Il sospiro sospeso di una fiaba

Scritto da , il 2021-01-19, genere sentimentali

È ancora buio quando inforco la bicicletta ed attraverso le strade per andare al lavoro.
La città, pigramente, si sta già risvegliando, sotto la luce fredda dei lampioni.
Ad est le nuvole cominciano a colorarsi; una tenue sfumatura imporpora i cirri che si attardano prima del sorgere dell'astro.
Sollevo lo scaldacollo sopra la mascherina per proteggermi dall'aria fredda, le mani calde nei guantoni da scialpinismo.
Ed è allora che lo scorgo.
Tenue, timido, discreto.
Un luccichio malizioso mi ammicca dalle macchine parcheggiate sul bordo delle strade.
Un sottile manto, candido e puro, riveste ogni particolare della città grigia.
Ricopre i parabrezza e le fiancate delle automobili, i bordi dei marciapiedi e le foglie accartocciate dei platani.
Sembra perfino che ritocchi i suoni e gli odori.
C'è un'aria frizzante al posto della puzza di smog cui si finisce per abituarsi.
I rumori sono ovattati e cotonosi.
La sottile epidermide di brina si distende sulle lattine e le cartacce di fianco alle strade, i cartelloni pubblicitari e le ringhiere delle case e dei giardini.
Sugli angoli sotto i marciapiedi, dove non giungono gli pneumatici degli automezzi.
Al mio passaggio migliaia di luccichii mi salutano, quasi a volermi fare festa.
Un continuo brillare di scagliette e cristalli di ghiaccio sotto il gelido sguardo dei led e delle lampade al mercurio.
Una costellazione decantata dal cielo, le migliaia di stelle che dalla via Lattea, ormai invisibile nelle notti della città industriale, sono precipitate sulla Terra per riaffermare la loro presenza, il loro dominio su una notte che da decenni non è più così nera e misteriosa.
Scorro con la bicicletta, il mio alito si condensa in volute di vapore oltre la mascherina chirurgica.
Ed al mio passare le stelle scintillano come in un vorticoso affannato movimento, come a richiamare la mia attenzione sulla loro presenza, sull'effimera esistenza che si spegnerà con i primi raggi del Sole, quando gli evanescenti brillamenti saranno riconsegnati ai misteri del firmamento.
Fugace abbaglio per chi sa volgere lo sguardo, rimirando, ricercando i particolari che, umili e negletti, accompagnano giornate che troppo spesso si spengono nel grigiore.
Un velo gentile, un sottile strato di polvere di Luna.
Una sottoveste imperlata di brillanti.
Una manciata di zirconi scagliati da una mano delicata ed affettuosa sulla monotonia di una metropoli fagocitata dal progresso e dalla produttività.
Sorrido alle costellazioni, al brulichio di bagliori.
I piccoli prismi di acqua cristallizzata.
Un tulle incipriato di minuti sospiri.
Desideri rimasti in sospeso e mai confessati.
Condense di ghiaccio per addomesticare il cinereo torpore di una città addormentata.
Riflessi siderali precipitati dagli ammassi stellari.
Un sospiro leggero, un tenero abbraccio.
“Buongiorno, Yuko!”

Questo racconto di è stato letto 1 2 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.