Consapevolezza dell'essere

Scritto da , il 2020-12-04, genere sentimentali

Sono tempi duri, per me come per altri dormiglioni tempi durissimi, dovendomi alzare alle 3 del mattino.
È dura alzarsi, peggio fare tutte quelle cose, quegli automatismi, che normalmente si hanno e che servono ad evitare di dimenticare, che so, di spegnere il fornello o di tirare l'acqua in bagno.
Ma alle tre del mattino, tutti i buoni propositi, i programmi, restano sul cuscino, mentre la testa cerca un improbabile motivo, una ragione, per giustificare questo disagio.
Mentre gli occhi incespicano nella luce e la bocca si stringe per evitare un soliloquio di mali parole e salaci battute.
Quindi caffè che serve a poco a quest'ora, decidere se fare la doccia, necessaria a scacciare il torpore e proprio per questo per nulla ambita.
Attenzione nel vestirsi, per non mettersi abiti scombinati, specie le scarpe; oggi poi sembrò la figlia di Cipputi, l'operaio delle vignette di Altan.
Dovrò lavorare in magazzino, quindi tuta blu e scarpe di sicurezza; normalmente, quando mi devo vestire così, penso di essere Rosie De Riveter: posso farcela!
Oggi no.
Quindi esco, anzi usciamo, abbiamo lo stesso turno io e la Gió; lei in cassa ed io in magazzino.
Le signore Cipputi, niente di buono da dire.
Prendiamo l'auto, fatti duecento metri, il solito bar per una colazione più sostanziosa; sono quasi le 4 è tardi, tiriamo dritte, oggi niente facce da camionisti, facce come le nostre, stanche del poco sonno, di letti scomodi, di troppo lavoro male assorbito.
Passo per le solite strade, come un vecchio vetturino di carrozze a cavalli, i quali sanno già la strada; io di cavalli sotto il cofano ne ho una novantina; nessuno che sappia esattamente dove andare, tocca a me condurli, e parte l'ennesimo sbadiglio.
Ecco siamo sul viale delle vergini, come lo chiamo io, ma a quest'ora di signorine nemmeno l'ombra, oramai anche l'ultimo cliente è andato da qualche altra parte, forse è tornato da una stanca moglie.
Luci blu, speriamo di non doverci fermare, già devo guidare piano che il comune ha riempito i viali di autovelox.
Incidente, auto contro albero, di solito ci rimette l'auto, spero per gli occupanti, domani sapremo leggendo il Messaggero Veneto, oggi sfilo piano, fortuna che non posso superare i 50.
È ancora buio quando arriviamo nel parcheggio, è un soliloquio di tre vetture, dove ce ne stanno diecimila.
È ora di iniziare, la famiglia Cipputi, si unisce alle altre facce grigie, passerà anche questa settimana.
Coraggio gente, un'altra giornata inizia, ma che ne sapete voi di chi vi organizza la vostra giornata!

Ed in effetti la settimana è passata, si riprende il solito tran-tran e un po' dispiace, perché dopotutto il cambiare, il sentirsi parte attiva di un problema, aiuta a non invecchiare.

Questo racconto di è stato letto 5 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.