Vieni con noi?

Scritto da , il 2017-06-10, genere incesti

Quella mattina Maria si svegliò prima di tutti,mise i mini pantaloncini e la maglietta del pigiama e andò in cucina,preparò il caffè,riscaldò il latte,mise in tavola i biscotti.
Non aveva dormito affatto,non aveva fatto altro che pensare ai suoi nonni,a quello che aveva visto,alla loro vitalità,il modo di fare e di intentere il sesso,si lei era come loro, come sua mamma,come sua zia Rosalia,ricordava le parole di sua madre"nostro padre non ci ha mai usato violenza,sono stata io che ho voluto che lui fosse il primo".
Anche lei con sua madre aveva voluto,con Gino,insomma si rivedeva in loro,pensava che era come loro,anche a lei piaceva il sesso,rivedeva la scena di sua nonna che poggiata sul tavolo si offriva al grosso cazzo di suo marito sapendo che lui aveva altre tresche ed anche lei aveva altri cazzi.
Pensò che gli piaceva la sua famiglia,erano aperti mentalmente,doveva solo capire come farsi penetrare da suo nonno,gli aveva visto il grosso cazzo,l'aveva sempre davanti agli occhi,voleva essere posseduta da quel palo,le piaceva come suo nonno scopava,adesso riusciva a capire sua madre e sua zia.
Ci aveva pensato tutta la notte a come fare per passare la giornata con loro,doveva seguire ogni mossa dei suoi nonni.
Sentì dei passi dietro di sè,si voltò e vide sua nonna in una piccola sottoveste che appena gli copriva la fica,si guardarono...buongiorno..Angela si sedette e guardò sua nipote..stai bene? come mai sei gia sveglia?..
Maria-..si nonna stò bene,ho dormito poco per il caldo,recupero oggi in spiaggia visto che sono sola..lo disse con una punta di rammarico.
Angela-..Perchè non vieni con noi? Se non ti danno fastidio gli anziani,vieni con noi al lido,ci saranno anche alcuni amici..
Maria-..nonna non voglio disturbare,magari poi ho voglia di andare via ed io non voglio costringere voi ai miei capricci,magari volete stare da soli...
Angela-.. stupidina; puoi fare ciò che vuoi, su preparati che vieni con noi..le disse sorridendo,lei guardò sua nonna e vide la sua fica libera,un cespuglietto sormontava la grossa fessura,intravide il seno di lei lo trovò bello per la sua età,poi apparve suo nonno lo guardò aveva solo gli slip,notò la grossa asta che formava sul tessuto,sentì tra le sue gambe uno strano formicolio.
Notò che suo nonno la guardava mentre sua moglie lo informava della sua presenza al lido con loro,sentì gli occhi di lui sul suo culo,quando spense il gas,si voltò per portare in tavola incrociò gli occhi di lui.
Sua nonna dopo aver fatto colazione disse che faceva una doccia,infatti prima di uscire dalla cucina si tolse la piccola sottoveste mostrando il suo culo,il nonno dopo aver finito la colazione uscì sul balcone a fumare una sigaretta,lei raccolse le tazze,rimettendo a posto,sentì per tutto il tempo gli occhi di suo nonno su di lei.
Decise di agire,si tolse la maglietta del pigiama,riposò una tazza e girandosi verso suo nonno..vado ad indossare il costume,,lo guardò tra le gambe e vide che il suo cazzo stava crescendo,voltandosi quando fu sulla soglia tolse anche il pantaloncino offrendo a suo nonno la visione del culo,sorrise e si avviò verso la sua camera,quando stava per entrare vide sua nonna uscire dal bagno nuda,si guardarono..sei molto bella Maria..le disse sua nonna,lei entrò nella sua camera e con il costume in mano entrò in quella di sua nonna..nonna è sicuro che non disturbo?..le disse con voce mielosa.
Erano ancora nude che suo nonno entrò,le guardò,e girandosi di spalle si tolse lo slip,poi portandosi vicino ad un mobile tirò fuori un costume che si agginse ad indossare,Maria potè vedere che il cazzo a riposo di suo nonno era più grande di quello del suo ragazzo.
Arrivarono al lido e i nonni la informarono di avere anche una cabina per spogliarsi edove lasciare le cose,le chiavi le doveva chiedere al bagnino,bastava dare il numero della cabina.
Quando arrivarono al loro ombrellone i nonni salutarono i loro vicini,Agata era una donna molto affascinante,più alta di sua nonna,magra al punto giusto,un seno non molto grande,bionda,con due belle gambe e su di esse due belle chiappe,dove lei aveva infilato di proposito la stoffa nel solco,baciò i nonni di lei,mentre suo marito magro,alto e stempiato strinse loro le mani sorridendo.
I due uomini andarono a comprare i giornali,chiesero a loro se avevano bisogno di qualcosa ed andarono al bar,sua nonna aveva tirato giù il pezzo superiore del costume cercando di spalmare la crema e ridurre i segni del costume,tenendo nascosti i capezzoli,Agata invece cercò di far entrare ancora di più nel solco la stoffa,dando visione di due belle chiappe da 59 enne.
In acqua cercò di stare vicino al nonno,con la scusa di aggiustare il costume dava lui la possibilità di guardare,Agata che stava sempre vicino a loro se ne accorse ed iniziò a tenere d'occhio Maria.
Sui teli Maria a pancia in giù aveva slacciato il pezzo superiore,girando la testa vede che Agata alzandosi si porta vicino a lei e stendento il telo sgancia anche lei il pezzo del costume,sorride,capisce che la donna è gelosa di suo nonno,mentre sua nonna sfoglia una rivista.
Verso ora di pranzo sente suo nonno dire a sua moglie che a breve lui va a casa per mangiare qualcosa e che poi ritornerà per riportarla a casa,vede Agata chiedere se può accompagnarla,capisce che deve giocare d'anticipo,si alza saluta tutti e dice che va da una sua amica (immaginaria),su un altra spiaggia.
Quando arriva a casa guarda se l'auto di suo nonno è nel cortile,non c'è.
Entra in casa e si porta in camera sua,dopo aver fatto in modo che lo specchio nella camera dei nonni fosse posizionato in modo che da fuori la porta senza essere visti rendessero visibile il letto.
Li sente arrivare,li sente aprire la porta...non vedevo l'ora..la voce roca di Agata si propaga in casa,sente i loro passi,vede che passano davanti la sua camera con lei che ha indossato un pareo,quando entrano in camera lei subito sgaiattola fuori per spiarli.
Vede lei che si toglie il pareo e si porta vicino a suo nonno Giuseppe,vede nello specchio la lingua di lei leccare le labbra di lui,toglie il pezzo superiore del costume nota i seni di lei,piccoli ma sodi e con due capezzoli molto grandi e duri,vede suo nonno togliersi il costume,lei che subito afferra il cazzo di lui gia duro..ti ho visto sai come guardavi la ragazza in spiaggia,è bella davvero,vedo che il solo nominarla ti diventa più duro..le dice guardando il cazzo nella sua mano,lo lasci per togliersi il resto del costume,Maria guardandola ritiene che Agata sia una bella donna,la sua fica è senza peli,la sua pancia è quasi piatta,..ti piacerebbe scoparla tua nipote vero?..le dice inginocchiandosi per far sparire la cappella di lui nelle sua bocca.
Mentre lo sta segando..sai anche a me piacerebbe che ci fosse lei,è da molto che non lecco una fica..le dice guardandolo negli occhi.
Parli troppo succhia,che voglio scoparti bene.. le dice suo nonno rimettendole il cazzo davanti la bocca,le tiene ferma la testa la scopa in bocca,vede colare dalla bocca di lei saliva in quantità.
La fa alzare la fa stendere sul letto e piegandosi tra le sue cosce inzia a leccare la fica di Agata che geme..ohhh sii,cosììì...vede la mani di lui chiudersi sui seni di lei,stringerli,poi scende con una mano sulla fica senza fermarsi di leccare,sente che lei..ohhsii,nel culoooo..
Mentre continua a leccare..su mettilo dentro,ti prego,lo voglioooo...allora in quel momento Maria decide di mettere in pratica il suo piano,entra in bagno,si spoglia,si bagna i capelli,sente i gemiti provenire dalla camera,Agata continua a gridare,la sua fica pulsa di desiderio pensando a ciò che si accinge a fare,sul suo corpo gocce di acqua scivolano verso la sua fica dandogli dei brividi,afferra una asciugamano l'avvolge sulla testa ed esce dal bagno........continua

Questo racconto di è stato letto 1 5 2 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.