Francesca.

Scritto da , il 2021-01-13, genere incesti

Devo confessare che con Francesca siamo imparentati ma che lei sia una mia nipote o altra definizione non lo sò prprio, Comunque la nostra storia cominciò così: ero a casa sua ed i suoi genitori dovevano andare ai loro lavori e non potevano lasciare Francesca da sola, così mi offrii per rimanere lì a farle compagnia. dato che era Agosto e ci trovavamo a Roma, l'immancabile afa non ci mancava proprio e l'addormentarsi fu rapido ed indolore: crollai russando talmente che francesca mi svegliò preoccupata che stavo respirando male ma le spiegai che russavo semplicemente e lei appoggiò la testa alla mia spalla. Mi svegliai poco dopo per una pipì insistente e corsi in bagno ma quando tornai al salotto vidi lei che si era tolta la maglietta ed i calzoncini ma già dormiva nuovamente, così mi sdraiai vicino a lei e dormii subito. Mentre stavo per svegliarmi provo una strana sensazione ed infatti Francesca stava slacciandomi i pantaloni ed infilava una mano negli slip toccando il cazzo che già rispondeva al lievissimo tocco. Dato che lei non era ancora grande il giusto, cercai di rimanere insensibile alla sua carezza e tacere su quanto stava avvenendo. Poco dopo sentii la sua manina sfilarsi dai pantaloni e finsi perciò di svegliarmi e lei la trovai ad occhi chiusi perciò mi alzai per andare a rinfrescarmi al bagno decidendo di farmi una doccia e, nel rilassarmi, notai che il buco della serratura della porta era ostruito da qualcosa che non faceva filtrare la luce del sole all'interno. Uscito dal bagno trovai Francesca lì vicino che voleva fare anche elei la doccia, così me ne andai in salotto ma non sentii chiudere la porta del bagno. Poco dopo andai in cucina a prendere acqua fresca da bere e vidi la porta del bagno aperta e non potetti evitare di notare Francesca nuda sotto la doccia. Chiaro che mi eccitai subito e proprio in quell'attimo lei mi notò e mi chiese se le lavavo la schiena. Entrai in bagno eccitatissimo e subito le passai la spugna sulle spalle e lì lei si girò e m'abbracciò bagnandomi tutto e si allungò per baciarmi in bocca e lì non fui capace di fermarla, anzi, la strinsi a me e le infilai la lingua in bocca e subito lei mi disse di andarsene al letto dei genitori per godere insieme. Mi prese per mano ed arrivati in camera mi spogliò tutto poi mi sdraiò sul letto per prendermi il cazzo in bocca che succhiò con tanta passione facendomi sborrare sul suo visetto. Già che l'irreparabile era avvenuto, allora mi chinai a leccarle la fighina sbrodolante di umori argentei. Lei iniziò a gemere poi gridando dal piacere ed il cazzo mi si erigeva pazzamente così le chiesi se era ancora vergine ma mi rispose che se voleva sverginarmi senza fare danni, potevo incularla mantenendo la fighina ben chiusa. Le gurdai negli occhioni umidi di lacrime di piacere e lei si alzò correndo a prendere una crema che sapeva usasse sua madre quando voleva farsi fare il culo dal papà. Tornò con la crema che mi chiese di spargerla sul cazzo e poi lei si unse bene il culetto e si mise a pecorina facendomi così già eccitare bestialmente ed io mi avvicinai all'ano ed appoggiai il glande per poi spingerlo dentro piano, lentamente, dopo, quando sentii che si stringeva sempre di più per autodifesa ed autoconservazione, allora le diedi un colpo secco facendola urlare ma quando poi sentì che stavo già tutto dentro di lei, mi disse che il dolore stava sempre più diminuendo ed il piacere si cominciava a sentire facendola godere ed io spinsi ancora di più, con tanta foga che la fece sobbalzare e, quando sentii che stavo per sborrare, la avvisai che avrebbe avuto una grande quantità di sborra nel suo dolce culetto, sodo, elastico e morbido. Dopo che il cazzo scivolò fuori dal culo, lei si girò e mi baciò in bocca, poi mi portò a fare un bidet e, tornati in camera, mi fece un bocchino da maestra ed io scherzando le dissi che la avrei anche scopata ma lei s'irrigidì dicendomi che voleva dare la sua fighetta ad un suo coetaneo e perciò potevo accontentarmi solo del suo culo. Le risi dicendole che scherzavo soltanto ed allora rise anche lei e poi si sdraiò a pancia sotto, chiedendomi di incularla ancora ma non a pecorina che voleva sentire il cazzo smuovere il suo pancino, così sdraiata. Le leccai quindi il culetto e stuzzicai col dito la fighetta che sbrodolava pazzamente e dopo le unsi l'ano infilandoci il cazzo senza ungere anche lui. Lei spasimava, smaniava e gridava ancora per il dolore iniziale ma poi mi chiese di essere con lei il più brutale possibile e lì la feci gridare eccitandola al massimo. I nostri giochi sarebbero durati ancora chissà quanto ma Laura, la mamma di Francesca, mi chiamò al telefonino chiedendomi aiuto per la sua auto ferma sulla strada. Senza esitare dissi a Francesca di rimettersi a posto e andai subito da sua madre, dove notai che il guasto meccanico era solo...assenza di benzina nel serbatoio...!!

Questo racconto di è stato letto 6 1 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.