Il dopo laurea 11.

Scritto da , il 2020-09-24, genere etero

Mentre sorseggiavo un caffè vidi arrivare la ragazza che dovevo riportare ad un peso normale e, guidandola allo studio, le dissi che in quindici giorni già avremmo potuto osservare una notevole differenza al suo aspetto fisico e lei gongolò. La aiutai a spogliarsi e, distendendola sul lettino le fissai caviglie e polsi poi iniziai a punzecchiarla fino ad esaurire il flacone di liquido che le iniettai in vari punti del corpo. Terminata l'operazione,Arianna, così mi disse di chiamarsi, mi propose come ricompensa odierna un bocchino che io accettai anche per farle scaricare la tensione creatasi con le dolorose punture. Lei si rivestì poi se ne andò in silenzio. Chiamai Albertina che arrivò subito e sistemammo il lettino per il prossimo paziente che, guarda caso, arrivò poco dopo: un ragazzo che subito intuii aveva dei problemi di esistenza, ovvero, certamente, dalla puzza che emanava dal suo corpo, non aveva certo gran successo nel tentare di comunicare con le donne in genere, infatti subito dopo mi parlò della sua ragazza che lo aveva appena lasciato ed allora, dopo una lunga spiegazione che gli detti in maniera che lui non ci capisse proprio nulla, lo convinsi che doveva almeno farsi una doccia ben insaponato mattina e sera e prendendo in seguito una pillolina che gli avrei prescritto subito, infatti gli scrissi un farmaco che poi farmaco non lo era ma semplicemente un palcebo, ovvero quella pillolina non gli avrebbe cambiato nulla nel suo corpo ma lui ne fu soddisfattissimo ed io, per correttezza professionale, non gli chiesi nulla in compenso e lo feci uscire soddisfatto. Quando mi trovai solo mi accesi una sigaretta ch fumavo raramente ma dovetti poi buttarla perchè arrivò una signora veramente ben fatta, bassina, bionda e tondetta tutta curve che, dopo essersi presentata:"Rossella Bianchi!", mi parlò del rapporto col marito dove non si smuoveva nulla, ovvero, lui quando alla sera andavano a letto, le carezzava un poco la figa ed appena la sentiva bagnata dagli umori, le allargava le gambe e la penetrava scopandola poi con colpi decisi che affondavano nel pancino e quando dopo se ne veniva, estraeva il cazzo dalla vagina e, o accendeva la tv o dormiva subito. Ecco quindi la sua vita sessuale e, dopo varie domande che feci a lei, capii che c'era bisogno di darle delle lezioni di sesso, così chiamai Albertina e, dopo che le spiegai il motivo di averla convocata, le presi entrambe per mano conducendole in camera da letto dove chiesi ad entrambi di spogliarsi tutte ed altrettanto feci io. Albertina prese subito la situazione in mano e fece sdraiare me, per poi fare vedere alla bella Rossella come si coinvolge un uomo nel amoreggiare. Mi prese in mano il cazzo per portarselo in bocca e lo succhiò, poi scese a leccarmi le palle ed in seguito mentre m'infilava un dito nell'ano, mi provocò un'erezione durissima ed io chiesi a Rossella se voleva prendere in bocca il cazzo. Lei esitò un poco ma dopo si decise ed io le guidai il movimento di su e giù, suggerendole di fare ruotare la lingua intorno al cazzo. Poco dopo ero eccitatissimo e mentre Albertina aveva iniziato a leccare la figa a Rossella, la feci fermare e penetrai Rossella scopandola dolcemente e, dopo che le scaricai un mare di sborra in pancia, iniziai a baciarla in bocca e poi la invitai a ripulirmi il cazzo con la lingua e, quando il cazzo riprese vita le dissi di farmi godere in bocca. Lei quindi mi spompinò fino a farmi sborrare ancora e me lo ripulì di nuovo, poi le suggerii di abbracciare suo marito al collo e baciarlo dietro l'orecchio. Lui non si sarebbe di certo più distratto con altro. Quando stavo per rivestirmi Albertina reclamò che anche lei doveva godere, così la girai a pancia sotto e, dopo averle leccato a fondo il culo, la penetrai allargandole l'ano da far spalancare gli occhi da Rossella. Dopo che terminai la goduriosa inculata, Rossella mi chiese se anche lei poteva farlo col marito o si sarebbe opposto. Al contrario le spiegai che se fosse stata proprio lei ad incitarlo nell'incularla, lui le avrebbe fatto scoprire un diverso marito da sempre monotono e freddo. La biondina mi chiese poi se era meglio fosse stata inculata prima da me oppure direttamente dal amrito e le risposi che doveva farlo lui ma se poi lei non era soddisfatta, allora doveva tornare da me. Concluso l'incontro rivestendoci tutti e tre, Rossella aprì la borsa e mi lasciò trecento euro sulla scrivania e, dato un bacio alla guancia a me e dopo ad Albertina, se ne uscì andando via. Io ed Albertina rimanemmo a guardarci in silenzio.

Questo racconto di è stato letto 2 4 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.