Un incontro da sogno, Valeria - parte 2

Scritto da , il 2021-08-03, genere feticismo

Sono passati due giorni da quell'avventura pazzesca, così tanto che ancora stento a crederci sia successo. E' pomeriggio. Sonnecchio davanti la tv. Il mio smartphone squilla. Il display segna ValeriaDivina.
Io:”Ciao Valeria, finalmente, come stai?”
Valeria: “Ciao Marco. Tutto bene. Tu come va?
Io:”Bene, ma non ti nascondo un po' di ansia perchè non vedevo l'ora mi chiamassi. E spero tu mi dia la risposta che sogno.”
Valeria: “Ascolta...ci ho pensato e riflettuto bene in questi giorni...ma sei convinto davvero di diventare il mio schiavo?
Io: “Assolutamente si...senza se e senza ma...pronto a tutto pur di servirti ed adorarti, Valeria...almeno mettimi alla prova...”
Valeria: “...si, ti metto alla prova...ma, ribadisco, scordati di fare sesso con me. Non ci provare nemmeno col pensiero o con me hai chiuso per sempre...e se mi metti una mano addosso senza che te lo dico io, ti denuncio per molestie...la tua goduria deve essere solo ed esclusivamente il far godere me, la tua padrona...ok?”
Io: “Certo Valeria...anzi...padrona, si....ma certo, stai tranquilla sarò obbediente e sottomesso come vuoi tu...vedrai che con me realizzerai anche tu il tuo sogno”
Valeria: “Me lo auguro!...va beh, facciamo così...sono le 16...alle 17 vieni da me. Ti aspetto” mi dà il suo indirizzo e mi saluta. Sono al settimo cielo dalla contentezza. E così tanto eccitato che me lo esco dai pantaloncini e mi faccio una sega.

Sono davanti la porta dell'appartamento di Valeria. Ho appena suonato. Mi apre. E' bellissima. Mi accoglie con quegli occhi verdi a gatta innamorata e col suo sorriso fra il dolce e l'arrapante. Capelli legati a coda di cavallo. Indossa una canottierina che copre a fatica le sue grandi tette e tiene scoperto l’ombelico. Un paio di short che le esaltano delle gambe perfette. E' scalza. I piedi sempre più belli e appetitosi. Ha cambiato colore di smalto. Adesso sono color melanzana. Nemmeno il tempo di entrare, guardarmi intorno, che di colpo mi tira dal braccio e mi porta in camera da letto. Veloce si toglie gli short. Si posiziona a gambe divaricate sul letto e mi fa: “Muoviti, fai godere la tua padrona...sbrigati che sto impazzendo dalla voglia e non vedevo l’ora arrivassi, schiavo!”
Io, ancora frastornato dall'azione repentina: “Si...si...padrona, subito!”.
Inizio a leccare. Ritrovo la sua fica ancora più gustosa e arrapante. Ma posso solo godermela con la lingua. Quanto vorrei, invece, col mio cazzo che, nel frattempo, è durissimo e spinge per uscire dalle mutande. Le faccio lo stesso lavoretto di due giorni fa. Preciso. Lei gode e viene urlando. Non le basta. Mi pretende ancora. Si mette alla pecorina e io la lecco da dietro. Stavolta mi ordina di leccarle pure il buco del culo. Eseguo. Anche il buchino è perfetto, degno di una dea come lei. Mi ordina di infilargli la lingua più profondamente possibile. Eseguo. La sento gemere di piacere: “oohh, siii...lecca..lecca bene fino in fondo...schiavo!..leccamelo bene e puliscimelo bene bene che ho appena cagato e il detergente non mi è bastato...ho bisogno della lingua del mio schiavo per completare la pulizia!...lecca e mentre con un dito mi fai un ditalino, dai che sto bruciando di voglia!”. Eseguo ed effettivamente sento un leggero odore e sapore di merda. Ma sono così tanto eccitato ed in estasi che non provo alcuno schifo, anzi lecco con più ardore.

Valeria gode sotto i colpi della mia lingua e del mio dito sul clitoride, e viene ancora. Si distende sul letto soddisfatta. Mi ordina di mettermi alla pediera in orizzontale. Usa la mia faccia come cuscino per i suoi splendidi piedi. Le piante sono sporche. Una leggera patina nerastra di polvere le ricopre perchè ha camminato scalza. Prima me le sfrega sul tutto il viso e poi mi ordina di pulirgliele bene con la lingua. Eseguo senza fiatare. Ma ho il cazzo che fa scintille. Ho una voglia pazzesca di segarmi mentre mi tormenta sotto i piedi. Sarebbe stupendo. Ma non posso. Ho fatto un giuramento solenne alla mia padrona e, anche soffrendo da matti, non intendo infrangerlo. Intanto le ho pulito alla perfezione le piante dei piedi. Come voleva lei

Passo almeno una lunghissima meravigliosa estasiante mezz'ora in quella situazione. Sono allo strenuo della resistenza. Il cazzo potrebbe autoesplodere in una sborrata atomica per quanto sono eccitato. Ma Valeria, prima dell'irreparabile e con la stessa repentinità di prima, smette l'umiliazione. Si alza. Si riveste.
Mi ordina di alzarmi e seguirla in cucina. Ci fermiamo sulla soglia e mi fa:”Vedi, schiavo...ho lasciato tutto sporco e in disordine apposta....datti da fare...(mi indica l'orologio alla parete) hai poco meno di mezz'ora per lavare i piatti, i fornelli, spazzare e lavare il pavimento e rassettare tutto...quando hai finito vieni in soggiorno e mi avverti che vengo a controllare e se non sono soddisfatta, te la rifaccio fare a quattro piedi a suon di frustate, chiaro!?”
Io: “Si padrona...farò del mio meglio...promesso!”.
Valeria si allontana. Io inizio subito. La cucina fortunatamente è piccola, ma è un'autentica Cambogia di residui di cibo, bucce e macchie di unto ovunque.

Finisco nei tempi stabiliti. Vado da Valeria. Lei, bellissima e sensualissima, è stesa sul divano, piedi incrociati che muove sensualmente, a smanettare sull'iphone.
Io le vado piano piano vicino dal lato dei piedi e le faccio deferente:”Padrona...padrona...chiedo scusa se ti disturbo...volevo avvertirti che in cucina avrei finito...”
Valeria non alza nemmeno un ciglio per degnarmi della sua attenzione. Continua come se nulla fosse a smanettare sul display. Dopo alcuni interminabili minuti che le sto davanti in piedi a testa bassa, alza lo sguardo verso di me e finalmente mi degna della sua attenzione: “Che cazzo vuoi!?”. Prende uno dei suoi infradito di gomma li a terra e me lo scaglia contro. Mi prende in pieno viso.
Io subisco il colpo e mi rimetto a testa bassa, poi sempre arrabbiata mi fa: “Quando chatto con le mie amiche non voglio essere disturbata per nessun motivo!! Hai capito, faccia di merda!!??”

Io, sempre più deferente: “Chiedo perdono padrona non volevo importunarti...volevo solo avvertirti, come mi hai ordinato tu, che ho terminato in cucina...”
Valeria, a quel punto, posa il cellulare. Si alza. Con un movimento delle gambe mi fa capire che vuole le infili gli infradito prima che metta i piedi in terra. Mi inginocchio subito a farlo. Mentre eseguo mi arriva un solenne ceffone e mi fa: “Idiota faccia di merda...quando mi alzo dal divano o dal letto devi mettermi le ciabatte senza bisogno che te lo ordini, chiaro?...alla prossima non ti arriva un ceffone, ma passo alla frusta, ok!?”
Io:”Si padrona...si...chiedo di nuovo perdono...non succederà più!”

Siamo di nuovo in cucina. Valeria ispeziona con attenzione il mio lavoro. Sembra soddisfatta: “Bravo faccia di merda...certo, non è proprio il massimo...ma del resto da un verme come te che ci si può aspettare?...però può andare...adesso seguimi in lavanderia!”
Il locale lavanderia è piccolo. A stento ci stiamo noi due. Valeria mi ordina di inginocchiarmi davanti la lavatrice. Apre il cesto della biancheria da lavare. Prende uno slip sporco e me lo sfrega in faccia fra naso e bocca, in modo da farmene sentire la puzza. Ride divertita mentre mi umilia così. Lo posa, ne prende un altro e fa lo stesso. Poi un altro e un altro ancora. Estrae pure un paio di fantasmini da scarpe da tennis sudati e me li infila in bocca e mi fa: “Ciucciali..ciucciali bene...così gli fai il prelavaggio!” E ride di gusto. Io sono eccitatissimo per come mi sta suppliziando. Per me non sono puzze e cattivi sapori. Sono aromi indescrivibilmente da sballo. Ho il cazzo che fa scintille. Penso che se magari mi lascia solo per fare la lavatrice, mi faccio una sega di nascosto. Sborro sulla biancheria da lavare e non si accorge di nulla.
Invece rimane con me. Il tempo di caricare la lavatrice, di spiegarmi come si usa, che mi ordina di seguirla. Da un ripostiglio mi fa uscire l’aspirapolvere e tutto l’occorrente per lavare i pavimenti.

Valeria: “In attesa che finisca la lavatrice...ti darai da fare in corridoio e nelle due camere...spolveri i mobili, batti i tappeti, passi l’aspirapolvere e lavi i pavimenti...chiaro, no faccia di merda?...poi mi lavi il cesso. Tutti i sanitari e bene. Voglio sentire il profumo o te lo faccio rilavare con la lingua e a suon di frustate...sono stata chiara!?”
Io: “Si padrona...chiarissima...farò benissimo, te lo assicuro...”
Valeria: “Me lo auguro per te...muoviti, che c’è ancora altro da fare...adesso torno a rilassarmi che ho già sprecato fin troppo tempo ed energie con un coglione come te!”
Mi do da fare con impegno. Ma sono tanto, troppo eccitato. Ho voglia di venire. Valeria è una padrona fantastica. Proprio come ne sognavo una io. Gli viene assolutamente naturale umiliarmi così.. Cerco di trovare un posto per masturbarmi di nascosto. Eccitato come sono me ne verrò in pochi secondi. Penso al bagno. Ci entro. Con la scusa di pisciare, me lo esco dalla cerniera. E’ duro come il marmo, teso come un palo. La cappella sgusciata, gonfia, arrossata, pulsa di voglia.

Sto per iniziare quando dal soggiorno sento la voce di Valeria: “Schiavoooo...faccia di merda...subito qui!”.
Niente, non c’è destino. Mi ricompongo e volo da lei: “Si padrona?”
Veleria, voluttuosamente stesa sul divano, tv accesa: “Nel freezer c’è del gelato. Fammene una coppa e portamelo assieme ad una bottiglia d’acqua...veloce, sbrigati che ne ho voglia e non posso aspettare i tuoi porci comodi!!”. Eseguo. Velocemente torno da lei con quanto mi ha ordinato. Appena arrivo mi fa posare tutto sul tavolino. Si mette seduta. Si sfila gli slip. Mi prende da un braccio. Mi strattona per farmi mettere in ginocchio in mezzo alle sue cosce divaricate davanti la sua splendida fica già bagnata e mi fa: “Datti da fare, che ho di nuovo una voglia da impazzire...questa situazione che si è creata fra noi mi ha triplicato il desiderio...giovedì (il giorno dell’incontro al supermarket) ho fatto bingo con te...sei un premio al mio infallibile fiuto (ride)...adesso muoviti schiavo, fammi godere!”
Le pratico il solito cunnilingus appassionato. Lei gode e urla di piacere. Ne vuole un altro. Ubbidisco. Raggiunta la soddisfazione completa, mi caccia via spingendomi con un piede e torno ai mestieri di casa interrotti. E’ bellissimo. Sto vivendo momenti stupendi e sempre sognati. Non posso venire, lo so, e soffro. Ma mi convinco che in fondo la sofferenza è la vera goduria di cui uno schiavo leccapiedi come me è alla ricerca. L’orgasmo è mentale, non fisico.

Ho finito le pulizie. Biancheria stesa in balcone. Anche il bagno è fatto. O almeno credo. Valeria infatti ha trovato un pelo nel bidet. Urla: “ Sei un coglione incapace...mi fa schifo questo bidet così..schifo come la tua faccia di merda!”.
Mi tira da un orecchio torcendomi il lobo. Mi fa malissimo. Il movimento mi costringe ad inginocchiarmi. Con una delle sue cinture, che aveva già in mano, mi inizia a frustare sulla schiena. Mi fa togliere il pelo con la lingua. Poi mi mette la figa in faccia. E’ bagnata. E’ eccitata. Se la fa leccare fino a venire. Poi mi caccia fuori dal bagno con un calcio nel sedere e mi fa: “Stai qui dietro la porta che faccio la doccia. Quando mi servi ti chiamo!”
Io, ancora dolorante e mezzo stordito: “Si padrona!”

Non sento più il rumore dell’acqua della doccia. Ha finito. Mi chiama posso entrare. Lei, sensualissima avvolta in un accappatoio bianco e con un asciugamano a mo di turbante sulla testa, è seduta su una sedia.
Valeria: “Asciugami piedi e polpacci. Muoviti!” e mentre eseguo aggiunge: “poi mi sistemi le unghia dei piedi...questo colore di smalto mi ha stufato...ne voglio un altro! Lì accanto (mi indica uno stipetto) c’è tutto l’occorrente...sbrigati che stasera devo uscire, non voglio fare aspettare le mie amiche!”
Io: “Si padrona subito”. Inizio la pedicure. I suoi splendidi piedi sono immersi in una bacinella di acqua tiepida. Quando li esce, usa le mie cosce per poggiarli. D’improvviso mi fa un sorriso beffardo. Prende la bacinella e mi obbliga a berne l’acqua. Io ho un attimo di esitazione e così mi fa: “Questa è acqua santa, ci sono stati dentro i miei sacri piedini...faccia di merda...dovresti ringraziarmi per il privilegio che ti sto concedendo, invece di fare quell’espressione da ebete!”. Mi arriva un ceffone. Mi prende per i capelli e mi infila di forza il bordo della bacinella in bocca. Ne bevo alcune boccate. Quasi mi soffoco. Lei sbotta in una scrosciante risata. Mi assesta un altro ceffone e mi ordina di buttarla via e pensare allo smalto.

Le sto laccando le unghia. Ha scelto il viola. Valeria chatta rilassata col suo iphone. Il piede su cui sto lavorando lo ha messo sulla mia coscia. L’altro, da fare, poggiato sulla mia spalla ad altezza bocca. Ogni tanto glielo infila. Quando ho finito, si osserva i piedi. Pare soddisfatta e mi fa: “Coglionazzo...mettiti disteso sotto la sedia e lascia fuori la faccia che mi ci poggio i piedi il tempo che lo smalto asciuga...muoviti!”.
Mi metto nella posizione. Adesso ho i suoi piedi sulla faccia. Mi coprono occhi e bocca. Solo il naso è libero. Valeria riprende a chattare come se nulla fosse. Come se la mia faccia fosse una pedana. Con la differenza che ogni tanto si diverte a soffocarmi turandomi anche il naso stringendo i piedi. A smalto asciutto si alza. Mi ordina di seguila in camera da letto. Lì sceglie i vestiti che indosserà per la serata a cena con le amiche. Mi fa uscire dall’armadio n tubino nero molto sensuale. Me lo fa mettere sul letto e aggiunge: “Di là (indicando un punto fuori la porta) c’è una scarpiera. Portami tutte le scarpe che ci sono...sbrigati!”. Eseguo.

Saranno una decina di paia. Tutte di classe e sexy. Valeria indossa il tubino. E’ bellissima e molto provocante. Mi fa: “Avanti faccia di merda...ti do l’onore di scegliere quale scarpe mi stanno meglio con questo vestito...” e inizia a provarle con me che gliele devo mettere e togliere. Quando le ha provate tutte, gli do la mia opinione. Ho scelto un paio di sandali tacco 12 arrapantissime.
Valeria: “Sicuro vero?...bene...allora puliscimele bene con la lingua e vedi di farle brillare o faccio il bis come per il bagno...”
Io: “Si subito padrona...” ed inizio a leccarle. Valeria si rispoglia. In mutande e reggiseno si siede sul bordo del letto. Accavalla le sue bellissime gambe e si gode lo spettacolo. Finito, mi ordina di mettermi in ginocchio davanti la consolle con lo specchio e tutto l’occorrente del trucco. Si sfila le mutandine e si appoggia col culo nudo sulla mia faccia. Mi sta usando come uno sgabello. Fantastico, mentre si trucca e si fa i capelli, ho la faccia infilata fra le sue stupende natiche. Respiro a fatica, ma l‘odore è stupendo. E quando mi ordina di usare la lingua nell’ano, pure il sapore.

Passato un bel quarto d’ora in quella posizione. Valeria, finito di truccarsi e acconciarsi i capelli, si toglie dalla mia faccia, ma vuole rimanga li fermo. Si veste definitivamente. Indossa le scarpe. Si guarda allo specchio. Truccata e vestita da sera è una meraviglia. Si gira verso di me e mi fa: “Come sto, coglionazzo?”
Io: “Benissimo! Sei di una bellezza e di una sensualità, padrona, che lasci senza fiato...che onore e fortuna essere il tuo schiavo!”
Valeria: “Ok va bene...ascolta, adesso esco. Tu mi aspetti qui. Metti in ordine. Voglio trovare la stanza in perfette condizioni e il letto aperto per la notte. Quando finisci mi aspetti dietro la porta a quattro zampe come un cane. E bada bene di non addormentarti sul divano o, peggio, nel mio letto che io rincasando non ti trovo lì davanti (indica la porta d’ingresso) a mia disposizione. O per caso ti salti in mente di masturbarti usando qualcosa di mio e me ne accorgo...e guarda che me ne accorgo! Saranno cazzi amarissimi per te...molto ma molto amari”
Io: “Si padrona...si...puoi stare tranquilla, ti auguro una bella serata”

Valeria esce. Adesso sono solo in casa. Sistemo il disordine della stanza. Le preparo il letto e mi metto in posizione dietro la porta. Ma ho il cazzo troppo in fiamme. Mi ha strapazzato in maniera troppo goduriosa tutto il pomeriggio per resistere ancora a non segarmi. Ho eseguito alla perfezione ogni suo ordine, ma stavolta sulla masturbazione mi vedo costretto a disobbedirle. Del resto ha detto “se me ne accorgo”. Io faccio in modo che non succeda. Vado in bagno. Mi tolgo pantaloni e mutande e mi siedo sul wc. Ce l’ho durissimo e teso. Chiudo gli occhi, rivedo in sequenza tutte le scene di umiliazioni che mi ha inflitto e parto con la sega. Fantastico. I suoi piedi sulla mia faccia. La cosa dello smalto è stata bellissima. La sua fica da leccare davanti, dietro e di sotto, come dopo avermi picchiato per il pelo nel bidet. Vengo, vengo. Sborrata galattica. Ma tanto sono arrapato per la giornata di oggi che mio periodo refrattario è breve. Ne ho voglia di un’altra e riprendo. Altra sborrata galattica. Poi pulisco tutto con maniacale attenzione anche alla più infinitesimale goccia di sperma e mi rimetto dietro la porta.

Sono le due del mattino. La chiave che si infila e gira nelle toppa mi fa sobbalzare, in quanto mi ero assopito appoggiato alla porta. Velocemente mi metto a cane. Valeria entra. Mi vede in posizione. Si blocca e mi fa: “Ah! Bravo il mio coglionazzo...e io che già pregustavo una nottata di frustate perché ti avrei trovato addormentato altrove...e invece mi hai smentito obbedendo...peccato! (ride) ...va beh tanto le occasioni per massacrarti di botte non mi mancheranno”
Entra. Chiude la porta e lancia via ad una una le scarpe. Si lascia cadere sulla poltrona del salone, appoggia, incrociandole, le gambe sul puff accanto e mi fa: “Massaggiami i piedi che con ste cazzo di scarpe che mi hai fatto mettere, mi fanno un male cane...sbrigati!”
Io: “Subito padrona...”
Valeria, mentre gli massaggio le piante, si allunga verso di me e mi assesta un ceffone: “Testa di cazzo...per colpa tua i piedi...i miei divini piedi...mi hanno fatto un male tutta la sera. Ma la colpa è più mia che ti ho elevato al rango di consigliere, mentre tu sei cosa di stare sotto le scarpe ed esserne lo zerbino!….poi con ste mani da frocio che massaggio è...basta!!...leccameli che è meglio...muoviti!”

Sto leccando. I piedi sono leggermente sudati e hanno sapore di scarpe. Ma sono sempre di una goduria indescrivibile. Valeria smanetta un altro pò sull’iphone, poi lo chiude. Mi guarda. Mi mette un piede in faccia, mi allontana e mi fa: “Basta adesso...sono stanca...preparami una di quelle tisane che ci sono in cucina e me la porti in camera...muoviti!”. Eseguo.

Sono in camera da letto, fermo in piedi col vassoio e la tazza. Dopo qualche minuto che sto li fermo arriva Valeria appena uscita dal bagno. E’ stupendamente arrapante pronta per la notte. Sottana di pizzo in raso bianco corta al ginocchio e tette quasi scoperte. Sistema due cuscini alla testata del letto e vi si stende in maniera sensualissima rimanendo appoggiata di schiena. Mi fa cenno di avvicinarmi. Prende la tazza e ne beve alcuni sorsi. La posa sul comodino e mi fa: “Vieni a leccarmi la fica, che non c’è di meglio di un orgasmo prima di dormire!” E ride mentre mi accingo a salire sul letto e mettermi in posizione fra le sue cosce divaricate.
La faccio venire due volte, come al solito. Dopodiché con aria soddisfatta mi caccia dal letto e mi fa: “Adesso vattene a casa! La tua faccia di merda mi ha stancato...ci vediamo domani, puntuale allo stesso orario. Hai ancora tantissimo da fare...mi costa ammettere che avevi ragione...non ho sbagliato epoca per nascere...io, se non lo hai ancora capito, non ti mollo più! Da oggi pomeriggio mi appartieni. Sei di mia proprietà nel vero senso della parola. Per te inizia una vita d’inferno con me come tua padrona...sparisci adesso!! vattene!”
Io: “Si padrona...(mi fermo mentre sto per uscire dalla stanza) ma se posso...questa volta oso contraddirti...si, perdonami...ma quale inferno e inferno?...questo è il paradiso!...buonanotte padrona!”. Le bacio entrambi i piedi e vado via.

Questo racconto di è stato letto 1 6 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.