La mia prima volta fu dai miei nonni 3.

Scritto da , il 2020-11-13, genere prime esperienze

Nel tardo pomeriggio dissi a mio nonno che stavo andando a cena dalla signora vicina di casa e li mi disse che non si va mai ospite da chiunque sia senza nulla in mano, così andò nella sua cantina tornando poco dopo con una bottiglia di vino che mi disse mi avrebbe fatto fare una bellaa figura. Mio nonno ebbe pienamente ragione infatti il vinello piacque molto a Carmela ed anche a Pamela e, a conclusione della cena ottima, il vino era finito così Carmela mise a tavola un vino dolce che era da dessert percio dolce e alla fine erano tutt'e due ciucche o meglio detto: 'mbriache! Comunque, nonostante la sonnolenza mi presero per mano conducendomi in camera da letto e. dopo che ci spogliammo, Carmela andò e tornò con un clistere che voleva fare a Pamela perchè io potessi incularla meglio di prima, cosi mi chiese di tenerla ferma ai polsi e lei si sarebbe seduta sopra le cosce in maniera che la nipotina sarebbe rimasta immobile anche se la sacca era piena di sapone sciolto nell'acqua ben calda ed il clistere le avrebbe fatto un male della miseria, infatti, dopo che infilò la cannula nell'ano della poveretta, aprì il rubinetto e la povera Pamela iniziò subito a lamentarsi dei dolori che stava provando ma in seguito passò ad urla disperate che chiaramente confermavano lo scopo del clistere, infatti, quando dopo che la nipotina andò a scaricarsi il pancino in bagno, Carmela le aprì le natiche invitandomi ad incularla subito e potei constatare che il cazzo quella volta entrò scorrendo meglio della prima volta e Pamela si lamentò ugualmente ma non disperatamente come al suo perderne la verginità. La inculai aumentando il ritmo sempre di più e per eccitarla ancora maggiormente mi feci passare da Carmela il fallo di gomma e lo infilai tutti nella fighina e lì Pamela urlò di piacere dicendomi pure che ero un gran porco ma la stavo facendo godere pazzamente. Quale soddisfazione grande così avevo avuto prima di quel momento in vita mia? Mai! Quel momento finì negli archivi della memoria della mia giovinezza! Dopo che le scaricai tanta sborra che se ne usciva ancora tanta altra, allora Carmela passò a leccare il culetto a Pamela e poi le passò la mia sborra dalla sua bocca a quella di Pamela che leccò anche lei con molto piacere ed io, una volta uscito il cazzo dal culetto, mi piegai per andare a leccare la figa prima all'una e poi all'altra, e lor se la goderono ansimando rumorosamente, poi Pamela venne a farmi un bocchino e quando sborrai lo trattenne in bocca poi però lo sputò al culo a me e se non stavo accorto, quasi ci rimettevo la mia verginità anale perchè lei aveva preso in mano il cazzo di gomma e me lo stava per infilare in culo ma io prontamente mi girai di scatto ed iniziai una sculacciata sonora a lei che subito pianse dal dolore che le facevo provare e Carmela invece andò a leccarle la figa per alleviare la sofferenza. Smisi di sculacciare Pamela e, rivoltomi a Carmela, le dissi che anche il suo bellissimo gran culo andava sculacciato ma lei saltò giù dal letto e cercò di scappare via ma fu Pamela ad afferrarla per un braccio e la riportò sul letto dove io la misi sdraiata sulle mie cosce stando seduto alla sponda ed iniziai a sculacciarla facendola gridare e mi fermai solo dopo la cinquantesima pacca sulle natiche orai rosso violaceo. Pamela gridò che così era giustizia: una sculacciata per una! Feci girare Carmela e le spalancai le cosce e, senza inumidire minimamente la figa, la scopai di brutto fino a farla venire godendo da pazzi ed io subito dop ome ne venni sborrando all'infinito. Scopai poi Pamela e poi di nuovo Carmela e, visto che ormai era mezzanotte, per non fare preoccupare i nonni, dissi loro che dovevo rientrare dai miei e, baciandole me ne andai via.

Questo racconto di è stato letto 6 0 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.