La mia domestica padrona

Scritto da , il 2021-04-08, genere feticismo

Ormai sono quasi dieci anni che vivo da solo. Reduce da un matrimonio fallito e da altrettanti tentativi di convivenza, ho realizzato che la vita di coppia non fa per me. O quanto meno, la vita di coppia tipica, stereotipata: lui, lei, gli anniversari, i compleanni, i pranzi dai suoceri nelle feste comandate, le serate con i soliti amici, insomma tutto il corollario di una vita piatta che mi aveva stancato. Adesso voglio vivere quella mia, seguendo la mia vera natura, quella orgogliosamente di schiavo leccapiedi, che per vita di coppia concepisce solo vivere sottomesso ad una vera padrona. Null'altro!

Se è difficile capire qual è la vera essenza della felicità, in compenso quella dell'infelicità è chiara e si chiama omologazione. Vivere la vita che vogliono gli altri, non quella che vuoi tu. Reprimere i propri sogni e le proprie fantasie, perché devi far contenti chi ti sta attorno, che spesso fanno leva su quell'invenzione cattolico-cristiana, tanto scaltra quanto bastarda, che è il senso di colpa: “ah non vorrai deludere...papà...mamma...nonna...tizio...caio...sembronio!?”

Quindi succede, come nel mio caso, che riescono pure a convincerti che sei tu quello sbagliato e loro i giusti, ed ecco che pur di essere come gli altri ti accontenti di vivere accanto a donne banali, ordinarie e tutte uguali. Quelle che vogliono l'uomo altrettanto banale e ordinario, ossia quello forte, che da protezione e la carta di credito per lo shopping del fine settimana possibilmente al centro commerciale mano nella mano, il bastardo che in casa possibilmente non faccia un cazzo in modo da poterci litigare e fare le vittime con le amiche perchè solo così si sentono vive, che scopi nella maniera classica e senza troppi noiosi preliminari.

Donne che magari alle tue fantasie vengono pure incontro, che hanno piedi belli, ma che capisci lo stanno facendo solo per farti contento, ma in realtà non gliene frega nulla, anzi alla lunga s'infastidiscono pure e quando il rapporto finisce te lo rinfacciano, aggiungendo che sei malato, pervertito, che devi farti curare.
Ma in questi anni di volontario isolamento sapete cosa ho capito? Ho capito che in realtà i veri malati, i veri pervertiti, che in alcuni casi sono pure pericolosi, sono coloro che non hanno fantasie, non hanno sogni. I moralisti di sta cippa, quelli che pretendono di stabilire per tutti come si vive e come si fa sesso.

Dunque, dissi basta ai rapporti alla pari. Basta accontentarmi di donne ordinarie solo perchè hanno i piedi belli. Se non trovo una padrona, meglio stare solo. Meglio le seghe al PC davanti ai video di footfetish, femdom e bdsm. Meglio perfino, qualche volta quando proprio hai una voglia pazzesca di piedi veri, andare a da una mercenaria del genere.
A stare soli con questa consapevolezza, del resto, quando sai cucinare e fare la lavatrice, si sta bene. Solo una cosa iniziava a stancarmi. Avendo una casa grande mi scocciava fare le pulizie, quindi mi convinsi a cercare la “compagnia” di un collaboratore domestico.

Fu così che alcuni amici mi fecero conoscere Lovena, una ragazza mauriziana di 25 anni, che mi segnalarono come molto brava in questo mestiere, soprattutto onesta e affidabile.
Lovena, questo era il suo nome europeo perchè quello Tamil (la sua etnia/religione) sarebbe impronunciabile, iniziò a frequentare casa mia due volte alla settimana.
Ora, da single ti viene spontaneo guardare una donna che ti entra in casa dal punto di vista fisico/sessuale, tra l'altro ho sempre avuto un debole per le donne di colore, purtroppo però ne restai deluso, perchè, a parte il fatto si vestisse e si facesse i capelli seguendo la moda italiana (a differenza delle donne dello Sri Lanka o del Bangladesh legate rigidamente ai loro schemi religiosi), era decisamente scialba, insignificante, la tipica creola dal naso pronunciato con sopra grossi occhiali da vista, magrolina, di media statura, capelli lunghi neri che teneva legati a coda di cavallo.

Di Lovena, mi colpirono solo la sua dolcezza e soprattutto la sua simpatia. Il fatto che sorrideva sempre, e che, nonostante mi raccontasse di una vita fatta di stenti e mancanze, vedeva sempre positivo. Mi piaceva parlarci, mi piaceva la sua filosofia di vita improntata sulle cose semplici che rendono felici. Per questo presi l'abitudine di preparare un caffè per due prima che iniziasse a lavorare. Diciamo che i rapporti umani al momento i limitarono solo a questo.

Le cose cambiarono quando arrivò la bella stagione con il primo caldo. Selena quel pomeriggio venne con le sue solite scarpette da tennis bianche. Quando ci accomodammo, al solito, in cucina, mentre preparavo la caffettiera dandole le spalle, mi chiese se poteva cambiarsi le scarpe con delle infradito perchè col caldo lavorare con i piedi coperti le dava fastidio.
Ovviamente le dissi che ne aveva voglia, ma quando, finito di versare il caffè nelle tazze, mi voltai per porgerglielo, rimasi folgorato.
Due piedi stupendi! Curatissimi, dita affusolate, nel medio di quello sinistro aveva un anellino, e unghia accuratamente smaltate di bianco perla che sulla pelle nera risaltavano molto di più. Tra l'altro aveva accavallato le gambe con una posa sensuale di cui non mi ero mai accorto. Ma una sensualità assolutamente spontanea, naturale, non artefatta per cercare di sedurre. Allo stesso modo come muoveva il piede della gamba accavallata da cui faceva penzolare l'infradito.

Lovena concentrata sul suo smartphone non si accorse di come la stavo guardando, poi quando sollevò la testa sfoderando il suo solito sorriso per ringraziarmi del caffè, io di colpo mi risvegliai come da un'ipnosi.
Scambiammo le solite quattro chiacchiere, mentre io con la coda dell'occhio sbirciavo quei piedi bellissimi in infradito, e dopo di che la ragazza si mise all'opera.
Chiaramente io non stavo nella pelle dopo quello che avevo visto. Cercai di distrarmi prima con la tv, poi al Pc, ma non ci riuscii. La testa mi andava sempre lì, ai suoi piedi. Porca miseria, non me lo sarei aspettato mai da una ragazza così apparentemente insignificante. E fu da quel momento in poi iniziai a guardare Lovena con tutt'altro occhio.

Nei pomeriggi successivi sempre la stessa scena. Seduta in cucina, la ragazza smanettando sul suo smartphone mentre aspettava il caffè, coi suoi piedi che giocavano con gli infradito mi regalava inconsapevolmente degli spettacoli di una goduria incredibile. E non solo. Anche in altre stanze della casa. Una volta in salone, ad esempio, rispondendo ad una chiamata al cellulare e pensando di non essere vista, si sedette su una delle poltrone e stese le gambe sul tavolino basso incrociando i piedi nudi sfregandoli l'uno con l'altro in maniera lenta e sensualissima. Un'altra volta fece una cosa simile in camera da letto, seduta sulla poltroncina dove poggio i vestiti, allungava le gambe per accarezzare coi piedi un cuscino sul mio letto. Cuscino che poi, non appena andò via, andai a mettermi in faccia per sentirne l'odore. Al momento l'unica cosa che potevo fare io, che la spiavo apposta ormai totalmente ubriacato dalla bellezza dei suoi piedi e da come li muoveva, era ricorrere al bagno per una sacrosanta sega.

Poi il solo guardare iniziò a non bastarmi più. Anche se mi ero ripromesso che non avrei più avvicinato donna solo per i suoi piedi. Ma fu più forte di me, perchè ormai col solo starle vicino mi s'induriva il cazzo in una maniera imbarazzante, così cercaci di escogitare qualche stratagemma per sedurla e provare ad avere i suoi piedi in faccia. Ma tutte le volte che ci provavo facevo abortire il tentativo per vergogna e paura che se ne scappasse. Per cui mi sforzai a rassegnarmi alle seghe spiandola e, quando andava via e rimanevo solo, ad aumentare il numero dei video di footfetish con protagoniste donne di colore che umiliavano uomini bianchi, da mettere tra i preferiti.

Ma un pomeriggio ci fu la svolta inaspettata. Quando le aprii e la feci accomodare, al solito in cucina, Lovena non era del suo solito umore allegro e spensierato. Era triste, pensierosa, sembrava preoccupata. Così le chiesi cosa avesse e lei quasi in lacrime mi raccontò che la persona anziana per cui faceva la badante era morta, i parenti di conseguenza l'avevano licenziata e dato una settimana di tempo per lasciare la casa. Per cui era preoccupata non solo per il lavoro, ma perchè non aveva più una casa e nessuno, connazionali o altro, che potesse ospitarla anche momentaneamente.
Al che, avendo peraltro una casa grande ed una stanza per gli ospiti con bagno apposito, mi venne spontaneo proporle di venire a stare da me e a fine giornata di lavoro glielo comunicai.

Dapprima titubò un po' e poi, alle mie rassicurazioni anche sul fatto che avrebbe lavorato solo per me e dunque riguadagnato ciò che perdeva da badante, accettò contenta e felicemente incredula per il mio gesto. Quindi nel giro di una settimana, Lovena si trasferì a casa mia prendendo possesso della stanza degli ospiti.
Io, appena arrivata, non persi tempo per spiarla. Era più forte di me, i suoi piedi mi facevano impazzire. Quindi non appena finiva di lavorare e si andava a rilassare in stanza, notando che, per una sua forma paura, non chiudeva la porta ma lasciava uno spiraglio aperto, ne approfittavo per guardarla indisturbato.

Così la vedevo uscire dal bagno in accappatoio dopo la doccia, spogliarsi nuda (il corpo magro poco formoso, la fichetta nerissima non troppo pelosa, culetto quasi piatto, ma due belle tette sode da terza di reggiseno come minimo), spalmarsi la crema idratante sulla pelle nera con una sensualità inaspettata, mettersi una maglietta lunga fino quasi alle ginocchia e stendendosi sul letto per parlare al cellulare, iniziare con i suoi stupendi piedi incrociati il solito spettacolo godurioso. Che diventò irresistibile quando prendeva uno dei cuscini, che evidentemente la infastidivano dietro la schiena, e se lo metteva davanti ai piedi iniziando a sfregarglieli addosso con movimenti sensualissimi che, immaginando di averci la faccia al posto di quel cuscino, dovevo farmi una sega li stesso.

A cena, la prima assieme (cucinavo io), Lovena si presentò sorridente, capelli sciolti, con quella maglietta lunga ma con un paio di short sotto e suoi infradito dorati che le esaltavano quei piedi bellissimi dalle unghia smaltate di bianco perla. E dopo aver finito, mentre sorseggiavamo un limoncello, mi dice: “Grazie per questa cena, buonissima...grazie veramente per quello che hai fatto per me... ero davvero disperata non avrei saputo dove andare se non ci fossi stato tu...non so davvero come ringraziarti”
Io: “Ma di niente Lev, mi sono fatto i miei conti e ho visto che posso farlo...se uno può dare una mano, perchè non farlo?”
Lei: “Si...però un modo come ringraziarti me lo devi dare...magari appena posso ti faccio un regalo, qualcosa...non so...”

Io, a quel “un modo per ringraziarti me lo devi dare” ebbi un sussulto. E siccome alla mia rassicurazione che non doveva sentirsi in obbligo, me lo ripetette di nuovo, mi si accese una lampadina. Così abbassai lo sguardo verso le sue gambe accavallate, guardai il piede sospeso mentre faceva il solito gioco sensuale con l'infradito, mi salì l'eccitazione presi coraggio e le dissi: “...beh, ecco...se proprio insisti...una maniera ci sarebbe...”
Lei: “Si?...dimmi, allora...”
Io: “Ecco...non so come dirtelo...però se mi prometti che resterà un segreto fra di noi dovessi accettare di farlo o no...ti faccio vedere come”
Lei sorridendo: “Va bene, resterà un segreto...promesso”

Così, col cuore in gola dall'eccitazione, andai a prendere il portatile. Glielo misi davanti e gli feci vedere un video dove una sensualissima ragazza africana mezza nuda umiliava coi suoi bellissimi piedi, dallo smalto colore uguale a quello di Lovena, un uomo bianco nudo con un collare da cane, facendoseli prima leccare e poi mettendoglieli in faccia.
Selena lo guardò con stupore e sorridendo mi dice: “Non avevo mai visto una cosa di questa...ma non ho capito cosa c'entra con quello che devo fare io per te”
Io: “...eh...invece c'entra...ecco, vedi...allora...siccome io sto decisamente impazzendo per i tuoi...i tuoi (abbassai verso terra lo sguardo) ...bellissimi piedi...mi piacerebbe che tu mi facessi la stessa cosa del video...ecco”

Lei alzando lo sguardo verso di me con espressione di stupore mi dice: “ Cioè dovrei ringraziarti mettendo i miei piedi sulla tua faccia?” e si mise a ridere
Io: “Si...mi piacerebbe molto...ma se non vuoi farlo, fa niente...non ti devi sentire costretta”
Intanto il video arriva alla scena finale dove la donna fa mettere l'uomo in posizione in cui, mentre ha i piedi in faccia e gliela tormenta, gli fa una sega fino a farlo sborrare.
A quel punto Selena smette di sorridere. Si fa seria e con aria seccata mi dice: “Ma allora tu vuoi fare sesso con me?...tu vuoi approfittare di me?”
Io: “No approfittare, no...cioè, si...ecco...è una forma di sesso...ma non nel senso però che voglio violentarti...no, mai...è solo un gioco erotico, una mia fantasia...però, ti ripeto, se non vuoi farlo, chiudiamola qui...non voglio costringerti a fare nulla che non vuoi...anzi scusami, perdonami...sono stato un idiota...scusa”

In quella cucina, ad un certo punto, regnava un silenzio irreale, la ragazza si alzò da tavola, sparecchiò e, sempre zitta e seria, si mise a lavare i piatti. Io vergognatissimo e pentitissimo per quello che le avevo proposto, rimasi un pò seduto al tavolo, poi chiusi il Pc e, tipo cane bastonato, stavo per andare nella mia stanza quando all'improvviso Selena mi dice: “Vuoi messo pure il collare?”
Io, mi bloccai sull'uscio: “Come...scusa?”
Lei: “Il collare...vuoi pure il collare? ...io non ce l'ho!” e sul suo viso tornò a risplendere il sorriso.
Io incredulo: “Quindi, fammi capire, è un si...ci stai?...mi stai dicendo che...che si può fare?”
Lei, attese un po e poi: ”Si...voglio provare...”
Io: “...ma non è che lo fai per paura che io ti mandi via e non hai dove andare?...ti ho già detto che non sei costretta a fare nulla che non vuoi...non ti licenzio, tranquilla...ti ho anche chiesto scusa, non ti disturberò più in quel senso...”
Lei: “...no...no...non mi sento costretta, te lo giuro...voglio provare davvero...non avevo mai visto una cosa come quella che mi hai fatto vedere...e un po' mi è piaciuta...una donna nera sottomettere un uomo bianco...così...sotto i suoi piedi...bello!...voglio vedere cosa si prova a umiliare...io tutta una vita che prendo umiliazioni, al mio paese e qui in Italia proprio perchè sono nera...e poi...poi...nessuno mai, nemmeno un mauriziano, mi aveva desiderato così...anche solo, come te, attratto dai miei piedi...anche perchè non sono bella, lo so... e tu invece sei così carino, simpatico...quando mi ricapita?”
Io, fra l'incredulo e il risollevato, come uno che è appena stato salvato da un pozzo nella quale era precipitato, le risposi: “Fantastico allora...vedrai che ti piacerà...sarò il tuo risarcimento danni (ridendo)...vengo io nella tua stanza o ti aspetto nella mia?...dimmi tu”
Lei: “Finisco qui in cucina e vengo da te”

Volai, letteralmente, in camera da letto, mi spogliai rimanendo coi soli boxer e mi sistemai sul letto. Dopo alcuni minuti, che mi parvero lunghissimi, arrivò Lovena, che stavolta mi appariva bellissima tutta, non solo nei piedi,. Con un sorrisetto malizioso, si tolse gli occhiali, salì sul letto e si posizionò alla stessa maniera di come aveva visto stare la ragazza nel video, cioè seduta con le spalle appoggiate alla testata e le gambe stese. Incrociò i suoi bellissimi piedi e iniziò a muoverli, al solito, in maniera lenta e sensualissima, se li guardò con aria come soddisfatta e indicandoli con un dito mi ordinò: “Vai a leccarmeli, subito!”

A me ovviamente partì l'ormone e obbedii immediatamente. Non appena mi ci avvicinai, quei piedi emanavano un odore così afrodisiaco (un misto fra la sua pelle e le creme cosmetiche che usava) che il cazzo mi s'indurì in un nanosecondo. Iniziai ad inebriarmi di quell'odore annusandoglieli nelle piante, fra le dita. Poi partii con i bacetti dappertutto, monta, piante, dita e dopo di che passai a leccarglieli con dolce avidità. Era stupendo quel misto di sapore e odore dei suoi piedi, e capivo, da come mi guardava, che pure a lei stava piacendo parecchio. Insomma ero in estasi paradisiaca, eccitatissimo. Il cazzo mi stava trapanando i boxer da com'era duro e teso. Non avrei mai voluto smettere di leccare e baciare quei piedi stupendi.

Dopo un bel po' che lo facevo, Lovena, che ci aveva davvero preso gusto, mi ordinò di smettere. Mi fece togliere i boxer e mi fece mettere come lo schiavo del video. Steso al suo contrario, un cuscino sotto la testa in modo da averla sollevata per poter prendere bene e senza scampo i suoi piedi in faccia, stese le gambe sul mio torace, posizionò le piante dei piedi perfettamente sul mio viso, da coprirmi bocca e occhi, e iniziò a strusciarmeli sopra per asciugarseli dalla mia saliva e mentre eseguiva questo movimento mi afferrò dolcemente il cazzo, durissimo e vogliosissimo, ed iniziò una sega prima lentissima, poi un po' più veloce, poi rallentava, si fermava aumentando in me la voglia di sborrare, e riprendeva. Nel frattempo io, impazzito di voglia, ripresi a leccare, ma lei m'infilò uno ad uno i piedi in bocca, per poi uscirli e asciugarseli sulle mie guance. Poi quando mi senti ansimare sempre di più per la voglia di venire, aumentò la velocità della sega e mi fece sborrare in una maniera tale che lo sperma arrivò pure sul lampadario e sui quadri alla parete.

Steso soddisfatto ed esausto, ancora coi suoi piedi in faccia, le dissi che era stata fantastica, bravissima, e poi le chiesi se l'era piaciuto. Lovena, sempre con quel suo sorriso illuminato, mi disse di si e che si poteva rifare, però aggiunse che le era venuta voglia pure a lei. Così mi alzai da quella posizione, le allargai dolcemente le gambe, le sfilai sempre con dolcezza prima gli short e poi le mutandine. Ma improvvisamente mi fermò preoccupata la volessi violentare, io la rassicurai che non l'avrei mai fatto e che avevo intenzione solo di fare alla sua fica la stessa cosa che avevo fatto ai suoi piedi. Così mi lasciò fare. Io mi piazzai fra le sue cosce, mi avvicinai alla sua fichetta bagnata e un odore di buono, come quello dei piedi, mi pervase completamente, così iniziai a leccargliela con decisione, indugiando sul piccolo clitoride, fino a che le feci raggiungere un orgasmo che lei sottolineò con un grido di gioia.

Soddisfatti entrambi, rimanemmo per un po' seduti sul mio letto uno a fianco all'altra e Selena ne approfittò per dirmi che era stato bello, che non immaginava si potesse fare sesso così e soprattutto che nessuno l'aveva mai attenzionata con la passione e la voglia che avevo avuto io e che nessuno le aveva leccato cosi, sia i piedi che, soprattutto, la fica.
Non è che avesse avuto chissà quanti uomini, mi raccontò, anzi ne aveva avuto solo uno, al suo paese, per di più che voleva essere soddisfatto solo con la bocca. Quindi era ancora vergine. Per cui quello che sapeva sul sesso lo apprendeva per sentito dire o perchè ogni tanto gli prendeva la voglia di toccarsi, ma un orgasmo così con la lingua non lo aveva mai provato.

Nel frattempo calava la notte e decidemmo di passarla ancora nello stesso letto. Solo che lei si mise al centro e io, da ormai neo schiavo, mi sistemai in orizzontale ai suoi piedi in modo tale che poteva disporre di me come e quando voleva. Cosa che fece alle prime ore del giorno dopo, quando fui svegliato dal profumo dei suoi piedi in faccia e dall'ordine perentorio di leccarli.
Dopo un bel po' che leccavo, sempre di gran gusto, mi disse che invece della sega voleva essere deflorata. Così lentamente salii su di lei, che nel frattempo si era tolta la maglietta mostrandomi le sue belle tette, prima gli leccai la fichetta, già bagnata, e poi, visto che era vergine, con molta dolcezza iniziai una lenta penetrazione. Prima in punta, poi, via via la vagina si apriva, andai fino in fondo deflorandola definitivamente e iniziai a scoparla con decisione fino a farla godere. Intanto avevo il cazzo durissimo e pronto ad esplodere, quindi per evirare gravidanze indesiderate, lo uscii, glielo misi fra le tette nude, le strinsi, diedi un paio di colpi su e giù e spruzzai un'altra sborrata sovrumana che le inondò la faccia e la testiera del letto.

Da quella mattina in poi Selena, la giovane inesperta impaurita creola mauriziana, si riconobbe perfettamente nel ruolo di padrona sancito con la perdita della verginità. Io realizzai il sogno di una vita con la persona più insospettabile. Adesso ero io, da vero schiavo sguattero, che pulivo, lavavo, stiravo e cucinavo, mentre Selena che mi aveva messo pure il collare, da vera padrona regina, voluttuosamente stesa sul divano guardava la tv o smanettava sullo smartphone, chiamandomi in continuazione per qualsiasi cosa avesse bisogno, anche quando la poteva prendere stendendo un braccio. E quando riteneva che avessi finito i lavori, voleva che mi occupassi di lei facendole la pedicure, la manicure, massaggiandola e mettendole le sue creme cosmetiche dopo la doccia. Il premio per la mia obbedienza e sottomissione, erano sempre e solo i suoi bellissimi odorosissimi piedi in faccia seguiti da sega, leccata di figa o scopata. Insomma, la mia domestica era la mia padrona!

Questo racconto di è stato letto 6 3 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.