Mi aiuta per favore?

Scritto da , il 2017-05-21, genere incesti

Dalla festa per i suoi diciotto anni gli anni passarono veloci,infatti adesso Maria aveva 22 anni.
Ogni estate era tornata dai nonni,lei e sua madre in città si davano alla pazza gioia,Giulia in ditta aveva un posto di rilievo visto che si faceva scopare dal titolare,che oltre a dargli un altro incarico con orari più flessibili,gli aveva aumentato lo stipendio.
Maria andava a scuola ma sfilava anche per case di moda,guadagnava bene,inoltre aveva trovato altre ragazze con cui godere,anche uomini che aveva diviso con sua madre,Emma la sua amica del cuore adesso era all'università,aveva il suo ragazzo fisso,ma quando ritornava non disdegnava una buona leccata di fica con la sua amica.
Karima invece era davvero innamorata di lei,la cercava spesso,sapeva delle altre/i e non era per niente gelosa,aveva capito che Maria era sempre in cerca di sesso aveva accettato il tutto perchè a lei piaceva.
Ma ogni volta che arrivava l'estate Karima cadeva in depressione,al solo pensiero di non vederla per un mese,ne avevano parlato Maria gli aveva detto che se ci fosse stata la possibilità,di ospitarla almeno per una settimana.
Le sue vacanze negli anni era continuata a casa degli zii,Rosalia e Piero,i due dividevano il proprio letto con lei,le davano e prendevano piacere,zia Rosalia era diventata più bella di 4 anni fa,adesso il suo corpo era quello di una bellissima donna di 30 anni,mora,mediterranea,il seno gonfio dritto,in spiaggia portava costumi più ridotti,ed alcune volte in angoli nascosti della spiaggia si metteva in topless,Piero quando era con loro si sentiva invidiato dagli altri uomini che potevano solo guardare quelle due bellissime donne.
Giulia mancava da due estati,visto che era l'amante del suo capo,lui gli pagava le vacanze dove le trascorreva con la moglie,per godere poi con lei una sera si ed una sera no.
Anche questa estate Giulia era andata dietro il suo amante,Maria era in Sicilia da sola,sentiva sua madre ogni sera per telefono,il sesso con gli zii la soddisfavano,ma la mattina che raggiunse la spiaggia da sola,dopo aver fatto il bagno si distese sul telo al sole,si guardò intorno,vide i turisti che affollavano la spiaggia,si accorse che di fianco a lei c'era una donna che piantava il suo ombrellone distante dal posto che lei e sua zia occupavano,ma quella mattina la trovò di fianco a lei.
Era una 40enne,alta 170 circa,capelli corti al collo,gran seno che mostrava orgogliosa con piccoli costumi,belle gambe,un bacino un po largo con due grosse natiche che gli facevano il solco più aperto,ma bello sodo,la guardò si sorrisero entrambe,poi lei inforcò gli occhiali da sole grociolando al sole.
..Mi aiuterebbe per favore?..aprì gli occhi e la vide in piedi davanti a se,con un barattolo di crema solare,il suo accento era del nord,la sua abbronzatura necessitava ancora di una protezione,Maria si alzò e sorridendo..ma certamente..le disse.
La donna si sdraiò pancia sotto aspettando che lei le spalmasse la crema,appena le sue mani furono sulla schiena di lei..Aspettavo Roberto,ma ritarda ed ho paura di scottarmi..le disse la donna scusandosi per la richiesta.
Michela le disse che era di Venezia,era in Sicilia con il marito e la famiglia di sua sorella,le piaceva il mare,mentre sua sorella era in giro per la Sicilia,Roberto era suo nipote rimasto con loro,Maria era con le mani sulla zona sacrale,il contatto con la pelle di lei iniziò ad eccitarla,aveva gli occhi fissi sul quel culo che trovava favoloso,infatti spostò la stoffa all'interno del solco massaggiando le due chiappe dicendo..la spalmo anche qui,vedo degli arrossamenti...continuando a riempirsi le mani.
Michela gradiva visto che inziò ad inarcare il culo verso le mani di lei,Maria diede una pacca sulla natica di lei..girati che la spalmo davanti..lei girandosi chiuse gli occhi lasciando che le mani di lei accarezzassero il suo corpo,Maria aveva le mani sull'orlo del bikini,muovendole entrò con i pollici sotto il costume,cercando di entrare sempre di più,Michela gli aveva messo addosso una eccitazione pazzesca,guardò il viso di lei,vide i suoi occhi chiusi la bocca aperta,vide la sua lingua,l'assalì la voglia di posare le sue labbra su quelle di lei,le mani salirono fin sotto il seno,con il dorso ed il mignolo sentì la durezza,la tonicità,vide che i capezzoli si notavano,erano diventati duri.
Con sommo dispiacere staccò le mani dal corpo di lei,si portò a riva per lavarsi le mani,poi si tuffò e con lunghe bracciate si allontanò,quando fu distante dalla riva toccò la sua fica,la sentì bagnata,fece entrare tre dita,li mosse,sentì il calore assalire il suo corpo,poi rilasciò un sospiro..ohhhhh...
Nuotando verso riva pensò che non gli bastava,Michela l'aveva accesa ed il suo corpo pretendeva di essere toccato,di abbandonarsi all'orgasmo,mentre le sue dita gli avevano appena sopito la voglia di esplodere,tornò al suo telo,vide vicino Michela un ragazzo biondo,atletico,con un bel viso...Maria,lui è Roberto mio nipote..la voce di Michela la raggiunse quando lei era gia con lo sguardo su di lui,gli porse la mano e si stese sul telo,notò che a poca distanza da lei c'era un altro telo era quello di Roberto.
Continuarono a fare conoscenza tra loro,parlando dopo un tuffo insieme in acqua,ad ora di pranzo Michela alzandosi..senti Maria vuoi pranzare con noi due? Oggi siamo soli,visto che i suoi sono in giro per la Sicilia,mio marito ieri è rientrato per lavoro,mangiamo un panino insieme,tanto casa è qui a due passi,poi scendiamo di nuovo..anche Roberto si unì a sua zia pregandola di pranzare con loro,finchè accettò.
Quando furono in casa Roberto si prodigò a preparare la tavola sull'ampio terrazzo all'ombra di un gazebo,mentre Michela invitò Maria a farsi una doccia..tanto siamo donne..le disse ridendo,entrarono in bagno,chiusero la porta,Michela subito si tolse il costume mostrando il suo corpo da 40enne,un cespuglietto guarniva la sua fica bella grassa,lo spacco era aperto,le labbra vaginali belle separate con visione dell'orifizio,si sedette sul water ed il rumore della pipì raggiunse le orecchie di Maria che stava sfilando il suo costume,si voltò e l'eccitazione di vederla pisciare infiammò la sua fica che con la mano accarezzò,Michela mentre con un po di carta si puliva..sei molto bella..le disse guardandola tra le gambe..sei rasata?..Maria la guardò e con voce carica di Eros...anche tu sei bellissima...le disse entrando in doccia,venne raggiunta da Michela ed iniziarono a lavarsi,lo spazio era poco ed i loro corpi si toccavano,iniziò un gioco di mani tra le due,quando Michela toccò il seno di lei per far scorrere l'acqua dal suo corpo sentì sotto le sue dita i capezzoli di Maria duri,ma avvertì anche tra le sue cosce tra il cespuglietto qualcosa che le apriva le labbra vaginali,vide la mano di Maria che si muoveva tra le sue gambe,i loro visi si toccarono e le loro lingue entrarono nelle loro bocche,Michela staccò le sue labbra da quelle di lei poggiò il mento sulla spalla di Maria godendosi la mano di lei che la frugava tra le gambe,i loro seni si schiacciavano tra di loro,portò le sue mani sulle chiappe di Maria stringendole.
..Segaiolo..gridò Michela verso la porta mentre Maria era con le dita dentro di lei,quando si fermò guardando l'altra..ci stava spiando dal buco quel segaiolo di mio nipote,ora l'aggiusto io..disse uscendo dalla doccia,aprì la porta e poco dopo ritornò con suo nipote che con le mani cercava di nascondere la sua erezione visibile sotto il costume,anche Maria uscì dalla doccia,mentre Michela le toglieva il costume..non ti è bastato ieri sera? Sei venuto tre volte..
Maria guardò il cazzo del ragazzo,era bello duro è più grande di quello di alcuni uomini che aveva avuto negli ultimi tempi,avvicinandosi mentre gli toccava il cazzo..scopi con tua zia?... il ragazzo guardandola..sii..scappellando il cazzo del ragazzo..c'è la fai a soddisfarci tutte e due?..il ragazzo si voltò verso sua zia..si,anzi vi sfondo..
Entrarono in camera che Michela segava suo nipote,quando Maria lo prese in bocca continuò a muovere la mano e baciando suo nipote,la lingua di Maria lavorava sull'asta del ragazzo che ad occhi chiusi si godeva le gioie che la bocca di lei gli dava,mentre Michela strizzava i capezzoli di lui con le labbra,il ragazzo aveva portato una mano sul cespuglio di sua zia ed aveva intrufolato un dito che si muoveva dentro la grossa fica.
Maria adesso aveva il cazzo di lui fino in gola e con la mano lisciava la fica di Michela che slinguava suo nipote,le dita di lei entrarono in quella caverna senza fondo che era la fica di Michela,incominciò a muoverla ed essa ebbe un mancamento sulle ginocchia.
Roberto si era sdraiato e la zia era scesa sul quel palo di carne che il nipote si ritrovava,Maria portò la sua vagina senza peli sulla bocca di Roberto che subito iniziò a leccare,le due donne si toccavano i seni,li strizzavano,poi portarono le mani sulle rispettive fiche,le dita trovano i clitoridi e li strizzano.
Michela cavalcava suo nipote..sii cosìììì...mentre Maria rilasciava sulla bocca di lui un mare di umori,sfregava la sua fica sul volto del giovane che con una mano accarezzava le natiche di lei.
Quando Michela raggiunse l'orgasmo,sfilandosi lo pulì con la lingua,poi lo offrì a Maria che subito si piazzò a 4 zampe invitando il giovane a penetrarla,Michela portò la cappella di suo nipote all'entrata della fica di lei,Roberto con un colpo di reni entrò in lei..ohh uhmmmm....Michela si stense davanti Maria masturbandosi,la ragazza allungò una mano e la portò nel cespuglio bagnato di lei.
Lo sentiva bene il cazzo che la scavava dentro,sentiva le palle di lui sbattere sulle sue chiappe,sentì il pulsare del cazzo dentro di lei,sentiva che ancora poco ed il ragazzo sarebbe esploso,velocizzò il movimento del bacino verso il cazzo di lui,voleva godere,Michela accortasi di questo piazzò la sua testa sotto di lei leccando la fica e dando la sua da leccare a Maria,infatti dopo poche leccate l'orgasmo arrivò con prepotenza, fece appena in tempo a fare uscire il cazzo di lui che esplose in una spruzzata sulle chiappe di lei.
Michela prese in bocca il cazzo di suo nipote, iniziò una leccata memorabile,vista la giovane età di Roberto in poco tempo fu di nuovo duro,prese sua zia per i capelli e le disse..voglio il tuo culo come ieri sera,mise due cuscini sotto la pancia di lei,mentre Maria inumidendo con la lingua il buco di lei,dopo una leccata con relativa rilascio di saliva invitò il giovane a inculare Michela,si stese sotto di lei, mentre suo nipote l'inculava,Maria veniva deliziata dalla lingua di Michela,così lei,che guardava il cazzo di lui sparire nel culo di sua zia che..ohhh pianooooo siiiiiiiiii...
Il ragazzo assaltava il culo di sua zia con colpi secchi,la lingua di Maria strizzava il clitoride di Michela che ha affondato due dita nella fica della ragazza,la scavava dentro,portò la lingua sul clitoride,lo leccava,baciava l'interno coscia,mentre il cazzo gli slargava lo sfintere,Roberto avvisò le due che sta per sborrare così ebbero il tempo di prepararsi e farsi schizzare sulle facce per poi ripulirle con le lingue.
Quando si salutarono Michela...a domani..disse verso Maria che guardando zia e nipote nudi ..solito posto..Roberto la guardò..io non ci sarò parto stasera...Michela ridendo.. starò sola per due giorni...Maria aprì la porta..non preoccuparti ti farò godere ancora...................................................

Questo racconto di è stato letto 1 8 2 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.