Niente pillola 10 - Messa incinta da mio figlio con l'aiuto di quella coppia.

Scritto da , il 2020-12-21, genere incesti

Mentre mollemente abbandonata sui cuscini a fiori e con la mente lontana mi lasciavo cullare dal dondolo,davanti ai miei occhi scorreva l'immagine di Paola che con le gambe penzoloni dietro la schiena del marito,ansimava mentre lui le affondava la sua testa tra le cosce.

Nel frattempo,lei aveva stretto una mano dietro al collo di mio figlio per tirarlo a se e baciarlo sulla bocca con libidinoso trasporto.

La stretta di mio figlio al suo corpo era aumentato nel momento in cui lei,in preda ad un violento orgasmo,aveva cominciato a scuotersi costringendo il marito a seguirla nei suoi scatti convulsivi.

Una babele di suoni,ansimi,singulti schiocchi,sciacquii si librava nell'aria in quel momento in cui persino dal bacio con mio figlio sortivano osceni sciabordii.

-Mettimelo dentro...mettimelo dentro!-

Aveva ordinato con voce ansimante Paola.-

A quell'ordine mio figlio l'aveva aiutata a togliersi da quella postura e,cercando di farla distendere per prenderla alla missionaria,si stava preparando anche lui con la verga turgida e la cappella che gli sfiorava l'ombelico.-

-Non tu ragazzo....non tu Matteo!

Deve essere lui ad accompagnarti dentro di me questo è il suo compito di cornuto.

Tu distenditi e lascia che se ne occupi mio marito.

Lui sa bene come si fa!-

A quell'ulteriore ordine,mio figlio si era disteso in posizione supina subito sovrastato dal corpo di lei che offrendo le terga al marito,gli aveva permesso di afferrare il cazzo di Matteo per accompagnarlo tra le labbra lucide di umori di sua moglie.

A quel punto,Paola si era fatta scivolare in corpo quel giovane nerbo duro e pulsante ed al primo contatto del glande col suo utero si era lasciata scappare una specie di smorfia di dolore subito seguito dall'inizio di una cavalcata profonda e dal ritmo sempre più incalzante.

Come una vera amazzone,teneva il corpo dritto con le mani che,come fossero briglie,erano appoggiate sul petto di mio figlio mentre tutto il suo corpo di muoveva al galoppo coi seni scossi al ritmo dalla cavalcata ed i capelli sciolti e flessuosi come scossi dal vento.

Gli occhi chiusi ne risaltavano il trucco curato mentre dalla labbra aperte,sfuggivano lunghi e sincopati gemiti di piacere.

La sua testa pareva completamente indipndente dal resto del corpo tali erano i suoi movimenti lanciati,come una bilia,in ogno direzione con la chioma luccicante come fili di seta.

Incredibilmente,mio figlio era riuscito a sicronizzarsi coi suoi movimenti e persino i suoi ansimi parevano sortire dalle sue labbra socchiuse,all'unisono con quelle della cavallerizza.

D'un tratto Paola,bloccandosi come inchiodata sopra di lui,si era abbassata appoggiando i seni sul torace di mio figlio e dopo averlo baciato a lungo ravanando con la lingua nella sua bocca,si era staccata ed appoggiando le labbra sul suo orecchio gli aveva sussurrato:

-Matteo,lo sai che non mi devi venire dentro anche se mi piacerebbe Dio solo sa quanto!

Devi avvisarmi quando stai per goderre perché voglio che il tuo seme scaldi l'utero della tua donna per ingravidarla.-

Aveva un'abilità incredibile Paola nel gestire quella eccitante situazione che l'aveva fatta godere già due volte facendola bloccare però,ogni qualvolta capiva il pericolo che Matteo potesse venire anzitempo.

Ad un certo punto,in modo del tutto inatteso,con una manovra da ginnasta,aveva cambiato postura ponendosi sotto di lui alla missionaria.

Negli stessi istanti il marito mi aveva fatta sollevare dal dondolo e sdraiare accanto a loro.

Poi,sollevandomi le gambe,mi aveva allargato le cosce ed ancora aveva ripreso a leccarmi la fica.

Godevo!

Dio come godevo con quella guizzante lingua che stimolava la mia clitoride,le grandi labbra riuscendo a penetrarmi sino a leccare le pareti interne della vagina facendomi godere e sbrodolare come una porca.

Godevo!

Dio come godevo a quel trattamento mentre i miei orecchi venivano stimolati dai gemiti di Paola ed il respiro sempre più pesante di mio figlio.

Conoscevo bene quell'ansimare crescente preludio della sua incontenibile esplosione.

-Adesso...adessoooo....vai...vai ragazzo...vai dentro tua madre e scaricale dentro tutta la vita che c'è nel tuo seme!-

Aveva gridato Paola spingendolo fuori di se dove era già pronto suo marito per aiutare mio figlio ad infilare il suo cazzo nella mia fica già aperta,umida e pronta:

-Vengooo...vengoooo...sborroooo...sborroooo...mamma...mammaaaa...godoooo...godoooo....-

-Gridava mio figlio scaricando nella mia pancia il suo caldo seme e la tensione accumulata in quella incredibile serata dentro al gazebo sotto un cielo di stelle.

Era un grido di piacere e di liberazione anche dalla frustrazione per aver finalmente potuto dire a qualcuno che io ero la sua amante e la sua mamma che lui,finalmente, avrebbe ingravidata.-

Credo che una scultura di corpi più bella,più viva e più sensuale non si potesse neanche immaginare.

Mentre mio figlio scaricava dentro di me tutta la sua passione e la sua anima,io godevo e lo stringevo forte a me come se temessi che quel momento fosse solo frutto di un sogno.

Il mio utero era scaldato dal suo seme mentre i nostri corpi erano avvinti come l'edera con la sua pianta.

Accanto a noi,era distasa Paola che per tutto il tempo mi aveva accarezzato i capelli e coperta di baci sul volto e sui seni mentre suo marito in ginocchio dietro di noi,ci accarezzava e leccava i genitali durante il coito ed anche nei successivi momenti di languoido abbandono.

-Luca,prima che Matteo si sfili,metti due cuscini sotto il sedere della mamma.-

Ubbidendo il marito,mentre matteo era ancora sopra di me,mi aveva sollevato il bacino con due cuscini un po rigidi.

Poi rivolgendosi a Matteo:

-E tu ragazzo,avvisami quando stai per sfilarti,non vorrei proprio che andassero perdute gocce del tuo prezioso seme.-

Infatti,quando dopo alcuni minuti Matteo stava uscendo dal mio corpo,aveva trovato le labbra del marito che avevano subito imboccato il suo cazzo semimolle e gocciolante mentre Paola aveva appoggiato la bocca alla mia vagina ed aveva cominciato a leccarmi,a succhiare e bere la sborra che ne fuorusciva.

Che donna Paola!

Davvero incredibile,sentire la sua lingua esplorare il mio sesso pieno di sperma mentre davanti agli occhi vedevo suo marito succhiare il cazzo a mio figlio,mi aveva provocato un nuovo devastante orgasmo.

-Sei stata magnifica Silvia!

Magnifica,puttana e dolce come solo pochissime donne al mondo sanno essere.

Adesso non è tempo di perdersi in chiacchiere abbiamo ancor tutta la notte davanti a noi per approfondire la nostra conoscenza ma domani....voglio sapere tutto di te così come io ti ho svelato tutti i segreti tra me e mio marito:

-Luca,basta così lo hai già lucidato abbastanza quel bel cazzo.

I nostri ospiti hanno sete,portaci da bere per favore!-

Mentre il marito era andato a prendere dello Champagne fresco nel bar della suite,lei si era seduta ancora sul divano a dondolo con me e mio figlio stretti ai suoi fianchi.

segue





Questo racconto di è stato letto 6 8 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.