Trovai una badante ed anche piacevole da vedere.

Scritto da , il 2021-09-06, genere etero

Da tempo mi rendevo conto sempre di più, giorno per giorno, che non mi sentivo vecchio ma tante cose cominciavano a stancarmi, come l'infilarmi i pantaloni, piegarmi ad allacciare scarpe e tante altre cose che da anni svolgevo serenamente, adesso mi cominciavano a pesare ed i pasti sani di ieri, oggi mi vengono più comodi prenderli alla tavola calda, così scaldo al forno e butto il vassoietto senza lavare stoviglie;le posate sono di plastica così uso e getto ed anche il bicchiere insieme. Ma col tempo, le faccende domestiche mi pesicchiavano, così decisi che avrei continuato la mia esistenza condividendola con una badante e, chiesto aiuto ai servizi sociali, mi presentarono una cinquantenne bionda, alta, giunonica dal viso sempre sorridente ed a me ci voleva un tipo gioioso! Il Comune si accollò le spese del compenso mensile per lei che naturalmente veniva dall' Est e si chiamava Ivanka, ed avrei avuto un "pacco di sussistenza" con generi alimentari. Certo, se le pensioni italiane non fossero da mendicanti, nessuno avrebbe mai chiesto sussidi!! W la nostra povera Italia!! Quindi, Ivanka si trasferì a casa mia e da subito mise tutto al proprio posto, dalla cucina al soggiorno, le camere da letto e, dopo il suo lavoro veloce ed efficiente, sentii nell'aria un profumo di fiori che lei aveva cosparso in giro dapertutto. Alle dodici e trenta il profumo di fiori evaporò via ma fu sostituito da quello proveniente dalla cucina. Zuppa di carne e fagioli, condita con una salsa tipica del paese di Ivanka: squisitissima. La tavola fu apparecchiata magnificamente ed anche lei bevve con me vino buono genuino ed infine eravamo ambedue allegrotti. Poi io le dissi che andavo a sdraiarmi sul letto e lei mi portò poi il caffè neache richiesto ma sapeva che mi piaceva. Mentre si chinava per posare la tazzina al comodino, notai che il corto vestitino scopriva un paio di coscione assai eccitanti, invitanti e, specie quando per porgermi la tazzina si girò scoprendo le cosce ben tornite polpose ed io non potei impedire al malridotto cazzo di svettare in alto, ma Ivanka se ne accorse ed appositamente si accomodò per scoprire ancora di più le belle gambe ed io ingoiavo saliva a vagoni. Dopo che presi il caffè lei si chinò dandomi un bacetto alla guancia, ringraziandomi per averla acettata in casa mai. Volli ricambiare anch'io così la baciai per risposta ma mi soffermai con la ounta della lingua sull'angolo della sua bocca e lei mi sorrise. io poi mi lasciai andare nel sonno profondo. Al risveglio me la trovai seduta sulla poltrona accanto al letto con le cosce generosamente esposte alla luce del sole e, capendo che la cosa mi piaceva molto, si alzò venendo a sedersi accanto a me e, senza esitare, sollevò le lenzuola ed andò subito a scoprire il cazzo già barzotto e si chinò per prenderlo con la mano, guidandolo nella sua carnosissima bocca sensualissima pure. Il ciuccia e succhia durò un bel pò e quando sentì che stavo vibrando di piacere quasi giungendo all'orgasmo, allora si mise a stuzzicarmi l'ano col ditino lasciando andare una lunga, emozionantissima sborrata che si sorbì tra le sue labbra che scivolavano sul cazzo gaudente. ...E questo è solo l'inizio del nostro rapporto di lavoro...!

Questo racconto di è stato letto 2 3 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.