Niente pillola 12 - Il complesso del cornuto

Scritto da , il 2020-12-23, genere incesti

La proposta di Paola di farmi "assaggiare" il marito,mi aveva intrigata non poco anche se l'idea di farmi penetrare da quella bestia un po mi inquietava.

Comunque,avevo preso tempo riservandomi di parlarne in un altro momento con mio figlio.

Quella serata ci aveva già riservato troppe sorprese e mi poneva della domanda alle quali avrei voluto risposte da Paola.

Comunque,avevo concluso la serata facendo l'amore(Proprio così,l'amore!)con mio figlio mentre Paola e Luca,tenendosi per mano ci guardavano con evidente patos e pieni di ammirazione.

Il mattino successivo,essendo tutti un po stanchi,avevamo rinviato la faticosa visita al santuario ed eravamo andati a visitare i magnifici giardini di villa Taranto con le sue infinite varietà botamiche ed i mille fiori dai colori vivaci e dai profumi inebrianti.

Quando eravamo giunti in una zona abbastanza appartata con grandi piante ed ampi cespugli,Paola ci aveva detto:

-Ragazzi,questo è l'ambiente ideale per due innamorati che vogliono fare l'amore.

Tu e Matteo andate a sdraiarvi su quel tappeto d'erba sotto quella buganvillae e fate l'amore mentre mio marito si masturba ed io controllo che nessuno vi venga a disturbare.

Avevamo fatto l'amore ed era stato davvero meraviglioso mentre Luca,in piedi,sovrastandoci col suo enorme cazzo si masturbava spruzzando la sua sborra sull'arba proprio nel momento in cui mio figlio mi godeva dentro riempiendomi ancora col suo seme.

Avevamo terminato la visita aggirandoci in quella meraviglia della natura tenendoci per mano come due coppiette di innamorati.

Per il pranzo eravamo tornati in albergo ed alla fine,io Matteo e Paola eravamo andati in piscina mentre il marito era andato a riposare nella loro suite.

Rimasti soli,Paola che aveva capito della mia curiosità di sapere,mi aveva anticipato rispondendo alle domande che non le avevo ancora fatto.

-Da dove comincio?-

-Comincia da dove preferisci tu.

So già che le cose che mi dirai,in parte mi stupiranno ed in parte mi faranno sentire più in pace con la mia coscienza.-

-Bene!
Perché mio marito così intelligente,potente e super dotato,è così sottomesso al mio volere e perché io,donna apparentemente così mite e fragile,sono così autoritaria nei suoi confronti.

Luca sin da adollescente per via del suo alto ceto sociale,veniva corteggiato da tutte le ragazze le quali però,scoprendo "il bambino" nascosto sotto i suoi pantaloni,spaventate,se la davano a gambe.

Quella situazione ripetuta più volte,gli aveva creato un tale complesso che gli impediva di intrecciare relazioni amorose destinate inevitabilmente a fallire.

Aveva dunque cominciato anonimamente a frequentare una prostituta la quale aveva accettato quella sua caratteristica e col tempo lo aveva introdotto ai piaceri del sesso e via via,senza che lui se ne rendesse conto,lo aveva anche addestrato ad essere sottomesso prima di ricevere il suo premio e poterla chiavare.

Spesso comportandosi come se lui fosse il marito,riceveva dei clienti e si faeva aiutare mentre questi la scopavano.

Alla fine si concedeva anche a lui.

Col trascorrere del tempo,lo aveva abituato a leccarla e ripulirle il sesso pieno di sperma e quando lui era ben addestrato,gli aveva definitivamente impedito di avere rapporti con lei concedendogli la passibilità di masturbarsi dietro suo ordine.

Dopo alcuni mesi di quell'addestramento,essendo ufficialmente(per i clienti) lui il cornuto e lei la moglie troia.
Quando si faceva scopare davanti a lui,incitava i clienti a chiavarla forte davanti al marito per metterla incinta "Tanto il cornuto sarà contento" gridava schignazzando beffarda.

Oramai gli era proibito categoricamente di godere anche attraverso la masturbazione e solo raramente gli concedeva di scopare con una vecchia troiona sua amica completamente slabbrata (L'unica in grado di accogliere il suo cazzone) che lo faceva eccitare trattandolo come una pezza da piede e godendosi per se quel palo di carne.

Tutto questo naturalmente,lo aveva portato ad avere una personalità sdoppiata che lo rendeva severo coi suoi subalterni e docile nei confronti di chi deteneva il potere della sua sessualità.

Quando ci siamo conosciuti,io ero timidissima e questo fatto l'aveva portato a superare certi complessi pensando che potessimo compensare l'uno le debolezze dell'altro/a.

Mi aveva subito assunta nella sua azienda e dopo qualche mese ci eravamo fidanzati e senza mai consumare ci siamo sposati.

Devo confessare che non avendo alcun tipo di esperienza,la dotazione che tanto spaventava le altre ragazze,mi era sembrata del tutto normale anche se la prima volta,avevo avuto un dolore atroce che mi aveva costretta a letto per quasi una settimana.

Poi mi ero abituata a lui sino a quel giorno in cui,scoprendo le sue carte,mi aveva gettata tra le braccia di un estraneo per farmi ingravidare.

Da quel momento tutto mi era parso più chiaro ed anche la disinvoltura con la quale avevo accettato quella proposta,mi aveva fatto scoprire il lato da troia ed autoritario che dormiva dentro di me.

Avevo dunque preso anch?io come quella puttana,il controllo della sua sessualità non permettendogli mai più di fare l'amore con me ma limitandosi a procurarmi i maschi di cui avevo sempre più bisogno e di aiutarmi durante la monta autorizzandolo a qualche sega o rapporto occasionale con altre donne.

Mi piacerebbe davvero che tu fossi una di queste,potresti scoprire un lato del sesso che ti è sconosciuto ed in lui,trovare un amante davvero eccezionale.

Il resto credo di avertelo già raccontato.

Al mio racconto manca solo il momento in cui mio marito ha voluto che mi facessi ingravidare da mio figlio col quale avevo già da tempo un rapporto incestuoso voluto da mio marito all'insaputa del ragazzo ma questa è un'altra storia.

segue

Questo racconto di è stato letto 4 7 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.