La mia prima volta fu dai miei nonni. 2.

Scritto da , il 2020-11-09, genere prime esperienze

Dopo una cena squisitissima conclusa con dolci fatti dalla nonna mi feci una chiacchierata col nonno poi andai in camera mia dove cercai di dormire ma il pensiero, chiaramente, era fisso con Carmela: la sua bellezza, le sue forme, prevalevano su tutto, su tutti i miei pensieri su Roma, sul Liceo terminato brillantemente, Simona la compagna di scuola che varie volte tentai di corteggiare ma la mia timidezza mi aveva sempre messo in crisi e insomma non riuscii mai a dirle "mi piaci" e nulla trapelò del mio repertorio ma prevalse il silenzio, il solo sguardo...ma lasciamo da parte la nostalgia del passato scolastico, di Simona e...via...torniamo a Carmela! Dormii poco e malissimo, così al mattino, dopo la colazione che mia nonna interpretava come un pasto simile al pranzo perchè io ero giovane, bisognoso di risorse per le energie ecc., ecc., presi la bicicletta di mio nonno e volai letteralmente, anche perchè finii per terra per una buca lungo la stradina pietrosa ma senza inguaiarmi. Arrivai davanti alla casa di Carmela e mi misi a suonare il campanello della bicicletta e subito lei si affacciò a balcone e vedendomi corse ad aprirmi la porta e, dopo che salimmo le scale abbracciati, baciandoci in bocca camminando, arrivammo dritti in camera e ci spogliammo subito; lei mi abbracciò ma poi disse che prima di "fottere"( che equivale allo scopare in italiano! ), dovevo imparare a fare godere la donna e prepararla all'amplesso, così si sdraiò sul letto e mi disse come prima cosa di baciarla in bocca e poi una serie di bacetti sulle guance per poi scendere al collo, ai seni, all'ombelico ed arrivare infine alla figa che dovevo leccare, succhiando il grilletto, il clitoride appunto, poi mordicchiare le cosce con delicatezza e dopo girarla a pancia sotto e carezzarle l'ano per poi baciarlo slinguandolo e dare anche lì dei morsetti alle natiche ( chiappe a Roma ), infine penetrarla in figa col cazzo ben duro, tosto e via col su e giù, fino a sborrare godendo entrambi. Quindi mi disse poi di mettere in pratica con lei la lezione appena spiegata ed io non me lo feci ridire a subito la tempestai di baci in bocca poi giù e sempre poi più giù. Quel mattino arrivammo alla quinta sborrata in figa e lì lei mi disse "alt, oggi basta che sta per arrivare la mia nipote e vedrai che pezzo di sticchio anche lei!" Ero sinceramente un pò stanco ma la curiosità di conoscere la nipote di Carmela, mi diede una nuova carica di vita al mio ben martoriato cazzo. Quindi ci ricomponemmo e poco dopo sentimmo un'auto fermarsi sotto casa. Carmela andò ad aprire e poco dopo potè presentarmi un vero e proprio pezzo di sticchio, appunto. La sventolina di venticinquanni, di nome Pamela, era un vero e proprio schianto di bellezza: alta, finta magra, seno piccolo ma tondetto, gambe da giraffa ed un culetto sodo che sarebbe entrata ogni natica nella mia mano da quanto eranoo minutine. Che sorchetta la nipotina!?! Dopo un caffè ed una chiacchierata io me ne andai con la promessa che il giorno dopo sarei stato di nuovo con loro due. Passai l'intera giornata sbragato sull'amaca nel giardino che nonno curava attentamente e finalmente arrivò il mattino seguente e volai nuovamente da Carmela. Notai che la porta di casa era accostata e bussai col battente ma non ebbi risposta, così entrai avanzando sulle scale lentamente e chiamando carmela ma non sentii alcuna voce e continuai a salire. Arrivato al piano sopra chiamai ancora ma niente risposta. mentre pensavo al da fare in merito, eccoti Pamela uscire dal bagno con un asciugamano che la copriva come un fazzoletto da naso e lì quasi provai una sincope osservando la bellezza di Pamela mezza nuda. Lei non tentò minimamente di coprirsi, anzi disse che tanto valeva togliersi di dosso quello straccetto e permettermi cosi di constatare quanto era ben fatta...in breve...poco dopo ci trovavamo n camera sua e lei mi rassicurò dicendo che sua zia era a fare spesa alimentare, quindi non persi tempo in chiacchiere e subito misi in pratica la teoria insegnatami da Carmela. Potei avere la certezza di essere stato un bravo allievo, in quanto Pamela, dopo la prima scopata preceduta da preliminari magistralmente eseguiti, quindi ottimi, Pamela mi chiese di ripetere nuovamente il gioco ed io la scopai per tre volte poi le dissi di farmi in conclusione un bel bocchino e lei mi fece provare delle sensazioni da farmi avere la sensazione di girarmi la testa. Ci rivestimmo poi in considerazione che carmela poteva essere in arrivo, così ci facemmo trovare in salotto a fumarci una sigaretta in pace. Lei arrivò e la aiutammo a scaricare la spesa dalla auto, poi, seduti in salotto nuovamente, Carmela esordì con:" viste le vostre occhiaie ve la siete fatta una scopata come si deve oppure non è andata bene?" Ambedue ci guardammo ma poi io presi la parola e le dissi che avevo eseguito quanto avevo imparato grazie ad una insegnante di sesso a me nota e lei rise, poi, conoscendo la nipotina in quanto mi chiarì che da tempo lesbicheggiavano, propose di andarcene in camera e dare a Pamela il piacere, l'onore, di provare il cazzo anche nel suo bel culetto e per me sarebbe stata la lezione sul culo. In pochi attimi eravamo in camera da letto stesi sul letto nudi completamente e Carmela guidò i giochi facendo mettere Pamela in ginocchio, alla pecorina e mi disse di leccarle a fondo il culo e dopo avrebbe pensato lei a lubrificare col gel l'ano della nipotina, allo stesso tempo impaurita dal probabile dolore ma incuriosita anche dalla nuova esperienza sessuale. Leccai a fondo l'ano e, mentre le stuzzicavo con le dita la fighina, Carmela le infilò in culo un dito pieno di gel poi prese in mano il cazzo e me lo ricoprì ugualmente di gel,dopo, mentre si metteva in posizione per leccare la figa alla nipotina, mi piazzò il cazzo davanti all'ano e lo guidò dentro con molta lentezza e lì cominciarono mugolii e gridolini che poi divennero urla straziate di Pamela ma io ero troppo ingrifato, eccitato per fermarmi e tirarlo fuori dal culo, così insistetti e le scaricai dentro una sborrata simile a quella di un cavallo che quando se ne viene lascia dentro alla giumenta almeno un litro o poco meno. Stava arrivando l'ora di pranzo e loro m'invitarono a mangiare lì ma non potei accettare pensando che si sarebbe offesa mia nonna, così le baciai entrambe e volai dai nonni. Al pomeriggio stavo sdraiato sul mio letto quando arrivò la nonna dicendomi che mi cercavano al telefono. Andai a rispondere incuriosito da chi poteva cercarmi lì e riconobbi la voce di Carmela che m'invitava a cena. Chiesi un attimo di attesa e domandai alla nonna se non le dispiaceva se non ero con loro a cena ma mi disse di no, così accettai e poi alla nonna racontai che nella lunga passeggiata avevo conosciuto la loro vicina di casa, la signora Carmela e voleva sdebitarsi con me per l'aiuto datole il giorno prima e spiegai il particolare lavoro eseguito.

Questo racconto di è stato letto 5 2 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.