Stanca

Scritto da , il 2022-07-05, genere sentimentali

Caldo, forte e appiccicoso che ti opprime come il maglio che si abbatte violento sul metallo da forgiare.

Ma qui non c'è metallo, ma molle carne stanca e affranta da ore di lavoro e che stancamente torna verso la casa dove troverà ristoro nel riposo e nel refrigerio.

Casa che nonostante tutti gli accorgimenti messi in atto per impedirlo è un forno, il cui effetto è quello di sfiancarti, sfinirti nell'animo e nella carne.

Doccia, ambita e fresca che ritempra, breve perché l'acqua non si può sprecare, l'acqua è vita e te ne accorgi quando ti immergi in questo balsamo liquido e ti sferza e ritempra.

Bisogno di una vita più leggera, speranza di un mondo migliore che svanisce all'alba, quando tutto ricomincia tra sudore e apatia per un mondo che non ci appartiene più.

Questo racconto di è stato letto 7 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.