Niente pillola 16 - Sesso incestuoso con mio figlio,Paola suo figlio.

Scritto da , il 2020-12-29, genere incesti

Eravamo arrivati a Bologna in treno ed il programma era di trascorrere li tutta la notte ed il giorno dopo.

La scusa che avevamo trovato per mio marito era che saremmo andati all'università per informarci su alcuni master che avrebbe voluto frequentare Matteo dopo la tesi di laurea che avrebbe dato dopo qualche settimana nella sua sede di Bari.

Nello zaino di mio figlio avevamo messo tutto l'occorrente per la notte ed il ricambio per il giorno dopo.

Direi poca roba giacché il programma prevedeva che avremmo passato la maggior parte del tempo a letto a scopare con Paola e il suo maritino cornuto.

L'appuntamento era al Leading Hotel dove aveva prenotato anche per noi.

Mentre io e mio figlio,un po impressionati dallo sfarzoso lusso della hall ci stavamo dirigendo verso la reception,ci siamo senti chiamare e dietro di noi abbiamo visto Paola in compagnia con un bel giovane,alto ed elegantemente vestito.

Dopo gli abbracci ed i baci di rito,Paola ci aveva presentati al giovane accompagnatore: Era suo figlio Federico!

Anche lui mi aveva abbracciata e così come mio figlio aveva baciato due volte la madre sulle guance,lui aveva fatto con me.

-Che programmi abbiamo...andiamo prima a lasciare lo zaino in camera?-

Avevo chiesto a Paola dopo aver superato lo stupore per l'incredibile sorpresa.

-No no,niente camera.

Quì abbiamo solo prenotato il pranzo a tuo nome e dopo andiamo nel pied a terre di mio figlio un po fuori città.-

Durante il pranzo che per inciso era eccezionalmente buono in una sala meravigliosa con un servizio perfetto da tutti i punti di vista,Paola,si era prodigata per sciogliere il ghiaccio tra noi cosa peraltro,facilmente riuscita.

Il ragazzo sapeva già tutto di noi.

Beh,non proprio tutto!

Naturalmente,non conosceva i rapporti segreti tra i suoi genitori ed il motivo per il quale ci stavamo incontrando era dovuto al fatto che sul lago ci eravamo scambiati confidenze tra donne ed avevamo scoperto che entrambi eravamo amanti dei rispettivi figli e che entrambi ne eravamo state ingravidate.

-Ti ricordi Fede con quanta gioia e quanta trepidazione abbiamo aspettato il nostro bambino?

Ecco!

Le stesse cose avevo notato in loro,nei loro atteggiamenti e nei loro sguardi ed avevo capito subito che non poteva essere una normale coppia di amanti clandestini della signora matura col giovane stallone.

Quando tuo pedre non c'era,avevo cercato di indagare ed una volta entrati in una complice intimità,lei mi aveva rivelato il loro vero rapporto ed i motivi di quel loro soggiorno sul lago Maggiore.

La loro storia mi aveva commossa e mi ci sono riconosciuta ed ho confessato che anch'io avevo un rapporto come il loro e che anch'io avevo partorito una bambina figlia di mio figlio.

Il nostro rapporto poi,benché molto breve,aveva assunto un'intimità ed una complicità tale che ci è parso del tutto naturale fare l'amore tra noi coinvolgendo alla fine anche suo figlio.

Ti assicuro Fede,è stata una delle esperienze più belle della mia vita....dopo il nostro rapporto e quello con tuo padre naturalmente!-

Il riassunto della nostra storia fatto in quel momento a suo figlio era del tutto credibile anche se veritiero al 90% avendo avuto Paola la necessità di nascondere il coinvolgimento del marito e la verità che vi si nascondeva dietro.

Il ragazzo infatti non sapeva che suo padre che in azienda era deciso ed autoritario e nei suoi confronti paterno,affettuoso ma autorevole,nei rapporti con la moglie era un cornuto consapevole e totalmente sottomesso.

Ricordo per chi l'avesse dimenticato che il rapporto di Fede con sua madre era stato voluto proprio da suo marito il quale aveva programmato anche il fatto che facessero un figlio insieme.

Il tutto senza che il figlio ne avesse conoscenza.

Quel fatto ovviamente,aveva favorito l'armonia della famiglia e mantenuto il rispetto che il figlio doveva nei confronti del padre.

D'altra parte,anche se attraverso strade diverse,anche io e mio figlio eravamo diventati amanti e stavamo per avere un figlio di cui mio marito era completamente inconsapevole.

Doppiamente cornuto dunque!

Un'altro segreto di cui il ragazzo non era aconoscenza era che suo padre non era davvero il genitore biologico in quanto lui stesso aveva spinto la moglie a farsi ingravidare da uno sconosciuto.

Alla fine del pranzo,Fede aveva provveduto a pagare il conto e subito dopo su una lussuosa Mercedes,siamo partiti alla volta del suo pied a terre.

Ormai Paola ci aveva abituati ad ogni genere di sorpresa ed anche quella che ci aspettava non ci avrebbe delusi.

"Pied a terre...pied a terre" aveva ripetuto più volte durante il nostro incontro.

In realtà si trattava di una grande villa antica nel mezzo di un parco cintato da un muro e piante di cotone aster dalle bacche rosse e con accesso attraverso un cancello automatico in ferro battuto.

-Alla faccia del pied a terre!-

Mi era scappato di dire con una espressione cretina guardando Paola e poi mio figlio.

Ad accoglierci c'erano due bellissimi doberman neri che ci sono subito corsi incontro per farci le feste.

In casa vi era il custode e la governante ai quali Fede aveva subito dato due giorni di libertà per avere la casa completamente libera.

Non appena la casa era stata liberata dagli "Intrusi" Paola e suo figlio si sono subito abbracciati ed uniti in un lungo bacio d'amore e di libidine al tempo stesso.

Lui le aveva subito messo le mani dietro le natiche e l'aveva stretta a se mentre lei,facendosi spazio a fatica tra i loro corpi avvinghiati,aveva infilato la mano dentro i suoi pantaloni alla ricerca del suo membro eccitato.

Io e mio figlio eramamo stati colti di sorpresa da tanto appassionato trasporto e subito dopo,anche noi ci siamo abbracciati con altrettanta passione.

Alla fine di quell'estemporanea sosta,Paola ci aveva accompagnati nella nostra camera chiedendoci di metterci in libertà e raggiungerli nel bagno situato proprio di fronte all'ampia scalinata che conduceva alla zona notte situata al nostro stesso piano.

Io aveva indossato la vestaglia in seta che avevo trovato sul letto e sotto,solo il perizoma ricamato che Paola stessa mi aveva regalato mentre mio figlio,aveva su l'accappatoio che aveva trovato nel bagno della nostra stanza.

Quando siamo entrati,nella grande vasca jacuzzi vi erano già nudi ed abbracciati Paola e suo figlio che si baciavano appassionatamente:

-Benvenuti nel nostro paradiso...spogliatevi e venite dentro anche voi,l'acqua è tiepida e profumata da rari sali orientali che mi regala mio figlio.-

Entrati nella vasca dove l'acqua tiepida ribolliva come fosse una fonte termale,anche io e mio figlio ci siamo abbracciati godendoci il tepore ed i massaggi di quell'acqua coi suoi erotici ribollori.

Poi Paola,staccandosi dal figlio mi aveva chiamata dicendo:

-Vieni Silvia,vienimi vicina che voglio mostrare a mio figlio le conquiste che ho fatto con te.

Sai,ho avuto davvero molta difficoltà a convincerlo che con te,senza tradire lui,ho scoperto il piacere dell'amore saffico ed ancora adesso stenta a credere a quello gli ho raccontato.

E poi,adesso che porti una creatura in grembo,sarà ancora più bello per me fare l'amore con te.-

A quelle parole,allontanandomi da mio figlio e lasciandomi galleggiare nell'acqua in movimento,mi ero avvicinata a lei che allungandomi le braccia,mi avava tirata a se porgedomi le labbra e la lingua per un bacio lesbico profondo e dal chiaro significato per il figlio che assisteva per la prima volta ad un simile spettacolo da parte di sua madre.

Mentre ci baciavamo le mani apparivano a sparivano da sotto l'acqua in un continuo cercare ogni parte del nostro corpo che potesse darci piacere fisico,cerebrale e struggente nel suo contenuto trasgressivo e di passione.

Le nontre mani scivolavano sui volti,sui capelli e sotto l'acqua in cerca dei luochi del piacere segreto e le nostre labbra scomparivano sotto l'acqua per suggere dai capezzoli turgidi la vita che vi celavano dentro.

E poi baci con le lingue che si intrecciavano tra schiocchi di saliva e vogliosi,eccitanti risucchi.

Di tanto in tanto lei si immergeva per baciarmi la pancia pregna per poi stringermi i fianchi e farmi riemergere come fossi una sirena.

I nostri toccamanti delle parti intime erano talmente intensi e sapienti che prima io e subito dopo lei,avevamo raggiunto un orgasmo in cui i nostri corpi si erano contratti nell'acqua tremula come le nostre membra mentre dalle nostre labbra sortivano ansimi e gemiti di piacere.

Al culmine del nostro godimento Fede non aveva più retto ed alzandosi in piedi aveva esibito una potente erezione che subito la madre aveva accolto tra le sue labbra.

Mio figlio pareva completamente spiazzato da quella situazione e non aveva saputo fare di meglio che abbracciarmi da dietro e farmi sentire il suo cazzo duro tra le natiche.

-Mmmmmm... Fede come ce l'hai duro...è bellissimo però adesso non lo vorrei per me ma mi piacerebbe che tu lo dessi alla mia amica futura mammina e che le scaldassi l'utero col tuo seme come se dovessi essere davvero tu ad ingravidarla.-

A quelle parole,mi ero allontanata da mio figlio ed avvicinandomi a loro,avevo unito la mia bocca a quella della madre per succhiarlo,accarezzargli l'asta scivolosa e leccargli i gonfi testicoli ed alla fine,leggendo nella mente della madre,mi ero alzata ed appoggiandomi al bordo della vasca mi ero offerta a pecora sino a che lui,guidato dalla mano di sua madre,non mi aveva penetrata.

A giudicare da quanto lo sentivo duro dentro di me,il ragazzo era davvero infoiato e voglioso di godere del mio corpo e di farmi godere col suo giovane e vigoroso cazzo.

Mentre lui mi montava da dietro con colpi sempre più precisi e profondi,sua madre lo incitava ed accompagnava i suoi movimenti pelvici spingendolo da dietro ai glutei.

A quel punto anche mio figlio,come svegliatosi da un latargo mi si era avvicinato e sedendosi dul bordo della vasca,mi baciava il viso ed i capelli e mi accarezzava i seni.

I miei ansimi erano divenuti oramai rantoli mentre il mio corpo aveva cominciato a tremare per l'arrivo del primo orgasmo e poi un'altro e un'altro ancora prima che quel maschio addestrato ad arte da sua madre,mordendomi i fianchi con la morsa delle sue dita,non si era schiantato in me e soffocando in gola un grido sordo e sbuffante,aveva cominciato a tempestarmi l'utero coi suoi potenti fiotti di seme bollente.

Mamma mia che sensazioni,che piacere,che gusto e che libidine quando,dopo che lui si era sfilato,avevo sentito la lingua della madre scavarmi in cerca dei miei abbondanti umori e del nettare che suo figlio mi aveva sparato in corpo.

segue









Questo racconto di è stato letto 9 1 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.