Tony - cap 5

Scritto da , il 2021-10-14, genere bisex

Drinn Drinn
Il campanello non fece quasi in tempo a finire di suonare, che la voce di Miranda riempì tutto l'appartamento.
"Tony per piacere vai ad aprire la mio amico, e mentre ci sei lo trattieni il tempo che finisco di prepararmi, grazie."
Io le donne non le capirò mai !
E' almeno un'ora che era dentro la sua stanza, e ancora non era pronta per uscire col belloccio di turno !
Però con lei avevo imparato cos'è la tolleranza, così lasciai il libro che stavo leggendo e andai ad aprire, trovando un bel biondino, abbastanza muscoloso ma non tanto da essere un palestrato.
"Ciao tu devi essere Tony, piacere sono Luigi." mi salutò allungano la mano.
"Piacere mio." gli risposi invidiando subito la troietta che s'è trovata un così bel ragazzo.
Lo feci accomodare in salotto scoprendo che era un calciatore, certo non di primo piano, ma oltre ad essere uno sportivo era anche uno studente che aspira ad un futuro di prestigio fuori dal mondo dello sport. La conversazione fu molto piacevole, Luigi non era solo bello, ma molto intelligente e disponibile al confronto, e quasi mi dimenticai che non era lì per me.
Quando però arrivò Miranda ci paralizzammo entrambi, dire che era vestita è francamente una forzatura, dato che il 'vestito' che porta sembrava più una sottoveste, peraltro decisamente corta visto che non le copriva neanche l'intimità, facendo sembrare ancor più oscene le autoreggenti a rete che indossava.
"Ma vuoi andare a farti stuprare ?" dissi dopo essermi ripreso.
"E chi ha detto che esco ?" mi rispose prima sedersi accanto a Luigi e baciarlo con un certo trasporto.
Anche se ormai mi ero abituato alla sua stravaganza, mi sentii a disagio, e questo non poté che aumentare quando lei gli tirò fuori il pene, che se pur ancor mollo, era già di una notevole dimensione.
"Tony scusa forse mi sono dimenticata di dirti che lui è bisex, e che se vuoi puoi accomodarti vicino a me."
In quel momento mi ricordai della sua teoria del bastone e della carota, così m'alzai per mettermi vicino a Luigi e toccargli il membro.
"Su non esser timido, tanto lo so che vuoi assaggiare questa meraviglia." mi disse lei con molta malizia.
In effetti mi era difficile resistere ad una simile tentazione, e non mi feci pregare ulteriormente per abbassarmi e dare un paio di baci a quella cappella così invitante. Ma come dice il proverbio 'l'appetito vien mangiando', così io dopo l'assaggio volli tutta la portata, e presi fra le labbra ingorde quel bel pezzo di carne, sino a ritrovarmelo in fondo alla gola.
"Ma sei proprio un ingordo !" esclamò ridendo Miranda "Una ti da un dito e tu ti prendi tutto il braccio, anzi il cazzo !" scoppiando a ridere
Mi resi conto d'aver esagerato, e se pur con dispiacere lasciai il pene di Luigi per iniziare con lei un lento pompino a due bocche. Sembrava quasi che non avessimo fatto altro in vita nostre, le labbra una contro l'altra, e le lingue una sopra e l'altra sotto il membro di lui, che ben presto diventò duro e nella sua massima estensione.
"Certo che siete proprio due troie da bocca !" disse Luigi fra un gemito e l'altro "Dai Tony vienimi sopra, voglio il tuo culo."
Senza pensarci neanche due volte mi catapultai su quel bel cazzo, la mia voglia era talmente esagerata che non pensai neppure un attimo a lubrificarmi il buchetto, provando un leggero dolore alla penetrazione . Ma come riuscii a far entrare la cappella poi fu una dolce discesa verso il paradiso, sino a ritrovarmi i testicoli contro i suoi. Miranda da parte sua s'impossessò subito del mio pene e cominciò subito un pompino, arte nella quale era a dir poco una maestra.
"Sii siete due porci ma mi fate impazzire !" urlai pieno di piacere.
"Senti chi parla !" mi rispose Luigi "Non ho mai visto uno impalarsi così velocemente !"
Sentii anche alcune parole non proprio da salotto bene da parte di Miranda, ma ormai pensavo solo a godere del cazzone di Luigi, cavalcandolo con raro furore. Non appena arrivavo al termine della risalita non vedevo l'ora di riempirmi nuovamente le viscere con quel bastone che pulsava di una vita sua, ed avrei continuato per chissà quanto tempo a scoparmelo se solo fossimo stati soli.
Miranda però reclamava la sua parte di piacere, così mi ritrovai carponi con la sua passera davanti alla faccia, pronta ad esser leccata dalla mia lingua, e non posso negare che da quando la frequentavo provavo un certo piacere anche nell’assaporare il calore femminile.
"Fottimi Luigi ! Non smettere che sto godendo come un porco ! Non sai com'è bello prendere il tuo cazzone nel culo..."
"Sfondalo pure tanto è abituato a peggio il maiale." aggiunse Miranda spingendomi contro il suo sesso la testa.
"Non so chi sia più porco fra voi due ? E tu non sei certo una santa vero Miranda ?" disse Luigi quasi ridendo.
"No infatti ho una gran voglia di cazzo anch'io prima che finiscano !"
"Quasi quasi ti scopo io !" dissi non troppo seriamente.
Lei però prese come vere le mia parole, così ci prese scherzosamente per i membri per portarci in camera dove mi fece sdraiare di fianco al centro del letto. Lei si mise poi nella stessa maniera davanti a me, per farsi scivolare dentro la fica grondante d'umori, la mia mazza durissima per tutto il piacere ricevuto sino a poco prima.
Luigi non si fermò certo a guardarci, ma portò il suo cazzone davanti alle nostre bocce sempre fameliche, ma questa volta ci dividemmo i compiti, così lei si dedicò con lunghe leccate ai testicoli, mentre io lo presi in bocca eccitandomi ancor di più.
"Il dubbio rimane." disse improvvisamente Luigi.
"Quale dubbio ?" chiesi incuriosito.
"Chi fra voi due è più zoccola !" mi rispose ridendo.
Non ebbi però il tempo d'apprezzare la sua battuta, che lui si sistemò dietro di me per incularmi nuovamente, Ora però il suo ritmo fu subito quasi furibondo, il mio ano era ben dilatato ed il suo pene ricoperto di saliva, senza considerare che il mio era ben al caldo fra le cosce di Miranda. Trovandomi in mezzo godevo ad ogni piccolo movimento, anche se ovviamente traevo maggior piacere dal bastone di Luigi, che ormai scorreva nel mio culo a velocità considerevoli. Quando girai la testa trovai la sua bocca subito pronta a cercare la mia, ci baciammo con passione mentre lui rallentò per un attimo le sue bordate, e mi sentii completamente suo.
Quei momenti così magici non potevano però durare in eterno, e quando Miranda s'accorse che entrambi stavamo venendo ci fece mettere uno di fronte all'altro sistemandosi fra di noi. Con la sua insuperabile maestria ci spompinò sino a farci venire fra le sue labbra, il primo ad arrivare all'orgasmo fui io, seguito quasi subito da Luigi che baciai di nuovo proprio mentre stava eruttando il suo seme.
Quello che non mi sarei mai aspettato fu che lui mise una man dietro la mia testa per tirarmi ancor di più a se, mentre l'altra scivolava sul mio pene per toccarlo con delicatezza.
"Voglio esser schiavo del tuo cazzo." mi sussurrò all'orecchio facendomi nuovamente eccitare.
"Ed io padrone del tuo culo." risposi prima di spingergli la lingua in bocca alla ricerca della sua.
Ci baciammo a lungo con tanta passione da rasentare la violenza, prima di spingergli la testa verso il mio pene. Lui lo prese subito in bocca facendomi sentire la lingua sulla cappella, mentre le labbra correva quasi leggiadre sull'asta e una mano mi palpava i testicoli, in poche parole il pompino perfetto, reso ancor più arrapante dal vedere Miranda che gli leccava il culo per prepararlo alla sodomizzazione. Così non mi restò altro d fare che abbandonarmi al piacere, aspettando il momento in cui quel piccolo maiale sarebbe stato mio. Quando vidi Miranda infilargli un paio di dita
nel buchetto capii che era pronto, e del resto entrambi non aspettavamo altro. Ma prima che mi muovessi verso quella porta del piacere, lei s'infilò sotto Luigi invitandolo chiaramente a leccargli la passera.
Quando mi sistemai dietro di lui, loro avevano già iniziano il più classico dei sessantanove, rimasi un attimo ad ammirare quel culo così liscio e muscoloso, prima di aprirgli le natiche e puntare la cappella contro l'entrata. Nonostante tutta la preparazione da parte di Miranda, l'ano era si lubrificato, ma ancora molto stretto, il che rese la penetrazione lenta ma ancor più piacevole, il solo sentire quella carne stringersi sul mio pene con tanta forza, mi faceva godere come non mi succedeva da tempo. Non volli perdermi neanche un istante di quell'entrata prendendomi tutto il tempo del mondo, spingevo poco e piano per far sì che il suo sfintere s'abituasse al mio cazzo, sino a metterlo tutto dentro, proprio mentre Luigi esplose in un urlo liberatorio.
"Sii... è bellissimo avere il tuo cazzo nel culo ! Ora scopami come una troia !"
Rimasi stupito da quelle parole alle quali non diedi retta, ed iniziai a scoparlo con dolcezza, ma quando vidi che era lui a spingere più forte di quanto facessi io, cambiai ritmo arrivando ad uno più selvaggio.
"Vuoi che ti sfondi vero porco che non sei altro ? Eccoti il cazzo che tanto desideri come lo vuoi tu." dissi afferrandolo per i fianchi mentre spingevo come un ossesso.
Luigi gemeva dal dolore, ma allo stesso tempo m'incitava a non rallentare, neanche fosse un masochista che gode solo sentendo male.
"Ti piace il mio culo vero ? E a me piace esser sfondato quindi continua così !"
Mi sembrò di rivivere i momenti in cui avevo violentato Miranda, ma ora la mia sopraffazione era consensuale, Luigi voleva che io fossi violento e me lo chiedeva in continuazione. Mi sentii nuovamente il maschio dominante, eccitandomi ancor di più nel vedere Miranda che teneva la testa di Luigi stretta fra le sue gambe, e che ogni tanto lasciava il suo cazzo per leccarmi da sotto le palle e il culo.
L'orgasmo arrivò all'improvviso, e non potei che venirgli dentro riempendolo col mio sperma che gli colò lungo il culo non appena mi sfilai da lui. Miranda allora diete un'accelerazione al suo pompino facendo venire Luigi poco dopo, bevendo il suo orgasmo mischiato al mio.
Luigi scappò via lasciandomi stupito, ma poi Miranda mi spiegò il suo atteggiamento.
"Vedi Luigi è un bisex un po' particolare, gli piacciono molto le donne ma non disdegna certo gli uomini, solo ancora non accetta il fatto che gode ad essere passivo, e che in questo caso diventa peggio di molte femmine affamate di cazzo."
"Però pensandoci bene se non fosse così non sarebbe neanche un tuo amico." dissi ridendo.
"In effetti hai ragione se non sono strani sembra quasi che non mi cerchino." mi rispose sorridendo a sua volta.
Rimanemmo a lungo abbracciati prima d'addormentarci l'uno fra le braccia dell'altra, sperando da parte mia che quella non fosse l'ultima sorpresa che Miranda avesse in serbo per me.


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/

Questo racconto di è stato letto 1 2 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.