Posso partecipare anche io?

Scritto da , il 2017-05-10, genere incesti

Anche io...le rispose Maria baciandola,le loro lingue si intrecciarono,quando si staccarono Karima si guardò attorno..tua madre?..Maria aveva gia la mano sotto la gonna di lei,strusciava il suo dito sulla stoffa delle mutandine..è di là..
Karima le strinse i capezzoli sulla maglietta..andiamo da qualche parte..le disse leccandole la bocca,Maria la prese per mano e la portò in camera sua,appena la porta fu chiusa,le due si strinsero e si baciarono,le mani di Karima avevano alzato la mini e stringevano le chiappe di lei..sei una troia,sotto sei nuda...Maria stava slacciando la gonna di lei, quando cadde ai suoi piedi..anche tu non scherzi in troiaggine..le disse mentre un dito si era infilato sotto il tessuto della mutandina.
Quando gli tolse la camicia e gli strappò il reggiseno,vide il seno color cioccolato,bello,rotondo,sodo,guardò la grossa aureola, con la bocca prese un capezzolo di Karima ormai duro come un chiodo.
Karima era accovacciata davanti a lei,le sue mani strizzavano i capezzoli di Maria,la sua lingua lambiva le labbra vaginali,l'intrufolava dentro la fica,leccandola,la ragazza per agevolarla piegò di poco le ginocchia,in questo modo aveva la fica aperta..hohhhh.. Karima a lingua piena salì all'interno della fessura fin al clitoride che trovò gia duro,leccava a lingua piena quel bottoncino di carne che attirava la sua attenzione, scese con le mani sulle sue chiappe,con le dita entrò nel solco di lei,iniziò a giocare intorno al suo buchetto premendolo al centro..sei bellissima..le disse guardandola negli occhi.
Maria la prese per un braccio,la fece alzare sfilò le mutandine,buttandole lontano,quando vide la fica di lei dopo averla accarezzato con la mano un dito entrò senza preavviso..uhmmmmm..Karima ebbe come un mancamento sulle gambe,si strinse i seni..cosììì..che lingua che haiii..
Si sdraiarono sul letto aggrovigliandosi tra di loro,Maria si ritrovò sotto di lei,si baciarono con trasporto,si ritrovarono in un 69,le loro lingue nelle rispettive fiche,Maria era attratta da quella vagina,la vedeva bagnarsi,ne saggiava i succhi,il suo dito premeva il bottone di lei abbastanza sviluppato,pensò leccandolo che somigliava un piccolo cazzo in miniatura,poteva scappucciarlo,lo fece..ohhoho Dioooo...Karima aveva con le dita aperte le labbra vaginali e con la lingua succhiava i succhi di lei,dedicandosi al clitoride di lei.
Le loro mani accarezzavano le cosce,i seni,il culo,erano talmente prese dall'amplesso che non sentirono aprire la porta,quando Karima si accorse di Giulia restò a guardarla a bocca aperta mentre Maria continuava il suo lavoro di lingua nella sua fica.
Karima vide Giulia con un grosso cazzo legato alla vita,vide lei portarsi il palmo della mano alla bocca leccarlo e portarla sul cazzo finto mimamdo una sega,mentre con l'altra mano si strizzava un capezzolo.
Maria non sentiva più la lingua della sua amica nella sua fica,si sporse per guardare e vide sua madre avvicinarsi a loro,riprese a leccare la sua amica che fissava Giulia,quando fu a poca distanza da lei..posso partecipare anche io?..chiese a Karima che guardando il cazzo svettare tra le sue cosce..per me siiii..
Giulia la baciò,le diede un bacio violento da togliere il fiato,si staccò e premendo sulla testa della ragazza avvicinò il pene finto alla bocca di lei che ingoiò simulando un pompino con tanto di risucchio,alternava con i seni di Giulia che sembravano scoppiare,sentì un dito di Maria farsi spazio nel suo culo,ebbe un fremito,alzò il busto poggiando la sua fica sul viso di Maria.
Giulia si era portata alle spalle di Karima iniziando a penetrarla quando il pene era a metà,diede un colpo secco entrando tutto in lei che..mio Diooooooooo...Maria leccava l'amica e con le mani accarezzava le cosce ed il culo di sua mamma.
Adesso avevano fatto sdraiare Karima,davanti ai suoi occhi madre e figlia intrecciarono le proprie lingue,fu di nuovo penetrata con il pene finto,mentre Maria aveva portato la sua fessura da leccare sul viso di lei,accarezzando il seno di sua madre.
Giulia aveva aumentato il ritmo,Maria era scesa dal viso della ragazza ed aveva preso possesso del seno di lei...ti piace?..le chiedeva guardandola,Karima aveva gli occhi spalancati e fissandola..siiii tantooooo...
...Adesso che è la troia??..le chiedeva Maria strizzandogli un capezzolo..io,io sono una troiaaaa..le rispondeva mentre il suo bacino andava incontro al pene che Giulia faceva entrare ed uscire da lei.
Karima con un grido si rivolse a Giulia..esci dalla fica per favoreeee..Maria si bloccò,mentre Giulia fu lesta ad uscire da lei,videro Karima alzarsi dal letto e voltandosi verso di loro,divaricò le gambe,introdusse alcune dita in fica muovendole freneticamente..siiii cosìììì godoooooooo...si aprì la fica ed iniziò a squirtare,3/4 spruzzi uscirono dalla sua fica,mentre la ragazza faceva fatica a stare in piedi.
Maria si stupì a vedere la fica di lei spruzzare,aveva pensato ad una pisciata,quando si rese conto che così non era,volle provare il sapore della sua sborra,leccò,gli piaceva,così raggiunse la fonte per abbeverarsi.
Giulia si era tolta il fallo di plastica e si faceva leccare dalle due,Maria leccava i seni ed accarezzava il culo di Karima che si era dedicata alla fica,succhiava,leccava,e anche lei carezzava il culo di Maria..non mi era mai successo,madre e figliaaa..
Maria adesso aveva la lingua nel solco di Karima tentava di entrare nello sfintere con la lingua,Karima era uno gemito continuo,le piaceva..sii che troieeee..Giulia sentì che stava per scoppiare in un orgasmo,sentì salire in lei un calore,fremiti per tutto il corpo,lasciò che si liberasse..siii godoooo...arrivò sulle dita e la lingua di Karima.
Giulia guardava la ragazza che leccava sua figlia,mentre lei si masturbava davanti i loro visi,ammirava quel bellissimo corpo,gli accendeva la libidine,era davvero bella pensò, Karima la baciò mentre con le dita faceva godere Maria,le disse...voglio prenderti ancora..si allacciò di nuovo il fallo finto,facendo entrare nella sua fica il piccolo cazzo posizionato all'interno della della striscia di cuoio.
Si sdraiò tenendo il fallo dritto e fece calare la ragazza,quando fu tutta dentro di lei l'attirò sul suo corpo baciandola,Maria si era dedicata al culo di Karima e preso il doppio fallo regalatogli da sua zia Rosalia,dopo aver umettato bene sia il fallo che il buco di lei,iniziò ad incularla.
Karima sentiva dentro di sè i due falli toccarsi,godeva come mai in vita sua,era un piacere mai provato,si sentiva schiava di quel piacere,ne chiedeva sempre di più..si cosìì non vi fermate..il suo sfintere era aperto all'inverosimile,Maria muoveva il fallo in simbiosi con il movimento che sua madre portava all'interno della fica.
Quando si sfilò da loro,adottò la stessa posizione che aveva avuto in precedenza,schizzò la sua sborra come non mai,Maria fu lesta a bocca aperta a inghiottire,ne voleva ancora,anche quando il flusso cessò s'incollò sulla fica di lei.
Karima quando andò via,promise alle due che si sarebbero riviste,le aveva baciate,le aveva raccontato che gli piacevano anche gli uomini,ma con loro aveva goduto come mai in vita sua.
Due giorni dopo vinsero il torneo,le migliori in campo furono Karima e Maria,quando fecero la doccia si dissero di voler trascorrere una serata come quella avuta giorni prima.
Maria adesso si sentiva più adulta,sicura di se,sapeva di essere bella,sentiva il bisogno di fare sesso,le piaceva,gia pensava alle vacanze in Sicilia dove gli zii si sarebbero presi cura di lei,riteneva che Rosalia fosse la migliore in assoluto,era come lei,gli aveva insegnato tutto,le voleva bene.
Anche quella sera durante i festaggiamenti della vittoria del torneo,stavano ridendo e scherzando,aveva notato il ragazzo che continuava a guardarla,quando i loro sguardi non si distolsero ma durarono per pochi minuti,si avvicinò a lui,si misero a parlare,si conobbero,Filippo aveva 22 anni,era bello,il suo sguardo la penetrava dentro,sentì il fuoco del desiderio accendersi dentro di lei,si disse che doveva spegnerlo,infatti quando lui gli chiese di uscire fuori per parlare,lei non ci pensò molto,appena usciti le loro labbra si toccarono,le bocche si aprirono,le loro lingue si intrecciarono.
Dieci minuti dopo erano in auto,in un parcheggio al buio a scopare,lei che sentiva il grosso cazzo di lui aprirle la fica, le mani accarezzarla tutta,erano stretti in auto.
Aprirono uno sportello con lei che supinamente riceveva il grosso cazzo di lui,quando lui cambiò posizione sedendosi,la fece scendere sul duro pezzo di carne,i loro corpi si fusero,e quando insieme raggiunsero l'orgasmo,sentì lo sperma di lui schizzarle dentro allagarla,ed il suo corpo rispose esplodendo in un orgasmo..siii..lasciandola sfinita.
Quando si ripresero lui gli chiese di rivedersi,lei lo guardò e sorridendo..è stato bello,ma credo che non ci sarà un seguito..... rientrò all'interno,i festeggiamenti continuavano........................

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.