Non mi era mai accaduto 4.

Scritto da , il 2021-08-15, genere etero

L'incontro con i genitori di Monica avvenì ma affatto programmato in quanto quel giorno mi trovavo a pochi chilometri dal paese dove abitava Monica, intento tra parolacce a sostituire la ruota del furgone bucata e...che gioia...sotto una noiosa pioggerellina. Proprio quando stavo preparandomi per riporre ruota ed altro nel furgone, sentii fermarsi un'auto e ne uscì fuori il papà di Monica che avevo appunto conosciuto quando riportai a casa loro il motorino e la figlia. Lui subito mi domandò se avevo bisogno di aiuto ma lo ringraziai dicendogli che avevo appena sistemato tutto, allora lui m'invitò a seguirlo per andare a casa per potermi lavare le mani e bere un bicchiere per rincuorarmi dopo il noioso episodio. Accettai e, mentre guidavo seguendoli, chiamai Monica facendole presente che stavo andando proprio da lei ma mi disse che stavano per arrivare anche mamma e papà ed io le feci presente che saremmo arrivati insieme...poi le avrei spiegato il motivo e chiusi la telefonata. Dopo alcuni minuti arrivammo a casa e, entrando, vidi Monica tutta sorridente e fece finta di stupirsi per la mia presenza in casa ed il papà le spiegò che ci eravamo casualmente incontrati poco distante da lì e voleva offrirmi la sua grappa. Dopo uno scambio di parole dissi loro che era il momento per tornarmene a Roma ma la mamma di Monica, alla quale non erano certo sfuggiti gli sguardi che ci scambiavamo io e la sua bambolona, volle trattenermi a cena e Monica si mise ad insistere perchè accettassi l'invito. Ora, vuoi la cenetta appetisosissima, annaffiata dal già noto per me vino genuino e schietto, mettiamoci poi l'aggiunta della grappa, mi si sciolse la lingua e, con molta abilità, feci presente che tra me e Monica ci stavano spesso telefonate e basta ma ci eravamo presi in simpatia reciproca ed allora proposi di frequentarci tra noi quattro per trasformare in amicizia la nostra fresca conoscenza. Il papà ne fu felicissimo sopratutto perchè gli ero simpatico e in primis avevamo la stessa passione per le grappe in genere, quindi passammo a darci del tu presentandoci per nome: Checco e Fabio; poi strinsi la mano a Grazia, appunto la mamma, e Fabio quasi costrinse alle due donne di brindare alla conoscenza tra noi quattro. Tra discorsi su tutto e per tutto, arrivò la mezzanotte e, dopo salutato tutti, me ne tornai a Roma. Al mattino dopo Chiamai Monica che mi spiegò di essere stata a parlare con sua madre sul nostro rapporto e le aveva confessato che tra noi c'era già stato sesso ma non c'era problema sull'arrivo di nipoti per loro, però, di certo, si sarebbero dovuti abituare in un futuro a ricoprire il ruolo di nonni. A quel punto, al solo pensiero che io sarei potuto diventare padre, feci pressente a lei che doveva farsi dare dal suo Medico "la pillola" ed io avrei mai più usato profilattici. Passarono due giorni e fu Monica a chiamarmi, chiedendomi di correre ad incontrarla a casa sua...i genitori erano dai parenti loro. Volai con la moto e, dopo baci ed abbracci, mi fece vedere la ricetta del Medico. Volai nuovamente alla Farmacia e tornai a casa col pacchettino. Dopo lette le istruzioni, eravamo a scopare appassionatamente ed io navigavo tra i suoi gran seni e le sua coscione che tanto mi eccitavano. La possedetti ben quattro volte e, dopo una pausa di silenzio e di sguardi da innamorati, dovetti riprendere la strada per Roma e per tanti mesi continuò questo ritmo di incontri clandestini, però venne il momento che ci trovammo noi quattro intorno al tavolo a decidere quando ci sarebbe stato il nostro matrimonio. Dopo me ne andai con Monica a fare le considerazioni su casa mia ma non considerammo nulla, infatti eravamo troppo presi dalla voglia di fare l'amore ed in pochi attimi stavamo sul lettone e mi dedicai a leccarle la figona già bagnata di umori e lei intanto mi ciucciva il cazzo dando vita ad un "sessantanove" da godere come matti. Facemmo l'amore per tutto il pomeriggio e quando le energie ci stavano lasciando, Monica telefonò a sua madre chiedendole di preparare la cena per quattro: dopo una settimana io e Monica eravamo diventati marito e moglie ed ancora dopo che noi due eravamo tornati dal viaggio di nozze di pochi giorni girando l'Italia, potemmo dare ai suoi la notizia che tra nove mesi sarebbero diventati nonni. Tornati a Roma, proposi a Monica di fare ancora l'amore e verificare anche dopo ciò se era veramente incinta. La baciai dapertutto e, dopo leccate, bacetti teneri, passai a leccarle il culetto e glielo allargai con due dita per facilitarmi il possederglielo. Riuscii ad entrarci faticosamente ma quando il culone si adattò al cazzone, allora diedi colpi decisi che però non le provocarono dolore ma anzi, la fecero gemere di piacere e ciò mi fece ingrifare alla follia. Tolto il cazzo dall'ano, mi misi di fianco a lei e la baciai in bocca stringendola al collo e ciucciandole i capezzoli per poi palparla anche al sodo culone, scesi anche alle coscione che sempre mi stimolavano ed infatti, dopo che le carezzai dall'inguine ai polpacci, gliele feci spalancare e la possedetti nuovamente nella figona che già brillava dagli argentei umori. Tra interminabili amoreggiamenti, i mesi passarono e più s'avvicinava il giorno dell'arrivo di nostro figlio che poi non sapevamo per nostra decisa e ferma volontà se si trattava di maschietto oppure femminuccia ma avremmo gradito anche due diversi di sesso ma insieme e i controlli dovevano confermarci che tutto stava procedeno bene ma se inquella pancia c'era un solo nascituro od anche altri, ebbene, ci andava benissimo.

Questo racconto di è stato letto 2 1 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.