Niente pillola 8 - Sesso nel gazebo con la padrona e il cornuto

Scritto da , il 2020-12-16, genere incesti

Dopo quell'incredibile racconto di Paola durante il quale il marito sembrava pendere sempre più dalle sue labbra,lei ci aveva invitati a trascorrere qualche minuto nella loro camera dove avrebbero gradito offrirci dello Champagne "Lontani dalla confusione del bar e da occhi indiscreti"aveva aggiunto.

Naturalmente io e mio figlio avevamo accettato l'invito e mentre soli nella nostra camera ci stavamo preparando a raggiungerli,avevo raccomandato ancora a mio figlio che qualunque cosa fosse successo,lui avrebbe comunque dovuto versare il suo seme dentro il mio corpo ancora fertile sino a quando non avremmo fatto il test di gravidanza diversi giorni più tardi.

-Tranquilla mamma,lo sai che non ti ho mai delusa e non lo farò neanche stasera....anch'io desidero quel bambino come lo vuoi tu.-

Ancora svestiti ci siamo abbracciati forte e ci siamo legati in un bacio d'amore lungo,voglioso e sensuale al punto da rischiare di cadere sul letto e consumare un amplesso prematuro tanto era la nostra eccitazione.

La loro camera,in realtà era la suite più lussuosa dell'albergo.

Sita all'ultimo piano,aveva un grande terrazzo con un gazebo in ferro battuto al centro e decorato da una grande varietà di piante fiorite,vasi giganteschi e sculture dai soggetti classici e barocchi.

Da quell'altezza e senza niente intorno che ne potesse ostruire la visuale,si poteva godere di una incredibile vista panoramica del lago,le colline intorno con le splendide ville sino al Mottarone.

Davvero qualcosa da rimanere senza fiato.

Il gazebo rotondo aveva tutto intorno delle sedute in lino stampato a fiori mentre al centro,oltre ad un grande tavolo col piano in ceramica dai motivi coordinati con i tessuti,vi erano sparsi cuscinoni anch'essi fioriti simili a pouff di varie forme geometriche.

La totale riservatezza della parte interna del gazebo era garantita oltre che dalla posizione più elevata,anche dal fatto che all'esterno era circondata da piante sempreverdi.

Insomma,eravamo ospiti in una suite che concentrava in "poco spazio",tutti i sapori,i colori,i profumi e gli stili architettoci di quell'incantato angolo di mondo.

A riceverci e fare gli onori di casa era venuto Luca il quale con movenze da perfetto maggiordomo,ci aveva accompagnati sul terrazzo dove ad aspettarci in piedi davanti all'accesso del gazebo vi era sua moglie coperta solo da una leggera e ed ampia camiciona in seta bianca che le arrivava alle caviglie e che nella sua trasparenza non nascondeva nulla delle sue aggraziate e morbide forme.

La pelle del suo corpo integralmente abbronzata,metteva in mostra come un'ombra tremula quel corpo ben tonico nonostante avesse già più di 45 anni.

All'interno del gazebo,aveva voluto che io e Matteo le sedessimo di fianco su un divano oscillante mentre il marito seduto di fronte a noi,ci osservava con evidente compiacimento.

Al centro del tavolo vi era un vaso con un incredibile bouquet di fiori dai mille colori ed accanto vi era già un vassoio coi bicchieri e la bottiglia di Krug dentro il suo cestello di ghiaccio.

La conversazione era subito ripresa dal punto in cui lei l'aveva lasciata durante la cena.

Ci aveva chiarito che dal loro rientro dalle Cinque Terre non aveva più fatto l'amore col marito ma si limitava a farsi toccare e leccare sino a raggiungere solo lei il piacere mentre lui,lentamente ed in modo cosciente,era avviato ad un vero e proprio rapporto di dipendenza in castità.

In quei primi giorni lei,lo aiuatava masturbandolo ma dopo la scoperta della sua gravidanza,anche quel gioco gli era stato negato permettendogli solo di farsi una sega dopo che aveva dato il massimo godimento alla moglie con le mani,la bocca e l'aiuto di qualche giocattolo erotico.

I primi giorni di quel nuovo menage,lei pareva preoccupata per la salute fisica e mentale del marito,ma col trascorrere,seppur veloce dei giorni,lei si era resa conto di quanta sodisfazione ne traesse il marito e di quanto perverso piacere,le dava la totale domininazione di un uomo così potente.

Dopo avere brindato al nostro incontro e col tono della voce che diveniva sempre più flebile e vellutata,Paola aveva portato entrambe le braccia sulle nostre spalle stringendoci a se e rivolgendo le sue attenzioni con le labbra alternandosi tra me e mio figlio.

Poi,spostandosi dall'altro lato del mio fianco,aveva lanciato un sguardo assai significativo al marito il quale,mentre lei prendendomi il viso tra le mani congiungeva le sue labbra alle mie,si era inginocchiato davanti a mio figlio ed aveva cominciato a sfilargli le scarpe per poi slacciargli la cintura,abbassargli la cerniera e sfilargli i pantaloni e le mutande.

Segue

Questo racconto di è stato letto 5 6 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.