La cugina si fà Suora 2.

Scritto da , il 2020-11-07, genere etero

Carmela, la mia bella cuginetta, dopo che le avevo spiegato cos'era la vita da laica facendole conoscere il, per lei misterioso cazzo, mi chiamava tutti i giorni col telefonino. Dopo una chiacchierata di argomenti inutili, lei sottovoce mi chiedeva di incontrarci e, dopo mezz'ora, eravamo nel mio garage dove oltre alla mia auto e la moto c'era un divano letto che aprivamo per scopare comodamente ed allora...dai a leccarci con un impareggiabile inimitabile sessantanove, giù poi baciarci dappertutto e lei arrivava anche a leccarmi l'ano facendomi provare piacevolissimi brividi e più i giorni di scopate passavano, più passava la sua poca conoscenza del sesso: ogni giorno gliene insegnavo una di lezione di sesso e lei era sempre più attaccata a me. Un giorno però le sue telefonate iniziarono a diventare sempre più lontane l'una dall'altra; non più incontarci tutti i giorni e...passa questa e poi quell'altra settimana e carmela non mi cercava più. Una sera, entro in un bar per prendermi un bel Campari e mi siedo al tavolino per sorseggiarlo con calma e gusto senza fretta. Vicino a me ci sono due uomini attempati dai capelli grigio chiaro che sento chiaramente stanno parlando di donne e specificatamente di escort. Mi metto ad ascoltare e dopo accurate spiegazioni dell'uno all'altro, vedo descritta la figura combaciante con Carmela: il viso, i capelli, il seno, le cosce chilometriche, insomma una gran figa, e, per conferma si stava parlando di Carmela, l'uno parla all'altro della auto della escort e che cos'è?: la nuova cinquecento di Carmela, e fui sicurissimo si trattasse di Carmela perchè la Cinquecento rossa aveva il tettino nero, due strisce nere sul cofano e sul cruscotto c'erano adesivi di cuoricini che io le avevo regalato presi a Parigi in un mio viaggio di qualche mese fà, quindi non potevano che essere nell'auto della mia cuginetta e poi, dulcisi in fundo, il tizio pronuncia il nome della escort: Carmela!. Che fessa la mia cuginetta! Ma dico, almeno usa un "nome di lavoro"!?! Quindi termino di bere il Campari e subito, uscendo dal bar, Chiamo carmela proponendole un incontro al mio garage ma lei subito s'inventa di non sentirsi gran bene e mi fa capire che ha il suo ciclo mensile in atto ed allora io le chiedo se sta a casa sua o in giro. Mi dice di stare in casa ma sta per uscire con una sua amica che la verrà a prendere tra poco, così la saluto ma salgo in macchina e volo letteralmente poco distante dal suo portone dove poco dopo la vedo uscire ma non ci sono auto con una ragazza dentro ad attendere Carmela, infatti la cuginetta furbacchiona sale sulla sua cinquecento sempre rossa e nera (per chi non lo avesse capito lei è tifosa del Milan...io no: Roma...) e parte. Parto e le vado dietro. Dopo mezz'ora per fare due chilometri a Roma appunto, si ferma davanti ad un albergo dove all'ingresso c'è un distintissimo signore che la vede e le và incotro, baciandola alla guancia e la prende sottobraccio entrando nell'albergo. Ne escono dopo due ore ed io la seguo nello spostarsi in auto. Arriva ad un portone dove parcheggia davanti e va a suonare al videocitofono, dove poco dopo la vedo salutare con mano chi le risponde. Lei entra nel palazzo ed io l'attendo rivedendola uscire dopo poco più di un'ora. La seguo e poco dopo si ferma al suo portone, quindi ha finito con gli incontri di lavoro. Scende dall'auto ed io la raggiungo sul marciapiedi salutandola e baciandola sulle guance e lei m'invita a salire a casa sua ma le chiedo solo come sta con il suo ciclo per poterla incontrare di nuovo e dopo che mi dice di venire lei al mio garage la prossima settimana, la bacio di nuovo e la saluto andando via. Quando mi telefona per l'incontro in garage, mi fa presente che la sua casa è libera perchè i suoi sono in ca,pagna. Volo subito da lei e, dopo averla scopata, inculata facendola strillare abbastanza, le chiedo se il suo nuovo lavoro le frutta abbastanza per viverci bene. Lei sgrana gli occhi cerca di cambiare discorso ma poi cede e mi racconta tutto sul come ha scelto quella vita mondana. Infine mi propone un dieci per cento sui suoi incassi purchè io rimanga muto come un pesce coi suoi familiari. Le dico di lasciar perdere il misero compenso ma di darmi il numero di casa dei suoi clienti, senza spiegarle il motivo. Lei prende la sua agendina e mi detta nome e numero del fisso in casa ma continua a non capire il mio scopo, poi infine le chiarisco lo scopo...io mi scopo le mogli con un mio stratagemma, ovvero, il marito sta con te ed io telefono alla moglie chiedendole se vuole sapere con chi sta scopando il maritino in quel momento. Chiaramente vorranno saperne di più ed io le incontrerò e chiederò di pagarmi l'informazione e poi le mostro il mio batacchione al quale certo non diranno mai "no!" Carmela rise e mi disse che ero un genio. Il giorno dopo Carmela mi chiama e mi dice di stare per incontrarsi con il Commendatore...la privatezza non mi fa pronunciare cognomi. Chiuso il telefonino, chiamo in casa la signora Angela XXXXXXX consorte del Commendatore restando col mio numero anonimo e le faccio presente che suo marito le sta facendo delle corna freschissime perciò, se vuole sapere con chi sta, dove sta e quanto spesso s'incontrano i due conoscenti, io posso raggiungerla in casa o dove vuole lei e, dopo un modesto compenso in danaro, saprà tutto sul maritino. Qui questa mia nuova attività inizia veramente bene perchè Angela mi fa venire in casa sua e dopo venti minuti sono lì a riscuotere mille euro e subito dopo le dico dove si trova suo marito con esattezza, poi le mostro il mio gioiello calandomi i calzoni e lei spalanca la bocca e con un filo di voce mi chiede perchè le stò presentando il mio cazzo. Subito le rispondo che lei deve vendicarsi e con gran goduria grazie al mio generoso cazzo che si offre gratis e poi lei era una gra bella figona, bassina ma formosetta, biondo grano , occhi verdi e labbra da bocchinara che io non vedevo l'ora di prvare. Conclusione: dopo un attimo eravamo nudi sul tappeto del salotto ed io la penetravo senza preamboli, preparazione fisica ed emotiva ma lei, dopo che le avevo infilato il cazzo in figa se ne stava venendo con gemiti di sofferenza , dolore ma anche poi piacere insieme. Che bella scopata! Poi le proposi di farsi inculare ma lei ne aveva paura però io ero attrezzato e le feci vedere il tubetto del gel che mi avrebbe consentito di penetrarla senza sforzo e senza dolore per lei. Titubò, tergiversò ma poi cedette alla curiosità con il mio giuramento che se sentiva dolore forte dovevo fermarmi. Fu un'inculata magistralmente stupenda ed anche lei dopo alcuni gridolini mi confessò di avere perso la seconda verginità senza tanta sofferenza. Ne fui felice e poi dissi a lei che doveva subito andare all'indirizzo datoleed avrebbe trovato il marito in azione ma lei mi chiese invece di accompagnarla a quell'indirizzo e vedere quando usciva dall'albergo per avere la certezza delle corna realmente avvenute lì. Partimmo da casa sua ed andammo dritti all'albergo.

Questo racconto di è stato letto 4 5 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.