Guardone per caso.

Scritto da , il 2020-09-25, genere etero

La casa a schiera a fianco della mia, da mesi libera, fu presa in affitto da due sorelle gemelle, bellissime tanto da ricordarmi una nota attrice americana, bionda come loro due. Quando vennero ad incontrare la proprietaria dell'immobile, fu lei a presentarmele come future mie coinquiline ed io mi presentai:"Checco, o se preferite Francesco!" Mi rispose una:" Laura e Luana" indicando l'altra a suo fianco. Mi offrii chiaramente ad aiutarle nel trasloco ma dissero che avrebbero portato solo una valigia ed il mobilio sarebbe arrivato appena acquistato e perciò anche montato dal venditore. Dopo due giorni sentii arrivare un camion ed un'auto, così mi affacciai al balcone e vidi le due biondone che stavano entrando in casa e dietro loro seguirono i mobili. Salutai loro con un cenno e rientrai in casa. Il trasloco durò poco più di un'ora e di conseguenza poco dopo sentii suonare il mio campanello: era una delle gemelle...che...naturalmente aveva bisogno di aiuto per montare alcuni pensili alla cucina, come mi aspettavo di solito in questi eventi. Presi la mia fornitissima cassetta degli attrezzi e seguii lei. Avevano appena deciso di spostare un pensile da una parete all'altra, così mi chiesero di aiutarle in merito. Facemmo tutto con rapidità ed io poi me ne tornai a casa mia. Quando arrivò mezzogiorno sentii ancora il campanello e questa volta erano le gemelle che, per sdebitarsi dell'aiuto di prima, m'invitarono a pranzo ed io accettai contento. Il pranzo fu buonissimo e per l'occasione aprirono una bottiglia di vino spumante, così tornai a casa molto inebriato dal buon vino. Il giorno dopo ero intento a pulire i vetri della finestra del salotto e diedi uno sguardo alla casa delle gemelle: notai che da quella finestra potevo vedere la loro camera da letto e avevano un letto matrimoniale. Proprio quando stavo per concludere la pulizia del vetro, vidi una di loro sdraiarsi sul letto ed aprirsi la vestaglia, poi venne anche l'altra già completamente nuda. Immaginai che stavano riposando un poco nel sistemare casa ma invece avevano altri progetti infatti l'una si avvicinò all'altra per darle un bacio ma non sulla guancia, direttamente sulle labbra, poi intuii che stavano slinguando focosamente fino a quando l'una andò ad aprire le cosce all'altra e si mise a leccarle la figa. Coi loro vetri chiusi non potevo sentirle di certo ma vidi chiaramente che quella che era leccata smaniava senza dubbio con gridolini di piacere. Inutile specificare che il loro gioco mi coinvolse e ignaro delle conseguenze in caso fossi stato sorpreso, mi presi il cazzo in mano masurbandomi impetuosamente. Me ne venii sborrando e macchiando la tenda con un lungo spruzzo. Dopo che rimasi un poco a spiare le sventolone bionde, dovetti dare una bagnata alla tenda ma non risolsi nulla, così la misi nella vasca da bagno poi la stesi ad asciugare al sole di Agosto. Una delle gemelle era ad osservarmi alla finestra e quando la notai la salutai con un cenno. Quando poi dopo pranzo mi misi in giardino sotto il mio albero folto ed alto a gustarmi il caffè, vidi al loro balcone una gemella osservarmi e la salutai. Lei rispose con un cenno di mano e poco dopo me la trovai difronte che mi osservava e ridacchiava, poi mi spiegò la risatina dovuta all'avermi veduto mentre mi masturbavo osservando loro che amoreggiavano così mi disse che vedendo ora il cazzo spingere nei calzoni corti, riteneva opportuneo soccorrermi e fare godere ancora lui.... . Non persi tempo in preambolei e dopo che lei mi disse che la sorella stava dormendo, la presi per mano ed andammo dritti in camera mia dove la spogliai tutta e la presi in braccio per poi stenderla sul lettone ed iniziai a baciarla in bocca, sul collo, sui seni per scendere alla fighina rasata che già era luccicante di umori. Dopo una slinguata da farla vibrare, mi misi sopra di lei e le puntai il cazzo alla figa e la penetrai lentamente ma poi diedi colpi delicatamente ed iniziai ad andare a ritmo avanzato scopandola dolcemente ma intensamente. Quando sentii di stare per godere le chiesi se adottava anticoncezionali ma disse di no, però poi mi suggerì di scaricarmi nel suo bellissimo culo perchè la sorella l'aveva sodomizzata con un fallo di gomma e l'ano era pronto anche a cazzi di grosso calibro ed io certo non era da trascurare. Quindi la penetrai nell'ano e gli diedi giù fino a sborrare, poi, dopo che lo tirai fuori lei lo prese in bocca e mi disse che andava pulito prima di rimetterlo a riposo e così fece. A che bellezza avere quelle due sventolone visino a me! Oggi una ed in futuro ...spero...anche l'altra!

Questo racconto di è stato letto 3 4 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.