Week end erotico in collina

Scritto da , il 2017-09-08, genere trio


Desideravo trascorrere un week-end nella casa in collina che la mia famiglia possedeva da svariati anni, da sola. Avevo necessità di sistemare per il mio lavoro, una presentazione importante e non volevo nessuna distrazione. Quel week end di metà maggio giungeva proprio a fagiolo con mio marito impegnato fuori per lavoro. Sarebbe stata anche l’occasione per liberarmi di quel sonno accumulato negli ultimi tempi. Purtroppo ero senza la mia auto, in riparazione, e così decisi di servirmi dei mezzi pubblici per coprire gli ottanta chilometri che mi separavano dalla mia desiderata meta.
- Stefania, sei sicura di non annoiarti? Potrai stare tranquilla anche qui a casa. - Disse mio marito lasciandomi alla fermata del bus.
- No, no ho bisogno si staccare e poi son solo tre giorni. - Ci baciammo e lui ripartì con l’auto diretto al lavoro.
Fra lo sparuto gruppetto di persone in attesa, qualcuno mi osservava con insistenza: una donna di circa la mia età. Aveva capelli corti a caschetto, fulvi, occhi chiari, efelidi sparse sul volto. Alta, asciutta e muscolosa. Al contrario io sono piccolina, alta poco più di 160 cm, dalle forme burrose, bruna di capelli e occhi. Quella persona mi risultò familiare ed ecco, la riconobbi. Andammo l’una verso l’altra sorridendoci.
- Sei tu, Stefania?
- Si, e tu sei Giusy.
Eravamo state compagne di giochi nelle lunghe estati trascorse nella casa in collina. Giusy abitava tutt’ora in una frazione prossima alla mia destinazione.
Prendemmo posto sui sedili e ci immergemmo nelle rievocazioni e nei ricordi, mentre l’automezzo si inerpicava sulla strada. Le colline ammantate del fresco verde primaverile sfavillavano nella loro bellezza, nell’aria sempre più tersa, man mano che la strada saliva, ed io mi rilassavo, a tratti astraendomi dalle chiacchiere ininterrotte di Giusy. Sulle pendici boscose occhieggiavano rari edifici rurali. Fin da bambina quando viaggiavo in macchina, specie di notte, e sfrecciavo accanto a dimore illuminate sparse nella campagna, ero solita fantasticare sulle vite degli altri e lasciarmi trascinare dalle mie immaginazioni. Persa nei miei pensieri, avvertii sui miei piedi, sulle caviglie e sulle mie gambe il contatto caldo della pianta di un piede. Guardai Giusy, che mi scoccò uno sguardo malizioso. Rimasi sorpresa. Non avevo mai pensato a un rapporto saffico e abbozzai:
- Ma cosa…
Giusy mi sussurrò all’orecchio:
- Ti sei dimenticata, quando, quella volta, noi due ragazze, al fiume ci spogliammo alla scoperta dei nostri corpi ed iniziammo a toccarci e la cosa ci appariva molto interessante, estremamente piacevole e foriera di sviluppi. Purtroppo l’approssimarsi delle amiche ci fece rapidamente interrompere quel gioco così promettente nel suo inizio. Non rammenti?
Arrossii al riemergere di quel ricordo sopito, cancellato, che ora si riaffacciava vivido, presente.
Le labbra di Giusy sfiorarono il mio collo e mi sentii percorrere da una scossa. Capii ben presto che non potevo, ma soprattutto non volevo oppormi a quel gioco interrotto tanti anni fa che rientrava prepotente nella mia vita e che in qualche modo aspettava di essere portato a termine. Il mio cuore aveva iniziato a battere all’impazzata. L’autobus era ormai quasi deserto in seguito alla discesa dei passeggeri alle fermate intermedie, e nessuno poteva osservarci. Chiusi gli occhi e mi abbandonai al volere delle mani di Giusy che sempre più decise iniziarono a risalire dalle mie ginocchia alla radice delle cosce, abili nei loro toccamenti e carezze che mi facevano fremere.
- Hai mai tradito tuo marito?”
- Ehm…si, si, mh…. è capitato.”
- L’hai mai fatto con una donna?”
- No mai, ma… ti prego. - Con un filo di voce.
- Ti sei persa molto. Lasciati andare.
La voce sussurrata e il suo fiato caldo e le sue labbra sul mio collo mi rendevano sempre più arrendevole. Mi scostò le mutandine di lato, dita sapienti mi frugavano, mi esploravano. I suoi indice e pollice uniti fra loro, mi scivolavano dentro umettandosi degli umori della mia figa bagnata. L’iniziale riluttanza e vergogna si erano dissolti rapidamente. I miei occhi erano chiusi per concentrarmi tutta su quel godimento, mi mordevo le labbra per costringermi a rimanere silenziosa: era una tortura non poter urlare il mio piacere. Arrivammo alla fermata a cui sarebbe scesa Giusy. Lei decisa esclamò:
- Scendi anche tu con me e vieni a casa mia. Ti riaccompagnerò in auto io, più tardi.Non ebbi alcuna esitazione, ammaliata com’ero, e la seguii fino a casa sua, situata a pochi passi dalla fermata.
Entrate, ci richiudemmo la porta alle spalle impazienti di continuare quel gioco, in cui io ero la neofita. Sapevo di addentrarmi in un terreno eccitante e misterioso.
Non eravamo ancora entrate in casa che Giusy mi fu addosso, mi spinse contro la parete, mi baciò, mentre le sue mani erano su di me, la sua lingua si muoveva ardente dentro la mia bocca . Quel primo bacio saffico mi colpì per la sua irruenza e passione, e mi apprestai a godere di questa inedita esperienza. Mi condusse in camera dove, dopo avermi spogliato con irruenza, mi gettò sul letto. Apparentemente passiva, ma in realtà molto eccitata, lasciai che mi baciasse e leccasse partendo dai miei piedi a cui riservò una particolare attenzione, baciandoli e succhiandoli. Si spogliò a sua volta e si rese evidente il contrasto fra i nostri corpi: morbide e armoniose le mie forme, androgine, muscolose e asciutte le sue; la mia figa, pelosa e bruna, glabra la sua eccetto un ciuffetto fulvo sul monte di Venere.
La sua azione incalzante aveva com principale obbiettivo i miei seni formosi su cui si divertiva ad affondare le mani, a mordicchiarli golosamente strappandomi gridolini acuti.
- Cosa stai facendo….- ansimai.
- Ti voglio mangiare. Adesso comando io il gioco e tu devi lasciarmi fare.
Non avevo certo intenzione di disubbidire.
Le sue dita mi penetravano la figa, sempre più fradicia e, intrise del mio piacere, venivano portate alle nostre bocche che le succhiavano avide.
Ero percorsa da brividi e il mio piacere crebbe a dismisura, quando lei allargandomi le gambe, spinse il suo volto sul mio sesso producendosi in una lasciva leccata di figa intensa e bruciante. Colonizzata dalla sua lingua, la mia figa colava del mio piacere fin sulle lenzuola. Agili e nervose le dita instancabili di Giusy, inumidite di saliva, dilatarono il mio buchetto e ne forzarono l’apertura, insinuandosi dentro, ritirandosi per lasciare posto il posto alla sua lingua saettante e amplificando ulteriormente il mio piacere. Dal ventre un calore ardente si diffondeva fino alla testa, al volto. Ora, libera, potevo urlare la mia soddisfazione, inarcando il corpo e il collo all’indietro travolta da un intenso orgasmo. Giusy a quel punto mi abbracciò strettamente sfregandosi contro di me e sulla mia pelle avvertii la dura consistenza dei suoi capezzoli che si erigevano dalle sue tettine. I nostri pubi premevano e si strofinavano in un crescendo di emozione. Giusy mi sovrastava con la sua aggressività e il suo vigore fisico, mi stava dominando sessualmente ed io mi ritrovavo ad apprezzare l’essere docile fra le sue mani e avrei fatto tutto ciò che lei mi avesse chiesto. Sentivo forte il desiderio che qualcosa di consistente mi penetrasse per completare il mio piacere. Chissà se Giusy possedeva un dildo….
D'improvviso la porta della camera da letto si spalancò e una voce virile, dal tono divertito, esclamò:
- Che bello spettacolo! Che splendide maialine infoiate in azione! Entrando avevo udito dei gemiti di piacere che avevano sollecitato i miei sensi, ma ciò che vedo supera di molto le mie più ottimistiche prestazioni!”
Ripensandoci mi eri parso di udire il rumore della porta d’ingresso aprirsi, ma presa dal gioco travolgente non vi avevo dato importanza. Un uomo alto e robusto ci guardava con espressione oscena
- Vi prego però continuate pure come se non ci fossi.
Mi sentii avvampare. Piena di vergogna, abbozzai:
- Scusate….me ne vado subito...non volevo…
- Ehi, Giorgio, ti presento Stefania. Hai visto che belle forme ha questa porcellina procace che ho condotto qui per divertirci? Sarai di certo contento.
Evidentemente Giusy era solita procacciarsi prede sessuali che poi condivideva col suo compagno. Ero nelle mani di due pervertiti, senza dubbio, soliti a queste situazioni, ma il tutto - il tradimento di mio marito, rapporto saffico - era troppo intrigante e coinvolgente e volevo starci fino in fondo.
È proprio un bocconcino prelibato, non come quella sciacquetta insulsa che mi hai fatto trovare qui la settimana scorsa! Era tutt’ossa e scricchiolava come una cassetta di frutta mentre me la facevo, sembrava dovesse rompersi da un momento all’altro. Questa invece è proprio una bella figa, calda, morbida, formosa. Ho l'acquolina in bocca, esclamava allegro e soddisfatto mentre mi valutava e palpeggiava. Guarda che meraviglia! Bene Stefania, son sicuro che ti piacerà quello che faremo adesso e che completerà in meglio la serata. Sei d’accordo non è vero?
Annuii con un cenno del capo troppo emozionata per proferir parola.
Giorgio si spogliò: un folto vello bruno gli ricopriva il torace e l'addome. Il suo cazzo era di generose dimensione, molto di più di quello di mio marito; a Giusy non sfuggì la mia espressione ammirata e scoppiò a ridere.
- Giorgio hai notato che Stefania è molto colpita dal tuo grosso uccello e di certo lo vuol per sé? Son ansiosa di osservarvi mentre la scopi senza pietà e le fai comprendere che razza di toro da monta è il mio maschio.
Giorgio mi afferrò con le manone i piedi, divaricandomi le gambe portò il mio bacino sul bordo del letto, spinse il suo faccione fra le mie cosce sino alla mia figa fradicia facendomi sussultare, mugolare di soddisfazione. Giusy lo incitava:
- Che scena erotica. Ma adesso basta a leccare, chiavala!
Così l’uomo, e finalmente perché la mia voglia non poteva più attendere, cominciò a chiavarmi con un vigore non comune, mantenendosi in posizione eretta mentre afferratimi i fianchi si aiutava a penetrarmi più a. fondo.Ero sopraffatta dall’intenso godimento, sotto quei forti colpi sordi, la mia vagina bagnata produceva un rumore di sciacquettio. Ero abbandonata sul letto con le braccia spalancate, senza pensare a nulla e godendo di quel grosso cazzo.
- Sei un vero stallone Giorgio, dacci dentro, spingi, più veloce che sto godendo. - Dichiarai con voce squillante.
Giusy entrò in scena: si pose a cavalcioni del mio volto schiacciando la sua figa alla mia bocca e dimenandosi.
- Ora ricompensami per quel bell’uccello che grazie a me stai provando. Piccola, forza leccamela, succhiamela, fai godere anche me."
Avvertii l’odore acre della passera bagnata di Giusy e superato l'iniziale impaccio, apprezzai l’odoroso nettare.
- Brava Stefania, vai avanti così, leccami, continua."
La quantità degli umori che mi colavano in bocca erano l’evidenza di tutto il suo piacere; io in parte li bevevo e in parte mi bagnavano il volto. Il durissimo cazzo di Giorgio intanto continuava a lavorarmi stantuffando potentemente, facendomi raggiungere per la seconda volta, quella sera, l'orgasmo e avrei voluto manifestare e urlare la mia estasi, ma la figa di Giusy aderiva alla mia bocca come una ventosa, impedendomelo.
Giorgio estratto il suo pene ancora eretto ci ordinò:
- Adesso voi due fatemi un bel pompino per concludere in bellezza."
Ci gettammo su quel grosso cazzo ed iniziammo a leccarlo dalla sua base fino al glande e viceversa, su e giù, senza trascurare le grosse palle. Giorgio appoggiato sui cuscini guardava lo spettacolo.
Leccavamo e succhiavamo rumorosamente, disputandoci il pene come fossimo due cagne su un osso. Quando le nostre labbra venivano a contatto, ci scambiavamo un caldissimo, profondo bacio.
- Brave. Fra voi è una bella lotta a chi è la più troia. Giusy la conosco bene, ma anche tu Stefania non sei a meno.
Come l'uomo eiaculò, mugolando di piacere, Giusy ed io, ci deliziammo di quel seme del piacere che poi condividemmo, scambiandocelo attraverso osceni baci.
Da parte mia dopo averla trattenuto in bocca per assaporarlo meglio, volli ingoiare quel liquido vischioso e caldo.
- Brava Stefania…così….brava, ingoia tutto.
Una volta ricomposta e nell’accomiatarci Giorgio mi disse:
- È stata una magnifica serata e ci piacerebbe domani sera averti a cena. In fondo ci sono ancora tante cose da esplorare, penetrare….il tuo culetto, per esempio. Mi sentii tremare le gambe a quel pensiero e per un attimo accarezzai l’idea di concedermi anche quel piacere.
Fui riaccompagnata in auto a casa da Giusy che mi sorrise maliziosamente:
- A domani, ci divertiremo.
Stentai ad addormentarmi per quanto avevo vissuto e con la prospettiva di riviverlo, visto l’invito, la sera successiva, a cena. Già a cena…. Con me come piatto forte.
Il mio programma originale per il week end sarebbe stato stravolto, ma come mancare a quell’invito?

Questo racconto di è stato letto 1 3 6 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.