Dopo tanti anni sono nuovamente in aereo 2.

Scritto da , il 2021-08-28, genere etero

Arrivato a casa, dopo una doccia e , direttomi in cucina per prepararmi la cena, mi viene d'improvviso in mente l'immagine della bellissima strafigona di Stefania la hostess dell'Airfrance. Mi viene così un raptus che si manifesta pure con una prepotente erezione del povero cazzo desideroso di conoscere personalmente la figona di Stefania anche lui, così prendo il biglietto e le telefono subito. Dopo il classico "ciao, come stai?" vado al sodo e la invito a cena ma a casa mia per farle conoscere la cucina romana piuttosto leggera...ben digeribile... ma lei non può accettare la mia proposta perchè ha già un appuntamento con una sua amica e collega; stò un attimo a rifletterci sopra e le propongo di persuadere la sua collega di cenare qui da me. Mi chiede dieci minuti e poco dopo mi chiama dicendo che la sua amica ha accettato l'incontro a tre anche perchè curiosa di conoscere la cucina romana ed infatti lei è di Milano e pure Stefania non ha mai assaggiato cose prelibate come la pasta condita con regaglie di pollo e, come secondo piatto l'abbacchio al forno con patate, che sono le portate che preparerò per la nostra cena in tre. Alle ore nove precise suona il campanello e apro il portone senza chiedere chi sia lì e poco dopo arrivano a casa mia Stefania e Nadia. Stefania mi saluta abbracciandomi appassionatamente e poi mi presenta Nadia che devo dire non ha nulla da temere stando con Stefania perchè se la bionda dagli occhi verdi è una starfiga...Nadia non è certo da meno, in quanto è rossa, dal viso bellissimo, bocca carnosa e sensuale, nasino alla francese ed occhioni da ammaliatrice grigio perla ed un collo cigneo che la fà ancora più arrapante, eccitante. Dopo uno scambio di baci sulle guance, le faccio accomodare a tavola ed iniziamo la cena che viene bagnata con vinello bianco di Frascati ed infatti, dopo neanche mezz'ora le gnoccolone sono molto colorite sulle guance ed anche molto allegre, così poi le presento un dolce fatto da me...la classica zuppa inglese che bagnamo con un vinello semi dolce spumante che viene chiamato se in bottiglia "La romanella". Chiaro che loro sono con l'umore alle stelle ed appena le chiedo se vogliono un caffè, mi risondono invece che preferiscono un cazzo ma che sia come il mio che Syefania conosce bene già e giù a ridere smisuratamente. Non mi resta che metterle difronte all'argomento estraendolo dalla patta dei pantaloni ed appoggiandolo sul tavolo co orgoglio. Chiaro che dopo pochi minuti siamo gia nudi sul letto e le metto a cosce spalancate per potergli leccare le fighe. Stefania se ne viene subito e mi implora di scoparla subito ma io devo essere imparziale ed infatti, dopo servita lei passo a Nadia che anche lei se ne viene in fretta e mi chiede pure lei di essere scopata. Decido quindi di fare mettere alla pecorina Nadia e Stefania sdraiata di schiena sulla schiena di Nadia e le allargo poi le cosce per infilarle per prima il cazzo in figa e, dopo che la scopo a lungo facendola godere e gemere molto più volte, le sborro tutto dentro. Mi prendo pochi minuti e dopo mi metto a scopare Nadia che dopo i colpi assai forti e decisi, mi chiede di essere meno irruento ed allora la scopo lentamente ma a lungo. Prima di sborrarle dentro le domando se usa la pillola e mi dice di no, così, data la sua posizione che mi facilitava il gioco, faccio uscire fuori il cazzo dalla sua figa e lo devio al culo che però lei subito strige pazzamente quasi stritolandomelo e mi fà presente che non aveva mai dato il culetto, anche se è sulla trentina. Stefania si mette a ridere e, dopo che ha fatto presente alla amica che è ora di farselo rompere e non di morire vergine dietro, io prendo il gel che acconsentirà al mio batacchione di sfondarle l'ano, e, dopo averglielo ben leccato, accarezzato sia io che anche Stefania, glielo ungo col gel e appoggio il glande al buchino che piano piano si stava slargando, consentendo di fare passare la ben grossa cappella. Dopo gridolini di dolore ma che poi si tramutano in gemiti di piacere, io le dò un colpo secco per penetrarla tutta e lei crolla in un pianto di dolore ma piacere insieme, infatti sarà lei poi a dirmi di averla fatta un pò soffrire ma dopo aveva sentito gran piacere ed anzi, mi chiedeva di ricomiciare a giocare nuovamente col culetto perchè lui si potesse adattare ed abituare a ricevere cazzi. Mi misi a ridere e, dopo unto ben bene culo e cazzo, la inculai definitivamente penetrandola con un tosto su e giù che la fece sbigottire. Dopo che le innondai la pancia di sborra caldissima, lo tirai fuori e le dissi che era venuto il momento di occuparmi anche di Stefania ed andai a sdraiarmi vicino a lei leccandole poi figa e culo, così, ben lubrificata di saliva, potei penetrarla prima in figa e dopo nel culo che la fece gridare un bel pò ed io sadicamente me la stavo godendo pazzamente. Dop un'infinità di scopate ed inculate, crollai in un sonno profondissimo, senza dire ne' A ne' BA e solo nel tardo mattino potei rendermi conto che mi trovavo solo e perciò le gran figone se ne erano andate via. Che peccato non avere più lì le die gnoccolone... chissà se ci saremmo potuti rincontrare di nuovo?

Questo racconto di è stato letto 2 8 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.