballonzolare le sue grosse mammelle. Sembrò che il mio cazzo prendesse fuoco e, scosso da contrazioni di piacere, esplose in un enorme schizzo di liquido seminale caldo. Fu una sega, oserei dire, imperiale.
Gloria anch’essa soddisfatta, finì di giocare, si asciugò e si rivesti. Uscimmo quasi contemporaneamente dalle cabine: lei mi squadrò. Arrossii fino alla punta dei capelli accorgendomi che il mio costume era evidentemente bagnato dal mio sperma che continuava a defluire dal mio cazzo, e lei se ne era accorta. Forse aveva udito i miei ansiti di godimento attraverso la parete. Mi sorrise maliziosamente e se ne andò. La guardai, mentre si allontanava sculettante, e sospirai.

Questo racconto di è stato letto 7 7 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.