Niente pillola 4 - Inseminata da mio figlio.

Scritto da , il 2020-12-10, genere incesti

Dopo aver goduto con la mano di mio figlio che mi sgrillettava furiosamente e le nostre lingue frullavano vogliose l'una nella bocca dell'altra,Matteo si era staccato da me e con fare nervoso,preso da una incontenibile urgenza,mi aveva spinta sul letto ed aveva cominciato a spogliarmi.

In un attimo ero già nuda col sesso aperto e gli umori che ancora colavano lucenti tra le mie cosce.

Lui davanti a me grondante di sudore e con una espressione carica di desiderio,mi guardava e cercava di esprimere con la maschera del volto e con un tono incerto della voce lo stupore per la mia capacità di sorprenderlo ogni volta.

Per meglio permettergli di ammirare il mio "nuovo" corpo levigato e completamente privo di peli,avevo assunto una postura supina,con le gambe ben aperte,il bcino sollevato e le braccia alzate con le mani sulla testa.

In quella posizione,per certi aspetti oscena,materna ed invitante al tempo stesso,gli permettevo di esplorare ogni lembo di pelle,ogni piega della mia carne ed ogni più segreto anfratto che già conosceva ricoperto di peli neri e che in quel momento gli si presentavano in una versione inedita ed in qualche modo meno selvaggia e più virginale.

-Mamma....sei meravigliosa in questa nuova veste!-

Era riuscito a dire mentre lui stesso svestendosi,gettava a terra i suoi indumenti leggeri rimanendo nudo a sua volta.

Francamente io ero abituata a quelle reazioni davanti a mio figlio e quello che credevo essere un fedele e complice marito.

Ero abituata a quegli atteggiamenti di esibizionismo che avevo imparato ad assumere grazie proprio agli insegnamenti di mio marito.

Con lui infatti,avevo cominciato a fare sesso a scuola che non avevo compiuto ancora 18 anni.

Lui mi aveva sverginata e sempre lui,mi aveva insegnato i segreti di una moderata perversione accompagnata dal piacere della trasgressione esibizionista vissuta nel segreto della nostra relazione clandestina o nei luoghi pubblici che sceglieva lui.

Poi ero rimasta incinta e mi aveva sposata continuando comunque,nei suoi giochi un po perversi.

Dunque,quando avevo iniziato il rapporto incestuoso con mio figlio,avevo offerto anche a lui gli insegnamenti di suo padre.

In quel momento quindi,distesa sul letto,nel mio nuovo aspetto bianco e completamente rasata,mi offrivo alla sua vista con la stessa perversione e senza vergogna con la quale avrei potuto offrirmi anche ad occhi sconosciuti.

Lui però era mio figlio ed era il maschio col quale avevo deciso di rimanere incinta e dunque,lo spettacolo che gli offrivo assumeva un significato più intimo e profondo.

Un significato magico direi!

Io nuda e spoglia di ogni ogni pudore offerta alle sue voglie incestuose.

A quel punto lui,col fiato grosso e con la verga completamente tesa verso il cielo,avrebbe voluto inginocchiarsi ancora tra le mie cosce per riprendere a leccarmi "all'infinito" come non smetteva mai di ripetere.

-No amore!
Non così!
Non adesso!-

Gli avevo detto risvegliandolo da una specie di stato ipnotico.

-Amore,questa è una notte speciale e tutto deve essere all'altezza della sacralità del momento.
Adeeso andiamo in bagno e la mamma ti depila per bene,dopo facciamo una doccia insieme e finalmente potrai essere tu il maschio che feconda la propria femmina per creare una nuova vita.-

Tutto era andato secondo i miei desideri con una unica incredibile sorpresa:Via via che liberavo il membro e lo scroto di mio figlio dal suo folto rivestimento di peli,ai miei occhi appariva un membro sempre più possente e virile con le sue vene gonfie,la sua cappella livida ed i suoi testicoli grossi e pieni della crema carica di spermatozoi di cui il mio utero fertile e voglioso era ghiotto.

-Amore...anche tu così liscio mi sembri un altro.

Stai attento perché stanotte potrei tradirti con te ed il tuo nuovo amichetto già inquieto tra le mie dita.-

Sotto la doccia mio figlio pareva impazzito e via via che lo scroscio d'accqua aumentava,i suoi movimenti divenivano più inquieti e incontrollabili.

Io cercavo di contenere come meglio potevo il suo debordante entusiasmo anche se,la sua passione,i suoi baci e le sue carezze parevano difficilmente domabili dalla femmina che travaricava mia capacità di controllo:

-Basta amore,smettila...usciamo da questa terribile gabbia...asciughiamoci e finalmente andiamo sul letto a compiere ciò che è già scritto.

Distesi sul letto,mio figlio pareva davvero impazzino e smanioso di raggiungere con le dita e la lingua ogni lembo di pelle del mio cedevole corpo intrufolandosi con foga e passione anche negli anfratti più nascosti e segreti.

-Amore...così mi fai venire ancora ed io non voglio!

Voglio godere insieme a te per sentirmi piena del tuo amore.-

Dopo quelle parole pronunciate sospirando,lo avevo girato e ponendomi con la testa tra le sue cosce,avevo cominciato a leccarlo partendo dal suo buchino grinzoso ripulito da ogni pelo superfluo per risalire,attraverso il perineo e l'asta sino al glande che per tutto il giorno aveva lacrimato in attesa delle mie attenzioni,delle mie labbra e della mia fica.

Il mio trattamento di mani e di bocca era davvero superfluo in quel momento tale era la sua eccitazione.

La sua verga si muoveva come un animale "vivo" con le sue contrazioni a scatto come se stesse già eiaculando.

Mio figlio era già pronto!

Il mio bambino era già maturo per ingravidare sua madre!

Con un movimento rotatorio avevo cambiato postura pomendomi supina e con lui disteso davanti a me già pronto per tornare nel nido dal quale 21 anni prima aveva visto la luce.

Lentamente...con dolcezza mi era scivolato dentro.

Il mio cuore batteva forte ed anche le mie mani con forza l'avevano tirato sino a far concidere il suo petto col mio e carpirne il respiro pesante ed i battiti accelerati.

Incredibilmente,come avesse letto nel mio pensiero,era scivolato tutto dentro di me...immobile!

Oramai nella camera si udivano solo i battiti dei nstri cuori accarezzati dai nostri respiri lievi ma profondi.

-Che bello amore...rimani così fermo ma spingi...spingi più a fondo che puoi dentro al mio corpo.

Fammi sentire la pressione del tuo glande sulla bocca del mio utero.

Fammi gustare la realizzazione del mio sogno di sentire il tuo seme che mi riscalda non solo per il nostro piacere ma anche per far sbocciare una vita nuova nell'Eden dal quale sei sortito tu amabile,virile e bello come il sole.-

Mio figlio dentro di me immobile come una spada infilata nelle molli carni di un suo antagonista,dal quale doveva succhiare l'anima e il sangue,aveva la sua bocca attaccata al mio orecchio e mentre gli accarezzavo i capelli e lo spingevo in me sempre più a fondo,mi sussurrava parole d'amore.

Che meraviglia,che piacere,che sogno,che godimento.

Al culmine della nostra congiunzione fisica e spirituale,avevo cominciato a roteare il bacino in un invito esplicito a fare altrettanto.

I suoi movimenti lenti e profondi non somigliavano affatto ai momenti di passione estrema in cui avevamo sempre cercato il massimo del godimento reciproco.

In quei magici momenti no!

Non era così,nei suoi movimenti vi era la volonta di esplorare il mio cervello,di fondersi nei miei pensieri,di entrare nei miei sogni per raggiungere insieme nell'attimo fatidico della creazione di una vita nuova,la sublimazione del nostro amore.

-Vengo mamma...sto venendo...sto venendo..."Godi amore...godi...godo anch'io...che bello...che bellooo...vengo vengo...ahhhh...ahhhh.-

Come per magia,l'orgasmo ci aveva colti insieme mentre il suo seme schizzato dentro la bocca dell'utero,aveva sicuramente incontrato l'ovulo da cui sarebbe fiorita la nuova vita che tanto avevo voluto coinvolgendo mio figlio nell'eden del mio desiderio.

Il suo seme abbondante e bollente,attraverso tutti i canali che il mio corpo ormai totalmente aperto,disponibile ed abbandonato gli offriva.

Quelle stille di vita si erano insinuate in ogni vena,ogni cellula raggingendo il mio cuore,la mia testa ed ogni centro propulsore e terminale dei sensi che decidono dei nosri comportamenti scavando nel profondo,risvegliando e dominando il mito che dorme in noi insieme alle paure angestrali che bruciano nella fiamma che scalda e accarezza la mia sorgente di vita.

Non un grido,non un ansimo di troppo avevano accompaganto la calda magia del momento che come una fiamma ossidrica,aveva fuso i nostri corpi legandoli in un inestricabile, infinito languore.

segue



Questo racconto di è stato letto 1 3 6 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.