Trovai una badante ed anche piacevole da vedere 2.

Scritto da , il 2021-09-08, genere etero

Dopo il piacevole risveglio, Ivanka andò a prepararmi la colazione che portò in camera e rimase con me mentre mangiavo. Dopo liberato il letto dal vassoio, si spogliò completamente e si sdraiò accanto a me, girandosi più volte permettendomi così di vedere ogni punto del suo corpo: Mi colpì, oltre alle cosce sode e muscolose, il culo che era tondo e tosto tanto che quando lo palpavo mi veniva spontaneo di acciuffarlo e stringere le natiche con fermezza. Lei poi si sdraiò a cosce spalancate, invitandomi con occhiate piu che evidenti, a leccarle la figona pelosissima foltissima e dorata come i suoi capelli ed allora mi misi a scorrere con la lingua tra le labbra grandi ed infilai un dito per stuzzicare il sensibilissimo punto G situato a pochi centimetri dall'apertura vaginale e sulla parte alta. Chiaro che lei subito sentì le sollecitazioni digitali ed iniziò a fiottare e gemere facendomi sempre più eccitare al punto che dopo un pò non mi trattenevo più così la penetrai facendola godere subito emettendo gridolini che mi davano lo stimolo per scoparla con più foga e...ragazzi...mi sentivo, sia pure quasi settantenne, con un vigore tale da attribuirmi poco più di vent'anni! La scopavo con un impeto, con un gran piacere ed i suoi fiotti e gemiti mi davano la carica al povero uccello che svolazzava nella figona bionda. Le chiesi se prendeva la pillola oppure no ma mi rispose che potevo stare tranquillo perchè era in "età ingravidabile". Le sborrai quindi tutto dentro e poi c'infilammo insieme sotto la doccia e dopo esserci rinfrescati un poco, tornammo a sdraiarci sul letto ma poco dopo notai che aveva in viso un'espressione triste e le chiesi cosa la turbava. Dopo vari "ma niente...non è nulla...!" scoppiò in un pianto e scaricò la sua tensione, la sua amarezza, confessandomi che al suo paese, la Romania, aveva una figlia ventenne che coi pochi soldi che prendeva lavorando a servizio in varie casa, non potette continuare gli studi di Ingegneria ed era certa che si arrabattava con altri lavori e magari poco leciti...prostituzione o altro peggio! Non ci pensai un minuto ma subito le proposi di farla venire a Roma, qui con noi due. Vidi gli occhioni di Ivanka brillare come fossero diamanti e, dopo che mi riempì di bacetti e facendo la considerazione che era da poco a Roma e già aveva trovato lavoro ma sopratutto stava sistemando anche sua figlia Irina. Per farla breve, telefonò ad una sua amica che aveva come altre poche persone in casa il comodissimo apparecchio, così fece sapere alla sua Irina che le sarebbe arrvato un vaglia telegrafico di mille euro per pagarsi il biglietto di aereo ed acquistare bei vestiti per viaggiare da signora. Dopo due giorni Irina era in arrivo a Roma ed io con Ivanka eravamo all'aeroporto di fiumicino ad attenderla. Quando Ivanka sentì gtracchiare l'altoparlante che annunciò l'avvenuto atterraggio del volo da Bucarest, subito la vidi emozionarsi e qualche lacrimuccia le rendeva gli occhi ancora più belli. Poco dopo, tra la folla dei passeggeri arrivati, lei vide subito la sua bambolina, così la chiamava infatti, e le andò incontro ad abbracciarla tra pianti di gioia. Io m'avvicinai ed Irina subito m'abbracciò dandomi bacetti alle guance e ringraziandomi per il mio intervento. Ce ne andammo a casa e Ivanka mostrò la stanza alla figlia e, dopo che la ragazza, bionda come sua madre ed un fisico da modella, si era cambiata di abito, ci mettemmo a tavola a pranzare Ed Irina allora prese alcuni prodotti alimentari del suo paese che mise a tavola facendo gioire Ivanka. Dopo il pranzo feci fare un giro per Roma con l'automobile ad Irina e, quando si avvicinò l'ora di cena Ivanka disse di dovere tornare a casa per la cena ma io volli offrire alle mie bambolina e bambolona la pizza napoletana che gustammo in una pizzeria dove ero cliente da anni ed infine, con l'aiuto del vino di Velletri, tornammo a casa allegri e felici. Dopo il rituale caffè, ce ne andammo a letto e poco dopo mi dovetti alzare per andare in bagno e passai davanti alla camera di Irina che aveva la porta aperta e vidi un vero e proprio spettacolo della natura: il suo corpo seminudo. Aveva indossato una camicetta da notte trasparentissima, senza sli sotto quindi potevo vedere cosce da infarto ed una fighina bionda, folstissima ma si vedevano le labbra rosso fuoco...poi però nel sonno si girò scoprendo il culo bellissimo, tondo tondo, da darle una pacca e palparlo ma mi diedi un serio atteggiamento e continuai il passaggio nel corridoio. Quando tornai in camera mia sentii Ivanka rigirarsi che mi disse se mi era piaciuta Irina ed io quasi mi strozzai dando colpi di tosse e lei, intuendo che al vedere irina mezza nuda, avevo un certo formicolio al cazzo ed allora subito lo tastò a lungo e, spalancate le cosce mi disse di scoparla e di non pensare ad irina. Mi misi a ridere poi subito la penetrai scopandola intensamente e quando stavo per venirmene le sussurrai all'orecchio che mai mi sarei permesso cose illecite con irina ma con mamma sua ci avrei fatto di tutto. Lei sorrise e, mentre stavo sborandole dentro, si mise a ciucciarmi un lobo facendomi godere ancora di più. Poi ci addormentammo, mentre io pensavo al domani giorno di inizio della nuova vita di Irina.

Questo racconto di è stato letto 2 7 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.