Francesca 2.

Scritto da , il 2021-01-13, genere incesti

Laura ed Alberto, i genitori di Francesca, sarebbero imparentati con me in quanto sarei un cugino di non sò quanti gradi di Alberto. Quindi, dopo che constatai il guaio dell'auto di Laura, ricordai di avere nel baule della mia auto una tanica che portavo con me proprio per potere usarla per prendere benzina nei distributori in caso di bisogno, così feci accomodare Laura nella mia auto ed andammo al primo distributore dove riempimmo la tanica e tornammo poi alla sua auto. Giunti di nuovo a casa sua, Laura spiegò a Francesca che io la avevo "salvata" così la briccona mi venne ad abbracciare dicendomi all'orecchio che mi avrebbe quanto prima premiato per il salvataggio di sua madre e aggiunse poi se preferivo un bocchino, o farmi il culo o meglio ancora tutt'e due! Laura non sentì nulla ma chiese a sua figlia cosa mi aveva appena detto e lei prontamente le disse che per premiarmi mi avrebbe fatto vedere i suoi disegni fatti a scuola. Laura subito sorrise, contenta di sua figlia poi la ragazzina mi prese per mano conducendomi nella sua cameretta e chiuse la porta per subito abbracciarmi e baciarmi in bocca. Poco dopo Laura bussò alla porta e disse a Francesca di non stancarmi con le sue opere ed uscì nuovamente, così noi due ci spogliammo ed iniziai a baciarle la figa poi risalii succhiandole il lobo all'orecchio ed il collo, i seni, intanto lei mi masturbava il cazzo che subito stava per esplodere ed allora le chiesi di prenderselo in bocca e ciucciarlo a lungo, cosa che fece con molto impegno ed io sborrai a lungo. Dopo che parlammo un poco di noi, lei si girò a pancia sotto e mi offrì il culetto da sfondare di nuovo. Lo leccai e dopo lo unsi con la crema per mani, poi spalmai anche sul cazzo ed appoggiai il glande all'ano e spinsi lentamente poi d'improvviso lo infilai tutto in un solo colpo e lei gridò prima di dolore, poi di piacere. Stantuffai per molto tempo e quando sentii che stavo per venirmene, allora iniziai a stantuffare facendola rimanere senza fiato e poi sborrai all'infinito. Dopo che ci eravamo prudentemente rivestiri e ricomposti, sentimmo arrivare Alberto e, mentre lui saliva in ascensore, sentimmo anche l'arrivo di Laura. Alberto portò delle cose pronte per cena e ci mettemmo a tavola, poi, dopo una lunga chiacchierata ce ne andammo tutti a dormire. Al mattino dopo mi svegliai, andai a prendermi un caffè e mi vestii poi mi misi a vedere Francesca che dormiva e mi sedetti sul suo letto. Le infilai una mano sotto le lenzuola e scesi ad accarezzarle la pancia scendendo alla fighina e lì lei aprì gli occhi e mi disse che nella notte aveva pensato che un cazzone come il mio un ragazzino non ce lo poteva avere, così aveva deciso che dovevo essere io a romperle la fighetta e certamente io sarei stao assai più delicato di un inesoerto ragazzino, così andò a farsi una doccia e poi, dopo colazione venne da me e mi chiese se volevo fare l'amore con lei. Le risposi con un bacio alle guance e poi in bocca, dopo la presi per mano ed andammo nella sua cameretta dove fui io a spogliarla del pigiama, sfilandole le mutandine e, presa in braccio, la stesi sul suo letto e m'inginocchiai a leccarle la figa, poi le mordicchiai le cosce, le leccai l'ombelico, salii ai seni che ciucciai a lungo ed intanto le sditalinavo il clitoride ed un altro dito glielo infilai nel culo smuovendolo per farla gemere un poco. Dopo che si era scaldata assai e m'incitava di continuo dicendomi "scopami, scopami, ma rompimela con dolcezza che ho tanta voglia ma anche tanta paura!", si mise a pancia sotto con le cosce spalancate e m'incitava a possederla in figa. Le appoggiai il cazzo alla figa poi lo infilai di neanche un centimetro e rimasi immobile senza avanzare. Spinsi ancora un poco e, quando capii che ero vicino alla barriera naturale, allora le rubai la verginità deflorandola. Rimasi ancora fermo ma poi iniziai a possederla con un ritmo lento ma deciso che affondavo dei colpi che le tolsero il fiato. Infine, dopo la lunga cavalcata lei smaniava e gemeva godendo intensamente. Dopo che le sborrai tranquillamente dentro, dato che avevo indossato un preservativo, rimanemmo un poco a baciarci in bocca poi lei andò al bagno per farsi la doccia ed io la seguii infilandomi sotto il getto caldo. Lì, dopo che le insaponai la schiena la rigirai e finimmo di nuovo a scopare ma il preservativo non ce lo avevo più, così lei si offrì per prendersi in bocca il mio sperma ed infine le sborrai in bocca, ma una volta asciugati ce ne tornammo in camera sua ed io presi un nuovo profilattico che inserii sul cazzo già dinuovo teso e lei lo prese un poco in bocca poi mi chiese senza preamboli di possederla ancora ed io lo feci con passione, con vigore. Dopo che me ne venni, non tolsi il preservativo ma la possedei ancora una volta e lì fu lei a chiedermi una sosta perchè non era convinto di potersi reggere in piedi. La bacia di nuovo in bocca ed andammo in cucina a mangiare qualcosa ma poco dopo fu lei a dirmi che non aveva capito certe cose dell'essere sverginata ed allora voleva ripetere il gioco ma io avevo terminato i preservativi perciò ci vestimmo ed andammo alla vicina Farmacia dove presi sei scatole ritardanti per godere ancora di più. Tornati a casa ci trovammo Alberto che stava preparando il pranzo e ci chiese come mai eravamo usciti ed io spiegai che volevo girare per Roma che da tempo non vedevo, allora lui propose di uscire tutti al pomeriggio per un giro turistico ed accettammo certi che Laura non avrebbe potuto uscire con noi ed allora anche Alberto sarebbe uscito ma per lavoro e noi due avevamo la casa libera tutta per noi ed i nostri giochi. Laura arrivò ed infatti disse subito di uscire solo noi tre ma Alberto senza lei non andava neanche a passeggiare, così la casa rimase sempre libera per noi...loro a lavorare e noi impegnati...diversamente.

Questo racconto di è stato letto 6 9 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.