Niente pillola 13 - Come anche la mia amica Paola sia stata ingravidata dal figlio.

Scritto da , il 2020-12-24, genere incesti

-La prima volta che mi aveva proposto di farmi scopare da mio figlio (ricordo che lui stesso lo aveva voluto facendomi ingravidare da uno sconosciuto e lo aveva accettato ed amato come fosse davvero suo.)ricordo che mi aveva trovata già pronta tale il il grado di trasgressione (Perversione) nel quale ero giunta nei 18 anni trascorsi da quella volta.

Mio figlio peraltro già da tempo dava segni di apprezzarmi come donna oltre che come madre.

Le nostre effusioni molto spesso da semplici manifestazioni di affetto madre/figlio,si trasformavano in qualcosa di più sensuale.

Se a questo aggiungiamo il fatto che spesso trovavo sue tracce organiche sui miei indumenti intimi(ovviamente escludevo categoricamente che potesse essere sperma di mio marito al quale era proibito ogni contatto non autorizzato col mio corpo ed ogni altra cosa di intimo che mi appartenesse.)e che la cosa invece che farmi arrabbiare mi eccitasse,mi rendeva cosciente del fatto che anch'io lo desiderassi.

D'altra parte,spesso quando eravamo davanti alla TV,anche in presenza del padre,nelle sue effusioni di affetto,mi stringeva assumendo posizioni in cui,inequivocabilmente faceva di tutto per farmi sentire la sua erezione.

E dunque,quando quel mattino mio marito mi aveva detto:

-Paola,ho notato con quanta passione nostro figlio si stringe te ed ho anche notato il pacco gonfio del suo pigiama e le macchie che gli si formano davanti.

Credo che dovresti fare qualche cosa per aiutare nostro figlio.-

-Vuoi che ci vada a letto?-

Gli avevo chiesto d'impeto conoscendo conoscendo già la sua risposta:

-Si!-

Aveva bisbigliato lapidario.

Naturalmente il tutto doveva avvenire senza che mio figlio sapesse che il padre era a conoscenza.

Quella sera stessa,mio marito con un pretesto di lavoro,non era rientrato a casa e per me,era sato sin troppo facile abbracciare mio figlio,baciarlo appassionatamente ed aprire le gambe alle sue voglie da troppo tempo represse.

Naturalmente,la mia abitudine a farmi scopare spesso e da maschi sempre diversi,mi obbligava a prendere la pillola e dunque,già da quella prima volta avevo concesso a mio figlio di venirmi dentro.

Per 5 anni circa la tresca con lui era andata avanti senza che lui avesse mai il sospetto che suo padre sapesse.

Aveva compiuto da poco i suoi 24 anni il giorno del suo matrimonio:

-Amore...-

Mi aveva detto mio marito una settimana prima:

-Amore,mi piacerebbe avere un altro bambino da te.

Perché non interrompi la pillola e ti fai ingravidare da lui prima che si sposi?-

-D'accordo!-

Gli avevo risposto e in quello stesso momento avevamo deciso che lui si sarebbe assentato per lavoro per tutta la settimana rientrando solo il giorno prima delle nozze.

-Avevo trascorso 5 giorni e notti meravigliosi a letto con mio figlio il quale,col fatto che sposandosi avremmo dovuto diradare i nostri incontri,mi appariva più virile e focoso che mai.-

Il giorno del suo matrimonio avevo già in grembo suo figlio se è vero come è vero,che prima del suo rientro dal viaggio di nozze,avevo già l'esito positivo al test di gravidanza.

Anche la sua giovane sposa dopo il ritorno dalla luna di miele era risultata gravida ed ora abbiamo intorno un bellissomo bambino ed una bambina frutto della passione con mio figlio.-

Io e Matteo avevamo ascoltato a bocca aperta come rapiti da quella incredibile storia in cui si intrecciavano sesso,amore,trasgressione,tradimenti,passione e voglia di vivere la propria vita secondo la propria indole senza che nessuno abbia il diritto di giudicarti.

Mentre Paola era impegnata nel racconto della sua storia,era arrivato anche il marito che aveva chiamato il cameriere per farci portare quattro cocktail freschi alla frutta.

Prima di cena in camera,mi ero consultata ancora con mio figlio sull'eventualità di farmi scopare da Luca col suo gigantesco arnese ed incredibilmente,mio figlio che sino a quel momento mi era sembrato piuttosto contrario,si era reso possibilista e dai suoi occhi vogliosi,pareva addirittura impaziente di vedermi alle prese con la bestia.

Quella sera Paola aveva voluto che cenassimo sul terrazzo sotto il gazebo e quando io e mio figlio siamo arrivati,la bottiglia di Cartizze per l'aperitivo era già pronta nel salottino.

Come ci aveva chiesto Paola,mi figlio indossava solo pantaloncini corti ed una Tshirt stampata mentre io,avevo indosso solo una una minigonna senza perizoma ed una camicetta in seta trasparente che mi aveva regalato lei.

Lei stessa era coperta da veli leggeri completamente trasparenti e sotto niente mentre il marito,indossava il vestito di lino bianco d'ordinanza.

-Amore,sento che stanotte Silvia ci voglia fare un sorpresa,valle vicino,versale da bere e falle accarezzare la creatura che dorme dentro i tuoi pantaloni.-

Aveva detto Paola ridendo rivolta al marito.

segue

Questo racconto di è stato letto 7 9 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.