La mia prima volta fu dai miei nonni.

Scritto da , il 2020-11-09, genere prime esperienze

Superati gli esami di maturità, perciò avevo diciottanni, mio padre mi premiò con un'auto di modeste condizioni ma ideale per un principiante guidatore appena, appunto, patentato, che con quella si poteva anche permettere di strusciare nei punti stretti, ed ammaccarle la carrozzeria senza scrupoli: una Fiat seicento dell'anno cinquantadue, quindi mia coetanea ma che apprezzai tanto perchè ci si stava bene a bordo e l'inverno non avrei bubbolato di freddo come col motorino nei mesi precedenti a Giugno. Fu sempre mio padre a suggerirmi di fare pratica di guida, andando da Roma in Sicilia, vicino a Catania a passare le vacanze estive dai nonni. Partii gongolante ed il lungo viaggio si concluse felicemente senza intoppi. Chiaro che giunto ad Acireale, dopo un giorno dedicato a dormire nella tranquilla casa di campagna dei nonni paterni, presi l'auto e girai il lungo e largo la zona per conoscerla tutta. Il giorno dopo volli farmi una passeggiata lungo il viale di casa e dopo che passai davanti ad una villetta, sentii una voce femminile che mi chiamava dandomi del giovanotto. Mi voltai indietro e vidi una matura e bella signora che mi faceva cenno di raggiungerla ed allora mi misi a passo veloce arrivando da lei che mi chiese se potevo aiutarla a sistemare delle cose pesanti per lei ed io mi offrii volentieri quindi la seguii entrando in casa e vidi delle casse che andavano sistemate in cantina. MI disse che mi avrebbe compensato per il mio aiuto ma mi offrii gratuitamente perchè già mi accontentavo di avere a che fare con una donna matura ma strafiga come una ragazza di vent'anni o quasi: alta, bruna, un viso da sogno, gli occhi neri, un nasino grazioso, la bocca dalle labbra rosso fuoco per natura e non per rossetti o giu di lì, un collo cigneo, seno da almeno quarta misura, vitino sottile a fianchi e cosce da sballo. Che spettacolo della natura che era! Mi disse di chiamarsi Carmela ed io controbattei con Checco. Nello spostare le casse ebbi occasione, dato lo scarso spazio nell'ambiente, di strusciarmi addosso a lei e chiaramente il mio pisellone, anzi, scusate: la mia minchia...così si chiama il cazzo nel dialetto siciliano e, sempre per soddisfare i curiosi, la figa si chiama lo sticchio oppure se sottilizziamo anche 'u pacchio, infatti lì per definire una donna gran figa si dice " che donna spacchiusa!" regione che vai...dialetto che trovi...da noi a Roma diventa "che pezzo de sorca!". Quindi dicevamo appunto che era veramente una gran bella signora. Dopo che sistemammo le casse notai che a sua volta aveva notato il mio cazzo prendere forma e rigidezza, così, sempre fissandomi il gonfiore inguinale, mi propose di andare in cucina a berci una birra fresca e, dopo che sorseggiammo la bevanda, mi guardò negli occhi ed allungò una mano a sfiorarmi il cazzo, chiedendomi se dopo la birra avrei gradito di gustarmi una bella figa. Mi andò a traverso la saliva e tossii a lungo e lei rideva ben cosciente che ne ero rimasto allibito ma non perse tempo e s'inginocchiò avvicinandosi a me e slacciandomi la patta con lentezza ma con un fare che subito mi mandò il pisellone alle stelle e se lo prese tra le labbra succhiandomelo dolcemente, lentamente. Io ero eccitatissimo, imbarazzatissimo e subito lei interruppe la ciucciata di cazzo per dirmi che aveva intuito chiaramente che ero un verginello e quella era la prima volta che avevo a che fare con una donna esperta in materia. Le confessai che ci aveva indovinato pienamente e così mi prese per mano conducendomi in camera da letto dove mi spogliò tutto ed altrettanto fece poi lei ed io osservavo la sua bellezza come se si trattasse di un sogno e non realtà. Lei rideva ed io non resistetti più e l'abbracciai ai fianchi con impeto, passione, poi però fu lei a dirmi che voleva dirigere i giochi lei e non io inesperto che dovevo imparare e basta sguendo le sue istruzioni, infatti mi disse di stendermi sopra di lei già stesa sul letto e mi baciò in bocca muovendo la ingua dandomi un piacere immenso, intanto mi accarezzava il cazzo, mi prese poi per la testa guidandomi ad accostare la mia bocca alla sua figa e mi disse di leccarle come si fà con un gelato ed io eseguii e subito dopo il mio viso fu innondato di umori di figa e non ci capii nulla essendo appunto la mia prima volta poi lei mi fece capire cosa le stava succedendo ovvero stava godendo da matti ed allora mi masturbò il cazzo ponendolo poi davanti alla sua figona pelosissima e profumatissima che aveva un sapore di albicocca, perciò agro-dolce e subito dopo diede un colpo di fianchi facendo penetrare tutto il cazzo dentro di lei e mi spingeva dentro abbracciandomi ai fianchi ed il cazzo scivolava ed usciva di continuo e così sperimentai la mia prima scopata della vita. Godevo da matti, ero eccitatissimo, felicissimo, e le sussurravo nell'orecchio che lei mi stava facendo fare la cosa più bella della mia vita ed anche lei mi fece capire che era contenta di avermi dato la prima lezione di sesso ed affermò che quello era solo l'inizio del praticare sesso ed in futuro mi avrebbe dato molte altre lezioni. Quel giorno scopammo per ben quattro volte e, come si dice, l'appetito veniva mangiando, più scopavo e più ne avevo di nuovo voglia e lei acconsentiva sorridendomi. Quanta gioia per me, quanto godere! Però, come tutte le cose che hanno inizio e poi fine, quel giorno ad un certo punto mi disse:" basta, ora non esagerare, ti potrebbe far male!" ma sempre sorridendomi, però dopo si sposto da sotto di me e si rivestì tutta, io altrettanto e dopo mi accompagnò alla sua porta baciandomi in bocca con tanta passione ed io risposi altrettanto caldamente. Ripresi la mia strada e tornai dai nonni che quando mi videro con delle occhiaie profonde, mi chiesero se stavo bene o no ma li tranquillizzai spiegando che avevo fatto una corsa fino allo stremo delle energie per scaricare la tensione degli esami appena svolti nei giorni prima e loro furono felici. Io...molto più di loro specialmente al pensiero dei prossimi incontri con Carmela.

Questo racconto di è stato letto 7 1 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.