Un incontro da sogno, Valeria - parte 1

Scritto da , il 2021-08-03, genere feticismo

Sono davanti il banco frigo del supermercato. Sono indeciso su quale yogurt prendere. Improvvisamente il mio “figometro” si attiva. Istintivamente mi volto a guardare. Alla mia sinistra gran pezzo di figa in avvicinamento. Davvero notevole. Bionda, capelli lunghi, viso angelico con occhiali da sole, vestitino a tubino estivo rosso a fiorellini corto alle ginocchia che le esalta un fisico statuario e a stento trattiene due tette almeno da 4^ misura. Piedi bellissimi, con smalto rosso alle unghia, curatissimi esaltati da un paio di infradito dalle stringhe dorate. Mi ricorda molto una Valeria Marini giovane.

Mi rigiro velocemente verso gli yogurt, perchè non voglio passare per allupato, ma con la coda dell'occhio la seguo. Pure lei, muovendosi lentamente, ispeziona i latticini al banco, ma con con aria svogliata. Come se in realtà fosse interessata ad altro. Noto che mi osserva. Quasi mi punta. Si dirige lentamente, ma con decisione, verso di me. Io continuo a fingere di ignorarla e che m'interessa solo se lo yogurt lo voglio alla pesca o bianco. Adesso mi è vicino. Fa un profumo stupendo. Penso che magari vuole un aiuto su che yogurt comprare. A questo punto, anche per educazione, mi giro verso di lei. La ragazza si toglie gli occhiali, mi fissa (ha degli occhi verdi bellissimi) e accennando un sorriso fra il dolce ed il malizioso, mi fa: “Scusa posso chiederti una cosa?”

Io: “Si...certo”.
Lei, sempre con quel sorriso, e con estrema naturalezza, mi fa: “Me la leccheresti la fica?”.
Trasecolo.
“Come scusa?” le rispondo.
Lei, sempre senza scomporsi più di tanto: “Si...dicevo...me la leccheresti la fica?”.
Ritrasecolo.
Seguono alcuni lunghi interminabili secondi di silenzio in cui la guardo con incredulità e tra me e me, mi chiedo: “Che sta succedendo? Cos'è un allucinazione? Cosa esce dai filtri del climatizzatore, LSD?”
Poi, mi riprendo o quasi, e le rispondo: “Ma cos'è uno scherzo? O hai bevuto...o ti droghi? Ti rendi conto di che mi hai chiesto?”
Lei, sempre senza scomporsi ma aumentando il sorriso (ha due fossette dolcissime), ribatte: “No, tranquillo...sono lucida e sto benissimo...si mi rendo conto benissimo, tanto che ti rifaccio la domanda, me la leccheresti o no la fica?”

Io, inizio guardarmi intorno come a cercare un complice o un aiuto. Troppo assurda la situazione. Così le dico: “Ma cos'è una candid camera?...ma certo...una candid camera! Scherzi a Parte...non può essere altrimenti” e mi giro e rigiro come a cercare di scovare la telecamera nascosta.
Lei, ridendo ancor di più: “No...non è Scherzi a Parte...non è uno scherzo...sono seria e consapevole! Allora...si o no?”
A quel punto mi metto a ridere di gusto pure io: “Aspè...aspè...ma non è che ti manda il mio amico Alberto...Alberto G. che solo lui può organizzare certi scherzi?”
Lei, ridendo pure: “No...no...e non conosco alcun Alberto G. ...e non mi manda nessuno. Sono sola...completamente sola! Quindi?”
Io: “ah...ah...aspetta, ci sono!”
Lei: “Si bene. Dunque?”.
Io: “Spero di non offenderti, ma tu sei...insomma, sei una del...del...del mestiere, va! Guarda, magari una mezz'oretta con te potrei pure passarla...sei bellissima, per carità, ma non ho molti contanti con me. La spesa la pago con la carta”

Lei, con quel sorriso dalle fossette dolcissime: “No, non sono nemmeno una prostituta...tranquillo...e non m'interessa quanti soldi hai. Non è uno scherzo e non mi manda nessuno. Vorrei farmi leccare la fica. Solo quella e in maniera disinteressata. Ho scelto te. E’ un po' che ti noto, ti va o no?”
A quel punto, come fossi ubriaco, sento le gambe quasi mancarmi. Poso a terra il cestino della spesa e le faccio: “Perchè proprio me?...cioè, con tanti avventori di sto supermercato, io?...cioè devo credere che una strafiga come te, con tutto il rispetto sia chiaro, si rivolge ad uno come me per una cosa così...così...intima?...dai, su!”
Lei: “Perchè...cos'hai tu che non va?”

Io:”Beh, intanto nemmeno mi conosci. Potrei essere un malintenzionato, un serial killer...ma in ogni caso, daiii...uno sfigato come me. Non sono nemmeno in grado di decidere che yogurt prendere, figuriamoci se potrei permettermi una come te che sicuramente ha la fila di uomini belli e potenti che la vogliono. Dai, mettiti nei miei panni...come posso credere ad una cosa del genere, senza sospettare ci sia qualcosa dietro?”
Lei: “Perchè hai questa bassa autostima? E perchè ragioni per stereotipi? Come non sono una prostituta, non sono nemmeno una velina in cerca del calciatore o del milionario che mi fa fare la bella vita e possibilmente carriera in tv. Guarda che ti ho notato invece perchè sei un bel ragazzo e a pelle mi ispiri fiducia. Io non me ne vado in giro a fare certe proposte a chicchessia. Una persona mi deve colpire davvero e tu lo hai fatto. Giuro...e non è uno scherzo!”

Io: “Non ci credo. Scusami. Grazie per il complimento, ma capirai che non capita tutti i giorni che una tipa stupenda come te mi chiede se voglio fare sesso orale con lei, cioè tipo mi accompagni la spesa a casa perchè troppo pesante o ti va di prendere un caffè assieme. Capisci?”
Lei, mi mette un dito sulla bocca per interrompermi. Si guarda intorno e mi fa: “Ascolta, ok...credo che non sia il luogo ideale per continuare il discorso e per convincerti che non c'è nulla di losco dietro. Facciamo così se ti va. Tu continua la tua spesa. Pensa alla mia proposta. Io ti aspetto in macchina fuori nel parcheggio, ho una Panda rossa targata DM..... li mi darai la tua risposta definitiva. Ciao”. Si rimette gli occhiali, mi sorride, si volta, prende qualche vasetto di yogurt a caso e va via.

Cerco di riprendermi da questo flash incredibile. Completo in fretta la spesa. Pago ed esco nel parcheggio dove cerco subito di individuare la Panda rossa. La vedo, quando si dice la combinazione, è posteggiata accanto alla mia auto. Lei è lì, appoggiata allo sportello, che mi aspetta davvero. Con la luce del sole mi appare ancora più bella e più sexy. Come mi vede arrivare, risfodera quel suo sorriso accattivante e mi fa: “Allora?”
Io: “Beh intanto presentiamoci, io sono Marco”
Lei: “Giusto, vero...Valeria!” (come la Marini, pazzesco!) stringendomi la mano: “E allora adesso me la dai sta risposta o no?”
Io, posando la busta della spesa in macchina:”Ma davvero ci devo credere che...così, al primo incontro, dove sappiamo appena i nostri nomi...tu ti faresti leccare la fica da me? Ti fidi così tanto?...io no...non lo so...E se sei tu una serial killer?”

Valeria scoppia a ridere di gusto: “Io una serial killer? La tua è una fissa...comunque, wow...serial killer non me lo aveva mai detto nessuno...oltre che carino sei pure di spirito, mi piaci...come vedi, io ho un sesto senso nell'individuare le persone che non sbaglia mai. No...non sono nemmeno un'assassina seriale, non sono sposata, nemmeno fidanzata...così ti anticipo se mi fai altre domande”
Io: “Incredibile...ma non ci posso credere...non solo a sta proposta così a sangue freddo, ma che uno splendore di donna come te, così vogliosa di sesso, sia single...incredibile!”
Valeria: “Invece ci devi credere...siamo sempre lì, non ragionare per stereotipi...non siamo tutte uguali...comunque non è questo il punto...il punto è...me la lecchi o no?”
Faccio seguire qualche secondo di silenzio. Mi tranquillizzo, non so perchè. Ma non ho la tensione di prima. Mi lancio. Abbasso lo sguardo verso quei piedi bellissimi e le rispondo: “Ok...Valeria giusto?...si, ci sto...va bene mi voglio fidare...senti, ma...se oltre la figa ti chiedessi...chessò....di leccarti pure queste due meraviglie della natura che sono i tuoi piedi!?”

Valeria, se li guarda. Ne alza uno muovendolo, mi sorride divertita e mi fa: “Ah ma sei un feticista allora?...bene, mi piacciono i feticisti...si. Perchè no?...me li puoi leccare, si...ma solo quelli! Perchè visto che hai accettato la mia proposta ci sono delle condizioni che dovrai giurare solennemente di mantenere ...altrimenti non se fa niente, ok?”
Io: “Ah ecco...allora qualcosa dietro c'è...lo vedi?”
Valeria: “No tranquillo...niente di così losco tu possa immaginare...semplicemente dovrai limitarti a leccare fica e piedi, e non pretendere nient'altro da me...quella che deve godere sono io, non tu...quindi non metterti in testa che scopiamo...o che ricambi con un pompino o anche una semplice sega...e nemmeno potrai masturbarti mentre mi lecchi o subito dopo in mia presenza...io non voglio vedere il tuo cazzo nemmeno in foto...al massimo ti posso concedere di chiuderti a chiave in bagno...nient'altro, ci stai?”
Scoppio a ridere e le rispondo: “Ah! Certo...si...ora capisco perchè sei single!...comunque va bene, ci sto...proviamo”
Valeria: “Bene...allora giura!”
Io: “Giuro!...ti dò la mia parola che non pretenderò nulla...va bene così?”
Valeria:”Ok! Allora...andiamo da te o vieni da me?...lascio decidere te solo questa volta!”
Io: “Mah guarda...dipende dalla distanza, io sto qui vicino, tu non so...al limite se vuoi, andiamo da me”
Valeria: “Ok andiamo da te...io sto un po' più lontano”

Così nel giro di una manciata di minuti siamo nel mio appartamento. Appena entrati, Valeria si guarda intorno. Punta il divano del soggiorno e ci si siede a gambe divaricate. Una stesa per tutta la seduta e l'altra a terra.
Io: “Ti offro qualcosa da bere? Vuoi un gelato?”
Valeria:”No grazie...preferirei passare all'azione subito che ho una voglia da impazzire”. Si toglie velocemente gli infradito. Si alza il vestito quel tanto che basta a sfilarsi un paio di slip neri di pizzo e si rimette sul divano in quella posizione.
Io mi siedo accanto a lei. Valeria, a quel punto, mi mette i piedi in faccia e inizio a leccarglieli. Fanno un odore buonissimo. Le lecco dolcemente le piante, negli interstizi delle dita. Gli succhio gli alluci a mo di pompino. Sono eccitatissimo. Ho il cazzo duro che preme sulla cerniera dei pantaloni perchè vorrebbe uscire. Valeria è stupenda. E' un essere divino. E come muove in maniera sensualissima i piedi sulla mia faccia e sul mio collo. Nel frattempo la vedo toccarsi in mezzo alle cosce. Si masturba. Improvvisamente stacca i piedi dalla mia faccia. Si alza con la schiena. Mi prende la testa con una mano, allarga le sue bellissime cosce e me la mette sulla fica: “Lecca e fammi impazzire!!” mi dice.

La sua fica è bellissima. Odorosa e rasata al punto giusto con i peli a disegnare un triangolo. Le labbra della vagina sono già turgide e arrossate per l'eccitazione. Il clitoride duro che chiede di essere succhiato. Io sono in estasi. In paradiso. Non capisco quasi più nulla e lascio andare la mia lingua su quel ben di Dio. Usare solo la lingua su questa fica stupenda mi appare un peccato mortale. Vorrei sfondarla col mio cazzo durissimo che preme così tanto sulla patta dei pantaloni che a momenti mi fa saltare la cerniera. Ma non posso e allora vado di lingua tra le labbra e sul clitoride senza pietà. La sento ansimare e gemere di piacere. La penetro superficialmente con la lingua a mimare il movimento del cazzo. Gli ciuccio il clitoride. Sento che le piace da impazzire, tanto che la fica sta grondando di umori. Continuo un altro po' in questa maniera, fino a che Valeria esplode in un orgasmo incontenibile.

Valeria:”Wow...mamma mia...bellissimo...sei stato fantastico...dai rifammelo, vai!!”
Così non mi faccio pregare un altro istante e ricomincio il cunnilingus. Stavolta lei si mette alla pecorina. Gliela lecco da dietro e col mio naso le sollecito il buco del suo fantastico culo. Così, dopo un po', riesplode in un altro orgasmo che la fa urlare di piacere.
Valeria, mentre si ridistende sul divano esausta: “Mamma mia che goduria...che goduria!!...Fantastico!...ancora una volta il mio istinto nello scegliere le persone giuste non sbaglia...si stato bravissimo...adesso leccami un altro po' i piedi, te lo sei meritato, poi vado via...così ti puoi segare in santa pace, perchè sto notando come sei eccitato”
Le sto leccando di nuovo di gusto quei favolosi piedini. Ma ho una voglia pazzesca di sfilarmi i pantaloni e le mutande, prendere in mano il cazzo e, se proprio non lo vuole fare lei, segarmi fino a sanguinare per quanto sono eccitato. Ma resisto e sto al patto.
Passano alcuni lunghi goduriosi minuti. Valeria ritiene possa bastare così. Rritira i piedi dalla portata della mi bocca, si ricompone e mi dice: “Sai...adesso quella cosa da bere te l'accetto volentieri...poi tolgo il disturbo e vado via”
Io: “No ma quale disturbo?...anche se sto soffrendo come un cane per la voglia di godere pure io...è stato bellissimo, non me l'aspettavo”. Lei non fa una piega a questa affermazione e mi segue in cucina.

Ci accomodiamo iseduti al tavolo. Ci dividiamo una lattina di chinotto e gli faccio:”Porca miseria ancora non mi capacito come una donna così bella e così vogliosa sia single...non mi capacito, proprio!”
Valeria, dopo aver preso un sorso di chinotto: “Perchè a stare fissa con un uomo non m'interessa e non mi piace. E' vero. Ne ho uno stuolo enorme di uomini che mi vorrebbero...ma ho già fatto le mie esperienze. Il rapporto classico, ordinario, non mi piace...mi annoia subito e sai quante volte mi sono sforzata per essere come le altre...ma niente. Mi piace troppo la mia libertà e mi piace decidere io per gli altri. Anche adesso con te. Quant'è che stiamo assieme? Da poco più di un'ora?...ecco, già mi hai stancato (e ride). Mi hai fatto godere come piace a me e mi basta...vado a cercare qualcun altro”
Io: “ah ok, capisco...ma, se posso permettermi, un'altra cosa mi stranizza di te...ti piace fare sesso, ma non vuoi essere scopata...o comunque non vuoi il cazzo...”

Valeria: “Perchè il cazzo non mi piace e non sono nemmeno lesbica. La penetrazione mi da fastidio e a letto non sento la necessità di essere generosa. Di fare godere il mio partner non me ne può fregare di meno. Non mi piace proprio. Te l'ho già detto...non siamo tutte uguali. A me piace farmi leccare la fica e basta. Mi piace qualcuno che fa solo quello che dico io. Devo godere io. Sola. Devo avere un orgasmo clitorideo, l'unico che mi appaga. E ne sento il bisogno più volte al giorno. Non resisto.. Allora c'è quando riesco a fare da me usando il vibratore, ma il più delle volte ho proprio il bisogno fisico di un uomo che mi lecchi. Ma no sempre lo stesso, perchè mi stanca avere un fidanzato al quale devo dare pure conto, e sai che palle. E poi...parliamoci chiaro...quale uomo starebbe con una donna che non vuole il suo cazzo nemmeno in fotografia?”
Io: “Eh già, pure questo è vero...”
Valeria: “Sai qual è la verità? Che ho sbagliato epoca per nascere. Si. Io dovevo nascere nell'antica Roma. Sai cosa facevano a quei tempi le donne romane, anche quelle sposate? Compravano al mercato uno schiavo giovane e bello...e lo utilizzavano per soddisfare le loro voglie. E lui zitto ubbidiva senza chiedere nulla, altrimenti sai le frustate che beccava?...ecco vedi, uno schiavo forse sarebbe l'uomo che accetterei di avere sempre accanto” e scoppia in una fragorosa risata.

Cosi, beve interamente il suo chinotto. Si alza da tavola. Raccoglie i suoi effetti e mi fa:”Ok, si è fatto tardi, devo andare...e comunque...è stato bello davvero, anche quella cosa dei piedi mi è piaciuta tantissimo...ma le nostre strade si dividono qui!”
Io, mentre l'accompagno alla porta: “E se provassi a farti cambiare idea sul fatto che non hai sbagliato epoca per nascere?”
Valeria, bloccandosi di colpo poco prima di arrivare alla porta: “In che senso?”
Io:”Nel senso che anche in quest'epoca puoi avere il tuo schiavo leccatore. E gratis!”
Valeria: “ah...per caso saresti tu?”
Io: “Si...io, si!...come tu hai i tuoi gusti sessuali, io ho i miei...e io non sono solo un feticista dei piedi femminili, più completamente sono uno schiavo leccatore...di piedi essenzialmente, ma lecco fica e culo o quello che la mia padrona all'occorrenza mi ordina!”

Valeria ride: “Cioè fammi capire...sei serio o stai scherzando? Guarda che se è una scusa per continuare a vederci, non attacca. Te l'ho già detto, io non intreccio relazioni con nessuno. Anzi puoi ritenerti fortunato che sono rimasta con te (guarda l'orologio al polso) per più di due ore, per giunta seduta ad un tavolo a bere qualcosa assieme. Non l'ho fatto mai con nessuno!” e riprende la strada per l'uscita.
Io:”No Valeria...no...non sto scherzando e non è nemmeno una scusa per rivederti. Cioè si...io voglio rivederti e non vorrei perderti...ma non nel senso che pensi tu. Ma come schiavo a cui potrai fare quello che ti piace e soprattutto farti fare quello che ti piace, qualsiasi cosa...dalla fica, ai piedi, al culo...ma pure il domestico per pulire casa...zitto e ubbidiente, altrimenti pure per me, sai che frustate!”

Valeria, con la mano già sulla maniglia della porta si blocca di nuovo, mi guarda seria: “Quindi diventeresti il mio schiavo rinunciando per sempre ad usare il tuo cazzo, se non per pisciare? Perchè è questo quello che ti aspetterebbe!”
Io: “Si, Valeria...si...è una vita che aspetto una situazione simile: Schiavo leccatutto di una dea come te. Disposto, per adorazione a te, alla castità forzata. Vedi, io come te ho preferito rimanere single proprio perchè i rapporti alla pari annoiano a morte pure me!”
Valeria: “Interessante, si...ma ho sentito bene, hai detto pure il domestico?...cioè, mi pulisci casa, lavi, stiri, mi fai la spesa?”
Io: “...cucino pure...si, il tuo domestico, maggiordomo, autista!”
Valeria: “ah...addirittura, bene...sarebbe fantastico...ma non lo so, non mi fido tanto...”
Io:” Ah adesso sei tu che non ti fidi?...eh, però alla fine io mi sono fidato di te...perchè tu non di me?”

Valeria tace. Accenna un breve sorriso. E poi mi fa:”Senti, ok...facciamo una cosa. Dammi il tuo numero di cellulare. Ci penso un po' su e poi ti faccio sapere...guarda che anche chiedere il telefono ad un mio partner occasionale, è cosa che non faccio mai...per te sto facendo un’eccezione. Sappilo!...adesso fammi andare che ho delle commissioni da sbrigare. Ciao”.
Gli do il numero. Lo registra. Mi bacia sulla guancia e va via. Io corro subito su quel divano dove abbiamo fatto sesso. Non resisto. Mi prendo il cazzo in mano. Chiudo gli occhi e la immagino ancora qui con me. Immagino ancora i suoi piedi odorosi sulla mia faccia e la mia lingua sulla sua splendida figa. Parto con una sega che rapida mi provoca una sborrata micidiale.

Questo racconto di è stato letto 2 9 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.