Un mese da soli nella nostra casa al mare - Capitolo 2

Scritto da , il 2021-01-10, genere incesti

* "Quanto manca?"
- "Un po', come mai tutta questa impazienza?"
* "Nulla, ho fame..."
Dopo una decina di minuti arrivammo al ristorante.
* "Posso ordinare anche per te?"
- "Cosa hai in mente?"
* "Non preoccuparti..."
# "Cosa posso portarvi?" ci chiese il cameriere.
* "Per lui ostriche e spaghetti allo scoglio, per me invece una zuppa di pesce."
# "Da bere?"
* "Champagne, grazie"
La cena andò avanti in modo, normale diciamo. Tranne verso la fine, quando successe la cosa che avrebbe portato alla svolta quella sera.
- "Alessia, rimettiti quella scarpa!"
* "Perché, cosa sto facendo di male?"
- "Mi stai toccando il pacco e non vorrei avere qualche "problema" prima di uscire..."
* "Mamma mia, quanto sei noioso!"
# "Volete qualcosa per dolce?"
* "Qualcosa con della cioccolata."
# "Va bene"
Dopo aver pagato il conto, uscimmo dal ristorante per fare una passeggiata in riva al mare. Il cielo era limpido e la luna rischiarava il nostro cammino. Improvvisamente Alessia si fermò e iniziò a guardarmi. Mi fissò per alcuni secondi poi si avvicinò dandomi un bacio e toccandomi il pacco, ma dopo poco si allontanò.
- "Che succede?"
* "Nulla, non so se tu sei disposto...."
Mentre stava parlando gli presi la testa con una mano dandogli un bacio e con l'altra gli palpai quel sedere sodo che da tempo sognavo. Quel bacio si prolungò per alcuni secondi, poi mi staccai gli presi la mano e iniziammo a correre verso la macchina. Una volta arrivati a casa iniziai a spogliarmi quando ancora eravamo in giardino. Appena entrati in casa, presi Alessia in braccio mettendola sul tavolo. Io ero rimasto solo con i pantaloni mentre lei era ancora completamente vestita. Ci demmo un altro lungo bacio mentre Alessia mi accarezzava la schiena.
- "Vado a preparare la doccia..." gli sussurrai.
Dopo avergli tolto il vestito, ci spostammo in bagno. Alessia si mise in ginocchio e iniziò a sbottonarmi i pantaloni lentamente, accarezzandomi il pene che ormai stava pulsando negli slip. Dopo avermi tolto pantaloni e mutande mi disse:
* "Avevi ragione quando dicevi che non avevo visto ancora nulla..."
In effetti la natura era stata generosa con me, avevo un pene lungo circa 17cm e abbastanza grosso.
Quando l'acqua fu calda entrammo nella doccia, Alessia iniziò ad accarezzarmi i pettorali, per poi scendere ad accarezzare gli addominali e alla fine arrivando al pene. Prima lo prese in mano iniziando a farmi una sega e guardandomi negli occhi con uno sguardo che non gli avevo mai visto. Quando sentì che ero arrivato al massimo dell'eccitazione si abbassò. Iniziò prima a leccarmi le palle rasate quella mattina per poi passare all'asta. Dopo avermi lubrificato la cappella con la saliva iniziò a "mungermi" il cazzo.
- "Continua troietta, hai una bocca fantastica"
Quando stavo per venire, Alessia iniziò a spompinarmi più lentamente per poi fermarsi.
* "Cosa preferisci, il mio culo o la mia figa?"
- "Io ti voglio tutta" dissi ansimando per quel pompino.
Presi il bagnoschiuma e iniziai a insaponarla. Partii dalle spalle per poi passare a palpargli le tette, sentendo i capezzoli che erano diventati duri per il piacere. Alla fine scesi insaponandogli la parte più esterna della figa con le dita. Dopodiché la presi e la poggiai contro il muro. Prima avvicinai il mio pene iniziando a stuzzicargli le labbra. Mentre lo facevo la guardavo ansimare e gemere. Dopo averla preparata presi il mio pene in mano e dirigendolo al centro della sua vagina, lo spinsi dentro tutto insieme. All'inizio urlò per il dolore poi per il piacere. Iniziai a sbatterla sempre più velocemente e mentre lo facevo sentivo le sue mani che mi accarezzavano il petto.
* "Oh, si continua, sbattimi più forte..."
Iniziai così a a muovermi più velocemente, sentivo che il mio cazzo era arrivato al limite, ma nonostante questo continuai a sbatterla. Alla fine sentii che la sua figa si bagnò completamente ed esplose in un urlo di piacere.
- "Ora però, tocca a me. Spostiamoci sul letto" Dissi con l'affanno.
Ancora tutti bagnati ci spostammo in camera da letto. Per prima cosa mi sdraiai sul letto con le gambe aperte, il cazzo era diventato duro come un bastone. Alessia capì subito, mi si avvicinò per poi salirmi sopra. Dopo essersi seduta sul mio pene, che era entrato completamente nel suo culo, iniziò muoversi su e giù. Dopo essere andato avanti così per un po', decisi di prendere il "controllo della situazione". Così mi girai mettendo Alessia a pancia in giù. Dopo avergli accarezzato la schiena e il sedere, glielo infilai in culo. Mentre la sbattevo con foga sentivo che ansimava cose come: " oh ,si, continua a sbattermi, stallone. Ficcami quel cazzo enorme dentro."
Ormai non ce la facevo più a trattenermi, poco prima di venire mi fermai e sfilai il pene dal buco del suo culo. L'eccitazione accumulata in due giorni si sfogò tutta insieme con due fiotti di sborra calda e densa che andarono a inondare la schiena di Alessia.
Dopo averla ripulita, anche con la lingua, gli diedi un bacio passandole parte della mia sborra. Alla fine ci salutammo con un bacio affettuoso e ci addormentammo abbracciati nudi.

Alla fine i due protagonisti lo hanno fatto per la prima volta insieme, anche se questa sarà la prima di tante volte... Lasciate un commento e come sempre spero vi sia piaciuto e alla prossima.
COMMENTO POST PUBBLICAZIONE: Rileggendo mi sono accorto che la conclusione è stata molto sbrigativa e povera di dettagli. Comunque non preoccupatevi sto già lavorando al prossimo capitolo che sarà sicuramente meglio di questo...

Questo racconto di è stato letto 1 2 1 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.